Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Off Topic > Discussioni Off Topic > Scienza e tecnica

DJI Osmo Pocket: l'abbiamo messa alla prova sul campo al CES di Las Vegas
DJI Osmo Pocket: l'abbiamo messa alla prova sul campo al CES di Las Vegas
'Può DJI Osmo Pocket diventare lo strumento perfetto per le riprese in fiere ed eventi?' Questa la domanda che si è subito frullata in testa già dalla prima volta che l'ho impugnata. L'ho messa a lla prova direttamente sul campo al CES 2019 di Las Vegas. Nonostante fossi scettico inizialmente la risposta è stata un netto sì
ASUS ZenFone Max Pro (M2): tanta leggerezza ma con una batteria da 5.000 mAh. La recensione
ASUS ZenFone Max Pro (M2): tanta leggerezza ma con una batteria da 5.000 mAh. La recensione
Il 2019 di ASUS si apre con la nuova versione del Max Pro (M2) della famiglia ZenFone che da sempre si configura per grandi doti di autonomia ad un prezzo incredibile. Il device parla di questo ma delinea anche la nuova gestione dell’azienda pronta a fare di più per l’utente finale.
Recensione Razer BlackWidow Elite: la vedova nera che chiede compromessi
Recensione Razer BlackWidow Elite: la vedova nera che chiede compromessi
La Razer BlackWidow Elite si posiziona in alto nel mondo delle tastiere meccaniche da gioco non solo per via del prezzo, ma anche delle caratteristiche: switch Razer, costruzione solida, configurabilità (quasi) senza limiti, grande comfort. Richiede però dei compromessi, dettati soprattutto dal software Razer Synapse che ne limita le possibilità
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 01-09-2005, 21:52   #34
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Legge del decadimento radioattivo

Il numero di particelle radioattive emesse da una sostanza nell’unità di tempo (e dunque il numero di nuclei instabili) non è costante nel tempo, bensì diminuisce esponenzialmente. Questa dipendenza è caratteristica di tutti i fenomeni radioattivi.
In termini di meccanica quantistica, il processo è un fenomeno statistico contraddistinto da una probabilità per unità di tempo λ , tipica della specie nucleare. Se il nucleo ha più di un modo di decadimento, allora λ è la somma di ciascuna costante per ciascun modo: λ=λ1+λ2+λ3+...
λ prende nome di costante di decadimento, ha un valore peculiare differente per ogni radionuclide e la sua unità SI è l’inverso del secondo [s^(-1)].
In un campione contenente N nuclei instabili, non possiamo prevedere quali saranno i nuclei a decadere, ma possiamo esprimere la natura statistica del processo affermando che il numero medio di decadimenti in un tempo dt sarà:



( il segno – indica che la popolazione N diminuisce). L’equazione (1) esprime in forma differenziale la legge del decadimento radioattivo.
Integrando la (1) si ottiene:



In questa espressione N0 rappresenta il numero dei nuclei radioattivi presenti al tempo t = 0.


Datazione radiometrica

I metodi di datazione radiometrica utilizzano i fenomeni della radioattività naturale, cioè la trasformazione spontanea di isotopi instabili di una data specie in nuclei stabili. Conoscendo il tempo di decadimento di un certo radionuclide, è teoricamente possibile usare il suo decadimento come orologio per misurare un intervallo di tempo. In tabella 1 sono riportati alcuni dei principali isotopi radioattivi usati per la datazione (vedere anche figura 3). Altri isotopi radioattivi che appaiono in natura non vengono usati o perché sono presenti in quantità minime o perché hanno un tempo di dimezzamento non adeguato.



La radiodatazione si basa, quindi, sulla misura dei nuclei residui in materiali nei quali, al momento della formazione, sono rimaste inglobate sostanze radioattive. Per un campione contenente N_0 nuclei iniziali di una sostanza radioattiva, la legge di decadimento (2) permette di stabilire una relazione tra il numero di nuclei residui N(t) e il numero dei nuclei discendenti D(t), generati dal decadimento:



Usando l’equazione (6) e i valori sperimentali per N(t) e D(t), si trova poi il tempo (geologico) trascorso dalla formazione del reperto sotto analisi :



