Apple lavora allo sviluppo di altri coprocessori ARM per i propri Mac

Apple lavora allo sviluppo di altri coprocessori ARM per i propri Mac

La Mela sembra voler corredare i futuri sistemi Mac di co-processori incaricati di gestire funzioni specifiche, che non sarebbero affrontabili con i processori Intel

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:31 nel canale Apple
Apple
 

Più co-processori ARM nei futuri MacBook? Sembrerebbe di sì, almeno secondo alcune indiscrezioni diramate da Bloomberg. La Mela sarebbe infatti al lavoro per sviluppare un chip con nome in codice di T310 che si occuperà di gestire la funzionalità "PowerNap" e, più in generale, le funzionalità di risparmio energetico dei futuri portatili Apple.

Il nuovo chip andrebbe quindi ad assistere il normale processore Intel che si occupa di tutte le attività computazionali del sistema, un po' come avviene con il chip T1 che gestisce la nuova TouchBar del MacBook Pro. Il chip T310 avrebbe comunque una maggiore integrazione e qualche capacità in più rispetto a T1, dal momento che avrebbe accesso ai moduli WiFi, alla RAM e allo storage.

Bloomberg suggerisce che, sebbene Apple non abbia alcun piano di breve termine per l'abbandono dei chip Intel, la nuova filosofia di "chip companion" potrebbe rappresentare l'inizio di un lungo percorso verso l'indipendenza da Intel, con destinazione sistemi Mac equipaggiati con processori A-Series.

Apple comunque non sembra abbia fretta di arrivare a questo punto, anzi la volontà di portare avanti lo sviluppo di coprocessori sembra più rappresentare il desiderio di mettere a frutto la propria competenza per costruire piccoli chip specifici per la gestione di particolari funzioni trascurate dai processori Intel, senza tuttavia rinunciare alle prestazioni e alla compatibilità di questi ultimi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick02 Febbraio 2017, 12:41 #1
Se volesse staccarsi in futuro da Intel la vedo dura a far girare After Effects, Avid e robe varie su arm.. c'e' il rischio di vedere nb sempre + orientati all'office e basta ma con prezzi non della stessa fascia
AlexSwitch02 Febbraio 2017, 13:23 #2
Anche io trovo l'ipotesi di un abbandono ( eventuale ) di Intel abbastanza irreale per una serie di ragioni.

ARM è migliore per quanto riguarda l'efficienza energetica a parità di compiti eseguiti, ma come potenza di calcolo non è nemmeno paragonabile ad Intel fatta eccezione per le CPU a bassissimo consumo della serie M.
E qui entra in gioco la visione futura che Apple riserva per Macintosh, ovvero cosa dovranno principalmente fare e come. Per intenderci: se Apple vede i suoi futuri MacBook, anche Pro, per qualche programma leggermente impegnativo ma soprattutto per sfogliare le pagine di FB e di qualche blog seduti da Starbucks, una soluzione ARM avrebbe un suo perchè, altrimenti sarebbe solamente una agonia continua.

Altro capitolo poi, ammesso e non concesso che riescano a tirare fuori CPU ARM dotate di una potenza adeguata, è il supporto software da parte degli sviluppatori che non aderiscono allo store di Apple... Si ritornerebbe indietro di 20 anni, epoca PPC, quando a Cupertino dovevano pregare in aramaico e vendersi la mamma, per ottenere un porting decente o una versione nativa di software sviluppato per PC e di larghissima diffusione. Adobe, MS, PhaseOne, Feral, etc. dovrebbero riscrivere tutto il loro software OS X/Intel oppure affidarsi alla virtualizzazione.

Da tenere inoltre conto dei costi aggiuntivi e dei rischi che si riverserebbero sul prezzo finale di eventuali ARM Macintosh... Un conto è sviluppare e farsi produrre il proprio SoC per iPhone e iPad e altri Device, altro è mettere a punto una CPU per computer e farsela produrre... Siamo sempre li, la storia ci ricorda il perchè della transizione da PPC a x86: Apple dopo il G5 non aveva più una linea di CPU di generazione successiva, visto che IBM e Motorola gettarono la spugna ( soprattutto Motorola quando liquidò le sue fonderia ). Basterebbe un intoppo sul processo produttivo per TSMC, Samsung o Global per ritrovarsi con le gambe tagliate e soprattutto senza alternative.

