Proposta di legge contro la riprogrammazione dell'IMEI

Proposta di legge contro la riprogrammazione dell'IMEI

Presentata una proposta al parlamento inglese che renda illegale la riprogrammazione del codice IMEI dei cellulari.

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 

Nel Regno Unito è stata presentata in parlamento una proposta di legge che renda illegale la riprogrammazione dei codici IMEI dei cellulari. In questo modo si renderà illegale anche la modifica di un codice IMEI che sia stato bloccato da un operatore. La proposta prevede anche una sentenza di 5 anni di reclusione per la violazione della norma.

Non è ancora chiaro se la legge si riferisce in ambito generale alle modifiche del codice oppure se il divieto è posto solamente per le modifiche non autorizzate; sicuramente questa normativa potrà avere un grosso impatto sulle persone che fanno uso di questi tipi di software per avere modo di utilizzare il cellulare su ogni network.

Questa è l'ultimo "deterrente" introdotto in GB in merito ai furti di cellulari: molte sono le persone che, grazie ai software di cracking, riescono ad esportare e ad utilizzare cellulari rubati. Già negli scorsi mesi in Inghilterra erano state adottate alcune misure di sicurezza contro il furto di cellulari che ha raggiunto l'impressionante cifra di 700 mila unità rubate.

Rimandiamo, inoltre, alle seguenti news:

http://www.gsmtech.it/news/143.html
http://www.gsmtech.it/news/212.html
http://www.gsmtech.it/news/295.html

Fonte: Cellular-News

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^