Apple vuole diventare completamente a impatto zero entro il 2030

Apple vuole diventare completamente a impatto zero entro il 2030

Apple ha annunciato il suo piano per neutralizzare la sua impronta di carbonio a ogni livello dell’azienda, della filiera e del ciclo di vita dei suoi prodotti entro il 2030. Un piano che sarà attuato grazie ai partner, a nuove tecnologie e a iniziative collaterali.

di pubblicata il , alle 13:31 nel canale Apple
Apple
 

Apple vuole diventare totalmente "carbon neutral" entro il 2030. La casa di Cupertino punta quindi a non avere alcun impatto, portando a zero la sua impronta di carbonio. L'impegno di Apple riguarda l'intero business, la filiera dei produttori e il ciclo di vita dei prodotti. "Siamo già carbon neutral per le operazioni aziendali (uffici, ndr) nel mondo, e questo nuovo impegno significa che entro il 2030 ogni dispositivo Apple venduto avrà un impatto zero sul clima".

La casa di Cupertino ha esposto in dettaglio i suoi piani per ridurre le emissioni del 75% entro il 2030, sviluppando allo stesso tempo soluzioni innovative per la rimozione del carbonio per il restante 25% della sua impronta globale nel suo 2020 Environmental Progress Report.

L'anno scorso Apple ha ridotto le sue emissioni di diossido di carbonio di 4,3 milioni di tonnellate, un valore che rappresenta un calo del 35% sul picco che l'azienda ha toccato nel 2015. La contrazione si è verificata nonostante Apple abbia venduto più prodotti. I progressi non nascondono però il problema dell'immissione di diossido di carbonio in atmosfera, che per quanto riguarda Apple ha toccato 25,1 milioni di tonnellate, equivalenti a sei centrali a carbone in funzione per un anno.

Apple è stata in grado di ridurre il suo impatto usando materiali riciclati e migliorando l'efficienza energetica dei suoi prodotti, ora in grado di consumare in media il 73% in meno rispetto a 11 anni fa. Apple afferma che le sue operazioni, comprese le emissioni delle sue strutture e i viaggi d'affari, sono diventate carbon neutral nell'aprile di quest'anno. Nel 2018, la società ha annunciato che avrebbe acquistato abbastanza energia rinnovabile per alimentare le sue operazioni globali.

Per Apple l'obiettivo più difficile sarà ridurre le emissioni per la produzione dei suoi prodotti, che rappresentano il 76% della sua impronta di carbonio nel 2019. Per affrontare questa sfida, l'azienda sta cercando di lavorare con fornitori che usano energia rinnovabile. L'azienda afferma che oltre 70 fornitori si sono impegnati a utilizzare solo energia rinnovabile per la realizzazione di prodotti Apple, e questo secondo le stime dell'azienda ridurrà le emissioni di anidride carbonica come se ogni anno venissero rimosse 3 milioni di automobili dalla strada.

Apple punta anche sulla capacità di assorbire l'anidride carbonica che rilascia nell'atmosfera. Anziché investire in tecnologie emergenti come alcuni dei suoi rivali, si è impegnato a lavorare con gruppi ambientalisti come Conservation International per proteggere e ripristinare foreste e mangrovie che assorbono e immagazzinano l'anidride carbonica in modo naturale.

L'impegno di Apple segue gli obiettivi climatici stabiliti da Microsoft e Amazon. Microsoft è diventata carbon neutral nel 2012 e ha dichiarato a gennaio che entro il 2030 sarebbe diventata carbon negative - rimuovendo dall'atmosfera più gas serra di quanto ne emetta; si è anche impegnata a investire 1 miliardo di dollari in tecnologie che la aiuteranno a rimuovere tutta l'anidride carbonica prodotta da quando la società è stata fondata, nel 1975.

Lo scorso anno Amazon ha dichiarato che punta a diventare carbon neutral entro il 2040. A giugno, ha annunciato un nuovo fondo da 2 miliardi di dollari per accelerare lo sviluppo di tecnologie che aiuteranno le aziende a ridurre le emissioni di carbonio. Nonostante i suoi impegni sul clima, nel 2019 l'azienda guidata da Bezos ha immesso il 15% in più di anidride carbonica rispetto all'anno precedente a causa dell'aumento delle vendite.

"Le imprese hanno una grande opportunità di contribuire alla costruzione di un futuro più sostenibile facendo leva sulla nostra comune preoccupazione per il pianeta su cui viviamo" ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple. "Le innovazioni alla base del nostro percorso ambientale non fanno solo bene al pianeta: ci hanno permesso di creare prodotti più efficienti sul piano dei consumi e di rendere disponibili nuove fonti di energia pulita nel mondo. La lotta contro i mutamenti climatici può gettare le basi di una nuova era all'insegna dell'innovazione, delle opportunità di lavoro e di una crescita economica duratura. Impegnandoci a diventare un'azienda a impatto zero, contiamo di dare un segnale capace di un cambiamento su larga scala".

