Apple Mac Pro, presto una versione a otto core?

Apple Mac Pro, presto una versione a otto core?

Apple potrebbe preparare una versione del proprio sistema Mac Pro con due processori quad-core Intel Xeon "Cloverton"

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Apple
AppleIntel
 

Secondo alcune fonti vicine ad Apple Computer, pare che la compagnia della Mela mordicchiata sia intenzionata ad introdurre sul mercato una versione del sistema professionale MacPro equipaggiato con due processori Intel Xeon 5300 "Cloverton", le soluzioni quad-core del colosso di Santa Clara anticipate nel corso dell'ultimo IDF di San Francisco e che verranno immesse sul mercato presumibilmente nel corso del mese di Novembre.

Sebbene non sia ancora nota la data entro cui il nuovo processore quad-core sarà disponibile e di conseguenza nemmeno la disponibilità dell'eventuale nuovo sistema Mac Pro a otto core, è possibile che Apple decida di lanciare il prodotto pressoché contemporaneamente al lancio di Cloverton da parte di Intel.

Secondo le indiscrezioni pare che il processori più adatto per l'implementazione nei prossimi Mac Pro sia il modello Xeon E5345, a 2,33GHz di frequenza operativa che sarà caratterizzato da un costo comparabile a quello dei processori dual-core Xeon "Woodcrest" attualmente impiegati per i sistemi quad-core Mac Pro.

Fonte: Appleinsider

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Automator26 Ottobre 2006, 12:55 #1
un cosettino cosi con tre raptor in raid 0 e un barracuda da 750 per i dati

che workstation paurosa!
pikkoz26 Ottobre 2006, 12:56 #2
Certo che la apple sta spingendo molto con Intel, il mio rammarico è che sarebbe bene che facesse un poco di pressione in più alle grandi case software per avere più programmi universal (vedi photoshop )
Automator26 Ottobre 2006, 13:02 #3
vero, ma cmq ho avuto modo di provare cs2 sotto rosetta su un macpro e devo dire che non si nota molto la differenza rispetto al G5 (ammesso però di avere almeno un 30% in + di ram).
Paura appena esce in universal
Hitman0426 Ottobre 2006, 13:09 #4
Da Cupertino viene sempre più spocchia.
docvale26 Ottobre 2006, 13:09 #5
beh, è chiaro che le attese di chi sborsa un abella cifra per una workstation del genere sia di surclassare un G5, non di rimanervi allineato. Penso che, a meno di averne un'impellente urgenza, sia meglio attendere per l'acquisto di questi Mac Pro, in modo da avere un apiattaforma ottimizzata al 100%.
Da notare, piuttosto, che col "passaggio" di hardware al Apple è entrata subito nel tormentato girone dell'upgrade frenetico... il mio capo, mac-fun fino al midollo, è davvero nero per questa cosa!
loveandpeace7426 Ottobre 2006, 13:10 #6
3 raptor per raid0?
raid 5 forse...
Automator26 Ottobre 2006, 13:12 #7
no, è un raid software
avvelenato26 Ottobre 2006, 13:15 #8

Da quando c'è intel

Insomma, la filosofia think different è qui ed ora che mostra il suo limite.
Infatti da quando nella casa della Mela si è passati al "lato oscuro" dei processori:
* si vendono molte più macchine (è notizia di pochi giorni fa del record di vendite mac);
* si vedono setup estremamente più potenti (alla faccia dei benchmark falsati di qualche anno fa, di chi sosteneva che i powerpc erano migliori delle controparti x86 perché avevano più gigaflops e di chi criticava l'isa x86 e l'architettura dei suoi illustri rappresentanti in quanto vetusta!);
* nessuno si può più lamentare per il rapporto prezzo/prestazioni;
* e come lato aggiuntivo che può essere di stimolo allo switch, ci si può installare windogs, feature che talvolta è indispensabile per alcuni software.

Ora mi piacerebbe vedere le facce dei macachi che sostenevano la superiorità del Gx di turno rispetto al corrispettivo intel o amd di potenza doppia e costo dimezzato, ma soprattutto delle prefiche che alla notizia di Apple di passare ai processori intel si sono cosparsi il capo di cenere strappandosi i capelli e urlando, non capendo che il loro think different ha senso quando si pensa a qualcosa di differente in meglio.

(per evitare accuse di faziosità: sto seriamente pensando di comprarmi un mac come upgrade).
ShinjiIkari26 Ottobre 2006, 13:16 #9
Forse voleva dire 2 raptor...
Che dire 8 core, il sistema interamente a 64 bit (Leopard) e Photoshop per x86. Bisogna aspettare il 2007 per vedere il vero potenziale di queste nuove workstation Intel.
ShinjiIkari26 Ottobre 2006, 13:22 #10
Io sono tra quelli più contenti del passaggio a Intel, seppure abbia ancora un mac mini G4 che fa il suo lavoro come lo faceva quando l'ho comprato, e stia per comprare un iBook G4 usato per questioni di soldi... certo è vero ho sempre sostenuto che il Pentium 4 fosse un cesso e che i G5 fossero meglio, e lo penso ancora, ma questi non sono più i Pentium 4. Anche il G4 aveva un senso quando non c'erano ancora i Pentium M, diciamo che i PowerPC fino a qualche anno fa avevano il loro senso di esistere, ora non più.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^