Roma: il biglietto del bus si paga con il cellulare

Roma: il biglietto del bus si paga con il cellulare

Al via la sperimentazione di un nuovo servizio realizzato da ATAC in collaborazione con Omnitel Vodafone

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
Vodafone
 

Omnitel Vodafone e ATAC (Agenzia per i Trasporti Autoferrotramviari del Comune di Roma) comunicano, con la seguente press-release, la sperimentazione di un servizio che consente l'acquisto del cosiddetto "b.i.t." (biglietto integrato a tempo da 75 minuti) inviando un SMS con il cellulare

"Roma, 21 maggio 2002 - ATAC e Omnitel Vodafone primi in Europa iniziano oggi la sperimentazione dell'acquisto del B.I.T. (biglietto integrato a tempo da 75 minuti) tramite cellulare.

Nell'ambito del progetto Telepay dell'Unione Europea, 200 romani avranno la possibilità di pagare il B.I.T. tramite il semplice invio dal proprio telefono cellulare di un SMS. La sperimentazione frutto dell'accordo tra l'Agenzia per i Trasporti Autoferrotramviari del Comune di Roma e Omnitel Vodafone, durerà circa due mesi e permetterà di testare l'efficacia e l'affidabilità di questo sistema che rivoluzionerà il modo di pagare i mezzi pubblici. Per la transazione economica si utilizzerà Omnipay, il sistema di pagamento in mobilità di Omnitel Vodafone.

Da questa mattina i 100 "sperimentatori" selezionati nei giorni scorsi inizieranno a viaggiare sulla rete del trasporto romano, acquistando il Bit da 75 minuti con il loro telefonino. Ma altre 100 persone potranno partecipare a questa sperimentazione iscrivendosi via internet attraverso il portale di Atac.

L'operazione è semplice e richiede pochi secondi: prima di tutto il cliente Atac deve abilitare sul proprio cellulare il servizio Omnipay utilizzando una semplice Ricarica Omnitel Vodafone (la stessa che si utilizza per ricaricare il traffico telefonico) e chiamando il numero dedicato a Omnipay.

Da questo momento il cliente potrà pagare il biglietto inviando un sms con l'acronimo Bit al numero del centro servizi Omnitel-Atac e, dopo qualche istante, riceverà un sms di conferma dell'avvenuta transazione. Ancora pochi secondi e sul display del cliente arriverà via SMS il biglietto: "ATAC S.p.A. Ticket 0,77 Euro Num. 4735454984 Vale/validity 75' dalle ore / from 11,15 del 21-mag.02 Buon viaggio. www.atac.roma.it P.I. 06341981006".

Durante il periodo della sperimentazione, il personale ispettivo dell'Atac verificherà il possesso del titolo direttamente sul display del cliente. Alla fine di luglio i risultati dell'attività verranno resi pubblici e inviati alla Commissione Europea che sovrintende al progetto Telepay per le conclusioni.

"Grazie ad un finanziamento dell'Unione Europea, insieme alla città finlandese di Turku - ha annunciato il presidente dell'Atac, Mauro Calamante - siamo i primi in Europa ad iniziare la sperimentazione del Telepay, un sistema che, quando sarà operativo, permetterà a romani e turisti di acquistare il biglietto di autobus e metropolitane, semplicemente inviando un messaggio dal proprio telefono cellulare".

"Il nostro obiettivo - ha dichiarato Luca Rossetto, Direttore Generale di Omnitel Vodafone - è di migliorare la qualità della vita professionale e privata delle persone con servizi di facile accesso, alla portata di tutti ma tecnologicamente molto avanzati e innovativi applicabili in tutti gli ambiti, anche in quelli più "tradizionali" come l'acquisto del biglietto dell'autobus".

Fonte: Omnitel-Vodafone

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^