Apple, ricerca dello stile al costo dell'usabilità? Si, secondo ex-designer della Mela

Apple, ricerca dello stile al costo dell'usabilità? Si, secondo ex-designer della Mela

Due vecchi designer Apple discutono sul cambiamento di visione da parte di Apple, per cui il concetto di design è troppo legato al bello, e troppo poco alla mera funzionalità di un prodotto

di Nino Grasso pubblicata il , alle 10:01 nel canale Apple
Apple
 

Due ex-designer Apple hanno scritto un editoriale su Co.Design in cui si scagliano contro la nuova direzione intrapresa dalla società. Secondo Bruce "Tog" Tognazzini, il sessantaseiesimo impiegato di Apple e lo scrittore delle linee guida sulla prima interfaccia utente, e Don Norman, user experience architect dal 1993 al 1996, Apple ha ormai messo in secondo piano la semplicità d'uso per perseguire la bellezza estetica.

"Apple sta distruggendo il concetto di design"

Le accuse sono forti: "Apple sta distruggendo il concetto di design", hanno scritto nell'editoriale i due, sottolineando come con il nuovo corso la società stia svendendo "i principi fondamentali del design" a cui una volta faceva fede a favore di un nuovo approccio minimalista. Un esempio il nuovo font San Francisco utilizzato su mobile, troppo piccolo e poco leggibile in alcuni frangenti secondo Tognazzini e Norman.

"Anche se i prodotti sono più belli rispetto a prima, questa bellezza è offerta ad un caro prezzo. Non vengono più osservati i principi fondamentali del buon design", specificano i due. "Apple ha, nella ricerca della mera bellezza, creato font troppo piccoli e sottili che, insieme a situazioni a basso contrasto, sono difficili o addirittura impossibili da leggere da utenti con vista normale". I font non sono l'unico problema.

"Ci sono gesture oscure che vanno anche al di là delle capacità mnemoniche degli sviluppatori, o anche caratteristiche di cui molte persone non conoscono nemmeno l'esistenza". Non esiste neanche un tasto "Undo" o "Indietro", presente invece su Android, e la gestione di troppe funzionalità viene delegata a gesture che usano in pochi. Il tutto a favore di una maggiore pulizia dell'interfaccia grafica, che diventa però meno funzionale.

"Se Apple frequentasse le lezioni di design interattivo verrebbe bocciata"

"Il bel design può essere attraente e piacevole, ed anche bellissimo da usare. Ma questa piacevolezza d'uso deve essere facile da intuire, deve seguire i principi psicologici di base che danno una sensazione di controllo e piacere, come ad esempio la reperibilità, il feedback, una giusta disposizione degli elementi, l'uso appropriato di limiti e, naturalmente, il potere di annullare le proprie operazioni".

Si tratta dei primi elementi che si insegnano ai novizi del design, agli studenti alle prime armi: "Se Apple frequentasse le lezioni verrebbe bocciata", scrivono i due. Considerando la formidabile influenza che Apple ha nel settore i due hanno paura che i suoi dettami vengano ripresi anche da altre società: "Apple sta dando forza alla vecchia e desueta idea per cui l'unico compito del designer è quello di rendere le cose belle, anche a costo di non fornire le giuste funzioni e garantire la massima semplicità d'uso".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen18 Novembre 2015, 10:22 #1
Chissa' perche', a dirlo sono ex-designer e non due designer...
AceGranger18 Novembre 2015, 10:29 #2
Originariamente inviato da: jepessen
Chissa' perche', a dirlo sono ex-designer e non due designer...


perchè poi diventerebbero 2 ex-designer ?
io7818 Novembre 2015, 10:29 #3
Originariamente inviato da: jepessen
Chissa' perche', a dirlo sono ex-designer e non due designer...

