App Store: fatturazione ad abbonamento per tutti gli editori

App Store: fatturazione ad abbonamento per tutti gli editori

Il sistema di fatturazione ad abbonamento lanciato con The Daily viene ora reso disponibile per tutti gli editori che offrono i propri contenuti tramite App Store

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Apple
 

Nel corso della giornata di ieri Apple ha annunciato di aver reso disponibile per tutti gli editori di app basate su contenuti presenti sull’App Store il nuovo sistema di fatturazione ad abbonamento. Si tratta della stessa funzione che è stato annunciata in occasione del debutto di The Daily, il quotidiano elettronico di News Corp. eslcusivo per iPad.

Gli abbonamenti acquistati all'interno dell’App Store saranno venduti con lo stesso sistema di fatturazione che viene utilizzato per gli acquisti di applicazioni e e gli acquisti in-app. Gli Editori fissano il prezzo e la durata dell’abbonamento (settimanale, mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale) e i clienti scelgono l'opzione preferita e ricevono automaticamente l’addebito in base alla durata dell’impegno scelto. I clienti possono rivedere e gestire gli abbonamenti sottoscritti dalla pagina del proprio account personale, inclusa anche la possibilità di annullare il rinnovo automatico di un abbonamento. Apple processa di tutti i pagamenti, mantenendo lo stesso 30% che trattiene oggi per altri acquisti In-App.

Gli editori che utilizzano il servizio di abbonamento Apple nella propria applicazione possono sfruttare anche altri metodi per l'acquisizione di utenti digitali al di fuori dell'applicazione. Ad esempio, gli editori possono vendere abbonamenti digitali sui propri siti web, o possono scegliere di fornire l'accesso gratuito agli abbonati esistenti. Dal momento che Apple non è coinvolta in queste operazioni, non viene applicata alcuna revenue sharing, ne’ vi è alcuno scambio di informazioni sui clienti con Apple.

Gli editori devono fornire il proprio processo di autenticazione all'interno della app per gli abbonati che hanno sottoscritto al di fuori dell'applicazione. Tuttavia, Apple richiede che l’editore, qualora decidesse di vendere un abbonamento digitale separatamente, al di fuori della app, renda disponibile la stessa offerta di abbonamento, allo stesso prezzo o inferiore, a clienti che desiderano sottoscriverlo da dentro l'applicazione. Inoltre, gli editori non potrebbero fornire più, nelle loro applicazioni, i link (ad un sito web, ad esempio) che permettono al cliente di acquistare contenuti o abbonamenti al di fuori dell'applicazione.

Per quanto riguarda il versante privacy, ai clienti che acquistano un abbonamento tramite l'App Store sarà data la facoltà di fornire all'editore il proprio nome, indirizzo email e il codice di avviamento postale al momento dell'abbonamento. L'uso di tali informazioni sarà regolato dalle norme sulla privacy dell'editore piuttosto che da quelle Apple. Gli editori possono richiedere ulteriori informazioni ai clienti dell’App Store a condizione che a tali clienti sia offerta una scelta chiara, e siano informati del fatto che eventuali informazioni aggiuntive verranno trattate nell'ambito della politica di privacy dell’editore piuttosto che da Apple.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw16 Febbraio 2011, 13:43 #1
Ottima decisione, apple ha ammorbidito alcune clausole tanto volute dagli editori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^