Apple trascinata in tribunale a Milano: la battaglia è sul marchio iWatch

Apple trascinata in tribunale a Milano: la battaglia è sul marchio iWatch

Il marchio iWatch, di proprietà di una società irlandese, non è mai stato usato ufficialmente dalla Mela. Le ricerche di Google effettuate con la parola chiave iwatch rimandano però al sito ufficiale di Apple...

di pubblicata il , alle 15:04 nel canale Apple
Apple
 

La software company irlandese Probendi ha depositato una azione legale presso il tribunale di Milano accusando Apple della violazione del marchio iWatch. Certo, iWatch non è un prodotto di Apple né la Mela lo ha mai usato direttamente e proattivamente per descrivere o appellare uno dei suoi prodotti, quindi dove si colloca la violazione?

Probendi è effettivamente proprietaria del marchio iWatch e ne detiene i diritti d'uso nell'Unione Europea sin dal 2008. La società osserva come Apple abbia sfruttato i meccanismi di Google per cercare di portare verso i propri siti web gli utenti che ricercano la parola iWatch. Apple, in altri termini, ha acquistato da Google la keyword iWatch in maniera tale che la pagina di ricerca risultante contenesse link collegati alla pagina ufficiale di Apple Watch.

iWatch comunque non è nemmeno un prodotto di Probendi sebbene il cofondatore della società, Daniele DiSalvo, ha ammesso che la compagnia sta attualmente lavorando allo sviluppo di uno smartwatch con quel nome e basato su piattaforma Android. Il progetto sarebbe attualmente in stato di "stand-by". Giacomo Bonelli, legale per Probendi, ha dichiarato: "Apple non ha mai risposto alle nostre domande e obiezioni, mentre Google afferma che non è responsabile per i link".

Nel passato numerose altre compagnie hanno intentato azioni legali contro Google o i suoi inserzionisti su problemi di marchio, spesso arrivando ad un nulla di fatto.

Probendi ha commissionato una valutazione indipendente del marchio iWatch, il quale è stato valutato 87 milioni di euro. A titolo di confronto, nel 2012 Apple aveva patteggiato per 60 milioni di dollari con una società Cinese per i diritti d'uso del nome iPad. La prima udienza per il caso iWatch è programmata per il prossimo 11 novembre.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7715 Luglio 2015, 15:22 #1
PATENT TROLL DEL C@ZZO.
..e mi tocca pure prendere le parti della mela.
gd350turbo15 Luglio 2015, 15:29 #2
Bè però non trovi bizzarro che la regina del patent trolling sia stata denunciata per questo ?
Goofy Goober15 Luglio 2015, 15:30 #3
patteggiano anche questa e magari si comprano anche il diritto di usare iWatch dalla prossima release dell'orologio.

o volete dirmi che non hanno i "fondi" per farlo?
gd350turbo15 Luglio 2015, 15:35 #4
Secondo me domattina leggiamo che la "Probendi" è stata acquistata dall'apple !
demon7715 Luglio 2015, 15:38 #5
Originariamente inviato da: gd350turbo
Bè però non trovi bizzarro che la regina del patent trolling sia stata denunciata per questo ?


Si hai ragione, Apple non è che sia proprio santa.. ma questi sono proprio i classici infami.
Sono quelli che corrono a registrare il marchio e sapettano solo di fare causa.. Col caxxo che fanno smartwatch, questi sono tre pezzenti in un ufficetto.
DukeIT15 Luglio 2015, 15:38 #6
L'impressione è che lo scopo principale fosse quello di vendere il marchio alla mela, vista la malparata (Apple ha utilizzato un altro nome), stanno provando l'ultima chance.
PeK15 Luglio 2015, 15:59 #7
il sito sembra fatto con l'autocomposizione nel '98 o '99
Goofy Goober15 Luglio 2015, 16:04 #8
Originariamente inviato da: demon77
Col caxxo che fanno smartwatch, questi sono tre pezzenti in un ufficetto.


Il problema non sono loro, ma il mondo contemporaneo, che permette a certe "specializzazioni" di esistere.
Bivvoz15 Luglio 2015, 16:27 #9
Solo a me girano le scatole perchè una società "Irlandese" che così a naso di irlandese ha solo la sede legale per pagare meno tasse si sia rivolta alla giustizia italiana?

Ma se le tasse le paghi in Irlanda perchè le spese legali devono essere a carico dello stato italiano? Vai a fare causa in un tribunale irlandese!
Epoc_MDM15 Luglio 2015, 16:45 #10
adesso registro iSh!t (sostituire ! con i ) e invento un wearable che "vibrando" ti avverte ogni volta che devi correre in bagno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^