Apple al lavoro su un motore di ricerca alternativo a Google?

Apple al lavoro su un motore di ricerca alternativo a Google?

Dopo l'ultima indagine del Dipartimento di Giustizia, sembra che Apple sia cercando di spingere lo sviluppo di un sistema di ricerca web alternativo a quello di Google

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Apple
SiriAppleGoogle
 

Apple si starebbe "dando un gran da fare" per sviluppare una tecnologia di ricerca proprietaria: č quanto riferisce il Financial Times sulla scorta delle nuove operazioni dell'autoritā antitrust degli Stati Uniti d'America che ha messo nel mirino il prezioso accordo tra la stessa Apple e Google che concede a quest'ultima di avere su tutti i dispositivi Apple il proprio motore di ricerca come opzione predefinita.

All'interno del recente aggiornamento del sistema operativo mobile iOS 14 Apple mostra i risultati della ricerca web e i rispettivi collegamenti nella forma di "suggerimenti di Siri" direttamente nella schermata di ricerca del telefono, accessibile con uno swipe verso il basso. I suggerimenti di Siri sono disponibili giā da diverse generazioni del sistema operativo, ma la volontā di Apple di spingerne la rilevanza č recente, e che testimonierebbe come Apple stia lavorando per costruire una propria alternativa di ricerca rispetto al motore di Google.

Siri o Spotlight: potrebbe essere uno di questi il futuro motore di ricerca di Apple?

In quest'ottica assume particolare importanza l'assunzione, avvenuta nel corso degli anni passati, di John Giannandrea, ex responsabile della ricerca Google. Giannandrea fu assunto con l'obiettivo di migliorare le capacitā di intelligenza artificiale e le funzionalitā di Siri. E degna di nota č inoltre le continue offerte di lavoro proposte dalla Mela per figure che abbiano tra le loro competenze quelle di programmazione e gestione di motori e algoritmi di ricerca.

Secondo le informazioni raccolte dal Financial Times, vi sarebbe anche una maggiore attivitā di Applebot, il web crawler di Apple, che attualmente opera per migliorare i risultati di ricerca di Siri e Spotlight e che giā in passato aveva alimentato le speculazioni sullo sviluppo di un motore di ricerca da parte della Mela.

Nei giorni scorsi il Dipartimento di Giustizia degli USA ha ufficializzato l'avvio di un'indagine per verificare i contorni dell'accordo commerciale in essere tra Apple e Google e del valore variabile da otto a dodici miliardi di dollari che vengono riconosciuti alla Mela per lasciare il motore di ricerca di Google come predefinito sui suoi dispositivi. Secondo il Dipartimento, l'accordo č dimostrazione di una condotta irrispettosa della libera concorrenza per proteggere il monopolio di Google. Nel mirino c'č quest'ultimo, ma la Mela č contemporaneamente sorvegliata speciale per aver agevolato un comportamento anticoncorrenziale.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mentalray28 Ottobre 2020, 15:58 #1
si come no, come l'alternativa a google maps, un successone
pengfei28 Ottobre 2020, 16:32 #2
Non mi pare un idea così assurda, tutto sommato almeno all'inizio non deve essere al livello di Google, basta che non faccia abbastanza schifo da indurre buona parte degli utenti a cambiare motore di default, io ultimamente sto usando Qwant che come risultati di ricerca non mi pare male (anche se è debole su immagini e news), mi capita raramente di dover tornare a Google e non necessariamente trovo quello che non trovavo con Qwant, e da quello che si legge ha ricevuto nel tempo finanziamenti di poche decine di milioni di euro, una briciola rispetto a quanto può fare Apple che può anche permettersi di assumere i migliori nel campo, come ha già fatto, inoltre hanno già iniziato con i risultati di Siri a proporre risultati di ricerche sul web, e pare che ultimamente l'Apple Bot che usano per ravanare il web sia estremamente attivo.
La cosa che mi lascia più dubbi è il modello di business della cosa, fosse stile Google cozzerebbe un po' con la difesa della privacy la cui ostentazione è piuttosto redditizia per Apple, e dovrebbero rinunciare ai miliardi facili che ricevono da Google (anche se le indagini potrebbero mettere a rischio la cosa).
E poi Apple Maps si può considerare un successo sul serio, secondo wikipedia in USA nel 2016 ha avuto il 30% di quota di mercato contro il 50% di Google Maps (complice la quota di mercato elevata degli iPhone) e in UK già nel 2014 una percentuale tra il 73 e l'82% degli utenti iPhone usava Apple Maps, quindi l'effetto lock-in è decisamente forte, di certo Google non paga miliardi per essere il motore di default perchè si divertono a firmare assegni
jepessen28 Ottobre 2020, 16:49 #3
Originariamente inviato da: pengfei
Non mi pare un idea così assurda, tutto sommato almeno all'inizio non deve essere al livello di Google, basta che non faccia abbastanza schifo da indurre buona parte degli utenti a cambiare motore di default, io ultimamente sto usando Qwant che come risultati di ricerca non mi pare male (anche se è debole su immagini e news), mi capita raramente di dover tornare a Google e non necessariamente trovo quello che non trovavo con Qwant, e da quello che si legge ha ricevuto nel tempo finanziamenti di poche decine di milioni di euro, una briciola rispetto a quanto può fare Apple che può anche permettersi di assumere i migliori nel campo, come ha già fatto, inoltre hanno già iniziato con i risultati di Siri a proporre risultati di ricerche sul web, e pare che ultimamente l'Apple Bot che usano per ravanare il web sia estremamente attivo.
La cosa che mi lascia più dubbi è il modello di business della cosa, fosse stile Google cozzerebbe un po' con la difesa della privacy la cui ostentazione è piuttosto redditizia per Apple, e dovrebbero rinunciare ai miliardi facili che ricevono da Google (anche se le indagini potrebbero mettere a rischio la cosa)


Beh, io mi sto abituando ad utilizzare Bing. A livello di ricerca dei risultati ancora non siamo ai livelli di google, ma nella maggior parte dei casi sono piu' che accettabili ormai. Inoltre con il Rewards se lo utilizzi quotidianamente puoi accumulare punti da spendere ad esempio negli abbonamento di Microsoft (ma io non sono interessato e li spendo un buoni per la beneficienza).

Insomma, non siamo ai livelli di Google, ripeto, ma se non sei prevenuto non sono male i risultati. Quindi un altro po' di concorrenza secondo me non farebbe male.
canislupus28 Ottobre 2020, 16:53 #4
Beh dipende... chi utilizza prodotti Apple, potrebbe trovarlo utile...
L'integrazione hardware-software è molto importante in un'ecosistema abbastanza chiuso.
Poi magari le persone potrebbero iniziare ad usarlo sull'iPhone e se si trovassero bene, portarlo anche su pc (windows o macos).
Gringo [ITF]29 Ottobre 2020, 16:18 #5
Microsoft: Ti Paga per usare Bing
Google: Usi Gratis il motore di Google
Apple: Il motore di ricerca sarà un Servizio e lo Pagherai tot al mese... ( hahahha!)

Potrebbe starci come cosa ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^