Apple pensa a Google Cloud Platform per supportare i servizi iCloud

Apple pensa a Google Cloud Platform per supportare i servizi iCloud

La Mela potrebbe essere pronta ad abbandonare Amazon Web Services a favore di Google Cloud Platform per l'infrastruttura di una parte dei servizi iCloud

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Apple
AppleAmazonGoogle
 

Apple è pronta a lasciare Amazon Web Services per passare a Google Cloud Platform per operare una parte dei servizi iCloud: si tratta di una mossa sicuramente lusinghiera per Google che proprio in questi mesi sta cercando di spingere la divisione che si occupa dei servizi Cloud per terze parti.

La Mela avrebbe infatti siglato un accordo con Google del valore compreso tra 400 e 600 milioni di dollari. A suggerire i primi indizi sul possibile cambiamento sono state alcune variazioni riscontrate nel modo in cui OS X Messages gestisce gli allegati e in particolare una serie di comunicazioni avvenute verso infrastrutture Google in Asia. Apple si trova a gestire, attualmente, un installato base di circa 782 milioni di utenti iCloud.

Negli scorsi mesi da più parti era stata ventilata l'ipotesi che Apple volesse ridurre la propria dipendenza dai servizi AWS a favore di una soluzione completamente interna, un impegno che avrebbe richiesto un paio d'anni prima di poter essere completato. Nel corso di un incontro con gli investitori il CFO di Apple, Luca Maestri, ha sottolineato l'iportanza di mettere inatto attività datacenter "fiscalmente responsabili" alla luce della veloce espansione della base utenti di iCloud.

"Abbiamo i datacenter, che sono una spesa in crescita per noi perché il nostro installato base di dispositivi e utenti sta crescendo molto significativamente. La capacità datacenter che allestiamo è per offrire i servizi che sono legati all'installato base.

E' possibile che Apple stia cercando una soluzione temporanea tra l'abbandono di AWS e la realizzazione di una infrastruttura proprietaria. La società, del resto, ha intenzione di costruire tre datacenter che apriranno nei prossimi due anni, in Arizona, in Irlanda e in Danimarca.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko#8817 Marzo 2016, 19:26 #1
Mentre nei forum i fanboy si scannano per il tal cellulare o il tal tablet, questi fanno accordi milionari e vivono sereni
Rubberick18 Marzo 2016, 00:30 #2
Ma apple non aveva un suo datacenter immenso da qualche parte costruito di recente ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^