UMTS, nuova asta in Francia

UMTS, nuova asta in Francia

Aperto il secondo giro per l'assegnazione delle licenze UMTS in Francia: il prezzo base è letteralmente crollato e all'orizzonte spunta anche Bouygues Telecom

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 

E' iniziata la seconda fase per l'assegnazione delle licenze UMST francese che, rispetto alla prima fase, tenutasi lo scorso anno, vede un crollo del prezzo base per l'acquisto della licenza: da 4,9 miliardi di euro a 619 milioni. Questo ridimensionamento è stato attuato anche grazie alle forti pressioni e proteste di France Telecom e di Vivendi Universal.

Il governo, inoltre, ha deciso di allungare la durata delle licenze stesse, da 15 a 20 anni. Queste nuove condizioni hanno suscitato l'interesse dell'operatore Bouygues Telecom che per partecipare all'asta ha deciso di ricorrere ad un amumento di capitale di 800 milioni di euro. Soluzione, questa, dettata anche dall'esigenza di coprire i costi sostenuti per il riacquisto delle azioni di Telecom Italia, che è uscita recentemente dalla compagnia.

Il 16 maggio è il termine ultimo per la presentazione della domanda per l'assegnazione delle licenze. Bouygues coglierà al volo l'occasione anche perchè si profila all'orizzonte la possibilità di lanciare i servizi i-Mode anche in Francia; possibilità, questa, legata però all'ottenimento della licenza da parte di Bouygues

Fonte: Emilio Faivre per Gsmbox

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^