l’equazione (7) prende il nome di “equazione dell’età”. L’età misurata è attendibile solo se il campione è rimasto isolato dall’ambiente esterno, ovvero se non ci sono state né aggiunte né perdite di materiale radioattivo nel corso del tempo. Le sostanze radioattive naturali in base alla loro origine si distinguono in primordiali e cosmogeniche. Le prime sono così chiamate perché esistono sulla terra dal tempo della sua formazione e sono caratterizzate da un tempo di decadimento molto grande.
Le sostanze cosmogeniche, come il C-14, sono prodotte dall’interazione dei raggi cosmici con l’atmosfera, la crosta terrestre ed il mare. In genere, nelle tecniche di datazione, l’intervallo di tempo di applicabilità per un certo isotopo è circa 10 volte il suo tempo di decadimento.
I metodi di datazione delle rocce utilizzano il decadimento di elementi primordiali in esse contenuti (Rubidio (Rb), Torio (Th) ed isotopi dell’Uranio (U)). Con questi elementi si sono stimate l’età della roccia più antica presente sulla Terra (granito della Groenlandia=3,7·109 anni) e la stessa età della Terra, 4,6·10^9 anni. Il decadimento del Potassio (K) in Argon (Ar) ha invece un campo di impiego più ampio. Infatti, anche se il suo tempo di dimezzamento è piuttosto elevato, recenti tecniche hanno reso possibile misurazioni di piccolissime quantità di Argon in rocce aventi un’età di solo 50.000 anni.
Non viene usata invece la trasformazione del Potassio in Calcio (Ca) poiché è estremamente difficile distinguere il Calcio prodotto dalla reazione nucleare da quello primario, presente in grandi quantità nella crosta terrestre. Per la stima di età ancora più recenti, ci si basa sul radioisotopo del Carbonio, il C-14, che ha un tempo di dimezzamento di appena 5.730 anni e che, dunque, può essere usato per datare avvenimenti della storia dell’uomo. Riassumendo, nella scelta di radioisotopi da usare nella datazione di reperti bisogna tenere conto che:
• Il tempo di dimezzamento deve essere opportuno rispetto all’età da misurare. Se esso è troppo lungo la concentrazione dell’elemento figlio sarà troppo bassa per essere misurata, se è troppo corto sarà già completamente decaduto.
• Il radionuclide si deve distinguere da altri nuclidi presenti nel reperto alla sua formazione.
• Non ci devono essere durante tutta la storia del reperto né perdite del radioisotopo né del prodotto figlio.




Principi della radiodatazione con C-14

Ιl metodo di datazione con il radiocarbonio non permette l’utilizzo dell’equazione dell’età (7) vista in precedenza. Νel processo di decadimento del C-14, il nucleo discendente è l’Azoto che non può essere utilizzato per risalire alla concentrazione iniziale del radioisotopo nel reperto. L’Azoto è, infatti, abbondante nell’atmosfera e quindi facilmente presente come sostanza inquinante. Inoltre, essendo gassoso, esso può facilmente sfuggire dal materiale in cui è stato prodotto. L’età del campione contenente C-14 dovrà essere determinata mediante una formula ricavabile dalla equazione (2) conoscendo sia il numero di nuclei di C-14 contenuti nel reperto all’istante t (valore deducibile sperimentalmente) sia il numero di nuclei di C-14 contenuti nel reperto al momento della morte dell’organismo (valore né misurabile né noto a priori).

E’ possibile però fare una stima sufficientemente precisa usando alcune ipotesi:
• la quantità di C-14 nell’atmosfera è rimasta costante nel tempo, cioè esiste equilibrio tra la formazione di C-14 e il suo decadimento
• Il rapporto tra le quantità di C-14 e di C-12 nell’atmosfera è rimasto costante nel tempo.
Con queste ipotesi possiamo scrivere una formula approssimata che fornisce l’età del campione in base al rapporto fra le quantità di C-12 e di C-14 in esso presenti al tempo t.

Il problema della calibrazione

I passaggi precedenti assumono che nei tessuti degli organismi viventi siano presenti nuclei di C-12 e di C-14 nelle proporzioni atmosferiche. In realtà tutte le precedenti ipotesi sono molto restrittive e non interamente soddisfatte. Durante la fotosintesi si producono molecole organiche complesse contenenti lunghe catene o anelli di atomi di Carbonio legati fra loro. La formazione di legami C – C è favorevole se gli atomi di C sono più leggeri, più mobili, pertanto il Carbonio fotosintetico è meno ricco di C-13 e di C-14 dell’anidride carbonica atmosferica. Quando la CO_2 atmosferica è fissata ed entra nei cicli biologici, il suo contenuto di isotopi diminuisce (il processo è detto frazionamento isotopico).
Inoltre, nel tempo, anche il rapporto tra le concentrazioni di C-14 e C-12 nell’atmosfera non è rimasto costante, ma ha subito variazioni a breve e a lungo termine. Le principali cause sono:

• Variazioni del flusso di raggi cosmici dovute a modificazioni del campo magnetico terrestre (con un periodo di 8.000 anni), a cambiamenti dell’attività solare intensa (con periodo di ~ 200 anni) e dell’attività solare meno intensa ( con periodo 11 anni). La tabella 4 riporta una stima della correzione da apportare alle misure di datazione, che tiene conto di tutti questi effetti.



• Cambiamenti climatici globali e locali, che determinano variazioni di abbondanza di radiocarbonio nelle varie riserve (ad esempio la concentrazione dell’anidride carbonica dipende dall’equilibrio tra la pressione parziale nell’atmosfera e la sua concentrazione nelle acque di superficie).

• Immissione nell’atmosfera di anidride carbonica in seguito a fenomeni naturali (eruzioni vulcaniche).

• Variazione della concentrazione di radiocarbonio dovuta all’attività umana, sia per effetto dell’utilizzo di Carbonio fossile completamente privo di C-14 ormai decaduto, la cui combustione produce CO_2 non radioattiva ed aumenta la concentrazione di C-12 in atmosfera, sia per effetto delle esplosioni nucleari che creando neutroni, al pari dei raggi cosmici, danno luogo ad una sovrapproduzione di C-14. Attualmente è presente nell’atmosfera il 20% in più di radiocarbonio rispetto allo standard.

