Intel aiuta Alzheimer's Association

Intel aiuta Alzheimer's Association

Intel e Alzheimer's Association formano un consorzio - ETAC - con l'obiettivo di favorire lo sviluppo di tecnologie per l'assistenza domestica dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 09:22 nel canale Uncategorized
Intel
 

La Alzheimer's Association e Intel Corporation hanno annunciato di aver formato un consorzio con l'obiettivo di favorire lo sviluppo di tecnologie per l'assistenza domestica dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer.

Il consorzio Everyday Technologies for Alzheimer Care (ETAC) intende destinare più di un milione di dollari alla ricerca tesa a sviluppare nuovi modelli di terapia della malattia basati sulle tecnologie attuali e future del computing, delle comunicazioni e dell'assistenza sanitaria domestica.

"Collaborando con la Alzheimer's Association ci auguriamo di stimolare una ricerca innovativa per scoprire come utilizzare le tecnologie del computing e delle comunicazioni a sostegno di comportamenti che contribuiscano a prevenire e scoprire la malattia, favorire l'indipendenza e migliorare la qualità della vita", ha spiegato David Tennenhouse, Vice President e Director of Research per Intel.

Dal consorzio ETAC scaturirà un'alleanza nazionale di esperti di ricerca e sviluppo di diverse discipline, tra cui software engineering, medicina e business, il cui obiettivo sarà di identificare e sfruttare tecnologie come le reti di sensori per rispondere alle svariate esigenze sanitarie dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer e alleviare il carico di fornitori di assistenza e familiari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
world1128 Luglio 2003, 11:17 #1
Bella Intel con le buone azioni
Mendocino 43328 Luglio 2003, 12:11 #2
Intel unge ovunque, come zio Bill
JoJo28 Luglio 2003, 12:57 #3
Originariamente inviato da Mendocino 433
Intel unge ovunque, come zio Bill


Complimenti per il bel commento...
KAISERWOOD28 Luglio 2003, 13:43 #4
"Il consorzio Everyday Technologies for Alzheimer Care (ETAC) intende destinare più di un milione di dollari alla ricerca tesa a sviluppare nuovi modelli di terapia della malattia basati sulle tecnologie attuali e future del computing, delle comunicazioni e dell'assistenza sanitaria domestica."

Intel vede bene, già ci sono le case farmaceutiche ce si fanno il gruzzolo così anche lei.
Mi sarei meravigliato se intel aveese fatto una donazione e non un investimento. Agli occhi delle persone sembrerà che intel si da da fare per l'umanità ma a em sembra che stia investendoo soldi per dopo guadagnarci parecchio con le spese sanitarie che dovrà pagare lo stato.
JoJo28 Luglio 2003, 14:27 #5
Invece se l'avesse fatto AMD sarebbe stata un'opera di bene invece che un investimento... bah... contenti voi...

P.S. Ho 3 PC in casa e tutti montano AMD...
P.P.S. Mia nonna ha Alzheimer e questa malattia non la auguro a nessuno...
Billabong28 Luglio 2003, 20:31 #6
Tutta la ricerca è investimento...

Pensate forse che sia meglio che si fossero tenuti il malloppo, così nessun malato avrebbe avuto vantaggi?

I vantaggi delle eventuali scoperte saranno di tutti, quindi ben vengano!
BlackBug29 Luglio 2003, 09:21 #7

anche se

anche se dopo ci guadagneranno, x ora hanno aiutato chi ne ha bisogno!Buona Intel!
Yesterday29 Luglio 2003, 13:20 #8

Malattie dei paesi ricchi

Alzheimer e' una malattia "dei paesi ricchi", degli occidentali, in ogni caso di chi potenzialmente ha i soldi per curarsi, laddove verra' trovata una cura.

Senza offesa per chi soffre (SOFFRE!) per tale malattia, ma se io avessi un milione di dollari da destinare in beneficenza lo userei per cercare di salvare una parte dei 5 milioni (CINQUE MILIONI!!!) di bambini che muoiono ogni anno di morbillo (MORBILLO!!!) e non corrono rischi di morire di Alzheimer (perche' non vivono abbastanza a lungo...).

I bambini che ancor oggi muoino di morbillo non abitano in paesi industrializzati o ricchi e difficilmente potranno mai comprarsi un auto, un cellulare, un PC, e neanche i loro parenti, e neanche sanno di questa donazione come di tante altre...

Scusate il cinismo e lo scietticismo, ma credo che nulla sia stato fatto per nulla.
alimatteo8629 Luglio 2003, 19:41 #9
anni fa la ms. ha creato un'associazione di beneficenza e, dopo aver donato un po di soldi ne ha ricevuti ancora di ppiù(nn donazioni esterne ma guadagno! mi pare sui 12 mil di $) purtroppo non ricordo bene come abbia fatto

comunque è una buona iniziativa anche se il fatto che lo abbia raccontato in giro ai 4 venti non mi entusiasma

comunque ripeto b u o n a i n i z i a t i v a
cdimauro30 Luglio 2003, 06:18 #10
Io la penso allo stesso modo: iniziative di questo genere vanno lodate sicuramente, a prescindere da chi le sostiene.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^