Condizioni disastrose per dipendenti Pegatron, partner di Apple

Condizioni disastrose per dipendenti Pegatron, partner di Apple

Il Wall Street Journal ha segnalato le condizioni lavorative pessime nelle quali versano anche i dipendenti di Pegatron, altro partner di Apple per la produzione dei vari dispositivi

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Apple
ApplePegatron
 

Assieme a Foxconn, Pegatron è uno dei più grandi partner della società di Cupertino. Sembra che le due aziende cinesi abbiano altre caratteristiche in comune, ovvero le pessime condizioni lavorative di operai e dipendenti costretti a turni disumani e paghe pessime. La notizia, partita dall'organizzazione sui diritti dei lavoratori China Labor Watch, è del Wall Street Journal.

Sul giornale online si legge che Pegatron trattiene i documenti identificativi dei lavoratori, in modo che questi non possano cercare lavoro altrove dal momento che non possono essere identificati in alcun modo. Per entrare nelle varie strutture, i dipendenti possono attendere anche oltre 30 minuti. Sono state notate anche docce fredde e dormitori angusti.

Apple condizione lavoratori Pegatron in Cina

I dipendenti Pegatron superano abbondantemente le 60 ore a settimana previste dai regolamenti Apple, situazione da vagliare attentamente dal momento che la stessa società di Cupertino aveva segnalato come 46 le ore medie settimanali alle quali i propri dipendenti indiretti in Cina erano sottoposti. Ai lavoratori inoltre vengono offerti indumenti che non riescono a proteggere efficacemente dai materiali utilizzati nella produzione dei vari dispositivi.

Per quanto riguarda il fattore relativo alla retribuzione, il rapporto di China Labor Watch sostiene di aver scoperto che ad alcuni lavoratori sono state trattenute parti delle rispettive paghe per via di clausole nascoste nei rapporti fra Pegatron e le agenzie di reclutamento di cui dispone. Queste ultime possono anche sanzionare i dipendenti se questi non osservano alcune regole.

Non è tardata ad arrivare una risposta ufficiale da parte di Apple. La società è "impegnata a fornire condizioni di lavoro sicure e corrette in tutta la catena di fornitura". Dal 2007 ad oggi sono state effettuate 15 verifiche complete all'interno delle strutture di Pegatron, fra cui alcune avvenute "a sorpresa" negli ultimi 18 mesi.

Apple era già a conoscenza di alcuni elementi riportati dai nuovi report e aveva già chiesto a Pegatron di porre fine ai fenomeni illeciti. La società di Cupertino ha già assicurato che investigherà riguardo ai reclami posti da China Labor Watch, adottando anche misure estreme laddove necessario.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia30 Luglio 2013, 08:35 #1
è affascinante vedere che tocchi a Apple verificare come stanno i dipendenti dei suoi fornitori..

mi domando se anche Fiat o altre ditte europee vanno a vedere come stanno i dipendenti dei propri fornitori..

ho il vago sospetto che non avvenga ....
Bisont30 Luglio 2013, 08:53 #2
ciao, non entro nei dettagli ma ti assicuro che ci sono grandi gruppi italiani che fanno questo tipo di controlli e di regolarità sui fornitori e sui fornitori dei fornitori, non solo per tutelare il proprio prodotto ma anche per evitare spiacevoli figure mediatiche e relative cause legali
gd350turbo30 Luglio 2013, 08:54 #3
Apple era già a conoscenza di alcuni elementi riportati dai nuovi report e aveva già chiesto a Pegatron di porre fine ai fenomeni illeciti.


Questa è bellissima !
Va messa in cornice !!!

Dai pegatron fai lavorare bene la gente...
Ah si se vuoi gli posso aumentare lo stipendio, diminuire le ore di lavoro, fornire condizioni di vita decenti, ma poi il tuo guadagno diminuirà...
Ah, va bè fa lo stesso...
ahahahhaah...
Dumah Brazorf30 Luglio 2013, 08:58 #4
Nessun problema. Se vendono l'iphone a 700 euro vuoi che non lo vendano a 750? Basta mettersi daccordo con Samsung che alzerà anch'essa il prezzo dell's4.
Paganetor30 Luglio 2013, 09:01 #5
Non vorrei fare di tutta l'erba un fascio, ma quando produci lotti enormi e ti affidi ad aziende cinesi c'è poco da meravigliarsi nello scoprire che il lavoro si svolge in questo modo...
gd350turbo30 Luglio 2013, 09:02 #6
Originariamente inviato da: Paganetor
Non vorrei fare di tutta l'erba un fascio, ma quando produci lotti enormi e ti affidi ad aziende cinesi c'è poco da meravigliarsi nello scoprire che il lavoro si svolge in questo modo...


Ovvio...
Where is the news ?
Paganetor30 Luglio 2013, 09:04 #7
Dumah Brazorf, il problema c'è eccome: anche pochi centesimi di differenza, moltiplicati per milioni di dispositivi venduti, fanno soldi a palate. E non è il momento per Apple (né per Samsung) di alzare i prezzi...
supermario30 Luglio 2013, 09:10 #8
work hungry, work foolish!
Eress30 Luglio 2013, 09:43 #9
Credo che le condizioni più o meno disastrose dei dipendenti di pentagron, foxconn&C siano più un problema del governo cinese che di Apple.
adapting30 Luglio 2013, 10:19 #10
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/apple/...pple_47969.html

Il Wall Street Journal ha segnalato le condizioni lavorative pessime nelle quali versano anche i dipendenti di Pegatron, altro partner di Apple per la produzione dei vari dispositivi

Click sul link per visualizzare la notizia.


Pegatron lavora per HP, Asus, Apple e una miriade di altre aziende clienti.
Grazie al fatto che i suoi lavoratori lavorano anche per alcuni prodotti Apple (iPad mini e MacbookAir), ecco che esce lo scandalo. Cinicamente, faccio notare che se facevano i soliti portatili Asus non gliene poteva fregare niente a nessuno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^