Queste variazioni dell’abbondanza del C-14 forniscono errori sistematici nelle datazioni con il radiocarbonio. Ciò non invalida il metodo in generale, ma richiede che i suoi risultati siano corretti ricorrendo a datazioni ottenute per altra via. A partire dagli anni ’60 si sono sviluppate svariate procedure di calibrazioni che utilizzano la dendrocronologia, metodo che analizza il contenuto di C-14 nel legno degli anelli di accrescimento di un albero, lo studio dei coralli fossili con il metodo dell’uranio-torio e la datazione delle varve. Le curve di calibrazione ottenute con i tre metodi sono generalmente in accordo fra loro e consentono di calibrare le date da radiocarbonio fino a 45.000 anni.



(Continua...)
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 01-09-2005, 22:18   #35
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
La dendrocronologia

Il metodo della dendrocronologia è basato sullo studio del radiocarbonio contenuto in ogni anello o insieme di anelli di un albero e associato con l’età dedotta dal numero d’ordine degli anelli.
Un albero vivente, ad esempio una quercia di 1.000 anni con 1.000 anelli, permette di datare per sovrapposizione tutti i legni di quercia della stessa regione geografica meno vecchi di 1.000 anni. Se un legno archeologico di quercia della zona contiene 300 anelli e questi anelli si sovrappongono a quelli del campione vivente, si può conoscere la data di nascita e di morte dell'albero. La sovrapposizione è agevolata dal fatto che gli anelli non sono eguali: sono sottili se corrispondono ad anni poco piovosi e sono larghi se corrispondono ad anni molto piovosi, inoltre il loro colore è differente.



Per datazioni dendrocronologiche non è necessario trovare un albero vivente; infatti, in letteratura sono riportate le sequenze della quercia e del pino tedesco di 11.000 anni, della quercia irlandese fino al 5289 a.c., del pino della California di 9.000 anni e di altre specie, costruite estendendo le sequenze degli alberi viventi ai legni archeologici. Le curve di calibrazione, così ottenute, permettono di correggere la datazione in base alla concentrazione di C-14 effettivamente presente, risalendo sino a circa 12.000 anni fa.
È importante notare che l’andamento irregolare della curva di calibrazione (vedere figura 10) può impedire che la procedura di calibrazione conduca a risultati univoci. Questa ambiguità è intrinseca al metodo di datazione e fa sì che le date da radiocarbonio assumano, in certi casi, un carattere probabilistico, nel senso che ad un reperto non potrà essere attribuita un’età, ma potranno corrispondere più età con diverse probabilità.


Datazione con il metodo Uranio-Torio

Il metodo dell’Uranio-Torio è utilizzato per stimare l’età dei coralli misurando l’attività dei nuclei radioattivi di differente origine, radiogenica nel caso del C-14 e primordiale nel caso dell’Uranio.
L’abbondanza di Uranio è del tutto indipendente dai fenomeni che influenzano quella del radiocarbonio. Le due misure consentono di estendere la calibrazione oltre i 12.000 anni permesse dalla dendrocronologia.
L’Uranio, disciolto nell’acqua marina, è assimilato dagli organismi marini fino al momento della loro morte. La datazione dei coralli fossili è fatta mediante lo studio delle concentrazioni di elementi della famiglia radioattiva dell’U-238.
Si parla di famiglia radioattiva quando i successivi prodotti di decadimento del nucleo capostipite sono a loro volta radioattivi e si viene a creare una catena di decadimenti fino a giungere ad un discendente stabile.
Con questo metodo si ottengono curve di calibrazione sino a 30.000 anni fa.


Datazione con le varve

L’età delle varve (o stratificazioni geologiche annuali) può essere stabilita in base al loro numero d’ordine partendo dalla superficie ed è possibile confrontarla con la datazione risultante dal radiocarbonio contenuto in reperti organici (foglie, insetti...). Le curve di calibrazione ottenute con le varve sono generalmente in buon accordo con quelle ottenute con altre tecniche e consentono di estendere la calibrazione fino a 45.000 anni fa.
La sovrapposizione di varie curve di calibrazione, risultanti da diversi metodi comparativi, riduce le possibili ambiguità, confermando i dati e minimizzando gli errori.


Età della riserva

La datazione con il C-14 è ulteriormente complicata nel caso che il Carbonio non abbia seguito la via più diretta per arrivare all’organismo e quindi al reperto. Ai campioni che hanno assorbito il loro Carbonio da una sorgente differente dall’atmosfera, può essere attribuita un’età così detta apparente. Il rapporto tra le abbondanze di C-14 e di C-12 nella riserva è diverso da quello atmosferico.
Un mollusco che vive oggi in un lago circondato da un bacino di calcare, se esaminato con la tecnica di datazione al C-14, risulterebbe eccessivamente vecchio. La ragione sta nel fatto che il calcare privo di radiocarbonio è, per effetto dell’erosione, disciolto nel lago diminuendo la concentrazione di C-14.
Il lago, in questo caso, ha una diversa riserva di C-14 e, quindi, eventuali datazioni con il radiocarbonio devono essere opportunamente corrette.
Uno dei più comuni casi di ambienti con differente concentrazione di radiocarbonio è l’oceano. Tra un reperto vissuto sulla superficie terrestre ed uno sotto il livello del mare c’è una differenza di circa 400 anni e sul fondo marino una differenza di circa 1.800 anni nelle loro datazioni. Questa età apparente dell’acqua dell’oceano è dovuta sia al ritardo introdotto dal processo di scambio tra la CO_2 dell’atmosfera e il bicarbonato dell’oceano, sia all’effetto di diluizione tra l’acqua di superficie e quella proveniente dal fondale.

