Apple si prepara al lancio della sua prima app per Android

Apple si prepara al lancio della sua prima app per Android

Emergono voci di un nuovo presunto servizio di streaming musicale multi-piattaforma di Apple. Ci prepariamo al primo tentativo di approdare sul Google Play Store?

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale Apple
AppleAndroid
 

Secondo Mark Gurman di 9To5Mac, Apple è al lavoro su un servizio multi-piattaforma simile a Spotify che potrebbe nascere dalla base di Beats Music, società acquisita lo scorso maggio proprio dal colosso di Cupertino. Non sarebbe la prima applicazione Apple multi-piattaforma (abbiamo visto Safari in passato, o iTunes anche su Windows), ma potrebbe essere il primo tentativo di approdo sul Google Play Store di Android.

Jimmy Iovine, Tim Cook, Dr. Dre ed Eddy Cue
Jimmy Iovine, Tim Cook, Dr. Dre ed Eddy Cue

Servizi come Spotify, Rdio, Deezer, sono riusciti a rosicchiare parte del mercato della vendita di musica digitale a colossi come iTunes, della stessa Apple, proponendo una strategia di mercato notevolmente più aggressiva e un'esperienza d'uso del tutto rinnovata. Sulla base di un abbonamento mensile dal costo più che accessibile, infatti, questi servizi propongono l'accesso ad un intero database composto da milioni di brani di artisti differenti, accessibili anche in streaming via internet.

Apple potrebbe entrare meno timidamente (già dispone di iTunes Radio in alcuni mercati) nel mercato dello streaming musicale sfruttando come base il servizio Beats Music, acquisito di recente, all'interno di un'applicazione multi-piattaforma progettata e sviluppata internamente. Secondo le voci, il gigante di Cupertino tenterà di aggredire un mercato già consolidato con un prezzo più basso rispetto alla concorrenza, pari a circa 7,99 dollari mensili. L'applicazione sarà marchiata Apple e sarà disponibile anche su Android, una prima assoluta in quel di Cupertino.

Si tratta di un notevole cambio di strategia rispetto al passato. Steve Jobs, prima di Tim Cook, era stato attratto dall'enorme base d'utenza della piattaforma mobile concorrente, ma non aveva mai ceduto alla tentazione di offrire il suo iTunes agli utenti Google. In più, Apple ha provveduto ad eliminare tutte le applicazioni su Google Play Store relative alle startup acquisite, ma questo secondo Gurman potrebbe cambiare ben presto. Del resto il successo di un'app simile non può essere vincolato ad un'unica piattaforma, e basarsi su un'utenza il più ampia possibile aiuta a ridurre i prezzi finali per l'utente.

Lo stesso Cook ha spesso affermato di non essere incline a compiere guerre di religione nei confronti di Android, allontanandosi drasticamente dalla linea di pensiero del suo predecessore, Steve Jobs. Al momento, secondo le informazioni diffuse da Gurman, Apple non sembra interessata al porting anche su Windows Phone, probabilmente perché dispone ad oggi di un bacino d'utenti troppo limitato da poter essere considerato appetibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
]Rik`[06 Febbraio 2015, 09:10 #1
apple che fa qualcosa che costa MENO della concorrenza? ma nemmeno se lo vedo!
djfix1306 Febbraio 2015, 09:21 #2
povero Steve, se n'è andato prima di vedere realizzato il suo incubo peggiore: Apple che lavora fianco a fianco di M$ e Google magari tra qualche anno anche con cross-license
Bivvoz06 Febbraio 2015, 09:34 #3
Originariamente inviato da: djfix13
povero Steve, se n'è andato prima di vedere realizzato il suo incubo peggiore: Apple che lavora fianco a fianco di M$ e Google magari tra qualche anno anche con cross-license


ahhahahaha
Ma se Jobs e Gates erano culo e camicia.

Comunque è inevitabile lavorare su tutte le piattaforme, anche perchè lo sta facendo microsoft e gli altri devono adeguarsi.
Per noi consumatori è solo un bene.
s0nnyd3marco06 Febbraio 2015, 09:49 #4
Originariamente inviato da: Bivvoz
Comunque è inevitabile lavorare su tutte le piattaforme, anche perché lo sta facendo microsoft e gli altri devono adeguarsi.


Microsoft lo sta facendo solo perché e' in ritardo abissale nel settore mobile, non per sua libera scelta. Quando era dominante nel settore pc tradizionale, non si sarebbe mai sognata di fare qualcosa multipiattaforma.

Originariamente inviato da: Bivvoz
Per noi consumatori è solo un bene.


Su questo sono d'accordo con te.
Pier220406 Febbraio 2015, 09:54 #5
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Microsoft lo sta facendo solo perché e' in ritardo abissale nel settore mobile, non per sua libera scelta. Quando era dominante nel settore pc tradizionale, non si sarebbe mai sognata di fare qualcosa multipiattaforma.
.


I tempi cambiano per tutti, nulla è eterno..
s0nnyd3marco06 Febbraio 2015, 09:57 #6
Originariamente inviato da: Pier2204
I tempi cambiano per tutti, nulla è eterno..


Per fortuna di Microsoft Nadella e' decisamente piu' ricettivo ai cambiamenti di Ballmer.
fioriniflavio06 Febbraio 2015, 09:57 #7
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Microsoft lo sta facendo solo perché e' in ritardo abissale nel settore mobile, non per sua libera scelta. Quando era dominante nel settore pc tradizionale, non si sarebbe mai sognata di fare qualcosa multipiattaforma.


Non credo sia questo il motivo: microsoft lo sta facendo perché guadagna di più dal mercato Android con i brevetti, che da tutto il suo comparto mobile.
Bivvoz06 Febbraio 2015, 10:01 #8
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Microsoft lo sta facendo solo perché e' in ritardo abissale nel settore mobile, non per sua libera scelta. Quando era dominante nel settore pc tradizionale, non si sarebbe mai sognata di fare qualcosa multipiattaforma.


Se così fosse cercherebbe di mantenere il controllo del mercato pc dove è ancora dominante rilasciando i suoi software solo per windows (su pc) e anche per altri sistemi solo su mobile come android e iOS.
Invece abbiamo office, onedrive, ecc. anche per macos
generals06 Febbraio 2015, 10:45 #9
Comunque ho notato che itunes conserva molte esclusive rispetto agli attuali servizi di streaming. tipo jovanotti 2015 o le ultime di taylor swift per fare degli esempi. non si trovano nè su google play music nè su spotify ecc. Se lancia un servizio di streaming magari più economico e con le esclusive spacca come al solito...
bobafetthotmail06 Febbraio 2015, 12:24 #10
Che è sta roba con los treaming... DAI APPLE FAI ITUNES SU ANDROID!!!!!

Originariamente inviato da: fioriniflavio
Non credo sia questo il motivo: microsoft lo sta facendo perché guadagna di più dal mercato Android con i brevetti, che da tutto il suo comparto mobile.
guadagna di più coi brevetti perchè il comparto mobile non vende, perchè è arrivato tipo 3 anni in ritardo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^