Cydia, stop agli acquisti nello store: un altro passo verso la morte del jailbreak di iPhone

Cydia, stop agli acquisti nello store: un altro passo verso la morte del jailbreak di iPhone

Il jailbreak di iPhone riceve una nuova bastonata da parte del fondatore di Cydia. Lo store, infatti, non dà più agli utenti la possibilità di effettuare acquisti

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Apple
AppleiPhone
 

La fine del jailbreak degli iPhone, quella definitiva e senza punto di ritorno, potrebbe essere vicina. Nei primi anni di commercializzazione, quando ancora erano presenti diverse limitazioni pesanti, Cydia rappresentava come la nemesi dell'App Store ufficiale. Non proponeva tutte le app, ma solo modifiche bandite da Apple che consentivano di sbloccare funzionalità ristrette sui melafonini. Ad esempio la possibilità di condividere file con il Bluetooth, eseguire modifiche profonde alla Home, consentire alle app di rimanere attive anche in background, e simili.

A distanza di diversi anni dal lancio, e dopo un periodo di calma piatta, il fondatore Jay "Saurik" Freeman ha deciso di sospendere gli acquisti in-app su Cydia, e a scatenare la reazione dell'informatico è stato un bug collegato al token digitale per l'autorizzazione dei pagamenti su PayPal che ha coinvolto "pochissimi utenti". Freeman cercava da diverso tempo un motivo per chiudere definitivamente lo store digitale, soprattutto in considerazione del fatto che la community alla base del jailbreak andava sempre più assottigliandosi, e i vantaggi della procedura di sblocco sugli iPhone diventavano sempre meno evidenti.

"La verità è che volevo chiudere Cydia Store interamente prima della fine dell'anno, e ho subito considerato di accelerare il processo non appena ho ricevuto il report", ha scritto Freeman su Reddit. "Il servizio ha costi di gestione e non è qualcosa di cui nutro una passione tale da spingermi a mantenerlo attivo: è stata la componente critica di un ecosistema solido e in salute, e per qualche tempo mi ha concesso di pagare un piccolo staff per il suo mantenimento. Ma questo al costo della mia sanità mentale e ha portato molta gente a provare un odio irrazionale nei miei confronti, spinto da un fraintendimento volontario sul significato di profitto e fatturato".

Sul piano economico Freeman non avrà vantaggi dalla chiusura degli acquisti su Cydia Store, visto che continuerà a pagare i servizi di hosting per le repository che rimarranno attive. Il suo "nuovo lavoro" dovrebbe consentirgli di continuare il pagamento dei servizi necessari per il mantenimento dello Store, ma il sistema di acquisto viene disabilitato in maniera permanente. Sembra come la mossa finale prima della chiusura definitiva dello Store, che comunque potrebbe non essere così imminente. Freeman ha infatti spiegato che in un post futuro più "formale" spiegherà meglio il problema con PayPal evidenziando i programmi che ha per il futuro prossimo di Cydia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zbear18 Dicembre 2018, 22:38 #1

Normale ...

Gli smartphone sono sempe di più un prodotto per utonti, campo in cui iphone eccelle sicuramente.
emanuele8319 Dicembre 2018, 07:22 #2
Il JB è finito quando sono nati milioni di siti cinesi che proponevano un JB farlocco (a che pro poi) che alla fine briccava l'iphone.
E rimango dell'idea che il JB è nato perchè applo lo ha concesso e apple stessa, dopo la morte di jobs, ha deciso di combatterlo seriamente. vedasi la chiusura di installous di cui non abbiamo mai saputo il motivo.
Wonder19 Dicembre 2018, 09:35 #3
Qualche dato di confronto su quanti utilizzano cydia rispetto al parco circolante?
aqua8419 Dicembre 2018, 09:59 #4
se pensiamo che sui primi iPhone non si poteva nemmeno cambiare l'immagine di sfondo... il JailBreak era qualcosa di incredibile, e ti permetteva di fare molte cose come se avessi un cellulare "normale"

ma negli ultimi anni gli iPhone si sono finalmente avvicinati (avvicinati eh, non raggiunti o superati) alle personalizzazioni delle altre marche.

quindi a parte poter scaricare gratuitamente App che invece avrei dovuto pagare, già da tempo il JailBreak era sconveniente, in quanto non potevi aggiornare alla nuova versione fino a che non si era trovato un nuovo modo per sbloccarla, ecc...
Ezechiele25,1720 Dicembre 2018, 10:38 #5
Ahah ma esiste ancora? Ricordo ai tempi con il 3GS

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^