Alfabetizzazione e lingua comune per l'IT

Alfabetizzazione e lingua comune per l'IT

Dalla città che ha dato i natali a Shakespeare e alla moderna lingua inglese e partito il progetto di normativa dell'alfabetismo digitale,per favorire una comune lingua e cultura dell'IT

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 09:58 nel canale Uncategorized
 

Il summit del Global Digital Literacy Council, che si tiene ogni due anni, si e svolto in Inghilterra a Stratford-Upon-Avon (UK), con l'obiettivo di stabilire i principi che guidano lo sviluppo della digital literacy, ossia dell'alfabetismo digitale.

"Siamo onorati, in qualità di città natale della letteratura inglese, di ospitare il global digital literacy summit" commenta Clive Thomas sindaco della cittadina che ha dato i natali a Shakespeare e che era presente alla cerimonia di apertura per dare il benvenuto ai delegati provenienti dall'America, dall'Estremo Oriente, tra cui ad esempio il Giappone, e da tutta l'area EMEA (Europe Middle East e Africa).

I lavori del congresso avevano l'obiettivo di stabilire degli standard per lo sviluppo dell'alfabetizzazione e della cultura informatica in tutto il mondo.

Scopo del Global Digital Literacy Summit infatti e proprio quello di definire delle specifiche internazionali, che siano indipendenti dai produttori di computer e software, per quanto riguarda il diffondersi delle competenze per l'utilizzo del PC e di Internet.

Il Global Digital Literacy Council e composto da società ed enti che operano nel campo della didattica, dello sviluppo delle risorse, dell'occupazione e della certificazione e che si propongono di colmare il cosiddetto digital divide- o divario digitale - che identifica la mancanza, o la difficoltà, di accesso e di fruizione alle nuove tecnologie di comunicazione e informatiche. Dato che questo divario tende ad ampliarsi sempre più, le iniziative nel campo della digital literacy devono coinvolgere le aziende ma anche il mondo accademico e politico.

Durante il summit, i partecipanti hanno identificato le qualità e le conoscenze necessarie, ovvero i requisiti per definire una competenza di base per operare nel settore dell'Information e Communication Technology. Tra i risultati anche un programma di test, riconosciuto a livello internazionale, che convergerà nel programma IC3, la prima certificazione mondiale per le competenze informatiche di base. "L'accordo sulla certificazione internazionale IC3 getta le basi per una cooperazione sugli standard globali davvero efficace, molto più che con ogni altra certificazione di base," dichiara Ms. Lim Choon Heong, General Manager of the National Infocomm Competency Centre in Singapore. "Inoltre, il rigoroso processo attraverso il quale la certificazione è stata sviluppata assicura che le capacità certificate siano rilevanti e aggiornate".

Il Global Digital Literacy Council continuera a incontrarsi ogni due anni - secondo i cicli biennali di sviluppo dei suo programmi - per studiare i cambiamenti tecnici e sociali che influenzano gli standard dell'alfabetismo digitale, sia per quanto riguarda la didattica che il mondo del lavoro.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sig. Stroboscopico22 Ottobre 2003, 12:42 #1
Interessante...
Chissà quanto hanno intenzione di farlo pagare...

Ciao!
Manwë22 Ottobre 2003, 14:06 #2
Terribile!
tom8bjk22 Ottobre 2003, 15:18 #3
Sarà uguale alla patente europea del computer???
URENDA!!!!!!!!!!
tom8bjk22 Ottobre 2003, 15:25 #4
Speriamo per il meglio, se faranno un corso decente e qualificato, potrebbe essere molto interessante!
dragunov22 Ottobre 2003, 20:15 #5
A me sembra serio non come ecdl!!!!
Grandissima...caxxata!!
80 euro
csteo23 Ottobre 2003, 01:14 #6
mi pare un altra certificazione del Kaiser.

Tanto di certo l'operatore che deve usare un sistema non si fara sta certificazione ,sarà ga tanto se sa che esiste .E tu indi devi metterti lo stesso a spiegare che la frecciolina sul monitor (scusate puntatore) la si muove col mouse e da li scatta "Come si prende un mouse...."

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^