Apple Music e iOS 8.4: debutto previsto per le ore 17 di martedì

Apple Music e iOS 8.4: debutto previsto per le ore 17 di martedì

L'aggiornamento per iOS 8.4 arriverà alle ore 17 di martedì e verrà seguito dopo circa un'ora dal primo broadcast di Beats 1. La società punta ad aumentare il limite di brani salvabili su iTunes Match, che da 25 mila passeranno a 100 mila. Ma non prima di iOS 9

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Apple
AppleiOS
 

Ian Rogers , ex-CEO di Beats Music e senior director di Apple Music, ha rivelato nel corso del fine settimana alcune novità sull'avvento di Apple Music. Come sapevamo già, il servizio di musica in streaming di Apple sarà integrato in un primo momento su iOS 8.4 e iTunes per Mac OS, e grazie a Rogers sappiamo adesso che l'aggiornamento del sistema operativo mobile e il servizio musicale non arriveranno prima delle ore 17 italiane.

Apple Music, Apple su iOS Apple Music, Apple su iOS

Si tratta di un ruolino di marcia leggermente diverso rispetto alla tradizione degli aggiornamenti software di iOS, che arrivano solitamente intorno alle ore 19 italiane. Un'ora dopo, invece, verrà lanciata la stazione radio Beats 1 legata ad Apple Music. Sarà attiva tutti i giorni della settimana senza interruzioni e inizialmente sarà solo per alcune nazioni anglofone, con le sue interviste curate dal DJ Zane Lowe (strappato alla BBC) e i programmi di alcuni artisti di caratura internazionale.

"Martedì mattina (pomeriggio in Italia), sveleremo il prossimo capitolo. Si prega di annotare di aggiornare ad iOS 8.4 martedì 30 giugno alle ore 8 PT (17 qui da noi) e ascoltare il primo broadcast di Beats 1 che andrà in onda alle ore 9 PT (18 in Italia)", aveva scritto Ian Rogers, parole poi cancellate in un secondo momento probabilmente per le pressioni di Apple. Lo stesso ha però confermato su Twitter quanto rivelato precedentemente.

Apple Music sarà la novità principale di iOS 8.4, e un aggiornamento per supportare la funzionalità è previsto anche per le versioni Developer Preview (beta) di iOS 9. Il servizio avrà un costo d'abbonamento pari a 9,99€ e 14,99€ per il piano specifico per le famiglie di un massimo di 6 componenti. Darà accesso ad un catalogo di circa 30 milioni di tracce, ascoltabili in streaming, fra cui quelle dell'album 1989 di Taylor Swift.

Una caratteristica quasi peculiare quest'ultima, nel mondo streaming, dovuta ad un tête-à-tête delle scorse settimane fra l'artista statunitense ed Apple per via del discusso periodo di prova di ben tre mesi. In un primo momento si pensava che gli ascolti gratuiti non fossero retribuiti ai relativi artisti ma, dopo la lettera aperta della cantante, Apple si è trovata costretta a rivedere i piani ed annunciarli subito pubblicamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
adaant29 Giugno 2015, 16:24 #1
Quindi se è cosi sulla carta non offre niente di più. Itunes 43 milioni di brani, apple music 30, 13 milioni in meno. Si colloca semplicemente come clone di spotify deezer tim music ecc ecc ecc. A sto punto aspettiamo domani
FirePrince29 Giugno 2015, 17:05 #2
Offre l'integrazione con iTunes, un prezzo molto vantaggioso per gli account familiari e piu' brani (accordi maggiormente favorevoli spingeranno piu' artisti ad avere accordi esclusivi, come gia' sta avvenendo); inoltre le playlist non saranno automatizzate, ma curate da persone vere, che sicuramente daranno suggerimenti piu' sensati di un algoritmo.
LucaLindholm29 Giugno 2015, 17:22 #3

Mah!