Insomma a mio giudizio una transizione verso ARM sarebbe solamente una iattura e basta.
Ork02 Febbraio 2017, 13:56 #3
ma difatti l'articolo parla di macbook. e i macbook sono dei netbook con autonomia infinita. ci sta il cambio da core m a ARM
Marko#8802 Febbraio 2017, 14:23 #4
Originariamente inviato da: Ork
ma difatti l'articolo parla di macbook. e i macbook sono dei netbook con autonomia infinita. ci sta il cambio da core m a ARM


Si ma il Core M va come un i3 e a volte meglio, gli ARM non sono granchè... ok macchina per compiti base ma rischia di diventare un tablet con la tastiera.
Phoenix Fire02 Febbraio 2017, 14:24 #5
Originariamente inviato da: Ork
ma difatti l'articolo parla di macbook. e i macbook sono dei netbook con autonomia infinita. ci sta il cambio da core m a ARM


io penso che si intenda la generica linea macbook, ma comunque sono rumor quindi la cosa non cambia tanto
emanuele8302 Febbraio 2017, 15:10 #6
Speculazioni idiote.

Usano i chip arm per fare quelloc he intel non offre embedded. Ormai il core ARM è dentro ogni dispositivo con un po di intelligenza, perfino i SoC xilinx hanno core ARM e solo Altera si affida a intel (e si capisce perchè intel se la è comprata). i controller usb 3 erano tutti cypress a core ARM (l'FX3) prima che intel li integrasse, perfino i controller USB type C di cypress hanno un core ARM. Non mi pare di avere letto un articolo simile quando i portatili samsun integravano le prime soluzioni USB3. Insomma speculazioni inutili di chi non sa la differenza tra CPU intesa come central processing unit intel e microcontrollori ARM dedicati che implementano funzioni più o meno custom di gestione di periferiche o power supply.
RaZoR9302 Febbraio 2017, 17:53 #7
Originariamente inviato da: Marko#88
Si ma il Core M va come un i3 e a volte meglio, gli ARM non sono granchè... ok macchina per compiti base ma rischia di diventare un tablet con la tastiera.
Questa è ormai più una leggenda che altro.

Un'architettura wide e con alto IPC come quella usata da Apple sarà perfettamente in grado di competere con le CPU Intel negli anni a venire.
Guardare la review di Anandtech, A9X vs Core M con SPEC CPU 2006 (non Geekbench o altri bench mobile).

Queste le conclusioni :

Ultimately I think it’s reasonable to say that Intel’s Core M processors hold a CPU performance edge over iPad Pro and the A9X SoC. Against Intel’s slowest chips A9X is competitive, but as it stands A9X can’t keep up with the faster chips. However by the same metric there’s no question that Apple is closing the gap; A9X can compete with both Broadwell and Skylake Core M processors, and that’s something Apple couldn’t claim even a generation ago.


Link ad immagine (click per visualizzarla)

E questo è l'A9X, un SoC che è entrato in produzione di massa in mid-2015.
L'A10X o A11X verrà lanciato quest'anno, con i 10nm FF di TSMC.
Considerando che l'A10 (iPhone) è già più performante dell'A9X (tablet) nonostante continui ad usare i 16nm di TSMC, c'è da aspettarsi un tranquillo +50% dalla prossima gen.

A mio parere i SoC Apple 2017 non avranno particolari problemi a competere con Skylake Core M, sia lato CPU che GPU.
Marko#8802 Febbraio 2017, 18:01 #8
Originariamente inviato da: RaZoR93
Questa è ormai più una leggenda che altro.

