Superata la barriera di 1GHz anche per i PDA

Superata la barriera di 1GHz anche per i PDA

ARM ha annunciato lo sviluppo di una nuova microarchitettura destinata ai processori dei sistemi mobile come PDA e cellulari 3G

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
ARM
 

ARM, la compagnia leader nello sviluppo di processori per dispositivi portatili, ha annunciato una nuova versione di core che potrà permettere alle CPU basate, appunto, su ARM di raggiungere la frequenza di 1 Ghz, una barriera da poco superata anche nel campo dei PC Notebook.

La nuova microarchitettura, il cui nome dovrebbe essere ARM-11, è stata progettata per supportare i nuovi sistemi operativi multitasking e multithreading e le più avanzate funzionalità miltimediali. ARM ha intenzione di utilizzare questo nuovo chip per i prossimi cellulari di terza generazione, per i nuovi PDA, per le fotocamere digitali e per i dispositvi basati su tecnologia VoIP (Vocie-over-IP). Il chip include il set di istruzioni ARMv6, il set di istruzioni Thumb ed il supporto DSP (Digital Signal Processing) per il decoding audio.

I chip basati sul nuovo core e sul processo di fabbricazione a 0.13 micron sono in grado di funzionare alla frequenza di 350 MHz fino ad oltre 500 MHz. Una volta che i produttori inizieranno le produzioni a 0.1 mircon, ARM aumenterà la frequenza di lavoro ad 1 GHz, riuscendo a mantenere un basso consumo di energia.

I processori basati su questa nuova architettura satanno compatibili con Windows CE, Palm OS 5 e superiorui, Symbian OS, e Linux. ARM non produrrà le nuove CPU ma permetterà, dietro licenza, la produzione delle stesse ad aziende come Intel, Texas Instruments e Motorola.

La prima CPU basata su ARM-11 dovrebbe essere disponibile per l'ultimo quarto dell'anno in corso.

Fonte: Infosync

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^