Quanto è caro l'inchiostro delle stampanti!

Quanto è caro l'inchiostro delle stampanti!

Grandi polemiche in Inghilterra dove qualcuno ha calcolato quanto costa l'inchiostro delle stampati. Più caro di un Dom Perignon

di pubblicata il , alle 09:22 nel canale Uncategorized
 

Il giornale inglese "which" ha realizzato un'inchiesta per appurare se le aziende costruttrici di stampanti e cartucce, in qualche modo gonfiassero i costi.

Si è appurato che un millilitro di inchiostro costa 2.47 euro contro i 32 centesimi di euro di un Dom Perignon d' annata.

Polemiche anche in merito al chip elettronico che segnala l'imminente esaurimento dell'inchiostro. Disabilitando tale controllo si è riusciti a stampare il 38% in più con la stessa cartuccia.

Pur essendo dati trascurabili a lvello domestico, ipotizzando reti aziendali con un gran numero di stampanti da amministrare, i dati rilevati evidenziano una notevole speculazione.

L' FTO (Fair Trade Office), l'organismo che regola la concorrenza e le trasparenza nei commerci in Gran Bretagna, ha chiesto una maggior trasparenza in merito ai costi di stampa e probabilmente si arriverà all'elaborazione di un benchmark specifico.

fonte: noemalab.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

65 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
KAISERWOOD28 Luglio 2003, 09:29 #1
Ecco perchèp qaundo segnala che l'inchiostro è finito riesco a stampare ancora per molto (tolgo e rimetto la stessa cartuccia per farla rivelare come nuova), furbacchioni!!!

P.S: frequenterranno tutti la stessa scuola di ladri
Wonder28 Luglio 2003, 09:33 #2
non con tutte le cartucce funziona purtroppo
mstella28 Luglio 2003, 09:42 #3

E' li il guadagno!

I produttori svendono le stampanti e regalano software di foto ritocco per invogliare a STAMPARE STAMPARE E ANCORA STAMPARE. Il loro guadagno è sul materiale di consumo. E che guadagno! Comunque ... è meglio il "rosso" d'uva: i colori di una stampa B/N diventano straordinari dopo una bella bottiglia!
ribbaldone28 Luglio 2003, 09:42 #4
Pur essendo dati trascurabili a livello domestico, ipotizzando reti aziendali con un gran numero di stampanti da amministrare, i dati rilevati evidenziano una notevole speculazione.


trascurabili un corno, quando ti rubano dei soldi non è trascurabile niente, comunque non apprezzando questa politica delle case produttrici di stampanti mi sono rivolto al mercato delle compatibili, e al prossimo giro le ricarico con la siringona.
ciao
Giatar28 Luglio 2003, 09:43 #5
Ma se fra un po' vendono le stampanti a 0.99€ con a corredo una mirabolante cartuccia colore che fa solo 3 stampe... è logico che le cartucce sfuse le facciano pagare la modica cifra di 999€
brunlance28 Luglio 2003, 09:47 #6
adesso fanno publicita' di stampanti lexmark che recitano "compra una cartuccia noi ti rergaliamo la stampante" giuro l'ho vista io
brunlance28 Luglio 2003, 09:48 #7
ops..... regaliamo
~efrem~28 Luglio 2003, 09:52 #8
se ci si mettesse a fare un calcolo di costo stampa per pagina il risultato sarebbe che con tutte le stampanti di fascia economica conviene cambiare la stampante appena finito l'inchiostro.....alla faccia del consumismo!!!!!!!
cristianox28 Luglio 2003, 10:03 #9
da un po di indagine che avevo fatto tempo fa solo le canon sono abbastanza economiche da questo punto di vista (sopratutto se si ricarica con il siringone)
fabiannit28 Luglio 2003, 10:04 #10
Io ho comprato una LEXMARK z25 come seconda stampante a 14€, mentra le cartucce costano 35€
Quindi quando si finiscono gli inchiostri me ne compro un'altra
LADRI che sono

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^