chiudi X
God of War in DIRETTA

Segui la diretta sui nostri canali YouTube - Twitch - Facebook

Apple, ritornano le voci sul passaggio ad ARM per desktop e portatili

Apple, ritornano le voci sul passaggio ad ARM per desktop e portatili

Un passaggio che, seppur destinato ad avvenire non immediatamente, pare essere inevitabile: l'abbandono di Intel a favore di ARM consentirebbe alla compagnia di avere una piattaforma tecnologica comune per tutte le sue soluzioni

di pubblicata il , alle 08:55 nel canale Apple
AppleIntelARM
 

Ancora una volta emergono alcune indiscrezioni secondo le quali Apple starebbe considerando di (e lavorando attivamente per) abbandonare l'adozione dei processori Intel per i propri sistemi Mac sostituendoli con soluzioni basate su architettura ARM e progettati internamente come accaduto nel caso del SoC A6 e A6X presenti in iPhone 5 e iPad di quarta generazione.

Le indiscrezioni provengono dal sito di informazione Bloomberg, che ha riportato le dichiarazioni di alcune fonti anonime ma molto vicine alle attività di ricerca e sviluppo di Apple. Secondo queste fonti gli ingegneri sarebbero piuttosto fiduciosi del fatto che una qualche declinazione dei chip A- della compagnia potrà un giorno andare ad equipaggiare i sistemi desktop e portatili della Mela.

Il passaggio, secondo quanto affermano le fonti, non avrebbe luogo nell'immediato, ma sarebbe comunque inevitabile dal momento che i dispositivi come iPad vanno ad assottigliare il confine tra i dispositivi mobile ed i personal computer.

Attualmente i chip con architettura ARM sono impiegati solamente negli "iDevices" della compagnia, ma le ipotesi di uno sconfinamento sui personal computer circolano ormai da molto tempo: già nel corso del mese di maggio 2011 circolò una voce di corridoio secondo la quale nei laboratori di Cupertino fossero presenti e funzionanti diversi prototipi tra cui un MacBook Air costruito impiegando un SoC Apple A5, quello che possiamo oggi trovare su iPad 2 e iPad Mini.

Il ritorno di Bob Mansfield e la sua nomina a responsabile della nuova divisione "Technologies" potrebbe rappresentare un ulteriore indizio in tal senso: lo stesso Mansfield, infatti, è stato un forte sostenitore della creazione di un'esperienza utente più omogenea tra i dispositivi con iOS e quelli con OS X e con la possibilità ora di lavorare direttamente alle attività di ricerca su semiconduttori e processori potrebbe aver occasione di raggiungere l'obiettivo, soprattutto anche a seguito della dipartita di Scott Forstall, contrario a questa visione.

L'ipotesi, pur in circolazione da molto tempo e senza effettivi riscontri, è tutt'altro che remota: del resto la possibilità di dare un substrato tecnologico omogeneo a tutte le sue soluzioni hardware, dagli smartphone, ai tablet, ai portatili e desktop fino ai dispositivi di consumo (qualcuno ha parlato del fantomatico televisore by Apple?) consentirebbe al colosso di Cupertino di portare avanti in maniera più semplice ed efficace lo sviluppo di vari prodotti e dispositivi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

65 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw06 Novembre 2012, 09:16 #1
Fanno bene a studiare tecnologie alternative, Apple ha le risorse interne per fare bene e sicuramente disegnare in casa la cpu ti offre tutta una serie di vantaggi per il design del prodotto e per l'integrazione/ottimizzazione di software e servizi.
frankie06 Novembre 2012, 09:21 #2
Beh apple è riuscita a fare un passaggio indolore tra PPC e x86, vedremo nel futuro.

Da un certo punto di vista questa soluzione è condivisibile, interfaccia utente, bla bla bla...

Ma da un altro, chi con il mac ci lavora pesante (photoshop, premiere), potrebbe accettare una diminuzione delle performance?

Non credo, e se lo mettessero solo sull'air non sarebbe ancora una line up omogenea. Boh.
djlouis06 Novembre 2012, 09:21 #3
è un addio quindi a windows su mac?
Veradun06 Novembre 2012, 09:28 #4
Originariamente inviato da: djlouis
è un addio quindi a windows su mac?


