I guai di Blu

I guai di Blu

Un breve resoconto della vita del quarto operatore che ha trovato difficoltà nel processo di vendita

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 

In queste ultime settimane la vita di Blu è stata piuttosto travagliata: il 18 gennaio, infatti, l'amministratore delegato di Blu, Enrico Casini, aveva parlato anche di una cessione "a pezzi" della società e il 28 gennaio era stato dato come data ultima dal quale Casini avrebbe dovuto trarre delle soluzioni per il futuro della società.

In realtà la giornata di ieri non si è stata, come molti l'hanno chiamata, il D-Day per il futuro di Blu poichè la proposta della vendita a blocchi della società ha incontrato ostacoli di natura giuridica. E' stata quindi ventilata l'ipotesi di un acquisto, in toto o per singoli asset, da parte di Telecom Italia mobile, Wind, Omnitel e Hutchison3G Italia. Addirittura si era presentata l'occasione per un intervento "drastico" di Telecom Italia la quale avrebbe rivenduto a pezzi gli asset dell'operatore.

Ma il processo di vendita risulta ostacolato anche per via delle frequenze poichè, nel caso in cui si optasse per la scissione di Blu, queste dovrebbero venire restituitr al ministero insieme alla licenza. Di certo il ministro Gasparri potrebbe riassegnarle a vantaggio degli operatori maggiori che si trovanole le linee intasate dall'alto numero di clienti, soprattutto nei momenti di picco.

L'aspetto negativo è che in questo modo i soci di Blu perderebbero una grossa fetta di introiti, dal momento che le frequenze sono uno dei "blocchi" di maggior valore della società.

D'altro canto, secondo molti, il problema delle frequenze non ha modo di esistere. Questo perchè si sono già presentate, in passato, circostanze simili a queste: la cessione di Omnitel a Vodafone ha dato lugo proprio ad un subentro nelle licenze attraverso una vendita societaria ed anche il contratto di roaming siglato da Blu con TIM che prevede l'affitto delle frequenze ad un operatore diverso, in questo caso TIM, da quello al quale sono state rilasciate (Blu).

Il 12 febbraio sarà convocata un'assemblea per i soci di Blu per discutere delle necessità finanziare dell'azienda la quale, secondo un portavoce "anche se in corso di cessione, deve andare avanti". Lo scopo di questa assemblea sarà quello di armonizzare l'andamento gestionale unitamente al processo di dimissione della società stessa.

Fonte: Gsmbox

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^