Apple Silicon, arriva il supporto nativo su Microsoft Office e Firefox: boost prestazionale enorme

Apple Silicon, arriva il supporto nativo su Microsoft Office e Firefox: boost prestazionale enorme

Gli sviluppatori stanno rispondendo alla chiamata di Apple, e Microsoft e Mozilla (fra i tanti) hanno appena rilasciato le nuove versioni di Office e Firefox con supporto nativo ad Apple M1

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Apple
AppleMacBookmacOSMicrosoftMozillaFirefoxOfficeWordExcelPowerPointOutlook
 

La rivoluzione Apple Silicon è stata lanciata con i primi prodotti immessi sul mercato, ma adesso sono gli sviluppatori software che devono rispondere e pare che lo stiano facendo in massa. Microsoft ha appena annunciato l'arrivo per tutti della suite Office nativa per architettura ARM sui sistemi Mac, e anche Mozilla ha aggiornato Firefox per funzionare senza necessità di traduzione del codice sui nuovi sistemi della Mela con Apple M1. E i vantaggi sono sensibili.

Office nativo sui sistemi Apple Silicon

Fino ad oggi gli utenti dei nuovi sistemi Mac con SoC Apple M1 hanno dovuto utilizzare il layer Rosetta 2 per tradurre il codice di Office e renderlo eseguibile anche mediante l'architettura ARM del processore integrato. Microsoft ha però annunciato un aggiornamento che porta il supporto nativo per il nuovo chip con microarchitettura custom Apple a quasi tutta la suite di Office: le app aggiornate sono Word, Excel, Outlook, PowerPoint e OneNote. Spicca l'assenza di Microsoft Teams.

Gli aggiornamenti delle app rendono le stesse "universali", quindi scaricando il pacchetto l'esecuzione è garantita sia sui processori Apple Silicon sia sugli Intel. Il vantaggio per gli utenti è che gli aggiornamenti con feature e miglioramenti generali verranno rilasciati contestualmente su entrambe le piattaforme. E Microsoft Teams? Arriverà anch'esso come applicazione universale e supporto nativo per Apple M1, tuttavia l'azienda non ha ancora annunciato le tempistiche di rilascio.

Dall'altra parte la concorrenza offre Slack, già disponibile sotto forma di beta con supporto nativo alla nuova piattaforma hardware Apple, tuttavia le aziende che fanno affidamento su Microsoft Teams devono accontentarsi (non sappiamo ancora per quanto tempo) della versione tradotta con Rosetta 2.

L'aggiornamento dovrebbe avvenire automaticamente su tutti i sistemi idonei, ma può anche essere forzato attraverso Mac App Store (o il tool di aggiornamento Microsoft, se il software non è stato installato tramite lo store nativo di Big Sur) per chi ha già la suite Office installata sul proprio sistema. Gli utenti Outlook non solo ottengono il supporto nativo ad Apple Silicon, ma anche il supporto agli account iCloud con possibilità di sincronizzare con l'app e-mail, contatti e calendari.

Arriva Firefox nativo sui sistemi Apple M1

In queste ore anche Mozilla ha rilasciato il proprio Firefox in versione nativa per i sistemi Apple M1 e Apple Silicon, che viene definito come portatore di un "boost prestazionale enorme" rispetto alla versione precedente non ottimizzata. I tempi di avvio migliorano di 2,5 volte e le web-app sono almeno il doppio più reattive, stando ai proclami del team di sviluppo. Per ottenere i diversi benefici dell'aggiornamento 84 è necessario forzare la chiusura del browser e rieseguirlo dopo aver installato l'ultima versione.

Mozilla non promette solo prestazioni enormemente migliorate, ma anche e soprattutto una maggiore efficienza energetica che dovrebbe produrre una durata della batteria superiore con l'uso del software. E' da notare che Firefox 84 è anche l'ultima versione con supporto ad Adobe Flash.

Office e Firefox sono solo alcune delle app già ottimizzate per funzionare nativamente su Apple Silicon. Fra le tante citiamo Pixelmator Pro, Adobe Lightroom, Affinity Designer, Darkroom, Fantastical, OmniFocus, BBEdit, Instapaper e Twitter. Il supporto nativo ad Apple Silicon, secondo Apple, apre la strada per "velocità e capacità rivoluzionarie" rispetto al passato con CPU Intel. Apple M1 si trova oggi sui nuovi MacBook Pro 13" e MacBook Air, insieme al nuovo Mac mini.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pengfei16 Dicembre 2020, 11:45 #1
Boh avevo provato a fare un benchmark delle versioni x64 e della nightly nativa ARM di firefox e non cambiava quasi nulla, i tempi di avvio erano abbastanza trascurabili in entrambi i casi forse dipende da cosa si fa
io78bis16 Dicembre 2020, 13:48 #2
A dimostrazione di quanto MS credesse in ARM. Per Qualcomm non ha fatto nulla
LMCH16 Dicembre 2020, 15:10 #3
Originariamente inviato da: io78bis
A dimostrazione di quanto MS credesse in ARM. Per Qualcomm non ha fatto nulla


Potrebbe esserci anche un altro motivo.

