Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Bitrix24: CRM, project management, ufficio virtuale e molto altro in un unico spazio
Bitrix24: CRM, project management, ufficio virtuale e molto altro in un unico spazio
Bitrix24 è un CRM, ma anche una suite per la unified collaboration & communication, oltre che uno strumento per gestire progetti complessi tramite flussi di lavoro digitali. Integra funzioni per la marketing automation, la robotic process automation e addirittura strumenti per realizzare siti ed e-commerce. Una suite completa, in grado di "parlare" con le principali applicazioni sul mercato, incluso Microsoft 365, Google Drive, e anche i PBX
Fujinon XF 27mm F2.8 R WR, il pancake Fuji acquista ghiera e tropicalizzazione
Fujinon XF 27mm F2.8 R WR, il pancake Fuji acquista ghiera e tropicalizzazione
Fujifilm aggiorna il suo pancake 27mm, aggiungendo ghiera dei diaframmi e tropicalizzazione. La focale standard ne fa un'ottima scelta per chi ama il reportage e la prospettiva naturale.
AMD FidelityFX Super Resolution (FSR): cos'è, come funziona e prova sul campo
AMD FidelityFX Super Resolution (FSR): cos'è, come funziona e prova sul campo
AMD ha introdotto una nuova tecnologia chiamata FidelityFX Super Resolution (FSR). Da molti vista come la risposta al DLSS (Deep Learning Super Sampling) di Nvidia, ha un obiettivo simile ma lo raggiunge in modo diverso: nessuna rete neurale, ma algoritmi che permettono di fare un upscaling ottenendo quindi maggiori prestazioni senza degradare troppo il dettaglio rispetto a quello nativo. La tecnologia, a differenza del DLSS, è agnostica: funziona quindi sia sulle GPU AMD che su quelle Nvidia.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 17-05-2021, 17:51   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75178
Link alla notizia: https://edge9.hwupgrade.it/news/devi...nto_97791.html

Dopo l'annuncio della dismissione di CentOS da parte di Red Hat, due principali eredi sono comparsi: Rocky Linux, che è ora alla prima release candidate, e AlmaLinux, che ha recentemente lanciato il supporto a pagamento

Click sul link per visualizzare la notizia.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 18:00   #2
mihos
Senior Member
 
L'Avatar di mihos
 
Iscritto dal: Feb 2010
Messaggi: 1232
"[NO]"?
__________________
DELL XPS 17 i7 2720QM - 16GB 1600 MHz - FullHD 3D - Nvidia Geforce 555M 3GB - Crucial M4
Desktop Asus Prime X370-Pro - Ryzen 1500X - 2x4GB 3000Mhz @ 2133Mhz + 2x4GB 2400 MHz @ 2133Mhz - 2x Nvidia Geforce 1070 - Crucial BX300
mihos è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 18:07   #3
les2
Senior Member
 
L'Avatar di les2
 
Iscritto dal: Mar 2001
Città: MI
Messaggi: 1778
vedremo, so solo che ho 5 server su centos 7 e probabilmente passerò a ubuntu, senza gioia e abitudini ma almeno è certo per qualche anno.
les2 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 18:33   #4
Cfranco
Senior Member
 
L'Avatar di Cfranco
 
Iscritto dal: Apr 2002
Città: VR-PD
Messaggi: 9879
Vediamo quanto ci mette Red Hat a comprarseli e chiuderli
__________________
Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn
Cfranco è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 18:40   #5
les2
Senior Member
 
L'Avatar di les2
 
Iscritto dal: Mar 2001
Città: MI
Messaggi: 1778
mi piace lavorare con redhat, ma non tutti i clienti hanno abbastanza budget o i progetti ne giustificano l'uso e la spesa. Ormai sono troppi quelli che son passati a Ubuntu nell'open source. spesso tocca adeguarsi nel bene e nel male
les2 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 19:45   #6
matrix83
Senior Member
 