(Continua...)
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 01-09-2005, 22:44   #36
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Tecniche di misurazione

Attualmente sono possibili due tecniche per determinare il rapporto tra C-14 e C-12 di un reperto:
• Metodo di Libby, che è la datazione con un metodo convenzionale per la misura dell’attività radioattiva β del campione;
• Metodo AMS, basato sulla Spettroscopia di Massa Atomica (AMS) con acceleratori di particelle di tipo Tandem, che permette la misura diretta del rapporto fra atomi di Carbonio e del suo radioisotopo.


Preparazione dei campioni

Per quel che riguarda l’estrazione del Carbonio, si deve distinguere fra:
• reperti organici (di natura biologica) che sono sottoposti a combustione in atmosfera d’ossigeno per produrre ossido di carbonio (CO) e biossido di carbonio (CO_2) che può esser trasformato in altri componenti gassosi, liquidi o in Carbonio solido sotto forma di grafite;
• reperti carbonati che sono trattati con acidi per ottenere carbonato di bario o carburo di litio. Al primo si può aggiungere acido fosforico per ottenere biossido di carbonio, e al secondo acqua per ottenere acetilene.
Un aspetto cruciale della radiodatazione è la contaminazione da parte di Carbonio estraneo. Essa può essere di due tipi: contaminazione “in situ” dipendente dalla storia chimico-fisica e dallo stato di conservazione del campione, oppure contaminazione da parte di Carbonio moderno nel corso dei trattamenti chimici a cui il campione è sottoposto (ad esempio rilascio di CO e CO_2 dalle pareti dei recipienti in cui viene raccolto il materiale da trattare).
La contaminazione da Carbonio fossile, privo di C-14, fa apparire il campione più vecchio, mentre quello da Carbonio moderno, ricco di C-14, lo fa apparire più giovane; quest’ultima possibilità può avere effetti particolarmente rilevanti in reperti antichi.
L’inquinamento, dovuto ai trattamenti chimici, viene valutato misurando il rapporto tra C-14 e C-12 in campioni preparati con gli stessi procedimenti chimici, ottenuti da grafite geologica priva di radiocarbonio a causa della sua età remota. La quantità spuria di C-14 dipende solo dal tipo di trattamento del campione ed è indipendente dalla sua massa. L’errore sarà tanto più rilevante quanto è più piccolo il campione da datare.
Gli effetti della contaminazione da Carbonio antico sono più difficili da stimare. L’inquinamento può essere causato da carbonati provenienti dalle acque freatiche, da funghi e batteri oppure da composti organici del suolo e può essere parzialmente ridotto mediante una pulitura con solventi che assicura la rimozione delle contaminazioni superficiali. L’efficacia di tale trattamento è verificata eseguendo datazioni, oltre che del campione pulito, anche del materiale asportato e di campioni non ripuliti.


Datazione convenzionale

Nel metodo di datazione convenzionale, si utilizza la relazione N = A /λ (ottenuta invertendo l’equazione (1) e definendo l'attività A=dN/dt) che permette di determinare il numero assoluto di nuclei C-14 del reperto (N), conoscendo i valori sperimentali dell’attività e della costante di decadimento λ.
Misurando la massa del Carbonio totale, si trova infine il rapporto tra C-14 e C-12 presente nel reperto in analisi. Per misurare con alta precisione l’attività di un campione è necessario studiare un elevato numero di decadimenti. Infatti se si misurano 100 decadimenti si ha un errore statistico del 10%; per raggiungere un errore statistico del solo 1% bisogna misurare 10.000 eventi! Nel caso di reperti “giovani” (con un’età inferiore ai 2.000 anni) e presenti in grande quantità, la precisione del metodo è molto elevata: ± 40 anni. Per campioni più vecchi l’imprecisione aumenta. Gli svantaggi della datazione convenzionale con il C-14 sono quindi la necessità di lunghe misurazioni (anche a causa del lungo tempo di dimezzamento) e la richiesta di quantità relativamente abbondanti di Carbonio estratto dal reperto, dell’ordine di almeno 10 mgr. Purtroppo, di molti reperti di grande valore archeologico, sono disponibili solo piccoli frammenti, da cui è possibile estrarre una quantità di Carbonio inferiore al milligrammo.
Questa tecnica di misura richiede, inoltre, particolare attenzione alla minimizzazione del rumore di fondo.
Le misure della datazione convenzionale utilizzano contatori proporzionali a gas o contatori a scintillatore liquido, la cui descrizione esula dai nostri scopi.