Un'architettura wide e con alto IPC come quella usata da Apple sarà perfettamente in grado di competere con le CPU Intel negli anni a venire.
Guardare la review di Anandtech, A9X vs Core M con SPEC CPU 2006 (non Geekbench o altri bench mobile).

Queste le conclusioni :



Link ad immagine (click per visualizzarla)

E questo è l'A9X, un SoC che è entrato in produzione di massa in mid-2015.
L'A10X o A11X verrà lanciato quest'anno, con i 10nm FF di TSMC.
Considerando che l'A10 (iPhone) è già più performante dell'A9X (tablet) nonostante continui ad usare i 16nm di TSMC, c'è da aspettarsi un tranquillo +50% dalla prossima gen.

A mio parere i SoC Apple 2017 non avranno particolari problemi a competere con Skylake Core M, sia lato CPU che GPU.


Cacchio, mi ero perso quanta potenza abbia l'A9X.
Posso credere che "a parità di impegno progettuale" il delta rimarrebbe? Nel senso, anche il fatto che un Core M possa andare come e meglio di un i3 può far strano ma probabilmente lo sviluppo è maggiormente concentrato sul primo.
Parlo ovviamente da ignorante, non sto cercando il flame.
LMCH02 Febbraio 2017, 19:31 #9
Originariamente inviato da: Marko#88
Cacchio, mi ero perso quanta potenza abbia l'A9X.

Il vero limite dei SoC ARM attuali in termini di prestazioni è che sono invariabilmente progettati per consumare meno di un processore Intel quando operano a piena potenza di calcolo, mentre Intel indica consumo "medio" molto più basso di quello di picco.

Ad esempio, questi sono i dati del Core M-5Y31 a 14nm:
https://ark.intel.com/products/84666/Intel-Core-M-5Y31-Processor-4M-Cache-up-to-2_40-GHz
TDP 4.5Watt
SDP (Scenario Design Power) 3.4Watt
Configurable TDP-up 6 W
Configurable TDP-down 3.5 W

Significa che "mediamente" consuma 4.5Watt, ma è progettato per essere usato su dispositivi che "lavorano poco" (con cpu un sacco di tempo in idle, ecc. tipo quando si usa Word o si legge una pagina web) per cui "ci si aspetta in media nell'uso reale" 3.4Watt.
MA in realtà il consumo massimo arriva anche a 6Watt

L'A9X a 16nm non credo vada oltre i 4Watt di consumo massimo (ed il suo equivalente TDP penso sia molto più basso).
Marko#8802 Febbraio 2017, 23:31 #10
Originariamente inviato da: LMCH
Il vero limite dei SoC ARM attuali in termini di prestazioni è che sono invariabilmente progettati per consumare meno di un processore Intel quando operano a piena potenza di calcolo, mentre Intel indica consumo "medio" molto più basso di quello di picco.

Ad esempio, questi sono i dati del Core M-5Y31 a 14nm:
https://ark.intel.com/products/84666/Intel-Core-M-5Y31-Processor-4M-Cache-up-to-2_40-GHz
TDP 4.5Watt
SDP (Scenario Design Power) 3.4Watt
Configurable TDP-up 6 W
Configurable TDP-down 3.5 W

Significa che "mediamente" consuma 4.5Watt, ma è progettato per essere usato su dispositivi che "lavorano poco" (con cpu un sacco di tempo in idle, ecc. tipo quando si usa Word o si legge una pagina web) per cui "ci si aspetta in media nell'uso reale" 3.4Watt.
MA in realtà il consumo massimo arriva anche a 6Watt

L'A9X a 16nm non credo vada oltre i 4Watt di consumo massimo (ed il suo equivalente TDP penso sia molto più basso).


Ok, questo è chiaro.
Ma bisognerebbe vedere, man mano che le architetture vengono sviluppate, dove possono arrivare.
Già il Core M è mezzo miracoloso, senza ventole e con consumi ridicoli permette un uso base del computer senza nessun rallentamento e, senza pretendere prestazioni da 4790K, anche un utilizzo più serio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^