Iscritto dal: Dec 2006
Messaggi: 758
Quote:
Originariamente inviato da les2 Guarda i messaggi
vedremo, so solo che ho 5 server su centos 7 e probabilmente passerò a ubuntu, senza gioia e abitudini ma almeno è certo per qualche anno.
Che senso ha passare a ubuntu, a sto punto usa Debian. Io, oltre BSD, monto solo Debian ormai sui server e non ho mai avuto problemi. Gli RPM meno li vedo meglio sto.
__________________
matrix83 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 21:31   #7
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6083
Quote:
Originariamente inviato da matrix83 Guarda i messaggi
Che senso ha passare a ubuntu, a sto punto usa Debian. Io, oltre BSD, monto solo Debian ormai sui server e non ho mai avuto problemi. Gli RPM meno li vedo meglio sto.
Per molti il fatto di avere comunque un'azienda come Canonical che può fornire supporto (ovviamente sottoscrivendo una subscription) è un fattore decisivo, magari anche solo dal punto di vista psicologico, però indubbiamente c'è.

Tornando a CentOS io francamente ho passato a CentOS 8 Stream alcune delle macchine su cui avevo già installato la 8.
Capisco l'indignazione per come RedHat ha gestito la cosa, e la provo io stesso, però trovo che dal punto di vista tecnico su questa faccenda si siano fatte considerazioni troppo precipitose e senza una reale valutazione costi/benefici.

Da molte parti si è fatta passare l'idea che CentOS Stream sia una distribuzione instabile o rischiosa dal punto di vista dell'affidabilità, il che è oggettivamente falso.
Parliamoci chiaro ragazzi, da sempre c'è gente che installa Fedora o Debian Sid, e onestamente non ho mai visto gente strapparsi i capelli per questo o servizi cascare come pere per l'instabilità dell'OS...
Se colossi come Facebook o Twitter hanno deciso di sostenere pesantemente CentOS Stream per i propri datacenter significa che poi così instabile non dovrebbe essere...

Diamo il giusto peso alle cose, condivido l'indignazione per le scelte di RedHat e trovo che dal punto di vista etico sia stata una mossa molto molto discutibile, però da qui a un fuggi fuggi generale ce ne passa, specialmente per chi ha pesantemente investito in conoscenze su distribuzioni derivate da RedHat.
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 17-05-2021, 23:42   #8
WarSide
Senior Member
 
Iscritto dal: Oct 2008
Messaggi: 8080
Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Parliamoci chiaro ragazzi, da sempre c'è gente che installa Fedora o Debian Sid, e onestamente non ho mai visto gente strapparsi i capelli per questo o servizi cascare come pere per l'instabilità dell'OS...
Mi son fermato dopo questa frase.
Chi installa fedora o Debian Sid in produzione merita solo di essere licenziato senza possibilità di appello

E' innegabile che RH si sia sparata da sola nei @@ col cambio. C'è poco altro da dire.
WarSide è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 18-05-2021, 01:14   #9
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6083
Quote:
Originariamente inviato da WarSide Guarda i messaggi
Mi son fermato dopo questa frase.
Chi installa fedora o Debian Sid in produzione merita solo di essere licenziato senza possibilità di appello
Guarda, onestamente io licenzierei prima quelli che permettono ad ambienti di produzione di girare su distribuzioni obsolete anche se considerate rock solid
E credimi, ne ho avute (e ne ho ancora ahimè) a perimetro con servizi ipercritici e che giravano su CentOS/Rhel 4, 5 o 6 (ho addirittura attualmente a perimetro una manciata con Rhel 3, su cui girano servizi di pagamento esposti a web o applicazioni che girano su php 4 ) e sinceramente preferirei la Debian o Fedora più instabili ma recenti e aggiornabili piuttosto che quei ruderi.