Potrebbe essere un vero autogoal...
AlexSwitch06 Novembre 2012, 09:48 #5
Le fondamenta e konw how, lato OS e applicazioni, ci sono tutte per un cambio di piattaforma... OS X è nato su PPC, ma già programmato per x86 grazie al progetto Rhapsody... iOS, nelle sue fondamenta, è OS X, e le app sono progettate e sviluppate nella stessa maniera di quelle per Macintosh.
Già con Tiger ( OS X 10.4 ), primo OS ufficialmente sviluppato per x86, Apple fece vedere quanto fosse semplice compilare codice per entrambe le piattaforme.
Quindi nessun problema lato sviluppo software... piuttosto sull'hardware, a mio parere, passare ad ARM, significherà inchiodare la bara del settore " Pro ", ovvero portare a termine un percorso iniziato 5 anni fa con il primo iPhone ( ed Apple eliminò la parola computer dalla sua ragione sociale ) che ha visto la scomparsa degli XServe, la prossima dipartita dei Mac Pro, la creazione di Macintosh sempre più " sottili " ( iMac compresi.... che fesseria!!! ).

Ovviamente ARM significherebbe anche perdere il supporto integrale a Windows in dual boot e concordo con chi ha affermato che potrebbe rivelarsi come un clamoroso autogol.
recoil06 Novembre 2012, 09:49 #6
a me sembra credibile ma non è una cosa che si fa dall'oggi al domani
sicuramente ci stanno pensando e avranno già dei prototipi...

per gli Air avrebbe perfettamente senso, magari meno sui fissi, ma non si può tenere un Mac con un'architettura e uno con altra
è successo, ma solo nel periodo di transizione da PPC a Intel, poi tutti i Mac sono passati alla nuova architettura quindi se ci sarà questa transizione inizierà con gli Air ma dovrà riguardare tutti nel giro di uno o due anni

edit: per quanto riguarda Windows esiste sempre la virtualizzazione
mi sembra che la strada tracciata con iOS (e gli altri brand non sono da meno) sia proprio quella del sistema chiuso, puntando molto su App store e cercando di fidelizzare l'utente con le app
perderanno qualche cliente forse, ma stiamo parlando di percentuali non elevate in un mercato che rispetto al totale Apple non è nemmeno così alto, non credo che il supporto al dual boot sia in cima alle priorità di Cupertino...
pirlano06 Novembre 2012, 09:53 #7
Azz, praticamente sono cambiate più architetture alla Apple che per le Play Station

Scherzi a parte, possono permetterselo (e secondo me devono farlo) per vari motivi:
-Il parco di applicazioni x86 di Apple non è così esteso
-Microsoft ha licenze per produrre cpu Arm, anche Microsoft ha già fatto questa scelta (sta solo aspettando che il parco di applicazioni Arm aumenti e rimpiazzi quello x86), lo sta facendo gradualmente ma lo stanno già facendo, se Apple non vuole ritrovarsi indietro deve adeguarsi
-Arm è di base un architettura migliore di x86 (ed è anche più efficiente e parca nei consumi, migliore per un futuro sempre più "mobile"
-I seguaci della setta Apple comprerebbero qualsiasi cosa, un passaggio più indolore con questi consumatori non potrebbe esistere
AlexSwitch06 Novembre 2012, 09:55 #8
Su questo non ci piove recoil.... Apple può benissimo ricalcare gli stessi passi quando passò ad Intel.
Mi chiedo però che razza di Mac ci troveremo per le mani... Come hai giustamente fatto notare, che senso ha adottare una piattaforma specificamente nata per i mobile device su un desktop???
A meno che non si dovrà dire goodbye ai desktop.....
ShinjiIkari06 Novembre 2012, 09:58 #9
Per il dual boot c'è sempre Windows RT! Comunque non credo sia una cosa che verrà fuori a breve, ci vorrà tempo prima che i processori ARM raggiungano le prestazioni degli Intel di fascia alta. Che Apple stia studiando la possibilità per il futuro è possibile, ma penso che per 2 o 3 anni possiamo stare tranquilli.
Nenco06 Novembre 2012, 10:00 #10
Originariamente inviato da: djlouis
è un addio quindi a windows su mac?


Bisogna vedere gli sviluppi di windows RT, ad ora sembra un'esperimento in futuro chissà

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^