Datazione con AMS

Uno spettrometro di massa è un apparecchio che permette di determinare la massa di atomi o molecole. L’abbinamento di un acceleratore fornisce una risoluzione di massa (ossia una capacità di discriminare particelle di massa poco diversa le une dalle altre) molto superiore a quella del solo spettrometro.
L’utilizzo combinato di tali dispositivi consente, quindi, di misurare direttamente la quantità di radiocarbonio ed il rapporto isotopico del Carbonio estratto dal materiale da datare.
Condizione necessaria è la trasformazione del campione in un fascio di ioni (atomi elettricamente carichi). Le particelle così ottenute sono accelerate in un campo elettrico e successivamente separate con campi elettrici e magnetici a secondo della loro massa.
La bassissima percentuale di ioni di C-14 rende ovviamente la misura estremamente difficoltosa. L’acceleratore è usato, come si vedrà nel seguito, per rimuovere parte degli ioni (per esempio l'Azoto-14) che potrebbero essere confusi con il radiocarbonio.
Solo una minima quantità di materiale è necessaria per la tecnica di misura con AMS (30µg-3mg di Carbonio) riducendo così al minimo il danno provocato all’oggetto da datare.
Il problema della radiazione di fondo ambientale è irrilevante nel metodo con AMS. Tuttavia anche questo metodo ha dei limiti intrinseci, che dipendono da una contaminazione della sorgente di ioni di Carbonio e del canale di trasporto ed è costituita da un residuo di ioni spuri con carica, massa ed energia tali da simulare ioni di C-14.
Il maggior vantaggio del metodo AMS, rispetto al tradizionale conteggio del decadimento, è la più alta sensibilità della misura. Con l’AMS gli atomi di radiocarbonio sono contati direttamente senza dover attendere che decadano. Questo permette di avere campioni su cui operare tipicamente 1.000 volte più piccoli e tempi di misura ridotti di 100 volte rispetto a quelli richiesti dalla tecnica radiometrica tradizionale.
Con il metodo AMS, per campioni di Carbonio di massa maggiore di 0,5 mg ed età inferiore a 2.000 anni è possibile effettuare, in meno di due ore, misure del rapporto tra C-14 e C-12 con errore statistico inferiore allo 0,3% ed un errore assoluto della datazione di ± 25 anni.
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 01-09-2005, 23:20   #37
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Ragazzi, per quanto riguarda la Sindone ho degli aggiornamenti molto importanti.

In realtà, mea culpa, queste sono notizie vecchie di 5 anni, ma io non mi sono più documentata sulla questione e sono rimasta ferma alla situazione estremamente possibilista che avevo lasciato un paio d'anni prima della serie di convegni in cui il mio vecchio professore Luigi Gonella e gli altri suoi colleghi hanno annunciato i risultati delle verifiche a cui erano stati sottoposti i dati che mettevano in dubbio la datazione medioevale della Sindone.

Queste verifiche, ahimè, si sono rivelate assai simili a quelle che hanno riguardato gli esperimenti sulla fusione fredda, in quanto nessuno degli esperimenti che avevano messo in discussione i risultati della radiodatazione della Sindone è stato replicato con successo.

Quindi allo stato attuale delle cose la comunità scientifica riconosce che la Sindone è un artefatto di epoca medioevale.

Rimangono aperte le discussioni su come sia stato possibile produrre un tale artefatto. Qui il mistero rimane fitto. Il prof. Gonella, a tale proposito, dice testualmente (e lo ha sempre detto, pronunciò la stessa frase in presenza mia e dei miei colleghi probabilmente più di una volta): "La Sindone è un oggetto che non dovrebbe esistere".

Vi lascio un resoconto del convegno che c'è stato a fine 2000 al Politecnico di Torino. Io ero a Roma e non ne avevo ricevuto notizia. L'articolo che vi linko, e anche quel particolare convegno, erano organizzati dal CICAP a scopo divulgativo, ma ovviamente in contemporanea hanno avuto luogo conferenze specialistiche per addetti ai lavori.

LINK ALL'ARTICOLO DEL CICAP
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 09:18   #38
Correx
Senior Member
 
L'Avatar di Correx
 
Iscritto dal: Mar 2003
Città: Mazara del Vallo
Messaggi: 2321
Quote:
Originariamente inviato da ChristinaAemiliana
(...) Quindi allo stato attuale delle cose la comunità scientifica riconosce che la Sindone è un artefatto di epoca medioevale (...)
Rimangono aperte le discussioni su come sia stato possibile produrre un tale artefatto. Qui il mistero rimane fitto....
Grazie per l'utilissimo "collage" di ChristinaAemiliana a proposito del C14

Mi aggrada il termine "artefatto" e non "falso", come riportato nell'altro link del CICAP...

Se non è un <<ritratto>> , chi potrebbe essere veramente allora l'uomo che si cela dietro al negativo e sembra aver patito le medesime sofferenze del Cristo descritte nei Vangeli ?

