Apple: iPhone creato perché Steve Jobs odiava un dirigente di Microsoft

Apple: iPhone creato perché Steve Jobs odiava un dirigente di Microsoft

Il primo smartphone dell'azienda di Cupertino è nato per contrastare le dicerie di un manager di Microsoft. Steve Jobs decise di realizzare il primo telefono con display touchscreen proprio per mettere a tacere il manager dell'azienda di Redmond.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Apple
MicrosoftAppleiPhone
 

Il primo iPhone della storia di Apple è nato perché Steve Jobs voleva contrastare le dicerie di un non meglio precisato manager di Microsoft che continuamente si vantava con il CEO Apple dell'arrivo di nuovi tablet con stilo, pronti a conquistare il mondo. La rivelazione arriva direttamente per bocca di Scott Forstall, storico dipendente Apple che qualche anno fa lasciò l'azienda alla quale era legato da anni come responsabile della divisione iOS. L'ex dirigente di Cupertino ha dichiarato in un'intervista come Steve Jobs provasse un odio incredibile per il manager di Microsoft e come il display completamente touchscreen del primo iPhone fosse nato proprio per "azzittire" lo stesso una volta per tutte.

Forstall ha raccontato come "ogni volta che Steve interagiva con questo dirigente Microsoft tornava a Cupertino incavolato nero. Continuava a rinfacciare a Jobs che la sua azienda avrebbe conquistato il mondo con i nuovi tablet dotati di penna che da li a poco avrebbero presentato. Steve tornava in ufficio imprecando e dicendo a tutto lo staff che era ora di fargli vedere come si lavorava sul serio". Da lì a poco nacque il primo iPhone, lo smartphone dotato di un display completamente touch dove gli utenti potevano utilizzare facilmente le dita delle mani per interagire con il sistema operativo e non dovevano ripiegare su fastidiose penne.

La differenza "abissale" tra il nuovo iPhone e i futuri prodotti di Microsoft era proprio il display che nel primo caso risultava capacitivo e dunque non necessitava di alcuna stilo per funzionare cosa che invece doveva forzatamente essere usata nei display resistivi dell'azienda di Redmond. L'iPhone come lo conosciamo oggi è nato dunque per una diatriba tra il fondatore di Apple, Steve Jobs, e un non meglio precisato dirigente Microsoft che sembrerebbe essere il marito di un'amica della moglie di Jobs.

Sappiamo come l'idea iniziale di Steve fosse quella di realizzare un tablet con display completamente capacitivo ma successivamente capì l'esigenza da parte degli utenti di un dispositivo che si potesse mettere anche in tasca. Fermata la progettazione del tablet, che venne poi ripresa successivamente, lo staff di Apple si concentrò sul primo iPhone della storia, un prodotto capace di cambiare i connotati della telefonia cellulare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala23 Giugno 2017, 16:42 #1
Questi dipendenti quà sono pagati per tirare fuori "una frase o un ricordo storico di Steve Jobs" una volta all'anno?

Era necessario far passare tutto questo tempo?
LordPBA23 Giugno 2017, 16:42 #2
Si chiama competizione

e non c'è bisogno di arrabbiarsi
songohan23 Giugno 2017, 17:30 #3
Quindi io devo credere l'Iphone non è stato il frutto di un lungo e complesso studio commerciale ma di una semplice *diatriba*?
La Apple avrebbe investito denaro e risorse solo per zittire un dirigente di un'azienda rivale?
Mapperpiacere!!!
zoomx23 Giugno 2017, 18:38 #4
non necessitava di alcuna stilo per funzionare cosa che invece doveva forzatamente essere usata nei display resistivi dell'azienda di Redmond.

Ma quando mai? Il resistivo funziona anche con le dita, la vera differenza è che devi esercitare una pressione per cui alcune cose facili da realizzare con il capacitivo con il resistivo vengono decisamente più difficili, ad esempio il banale scorrimento.
sster23 Giugno 2017, 19:53 #5
in pratica con l'ipad pro steve jobs si sta rivoltando nella tomba
RaZoR9323 Giugno 2017, 20:59 #6
Originariamente inviato da: sster
in pratica con l'ipad pro steve jobs si sta rivoltando nella tomba
No, Jobs non voleva creare un tablet che *richiedesse* un pennino. L'Apple Pencil è un accessorio utile per funzioni extra, non il principale o necessario meccanismo di input.
giovanbattista24 Giugno 2017, 00:44 #7
....e le marmotte, se le sono dimenticate?

X una storia di fantasia lo sappiamo tutti che sono fondamentali x incartare la cioccolata
Rubberick25 Giugno 2017, 21:15 #8
L'iphone è nato perchè tutti l'hanno chiesto e se l'aspettavano, come è nato anche iwatch... l'ipod fa storia a se ^^
k0rn201226 Giugno 2017, 09:23 #9
Meno male che nell'articolo specificano "con le dita delle mani".. Pensavo quelle dei piedi inizialmente
recoil26 Giugno 2017, 10:00 #10
ho visto tutta l'intervista di Forstall
fantastica la parte in cui dice che Jobs gli pagava il pranzo con il suo badge, tanto guadagnava 1$ l'anno quindi non potevano scalargli il costo della mensa
divertenti anche gli aneddoti su Cingular a Las Vegas

comunque Jobs stesso aveva detto durante un'intervista a Mossberg che erano partiti con l'idea del tablet e in seguito avevano capito che dovevano concentrare gli sforzi sullo smartphone partendo dal lavoro già fatto sul multitouch

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^