Quando, a partire dal 2012 e fino alla fine del 2013, era Microsoft a offrire tutto il catalogo Xbox Music in streaming gratuito (che allora conteneva pure più canzoni di iTunes, cioè 30 milioni!), NESSUNO ne parlava, nessuno la osannava, anzi veniva aspramente rimproverata da TUTTI di aver prodotto quello "schifo" di Windows 8 (anche quello aspramente da tutti tranne che da me, che ne intuì subito le potenzialità che poteva avere in futuro)!!!

Io mi feci furbo e, nel silenzio GENERALE di tutti i media, me ne approfittai per ascoltare come un pazzo i miei generi preferiti (musica classica e marce militari).

Voi non avete voluto approfittare di una vantaggiosissima offerta; mi spiace, ma ora è a pagamento (credevate forse che a Redmond potevano offrire lo streaming gratuito per sempre???).


Ora lo fa Apple e TUTTI a parlarne, TUTTO il mondo non aspetta altro che questi 3 mesi gratuiti (rotfl!) con un catalogo ridotto (ri-rotfl!)!

Non riesco a capire perché quando Apple fa qualcosa, qualunque cosa, TUTTI ne parlano, mentre le altre aziende informatiche non ricevono tanto eco mediatico!
Proprio non capisco!


P.S.: Scommetto che domani, nel catalogo ridotto, non troverò nemmeno ciò che cerco, scommettiamo?
Mr_Paulus29 Giugno 2015, 20:48 #4
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Quando, a partire dal 2012 e fino alla fine del 2013, era Microsoft a offrire tutto il catalogo Xbox Music in streaming gratuito (che allora conteneva pure più canzoni di iTunes, cioè 30 milioni!), NESSUNO ne parlava, nessuno la osannava, anzi veniva aspramente rimproverata da TUTTI di aver prodotto quello "schifo" di Windows 8 (anche quello aspramente da tutti tranne che da me, che ne intuì subito le potenzialità che poteva avere in futuro)!!!

Io mi feci furbo e, nel silenzio GENERALE di tutti i media, me ne approfittai per ascoltare come un pazzo i miei generi preferiti (musica classica e marce militari).

Voi non avete voluto approfittare di una vantaggiosissima offerta; mi spiace, ma ora è a pagamento (credevate forse che a Redmond potevano offrire lo streaming gratuito per sempre???).


Ora lo fa Apple e TUTTI a parlarne, TUTTO il mondo non aspetta altro che questi 3 mesi gratuiti (rotfl!) con un catalogo ridotto (ri-rotfl!)!

Non riesco a capire perché quando Apple fa qualcosa, qualunque cosa, TUTTI ne parlano, mentre le altre aziende informatiche non ricevono tanto eco mediatico!
Proprio non capisco!


P.S.: Scommetto che domani, nel catalogo ridotto, non troverò nemmeno ciò che cerco, scommettiamo?


forse perché ms non sa fare promozione?
Simonex8430 Giugno 2015, 08:04 #5
Ma con Spotify gratis (con qualche pubblicità perchè mai dovrei pagare per uno qualunque degli altri servizi?
Mr_Paulus30 Giugno 2015, 08:49 #6
Originariamente inviato da: Simonex84
Ma con Spotify gratis (con qualche pubblicità perchè mai dovrei pagare per uno qualunque degli altri servizi?


secondo me dipende se sei uno che acquista regolarmente qualcosa.

in questo caso, e se ascolti molto da mobile, allora può convenire.

in caso contrario ovviamente no.
Simonex8430 Giugno 2015, 09:29 #7
Originariamente inviato da: Mr_Paulus
secondo me dipende se sei uno che acquista regolarmente qualcosa.

in questo caso, e se ascolti molto da mobile, allora può convenire.

in caso contrario ovviamente no.


Io sono un fan della commerciale usa e getta, quindi non compro nulla, dopo un mese le canzoni che ascolto sotto la doccia, in macchina o mentre corro sono da buttare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^