Apple e la realtà aumentata, un visore nel 2022 e gli occhiali nel 2023: cosa hanno in mente a Cupertino?

Apple e la realtà aumentata, un visore nel 2022 e gli occhiali nel 2023: cosa hanno in mente a Cupertino?

Apple avrebbe condiviso con gli impiegati i contorni e la tabella di marcia del progetto: un visore misto AR/VR non prima del 2022 e gli occhiali AR l'anno successivo. Ma nel giro di due anni tutto potrebbe cambiare

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Apple
Apple
 

Dopo svariati anni senza sostanziali novità rivoluzionarie nella sua lineup di prodotti, Apple sembra essere al lavoro per preparare in gran segreto la prossima "one more thing". E si tratterà di una soluzione per la realtà aumentata, anche se sarà probabilmente necessario attendere fino al 2022. E' quanto emerge in queste ore: a riportare la notizia sono svariati siti di informazione statunitensi (The Information, Bloomberg), dai quali cerchiamo di estrarre un quadro complessivo.

Le informazioni, fuoriuscite da Apple ad opera di qualche "gola profonda", sono state tratte da un incontro che il team dirigenziale della Mela ha avuto con i dipendenti nel corso del mese di ottobre durante il quale è stato condiviso il progetto, una sua tabella di marcia e le caratteristiche dei vari dispositivi in fase di sviluppo. L'incontro avrebbe riempito gli oltre 1000 posti dello Steve Jobs Theater dell'Apple Park, segno che il team al lavoro sul progetto è piuttosto corposo.

Parliamo al plurale, di dispositivi, perché pare che Apple abbia la volontà di portare sul mercato dapprima un visore misto AR/VR seguito, a distanza di un anno, da un paio di occhiali esclusivamente votati all'AR. L'incontro è stato condotto da Mike Rockwell, ex-dirigente Dolby che è stato recentemente arruolato tra le fila della Mela in qualità di responsabile dell'area AR/VR.

Un visore misto AR/VR nel 2022: c'è anche lo scanner 3D

Ma andiamo con ordine: Apple punta al 2022 come traguardo per portare sul mercato un visore AR/VR che avrà un aspetto simile all'Oculus Quest che Facebook ha lanciato negli scorsi mesi, ma con un design più elegante e che probabilmente vedrà l'impiego di materiali leggeri e tessuti, in quanto l'obiettivo è quello di realizzare un dispositivo che sia confortevole da indossare anche per lunghi periodi di tempo.

Tra le caratteristiche di questo visore, che attualmente è identificato dal nome in codice N301, vi sarebbe un inedito sistema per la scansione tridimensionale e funzionalità di "advanced human detection". Il sistema di scansione tridimensionale dovrebbe essere una sorta di evoluzione avanzata della sensoristica attualmente presente sulle recenti generazioni di iPhone e che permette di attuare il sistema di riconoscimento facciale Face ID. Secondo le indiscrezioni una prima versione di questo "scanner" potrebbe fare capolino in una nuova generazione di iPad Pro attesa al debutto per il prossimo anno, prima di farsi strada anche nei prossimi iPhone.

L'arrivo di queste tecnologie all'interno di prodotti già esistenti potrebbe rappresentare un modo per consentire agli sviluppatori di prendere contatto in anticipo con ciò che troveranno poi all'interno del visore, e di poter già gettare le fondamenta ad un ecosistema di app. A tal proposito Apple avrebbe pianificato di presentare il nuovo dispositivo agli sviluppatori non prima del 2021 per agevolare, appunto, la costruzione di un ecosistema di applicazioni così che al momento del debutto vi sia già la possibilità di usare il visore nel concreto.

Oltre al sistema di scansione e alle capacità di rilevamento, il visore sarà equipaggiato con display ad elevata risoluzione che renderanno possibile la lettura di piccoli caratteri nonché vedere oggetti virtuali fondersi in maniera realistica all'interno di un ambiente reale. N301 dovrebbe inizialmente essere indirizzato a tre grandi categorie di impiego: videogiochi, visione di contenuti video e comunicazioni in telepresenza.

Gli occhiali per la realtà aumentata nel 2023

Come detto, il visore sembra essere solo il primo dei dispositivi a cui Apple sta lavorando: nel corso dell'anno successivo al debutto di N301 la Mela intende portare sul mercato anche N412, nome in codice identificativo degli occhiali per la realtà aumentata. In questo caso si tratterebbe di un dispositivo meno ingombrante e più leggero, adatto per l'uso quotidiano. Secondo le indiscrezioni i primi bozzetti tratteggiano occhiali con montatura spessa capace di accogliere batteria ed elettronica, anche se ovviamente il design finale potrebbe cambiare.

In passato il CEO di Apple, Tim Cook, ha più volte sottolineato come la realtà aumentata sia un tema e una tecnologia rilevante, paragonandola alla dirompenza che lo smartphone ha avuto nella quotidianità. Apple, mantenendo fede alla riservatezza che da sempre la contraddistingue, non ha commentato in alcun modo le indiscrezioni circolate in queste ore. E' comunque bene sottolineare che nell'arco di due anni, che in campo tecnologico sono un'enormità, potrebbero cambiare molte cose: il progetto potrebbe subire sostanziali modifiche se non addirittura essere cancellato. Ma in ogni caso sembra che anche per questo ambito la Mela voglia seguire l'approccio che ha avuto in passato: evitare di essere tra le prime e invece arrivare in un secondo momento, capitalizzando magari sugli errori dei pionieri e sfruttando meglio la maturazione delle tecnologie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pkarer12 Novembre 2019, 10:46 #1

Traduzioni simultanee

Probabilmente la traduzione simultanea di testi, cartelloni stradali ecc ecc.
Pensate solo all'ipotesi di andare in un paese straniero ad esempio il Giappone… :-)
polkaris12 Novembre 2019, 12:19 #2
L'oculus quest c'è già e dicono che funzioni molto bene. In questo momento Apple sta semplicemente a guardare per proporre in futuro le proprie soluzioni. Comunque sono curioso di vedere cosa uscirà, ormai direi che la sfida è aperta.
supertigrotto12 Novembre 2019, 19:18 #3

Sicuramente sarà un gran prodotto ma....

Se microsoft si gioca bene le carte con hololens,avrà un gran bel vantaggio rispetto ad apple,forse non a livello di design ma a livello di hardware si.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^