Nessuna novità per le licenze UMTS

Nessuna novità per le licenze UMTS

Parla il ministro delle telecomunicazioni Maurizio Gasparri

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 
(Reuters) - Il ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri, ha negato di aver già deciso l'allungamento delle licenze UMTS da 15 a 20 anni. Lo ha detto rispondendo alle domande dei giornalisti a margine di un convegno. "Il prolungamento lo stiamo valutando, abbiamo raccolto idee e molti documenti", ha risposto Gasparri a chi gli chiedeva delle indiscrezioni di stampa circa un prossimo annuncio a Bruxelles, in occasione della riunione dei ministri delle comunicazioni europei. Ma nella capitale belga, ha precisato, "vado a parlare di e-government".

"Da tempo dico che ci deve essere nel settore un processo di razionalizzazione - spiega Gasparri - e un ministro ne parla con gli operatori, i giornalisti e con i soggetti sul mercato. Ma nessuno è venuto a parlare di restituzione delle licenze, abbiamo raccolto solo idee e molti documenti", ha dichiarato Gasparri.

Il ministro ha anche parlato delle voci circolate nei giorni scorsi a proposito di un ridimensionamento del numero di operatori nel sistema della telefonia italiana. Gasparri ha spiegato che a suo giudizio: "Ci deve essere un processo di razionalizzazione". Ma ha aggiunto che "nessuno è venuto a portare indietro licenze". Oggi un quotidiano finanziario ha parlato delle gravi difficoltà operative che affliggono due società telefoniche: Blu e IPSE.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^