Avete mai sentito parlare dell'ipotesi "Jacques de Moliere" ? Ho letto tempo fa "La chiave di Hiram" (Mondadori) dove gli autori sostengono apertamente questa tesi... Ma ho letto pure di parecchie incogruenze...
__________________
Asus PZ68-V Pro-Intel 2600k-OCZ 2x240 GB-Corsair Vengeance 16GB-Zotac GTX970-SilverStone 750W-Thermaltake Overseer RX-I
Correx è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 09:35   #39
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Quote:
Originariamente inviato da Correx
Grazie per l'utilissimo "collage" di ChristinaAemiliana a proposito del C14
Non c'è di che!

Quote:
Mi aggrada il termine "artefatto" e non "falso", come riportato nell'altro link del CICAP...

Se non è un <<ritratto>> , chi potrebbe essere veramente allora l'uomo che si cela dietro al negativo e sembra aver patito le medesime sofferenze del Cristo descritte nei Vangeli ?
Beh, a questo punto, se è un oggetto prodottosi in modo naturale, quell'uomo potrebbe essere chiunque...di sicuro, comunque, è una persona vissuta nel Medioevo.

Quote:
Avete mai sentito parlare dell'ipotesi "Jacques de Moliere" ? Ho letto tempo fa "La chiave di Hiram" (Mondadori) dove gli autori sostengono apertamente questa tesi... Ma ho letto pure di parecchie incogruenze...
No, ma ho sentito parlare di Jacques De Molay, il Gran Maestro dell'Ordine dei Templari ucciso insieme alla quasi totalità dei suoi confratelli quando, in un momento storico compatibile con quello in cui si ritiene sia stata prodotta la Sindone, i Templari furono sterminati.

Esiste l'ipotesi che la Sindone sia il suo sudario e che il poveretto sia stato torturato a morte facendogli rivivere la Passione di Cristo. Chiaramente in questo modo come periodo storico ci siamo, ma è un'ipotesi che potrà essere smentita completamente solo quando si chiarirà (se sarà possibile) la vera natura dell'immagine sindonica.
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 09:41   #40
Correx
Senior Member
 
L'Avatar di Correx
 
Iscritto dal: Mar 2003
Città: Mazara del Vallo
Messaggi: 2321
Quote:
Originariamente inviato da ChristinaAemiliana
(...)


No, ma ho sentito parlare di Jacques De Molay

LOL Andavo a memoria...

Comunque "quell'uomo potrebbe essere chiunque" ...Beh.... "chiunque" non muore o patisce sofferenze di tale genere... Doveva essere per forza una persona <<particolare>>...
__________________
Asus PZ68-V Pro-Intel 2600k-OCZ 2x240 GB-Corsair Vengeance 16GB-Zotac GTX970-SilverStone 750W-Thermaltake Overseer RX-I
Correx è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 10:41   #41
Gyxx
Senior Member
 
L'Avatar di Gyxx
 
Iscritto dal: Aug 2001
Città: Siena (loc. Quercegrossa)
Messaggi: 1760
Quote:
Originariamente inviato da Correx
LOL Andavo a memoria...

Comunque "quell'uomo potrebbe essere chiunque" ...Beh.... "chiunque" non muore o patisce sofferenze di tale genere... Doveva essere per forza una persona <<particolare>>...
...considerato quanto erano "delicati" in quel periodo storico e quanto fervido fosse il mercato delle farse reliquie / paccottigle varie, è IMHO possibilissimo pensare che si sia trattato anche di qualcuno preso x strada e passato sotto le "cure" di alcuni di questi signori o anche dell' inquisizione ...

... non scordiamoci che serial killer esistono anche oggi che ci riteniamo civili , in età medioevale la tortura era una disciplina amata e considerata utile x amministare la giustizia ....

Piuttosto volevo dire che c'è un altra considerazione, stavolta storica, che propenderebbe x l'artefatto (cosa di cui personalmente sono convinto anche io), ovvero la raffigurazione del volto e delle fattezze del presunto uomo dlela sindone .

Queste, se nonricordo male, sono come quelle dei quadri moderni, ovvero un uomo coi capelli lughi ed altri attributi che nell' iconografia cristiana pre-medioevale non erano presenti, e che sono state introdotte solo successivamente a certe interpretazioni stilistico / pittoriche del cristo. Interpetazioni appunto medioevali.

Ovviamente vo a memoria su di un argomento che non approfondisco + da tanto tempo, quindi potrebebro esserci IMMANI grossolanità in quanto sopra .

A mia EVENTUALE discolpa ( ) c'è il fatto che personalmente già le obiezioni degli anni 90 mi avevano convinto che si tratta di un artefatto, per quanto bello ed interessante. Per cui non ho seguito con + di tanto interesse i passi successivi e probabilmente tendo a dimenticare i particolari di una cosa che, x me è già conclusa.

Detto questo fo ancora una volta i complimenti a Cristina, sia x la precisione con cui ha esposto le problematiche della datazione dei rapporti, sia x le (x me nuove ) interessanti info sulla sua concittadina di nome Sindone ( se non sbaglio tempo fa si blaterava che si era trovato del DNA umano di sesso femminile nella Sindone , attribuito dai convinti dell'autenticità a contaminazioni durante il famoso trasloco dal convento in fiamme ) ...