Puoi dire certe cose solo se sei un ex Apple altrimenti lo diventeresti dopo poco tempo
Pier220418 Novembre 2015, 10:48 #4
E' da un pò che lo dico, (vedasi Mac Book 2015)..
AlexSwitch18 Novembre 2015, 10:52 #5
Purtroppo, essendo un Apple user da tanto tempo ( più di 20 anni... ), non posso che dare ragione ai due ex designer... Ive, dalla sua ascesa sponsorizzata da Jobs, benché meritata, ha preso il sopravvento su tutto ed ha estremizzato la sua visione di minimalismo in tutti i prodotti, sia hardware che software.
Lo si vede in tanti dettagli oltre che dal nuovo font... Funzioni e strumenti troppo semplificati, intromissione delle gesture e di dispositivi di puntamento anche per i sistemi desktop che alla fine risultano ridondanti ed anche scomodi da usare ( esempio il force touch per aumentare o diminuire la velocità dei video ).
Design estremo per i case degli iMac che hanno portato, due anni fa per i modelli da 21.5", al paradossale utilizzo di dischi meccanici da 5400 rpm al posto di quelli da 7200 ( il minimo, strettissimo, sindacale per un desktop moderno e per il prezzo che si paga ) della generazione precedente.... Un passo indietro!!
Una volta c'era la forma e la sostanza... Ora sempre più forma, immagine, che seppur piacente e seducente è solamente fine a se stessa.
Ive è andato troppo oltre... troppo!!
Simonex8418 Novembre 2015, 10:52 #6
Purtroppo è vero, da quando Ive è diventato capo assoluto di quel settore c'è stato un netto peggioramento nella funzionalità.

La vera Apple che sposava perfettamente design e tecnica era quella di Jobs
gd350turbo18 Novembre 2015, 10:58 #7
Due vecchi designer Apple discutono sul cambiamento di visione da parte di Apple, per cui il concetto di design è troppo legato al bello, e troppo poco alla mera funzionalità di un prodotto

Sai te la novità...
Date pieni poteri ad ive, e poi vedete cosa vi servirà avere il telefono superfigo !
Una sottiletta con gli spigoli arrotondati, molto trendy quando fai l'aperitivo nel bar del centro, ma dopo ?



Simonex8418 Novembre 2015, 11:03 #8
Adesso che ci penso da quando al timone c'è Cook con Ive al design non ho più comprato un loro prodotto, l'ultimo risale al 2012 (iPhone 5)

Sono sempre li li per prendere l'iPad Air 2 ma alla fine c'è sempre qualcosa che mi fa desistere

Il problema è che i danni ci sono anche sul SW, dovrò smettere di aggiornare iOS ed OSX
gioloi18 Novembre 2015, 11:04 #9
Originariamente inviato da: Simonex84
La vera Apple che sposava perfettamente design e tecnica era quella di Jobs

Soprattutto è cambiata la prospettiva.

Per Jobs la funzionalità e l'immediatezza erano tutto. L'estetica ne era una diretta conseguenza, in quanto un prodotto bello diventa anche piacevole da usare e maggiormente "amichevole", ma era comunque subordinata all'usabilità.

La sensazione, ora, è che il rapporto si sia ribaltato. Si parte da una cosa "figa" e si cerca di farla funzionare al meglio.
pingalep18 Novembre 2015, 11:05 #10
boh, non sono d'accordo. le gestures vanno impafrate è vero, ma chi si spende 1000 euro per un iphone\ipad spero abbia la voglia di impararsi l'interfaccia dedicandoci due minuti. e poi son tutti attaccati a sti cosi vuoi che non se le ricordino.

all'atto pratico però ho gli stessi problemi descritti, ho un solo ipad in giro per casa, e le gestures non le ricordo mai. per prendere il cell android tra i requisiti obbligatori avevo i tasti capacitivi.

ma soprattutto...io so mac senza tasto destro>taglia\copia\incolla\cancella\elimina vado in palla in 5 secondi lol

ma considerando i volumi di vendita e il valore azionario del loro tempo e dell'attuale commenterei l'uscita di questi due ex-apple come un rosikamento infinito!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^