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sbeng22 Luglio 2020, 15:07 #1
Ok però deve diventare un'occasione per diminuire i costi e i prezzi al consumatore finale, altrimenti diventa un'altra forma di business (vedi i sacchetti riciclati obbligatori al supermercato) in nome dell'ecologia.
cronos199022 Luglio 2020, 15:12 #2
Originariamente inviato da: sbeng
Ok però deve diventare un'occasione per diminuire i costi e i prezzi al consumatore finale, altrimenti diventa un'altra forma di business (vedi i sacchetti riciclati obbligatori al supermercato) in nome dell'ecologia.
OK, fammi sapere di quali sostanze ti fai giornalmente per sperare in un'utopia come questa

Trovami una forma di business dove l'ecologia, o qualsivoglia altro metro etico, non sia usato a solo scopo di generare ulteriori profitti, e ti pago una cena in un ristorante 3 stelle Michelin di tua scelta
the_joe22 Luglio 2020, 16:00 #3
Originariamente inviato da: sbeng
Ok però deve diventare un'occasione per diminuire i costi e i prezzi al consumatore finale, altrimenti diventa un'altra forma di business (vedi i sacchetti riciclati obbligatori al supermercato) in nome dell'ecologia.


Perchè?

Da quando la sostenibilità ambientale non deve essere un costo, se ci sforziamo un po' di più tutti, forse riusciamo a far sopravvivere le prossime generazioni.
R@nda22 Luglio 2020, 16:05 #4
Nel senso che a loro impatta zero nei costi e a noi almeno il 10% in più sul prezzo finale in ogni caso.
Ma mi pare talmente ovvio.
omerook22 Luglio 2020, 16:11 #5
Potrebbe decuplicare i prezzi dei suoi prodotti e dimezzare la produzione. Aumenterebbe i guadagni in nome della tutela ambientale.
the_joe22 Luglio 2020, 16:18 #6
Originariamente inviato da: omerook
Potrebbe decuplicare i prezzi dei suoi prodotti e dimezzare la produzione. Aumenterebbe i guadagni in nome della tutela ambientale.


Il consumatore ha un potere incredibile, basta che smetta di acquistare e tutti i discorsi delle multinazionali brutte e cattive cadrebbero come per marcie, se si continua a comprare o si è masochisti o va bene così.
recoil22 Luglio 2020, 17:05 #7
manca però il fine vita dei prodotti, dove fanno qualcosina ma non abbastanza
se al posto di darti due spicci per un vecchio iPhone facessero una sorta di supervalutazione dell'usato uno sarebbe invogliato a riportare anche modelli stra vecchi che sono poco appetibili sul mercato
stessa cosa per le AirPods e altri prodotti con batteria che dopo tot anni diventano inutilizzabili e che uno finisce per buttare...

se dicono di essere green devono promuovere il riciclo seriamente
bonzoxxx22 Luglio 2020, 17:13 #8
Originariamente inviato da: recoil
manca però il fine vita dei prodotti, dove fanno qualcosina ma non abbastanza
se al posto di darti due spicci per un vecchio iPhone facessero una sorta di supervalutazione dell'usato uno sarebbe invogliato a riportare anche modelli stra vecchi che sono poco appetibili sul mercato
stessa cosa per le AirPods e altri prodotti con batteria che dopo tot anni diventano inutilizzabili e che uno finisce per buttare...

se dicono di essere green devono promuovere il riciclo seriamente


Si tratta solo di marketing, altrimenti perché fare un oggetto, le airpods, la cui batteria dura intorno ai 18 mesi più o meno e che non sono riciclabili?
Oppure fare dei notebook con componenti saldati, non aggiornabili, incollati nei quali se si rompe qualcosa devi cambiarli in toto?

Quanto sopra vale per tutti i produttori non per Apple in particolare.

Credo sia più "green" estendere la vita di un prodotto invece che promuovere il cambio in toto in caso di danneggiamento, imho

Originariamente inviato da: the_joe
Il consumatore ha un potere incredibile, basta che smetta di acquistare e tutti i discorsi delle multinazionali brutte e cattive cadrebbero come per marcie, se si continua a comprare o si è masochisti o va bene così.


Il problema è farlo capire ai consumatori..
the_joe22 Luglio 2020, 17:27 #9
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Il problema è farlo capire ai consumatori..


Il problema è proprio la società consumistica, se smettiamo di comprare e consumare tutto e soprattutto il superfluo, crollerebbe tutto il sistema economico.
recoil22 Luglio 2020, 17:49 #10
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Credo sia più "green" estendere la vita di un prodotto invece che promuovere il cambio in toto in caso di danneggiamento, imho


sì però prendi un prodotto come le AirPods, difficile farle con batteria sostituibile dall'utente, semplicemente verrebbe fuori un altro prodotto più ingombrante e meno appetibile
è un peccato perché dopo 2-3 anni la batteria è esausta e non te ne fai più niente, se si potessero portare in negozio e avere in cambio lo stesso modello o uno più recente rigenerato con batterie nuove sarebbe ottimo e lo stesso paio di AirPods ripulito e con batterie nuove durerebbe per almeno il doppio del tempo

il discorso Mac è diverso, lì non hanno scuse perché un minimo di spessore e peso in più a fronte di RAM e SSD aggiornabili avrebbero potuto fare la differenza e il prodotto sarebbe rimasto sostanzialmente lo stesso, è proprio una politica commerciale anche perché in quel caso la batteria te la cambiano quindi lo ricompri quando vuoi componenti aggiornati non quando si è esaurita la batteria

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^