Italiani, tutti per il cellulare

Italiani, tutti per il cellulare

Una ricerca ha rivelato dati interessanti attorno ad un fenomeno noto già da tempo: la passione degli italiani per il cellulare

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 

In Italia, ormai è noto, il cellulare è diventato un vero e proprio fenomeno di costume. “People the research partner” ha condotto una ricerca per meglio capire quali sono le abitudini degli italiani in fatto di telefonia cellulare.

Il primo dato è sintomatico: il 90% degli italiani è possessore di un terminale mobile e, di questi, il 60% circa ne possieda addirittura due (questo dato, ovviamente, è una media perchè non mancano i fanatici che possiedono anche tre cellulari). Dalla ricerca è inoltre emerso che mediamente il cellulare dura nelle tasche degli italiani solamente per un anno.

Dal punto di vista dei servizi, invece, a farla da padrona sono gli SMS ed i nuovi servizi di messaggistica multimediale. Timido successo invece per il WAP, utilizzato solamente dal 12% degli utenti. Motivo in più, questo, per credere che i prossimi servizi UMTS potranno prendere piede solamente "sulla distanza".

Per dare maggiore significato ai numeri qua sopra, basti pensare che nel '95 il numero di possessori di cellulari si attestava attorno al 10% della popolazione per passare a 43% nel '97, raggiungere la quota di 77% nel '99 e arrivare al 90% in questi anni.

Il campione utilizzato dalla ricerca è rappresentato da 1.000 italiani in un età compresa tra i 18 ed i 55 anni.

Fonte: Gsmbox

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^