..ed ovviamente concordo anche al 10.000 per 1000 su quanto detto sinora da Badmirror .

ciapps a tutti



Gyxx
__________________
Gyxx è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 13:27   #42
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Quote:
Originariamente inviato da Correx
LOL Andavo a memoria...
Lascia perdere, ché io ho fatto molto di peggio...

A una conferenza sono riuscita a ribattezzare l'effetto Meissner (un fenomeno relativo ai superconduttori)...effetto Messner, come il famoso scalatore...

Quote:
Comunque "quell'uomo potrebbe essere chiunque" ...Beh.... "chiunque" non muore o patisce sofferenze di tale genere... Doveva essere per forza una persona <<particolare>>...
Uhm...

Per "chiunque", in realtà, intendevo dire "una persona magari anche sconosciuta che è stata torturata in quel modo, analogamente a Gesù Cristo". Cioè, in parole povere, escluso Gesù di Nazareth per questioni di datazione, a quel punto potrebbe trattarsi anche di un personaggio non storico. Quindi il misterioso sventurato potrebbe essere Jacques de Molay, o come giustamente dice Gyxx un qualsiasi disgraziato caduto nelle grinfie degli inquisitori, o magari anche un assassino così punito per le proprie malefatte...chi può dirlo?

Di gente torturata anche più crudelmente dell'uomo della Sindone ce n'è stata tantissima, suppongo, colpevole o innocente che fosse. Non dimentichiamoci che ciò che rende grande una figura come quella di Gesù Cristo, per chi crede, è il fatto di aver accettato il suo destino, di essersi abbandonato alla volontà di Dio. Fatte le dovute proporzioni, ovvio, ciò può dirsi anche dei martiri, ma se avessimo a che fare con un povero contadino catturato dall'Inquisizione, cosa potremmo definire "particolare" o "ammirevole" in lui? Sarebbe stato solo terribilmente sventurato.
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 13:35   #43
ChristinaAemiliana
Moderatrice
 
L'Avatar di ChristinaAemiliana
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Vatican City *DILIGO TE COTIDIE MAGIS* «Set me as a seal on your heart, as a seal on your arm: for love is strong as death and jealousy is cruel as the grave.»
Messaggi: 12318
Quote:
Originariamente inviato da Gyxx
Piuttosto volevo dire che c'è un altra considerazione, stavolta storica, che propenderebbe x l'artefatto (cosa di cui personalmente sono convinto anche io), ovvero la raffigurazione del volto e delle fattezze del presunto uomo dlela sindone .

Queste, se nonricordo male, sono come quelle dei quadri moderni, ovvero un uomo coi capelli lughi ed altri attributi che nell' iconografia cristiana pre-medioevale non erano presenti, e che sono state introdotte solo successivamente a certe interpretazioni stilistico / pittoriche del cristo. Interpetazioni appunto medioevali.

Ovviamente vo a memoria su di un argomento che non approfondisco + da tanto tempo, quindi potrebebro esserci IMMANI grossolanità in quanto sopra .
Anche io mi ricordo qualcosa di simile.

Quote:
A mia EVENTUALE discolpa ( ) c'è il fatto che personalmente già le obiezioni degli anni 90 mi avevano convinto che si tratta di un artefatto, per quanto bello ed interessante. Per cui non ho seguito con + di tanto interesse i passi successivi e probabilmente tendo a dimenticare i particolari di una cosa che, x me è già conclusa.
Eh, purtroppo c'è stato, come dicevo, un susseguirsi di conferme e smentite tipico della scienza fatta poco seriamente. Ovvio che un argomento delicato come questo sia particolarmente suscettibile a interpretazioni forzate, teorie ad hoc, interventi di scienziati che cominciano a comportarsi poco scientificamente et similia...succede spesso quando c'è di mezzo qualcosa di grosso.

Quote:
Detto questo fo ancora una volta i complimenti a Cristina, sia x la precisione con cui ha esposto le problematiche della datazione dei rapporti, sia x le (x me nuove ) interessanti info sulla sua concittadina di nome Sindone ( se non sbaglio tempo fa si blaterava che si era trovato del DNA umano di sesso femminile nella Sindone , attribuito dai convinti dell'autenticità a contaminazioni durante il famoso trasloco dal convento in fiamme ) ...
Beh stavolta proprio non me li merito...di mio c'è solo il fatto di aver ritagliato via le descrizioni tecniche da un pezzo di tesi...
__________________
«Il dolore guida le persone a distanze straordinarie» (W. Bishop, Fringe)
How you have fallen from heaven, O star of the morning, son of the dawn!
You have been cut down to the earth, You who have weakened the nations!
(Isaiah 14:12)
ChristinaAemiliana è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 02-09-2005, 13:56   #44
Correx
Senior Member
 
