Batterie a celle di combustibile

Batterie a celle di combustibile

Le industrie giapponesi sono al lavoro per produrre un nuovo tipo di batterie dall'autonomia molto elevata.

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
 
Per via della comparsa sul mercato degli ultimi terminali GPRS con schermo a colori, l'esigenza di avere delle batterie con un'autonomia abbastanza elevata si è fatta sempre più pressante.

Si profila all'orizzonte la soluzione a questo problema rappresentata dalle batterie a celle di combustibile, di derivazione aerospaziale. Questa soluzione consentirà la realizzazione di batterie con una durata di dieci volte le batterie attuali.

Del resto è facile accorgersi come gli ultimi ritrovati della tecnologia richiedano sempre una maggiore scorta di energia a causa delle numerose funzioni multimediali e non che possono offrire.

In questo momento sono le aziende giapponesi quelle che stanno lavorando a questo progetto.

Toshiba sta progettando una batteria che utilizzi il metanolo e che, realisticamente parlando, dovrebbe vedere la luce entro i prossimi due anni. Anche Nec sta progettando una batteria basata sul metanolo che potrà consentire fino ad un mese di stand-by per un cellulare o potra permettere ad un notebook di restare acceso per una giornata intera.

Sony è invece orientata a sviluppare delle batterie basate sulle molecole di carbonio, le quali consentono il funzionamento delle batterie stesse anche a temperature estreme.

Secondo le prime stime queste batterie dovrebbero iniziare ad essere commercializzate tra il 2002 e il 2005 e presto soppianteranno le batterie al litio che ora sono utilizzate dalla maggioranza delle persone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^