Reverse Billing: è veramente pericoloso?

Reverse Billing: è veramente pericoloso?

Portel.it cerca di far luce sul cosiddetto Reverse Billing, ovvero la distribuzione a pagamento e a richiesta di notizie e di contenuti

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 

Portel.it, a questo indirizzo, pubblica un interessante articolo con il quale cerca di far luce sugli aspetti del Reverse Billing. Nei giorni scorsi avevamo annunciato che questa pratica, ormai abbastanza diffusa all'estero, sarebbe stata adottata anche in Italia, portandosi dietro numerosi rischi per i consumatori.

Secondo quanto si legge nell'articolo di Portel.it, non sembra tutto così "nero":

[...]Dal punto di vista legale, la questione è chiara: l'utente deve sapere a cosa s'iscrive, conoscere i prezzi e i dettagli del servizio, avere la possibilità di eliminare l'iscrizione in maniera semplice e veloce. Gli stessi produttori dei server per il reverse billing richiedono ai gestori un'informazione chiara e trasparente: "I prezzi devono essere chiari ed indicati IVA inclusa, comprensivi di qualsiasi costo addizionale. Gli utenti devono inoltre conoscere in anticipo quanti sms riceveranno, così come devono conoscere le modalità per annullare la propria iscrizione". Nella peggiore delle ipotesi (iscrizione carpita con l'inganno), l'utente non è obbligato a pagare nulla, come stabilito dalle norme del Codice Civile. L'ipotesi però è davvero remota, perché presuppone che il servizio ingannevole sia offerto in collusione col gestore: difficile immaginare una società di telefonia mobile che si accorda per ingannare gli utenti, mettendo a repentaglio la propria reputazione commerciale ed andando incontro a denunce per truffa.[...]

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^