Apple investe 1 miliardo di dollari in Didi Chuxing, competitor cinese di Uber

Apple investe 1 miliardo di dollari in Didi Chuxing, competitor cinese di Uber

Apple conferma l'investimento di 1 miliardo di dollari in Didi Chuxing, azienda concorrente di Uber che domina il segmento del ride-sharing cinese con l'87% delle quote di mercato. L'investimento sarà utile ad Apple per comprendere alcune dinamiche del mercato cinese, come precisa il CEO Tim Cook.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 09:47 nel canale Apple
Apple
 

Apple ha confermato nelle scorse ore di aver investito 1 miliardo di dollari in Didi Chuxing, azienda cinese che fornisce un servizio di ride hailing simile a quello gestito da Uber. La conferma viene dallo stesso CEO della casa di Cupertino, Tim Cook, che, come riporta Reuters, ha sottolineato come l'investimento consentirà ad Apple di comprendere alcune dinamiche del mercato cinese. Non è ancora del tutto chiara la finalità ultima della manovra finanziaria, ma oggettivamente Apple sceglie di puntare sul mercato automotive e su quello della cosiddetta economia condivisa. 

Cook ha confermato che esistono le condizioni per una futura collaborazione tra Appe e Didi Chuxing ed ha dichiarato:

Stiamo effettuando investimenti per diverse ragioni strategiche, compresa la possibilità di comprendere maggiormente alcuni segmenti del mercato cinese. Naturalmente, crediamo che ciò porterà nel corso del tempo un grande ritorno per il nostro capitale investito

Didi Chuxing, che domina il segmento del ride-sharing cinese con l'87% delle quote di mercato ed oltre 11 milioni di corse effettuate giornalmente, ha confermato che la somma investita da Apple rappresenta il singolo investimento più consistente mai ricevuto. 

Per il momento, il ruolo di Apple nel segmento automotive continua a rimanere legato a CarPlay, il sistema che consente l'interazione tra lo smartphone e il sistema di infotainment di bordo, sottolinea Cook, che non nasconde, al tempo stesso, l'interesse nei confronti dell'attività portata avanti da Didi Chuxing e nel trend dell'economia cinese: 

L'accordo riflette il nostro entusiasmo per il loro business in crescita e la nostra persistente fiducia nell'economia cinese nel lungo periodo

Appare piuttosto evidente la volontà di Apple di iniziare a diversificare in maniera rilevante il tradizionale business che l'ha resa così popolare a livello mondiale. Le vendite in calo di iPhone rappresentano un segnale non trascurabile e non sono mancati, in passato, vari rumor che hanno suggerito la volontà di esplorare in maniera più profonda il mercato automotive. 

La scelta di effettuare investimenti nel settore partendo dalla Cina non è casuale tenuto conto della rilevanza del mercato, senza trascurare che la mossa della Casa di Cupertino potrebbe contribuire a creare condizioni più favorevoli per riattivare un dialogo con le autorità cinesi su tematiche come la riattivazione dell'iBook Store e l'iTunes Movie Store, recentemente bloccati nel popoloso continente asiatico. 

Le opportunità di collaborazione tra Apple e Didi Chuxing potrebbero essere molteplici, basti pensare all'alleanza annunciata ad aprile scorso e formata dall'azienda di ride hailing con Lyft, Grab e Ola che consente agli utenti cinesi di pagare un taxi negli States, in India e nel sudest asiatico utilizzando l'app di Didi Chuxing e la propria valuta. Un'enorme base installata che utilizza i servizi di trasporto delle quattro compagnie alla quale Apple potrebbe avere accesso in futuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Uakko14 Maggio 2016, 14:01 #1

Ebbrava eppol

"La scelta di effettuare investimenti nel settore partendo dalla Cina non è casuale tenuto conto della rilevanza del mercato, senza trascurare che la mossa della Casa di Cupertino potrebbe contribuire a creare condizioni più favorevoli per riattivare un dialogo con le autorità cinesi su tematiche come la riattivazione dell'iBook Store e l'iTunes Movie Store, recentemente bloccati nel popoloso continente asiatico."

Praticamente una "mazzetta" travestita da "investimento".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^