Se non sbaglio i core Qualcomm al momento supportano al massimo ARMv8.2-A (ed il grosso del codice compilato per Windows mi sa che genera istruzioni ARMv8-A).
Invece Apple M1 implementa ARMv8.6-A che include un sacco di funzionalità utili a migliorare le prestazioni anche dei web browser.

In particolare a partire da ARMv8.3-A è stata introdotta l'istruzione FJCVTZS ovvero "Floating-point Javascript Convert to Signed fixed-point, rounding toward Zero", questa singola istruzione da sola accelera in maniera rilevante l'esecuzione di codice javascript.

La cosa interessante è che in troppi pensano che gli ARM siano dei RISC, mentre invece sarebbero da definire FFISC (Fast & Furious Instruction Set Computer) nel senso che i progettisti di volta in volta valutano cosa potrebbe tornare davvero utile per migliorare le prestazioni e se non ha ripercussioni negative lo aggiungono (e possono permetterselo, se non sbaglio, Aarch64 ha ancora un 50% di istruzioni ampie 32bit "libere per ulteriori estensioni".

In questo caso poi, decidere di aggiungere questa istruzione (che viene utilizzata principalmente dai compilatori JIT per Javascript), deve essere sembrato quasi banale, su una cpu "precedente ad ARMv8.3-A" semplicemente il compilatore JIT genererà codice meno efficiente.
pabloski16 Dicembre 2020, 16:16 #4
Originariamente inviato da: LMCH
La cosa interessante è che in troppi pensano che gli ARM siano dei RISC


E fu la domanda che feci al professore di calcolatori elettronici, quando lessi che tutte le istruzioni di data processing di ARM hanno varianti con lo shift incorporato. E non parliamo dell'esecuzione condizionale di queste istruzioni, cioè con controllo di una condizione incorporato.

Decisamente poco RISC a mio avviso!!
cdimauro17 Dicembre 2020, 06:58 #5
Infatti NON sono RISC. Vengono spacciati come tali, perché la propaganda ha insegnato che "RISC è bello, CISC è brutto".

Quando saranno 30 anni che non si vedono RISC che ne rispecchino tutte le fondamenta. Sono tutti CISC camuffati, ma si vergognano a dirlo...
Originariamente inviato da: LMCH
La cosa interessante è che in troppi pensano che gli ARM siano dei RISC,

E pensano molto male, perché evidentemente non hanno ben chiare le fondamenta / pilastri di questa macro-famiglia di architetture.
mentre invece sarebbero da definire FFISC (Fast & Furious Instruction Set Computer) nel senso che i progettisti di volta in volta valutano cosa potrebbe tornare davvero utile per migliorare le prestazioni e se non ha ripercussioni negative lo aggiungono (e possono permetterselo, se non sbaglio, Aarch64 ha ancora un 50% di istruzioni ampie 32bit "libere per ulteriori estensioni".

Avrebbero dovuto seriamente pensare di usare tutto questo spazio degli opcode per una versione compressa dell'ISA, tipo Thumb. Questa è una grossa pecca di ARMv8.
In questo caso poi, decidere di aggiungere questa istruzione (che viene utilizzata principalmente dai compilatori JIT per Javascript), deve essere sembrato quasi banale, su una cpu "precedente ad ARMv8.3-A" semplicemente il compilatore JIT genererà codice meno efficiente.

E' normale amministrazione: anche Intel da tantissimo tempo aggiunge istruzioni per accelerare determinati ambiti applicativi.

Ad esempio sai perché non vedo l'ora che arrivino finalmente le AVX-512 su desktop? Per queste: VPTERNLOGD/VPTERNLOGQ — Bitwise Ternary Logic
Che per emulatori (Blitter dell'Amiga? :sbav et similia è una manna dal cielo.
dontbeevil17 Dicembre 2020, 10:10 #6
Originariamente inviato da: io78bis
A dimostrazione di quanto MS credesse in ARM. Per Qualcomm non ha fatto nulla


Office per Windows gia' e' nativo ARM da un po'

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^