Apple contro Amazon per il nome app store, finisce tutto in nulla

Apple contro Amazon per il nome app store, finisce tutto in nulla

La controversia legale che vedeva contrapposte Apple e Amazon per i nomi App Store e Appstore finisce in una bolla di sapone, essendo i nomi troppo generici per rivendicare diritti di esclusiva

di pubblicata il , alle 09:18 nel canale Apple
AppleAmazon
 

Correva l'anno 2011 quando Apple decise di denunciare Amazon per l'utilizzo, a suo dire improprio, del nome Appstore per la vendita delle applicazioni per sistemi Android e Kindle. Apple in sostanza riteneva che il nome potesse confondere gli acquirenti, essendo praticamente identico al proprio App Store (con uno spazio di differenza).

La disputa ha seguito il proprio iter processuale presso la corte di Oakland, in California, seguita poi da una controdenuncia di Amazon, atto quasi dovuto in questi casi quando sono coinvolte aziende di grosso calibro, specie negli Stati Uniti.

La corte, nel corso di discussioni con le parti in causa tenute negli scorsi mesi, suggerì di pensarci bene ad andare avanti con la causa, in quanto il nome troppo generico  avrebbe quasi sicuramente portato a un nulla di fatto. App Store o Appstore sono molto generici e si rivolgono per giunta a clientele differenti, che sanno benissimo cosa stanno acquistando e per quale sistema operativo.

La corte, insomma, ha fatto intendere a Apple che la denuncia non sarebbe approdata certo a una vittoria legale, invitando le parti in causa a ritirare le rispettive cause. Così è stato: Apple in questi giorni ha ritirato la propria denuncia e lo stesso ha fatto Amazon, mettendo fine alla questione (fonte: IGN).

Vi è da dire che la denuncia originale era partita quando ancora c'era Steve Jobs al timone di Apple (sebbene nell'ultimissimo periodo di attività), ed è nota l'aggressività nei confronti della concorrenza del carismatico leader, specie se c'era di mezzo in qualche modo Android, per il quale nutriva una vera e propria avversione. La decisione di ritirare la denuncia è stata sicuramente presa a cuore più leggero dal nuovo management, che appare per certi versi più accomodante rispetto alla linea del passato, nel bene e nel male.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LORENZ010 Luglio 2013, 11:23 #1

cause

si sono fatte cause anche per virgole, punti o questione di millimetri in un logo o sfumature di colore si poteva fare anche questa causa! se allora vogliamo mettere giustamente dei paletti alle cause di questo tipo, che ci si accordi in maniera globale però!
Emblematico il caso del signor GINO ARMANI (nome di fantasia) che registrava il dominio armani.it e poi se lo vedeva sequestrare forzatamente e perdere dopo causa del più famoso Armani stilista. Motivazione? il sito sul gioco degli scacchi (anche qui invento) non era così importante così come la tute dell'immagine del più famoso Armani il quale, forte di una maggiore notorietà, avrebbe goduto di un diritto di prelazione sul dominio nonstante esso fosse stato regolarmente registrato (e pagato) dal signor Gino tempo prima...
A questo punto se "APP STORE" è stato registrato anni fa da Apple e nel tmepo tale combinaizone di parole è associata a qualcosa che fa capo al mondo Apple, allora Apple avrebbe avuto strada abbastanza spianata. E' proprio vero che da quando Jobs non c'è più le cose stanno cambiando in casa Apple, su più fronti!
Ad ogni modo ribadisco: serve un regolamento globale in merito a queste vicende.
hexaae10 Luglio 2013, 13:41 #2
Altra causa insulsa montata da Apple e scoppiata in una bolla di sapone.
Quando finiscono le idee, avanzano le cause legali per rivendicare il passato visto che il presente e futuro sono magri?
songohan10 Luglio 2013, 13:46 #3
Originariamente inviato da: LORENZ0
si sono fatte cause anche per virgole, punti o questione di millimetri in un logo o sfumature di colore si poteva fare anche questa causa! se allora vogliamo mettere giustamente dei paletti alle cause di questo tipo, che ci si accordi in maniera globale però!
Emblematico il caso del signor GINO ARMANI (nome di fantasia) che registrava il dominio armani.it e poi se lo vedeva sequestrare forzatamente e perdere dopo causa del più famoso Armani stilista. Motivazione? il sito sul gioco degli scacchi (anche qui invento) non era così importante così come la tute dell'immagine del più famoso Armani il quale, forte di una maggiore notorietà, avrebbe goduto di un diritto di prelazione sul dominio nonstante esso fosse stato regolarmente registrato (e pagato) dal signor Gino tempo prima...
A questo punto se "APP STORE" è stato registrato anni fa da Apple e nel tmepo tale combinaizone di parole è associata a qualcosa che fa capo al mondo Apple, allora Apple avrebbe avuto strada abbastanza spianata. E' proprio vero che da quando Jobs non c'è più le cose stanno cambiando in casa Apple, su più fronti!
Ad ogni modo ribadisco: serve un regolamento globale in merito a queste vicende.


Il diritto di prelazione esiste perché viviamo in un mondo malato dove vince chi ha piu soldi. Il sig. Armani Gino aveva tutto il diritto a rimanere proprietario del dominio armani.it perché rilevante al suo nome, acquistato legalmente e NON usato per fare concorrenza sleale al piu famoso Armani. Nella chiamiamola causa Apple vs Amazon si stavano scontrando due aziende da novanta e quindi nonostante I soldi non era sicuro dove sarebbe andata la vittoria.
Pring10 Luglio 2013, 22:54 #4
Semplicamente una parola: ridicoli!
andrybyte10 Luglio 2013, 23:04 #5
Oggi come oggi se noi comuni mortali subiamo un torto nemmeno facciamo più denunce per via della crisi e degli avvocati avvoltoi e loro si denunciano per cazzate....ma dai....capisco che tra 2 multinazionali il concetto è diverso "chi la dura la vince" ma non a questi livelli.
emiliano8410 Luglio 2013, 23:05 #6
Giustizia é fatta
ribellee8511 Luglio 2013, 09:39 #7
ormai le migliori battaglie si sono trasferite dai mercati ai tribunali...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^