L'Avatar di Correx
 
Iscritto dal: Mar 2003
Città: Mazara del Vallo
Messaggi: 2321
Quote:
Originariamente inviato da ChristinaAemiliana
(...)
Per "chiunque", in realtà, intendevo dire "una persona magari anche sconosciuta che è stata torturata in quel modo, analogamente a Gesù Cristo". Cioè, in parole povere, escluso Gesù di Nazareth per questioni di datazione, a quel punto potrebbe trattarsi anche di un personaggio non storico. Quindi il misterioso sventurato potrebbe essere Jacques de Molay, o come giustamente dice Gyxx un qualsiasi disgraziato caduto nelle grinfie degli inquisitori, o magari anche un assassino così punito per le proprie malefatte...chi può dirlo?
Mah...Un inquisitore che fa pagare le colpe ad un uomo qualunque, facendolo soffrire esattamente come nostro Signore....(croce e corona di spine), mi pare un tantino...blasfemo per l'epoca...
Probabilmente, ma siamo nelle ipotesi, deve essere qualcuno che ha rinnegato la figura di Gesù o non ha considerato abbastanza il suo <<sacrificio>>, relegandolo a "profeta" di minor rango... La pena deve essere stata una specie di contrappasso... Una persona qualunque l'avrebbero condannata a morte, al rogo, e via....
Certo che De Molay calza a pennello...
__________________
Asus PZ68-V Pro-Intel 2600k-OCZ 2x240 GB-Corsair Vengeance 16GB-Zotac GTX970-SilverStone 750W-Thermaltake Overseer RX-I
Correx è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 03-09-2005, 02:27   #45
Louder Than Hell
Senior Member
 
L'Avatar di Louder Than Hell
 
Iscritto dal: Nov 2002
Città: Cagliari
Messaggi: 844
Quote:
Originariamente inviato da paditora
Curiosità.
Ma se il C14 stabilisce un ordine di migliaia di anni come fanno a stabilire che il T. Rex si è estinto 65 milioni di anni fa?
Magari invece di 65 milioni sono solo 6 milioni di anni come può darsi che siano 100 milioni di anni.
Non so se ti hanno già risposto, nel caso chiedo scusa ma magari può servire.

Il decadimento si può rappresentare cosi

Cioè tende a zero ma ci arriva in tantissimo tempo, il c14 è comodo perchè decade in "solo" 5730 anni circa, ma se un reperto avesse 10000 anni sarebbe comunque databile, anche se con più incertezza.

E poi tieni conto che il c-14 è solo uno dei metodi, l'uranio ha un tempo di dimezzamento pari ell'età della terra
__________________
Non ho paura dei computer, ma della loro eventuale mancanza. (Asimov)
Una delle principali cause della caduta dell'Impero Romano fu che, privi dello zero, non avevano un modo per indicare la corretta terminazione dei loro programmi C. (Firth)
Louder Than Hell è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-09-2005, 21:24   #46
BadMirror
Senior Member
 
L'Avatar di BadMirror
 
Iscritto dal: Dec 1999
Città: Firenze
Messaggi: 1317
UP

Sono appena tornato da una trasferta x matrimonio a 700km di distanza e siccome mi sono fatto la salerno-reggiocalabria all'ora di punta (fatto è proprio la parola giusta, peggio di una dose di eroina pura) non sono in grado di intendere e di volere. Quindi domani mi leggo tutto con calma, per ora appunto...UP!
BadMirror è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


DJI Osmo Pocket: l'abbiamo messa alla prova sul campo al CES di Las Vegas DJI Osmo Pocket: l'abbiamo messa alla prova sul ...
ASUS ZenFone Max Pro (M2): tanta leggerezza ma con una batteria da 5.000 mAh. La recensione ASUS ZenFone Max Pro (M2): tanta leggerezza ma c...
Recensione Razer BlackWidow Elite: la vedova nera che chiede compromessi Recensione Razer BlackWidow Elite: la vedova ner...
Corsair M65 RGB Elite: mouse per shooter con sensore da 18 mila DPI Corsair M65 RGB Elite: mouse per shooter con sen...
Si è cominciato a parlare di auto a guida autonoma troppo presto: il responso del CES 2019 Si è cominciato a parlare di auto a guida...
Oggi è il compleanno di Macintosh: ben 3...
Olympus OM-D E-M1 Mark II: arriva la Sil...
Pillars of Eternity II: nuovo sistema di...
CPU AMD Ryzen di terza generazione: anch...
E' di ASRock la prima scheda AMD Radeon ...
Ecco Samsung Galaxy S10 e S10+: foto in ...
Ecco tutte le offerte di telefonia mobil...
Olympus OM-D E-M1X: la nuova fotocamera ...
VideoProc, uno fra i migliori video conv...
Amazon Scout, ecco il robottino autonomo...
Harley-Davidson, in America una rete di ...
Resident Evil 2: pubblicato il trailer d...
Ecco le offerte Amazon di giovedì...
Volkswagen, in elettrico anche al Nü...
Da Corsair tecnologia Splipstream per la...
Dropbox
Opera Portable
Advanced SystemCare Ultimate 12
K-Lite Codec Tweak Tool
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
K-Lite Codec Pack Standard
K-Lite Codec Pack Basic
AIDA64 Extreme Edition
BitDefender Antivirus Free Edition
Chromium
Internet Download Accelerator
3DMark
Radeon Software Adrenaline Edition 19.
MSI Afterburner
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 14:30.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v