Poi chiaro, parlo di sistemi su cui devono girare dei servizi, per cui che Gnome o il tal servizio per l'audio posizionale siano instabili non mi interessa, perchè comunque sulla macchina a cui mi riferisco non installerò nemmeno quella roba.

Chiaramente prima di installare Fedora o Debian Sid ci sono millemila alternative considerate più adatte, però il mio post era solo per dire che se si devono far girare dei servizi anche quelle distribuzioni "bleeding edge" non crashano ogni due per tre, tutt'altro, idem CentOS Stream (che sappiamo bene non essere "bleeding edge").

Tra l'altro a me spesso capita di trovare server su cui è stata installato CentOS o Rhel, o Ubuntu LTS, e va benissimo... poi però per far partire il tal servizio o per soddisfarne le dipendenze puntualmente ci sono package presi dai repository yum o apt più sconosciuti o controversi, o che cmq sono tutt'altro che "conservativi".
E spesso questo è inevitabile perchè cmq i package di quelle distro sono estremamente obsoleti e oggettivamente insicuri, ok ci sono anche repo alternativi ufficiali (o pseudo-ufficiali) con release più recenti dei package, e credo siamo tutti d'accordo nel considerarle alternative valide... però vedi che già ci siamo allontanati parecchio da quell'alone mistico di "stabilità" per cui si è scelto la tal distribuzione?

Lasciami aggiungere un'ultima cosa, ricordiamoci che 99 volte su 100 i problemi nascono sempre da criticità applicative, eccezioni non gestite, codice scritto a "membro di segugio", logica applicativa grossolana o architettura pensata male (tutte cose che spesso non nascono da incapacità di chi le ha realizzate, ma dalle pessime condizioni in cui costui è stato messo a lavorare, scarsità di risorse, tempo insufficiente, specifiche e obbiettivi che cambiano in corso d'opera etc etc... ), dalla mia esperienza il sistema operativo è veramente l'ultima cosa che può generare un problema vero.
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."

Ultima modifica di Tasslehoff : 18-05-2021 alle 01:22.
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 18-05-2021, 08:03   #10
najmarte
Member
 
Iscritto dal: Apr 2020
Messaggi: 45
Ma Oracle Linux è così brutto?
najmarte è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 18-05-2021, 09:54   #11
WarSide
Senior Member
 
Iscritto dal: Oct 2008
Messaggi: 8080
Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Guarda, onestamente io licenzierei prima quelli che permettono ad ambienti di produzione di girare su distribuzioni obsolete anche se considerate rock solid
Non ho scritto il contrario. Nel momento in cui il supporto scade e non ci sono aggiornamenti di sicurezza, la macchina va rifatta. Spesso non viene fatto perché i sistemisti sono pagati a cottimo ed il cummenda di turno non vuole sganciare soldi "perché tanto funziona, perché toccarlo?"

Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Poi chiaro, parlo di sistemi su cui devono girare dei servizi, per cui che Gnome o il tal servizio per l'audio posizionale siano instabili non mi interessa, perchè comunque sulla macchina a cui mi riferisco non installerò nemmeno quella roba.

Chiaramente prima di installare Fedora o Debian Sid ci sono millemila alternative considerate più adatte, però il mio post era solo per dire che se si devono far girare dei servizi anche quelle distribuzioni "bleeding edge" non crashano ogni due per tre, tutt'altro, idem CentOS Stream (che sappiamo bene non essere "bleeding edge").
Non aggiorni l'OS di un server ogni 6 mesi rifacendo la macchina proprio perché non vuoi dover ritestare gli applicativi su uno stack software (OS+libs) differente. Usando Centos stream, uno yum update in pratica ti installa le nightly builds di RH, sei veramente così entusiasta di fare la cavia in ambienti di produzione?

Poi quando tutto sarà containerizzato e l'host sarà solo un "lancia container", allora questo discorso sarà superato. Purtroppo non è ancora così.


Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Tra l'altro a me spesso capita di trovare server su cui è stata installato CentOS o Rhel, o Ubuntu LTS, e va benissimo... poi però per far partire il tal servizio o per soddisfarne le dipendenze puntualmente ci sono package presi dai repository yum o apt più sconosciuti o controversi, o che cmq sono tutt'altro che "conservativi".
E spesso questo è inevitabile perchè cmq i package di quelle distro sono estremamente obsoleti e oggettivamente insicuri, ok ci sono anche repo alternativi ufficiali (o pseudo-ufficiali) con release più recenti dei package, e credo siamo tutti d'accordo nel considerarle alternative valide... però vedi che già ci siamo allontanati parecchio da quell'alone mistico di "stabilità" per cui si è scelto la tal distribuzione?
Repo sconosciuti e controversi === peracottaro. Se hai bisogno di lib molto diverse per i tuoi servizi o ospiti servizi eterogenei sullo stesso server, vai di virtualizzazione/containerizzazione oppure di compilazione statica delle lib.

Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Lasciami aggiungere un'ultima cosa, ricordiamoci che 99 volte su 100 i problemi nascono sempre da criticità applicative, eccezioni non gestite, codice scritto a "membro di segugio", logica applicativa grossolana o architettura pensata male (tutte cose che spesso non nascono da incapacità di chi le ha realizzate, ma dalle pessime condizioni in cui costui è stato messo a lavorare, scarsità di risorse, tempo insufficiente, specifiche e obbiettivi che cambiano in corso d'opera etc etc... ), dalla mia esperienza il sistema operativo è veramente l'ultima cosa che può generare un problema vero.
Come dici, non è solo il sistema operativo, ma è anche il set di dipendenze a corredo.

Ti dico cosa ho visto spesso in giro: server con versione di ubuntu non LTS, server con fedora non aggiornati e non aggiornabili pena applicativi che si spaccano. In quel caso, non avendo OS stabile e supporto per anni, sei fottuto e ti tocca rifare la macchina e metter mano agli applicativi.

Centos Streams va avanti con rolling release e gli aggiornamenti sono le nightly builds di RH.

1. Puoi trovarti in situazioni dove gli aggiornamenti ti spaccano gli applicativi installati e ti tocca capire cosa ha spaccato cosa e perché e fare rollback degli update.
2. Tu sei veramente tranquillo sapendo che sul server ci finiscono delle nightly builds? Ok che sono NB di RH, ma cavolo, son sempre NB.

Insomma, come non userei mai una Ubuntu non LTS o una Fedora, non installerei mai CentOS Stream su un server. Discorso diverso sul desktop personale dove, anche se si spaccasse qualcosa dopo un aggiornamento, potrei velocemente fare rollback senza far andare down servizi esposti.

Ultima modifica di WarSide : 18-05-2021 alle 10:06.
WarSide è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 19-05-2021, 00:04   #12
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6083
Quote:
Originariamente inviato da WarSide Guarda i messaggi
Non ho scritto il contrario. Nel momento in cui il supporto scade e non ci sono aggiornamenti di sicurezza, la macchina va rifatta. Spesso non viene fatto perché i sistemisti sono pagati a cottimo ed il cummenda di turno non vuole sganciare soldi "perché tanto funziona, perché toccarlo?"
Certamente c'è anche questo scenario, come ce ne sono tanti altri, es non c'è budget, chi paga il rifacimento della macchina?
Oppure il setup è il frutto di anni di lavoro, patch su patch custom rilasciate dal supporto di [metti multinazionale big IT a caso] a seguito di ticker sanguinosi e niente di tutto questo è documentato.
Oppure non ci sono più gli installer o non vi si ha accesso perchè nessuno ha rinnovato la tal subscription, etc etc.

Insomma gli scenari sono tanti, quella che descrivi se vogliamo è la migliore delle ipotesi, no moneta no cammello, e di certo se sei pagato per fare manutenzione ordinaria o presidio non regali un setup da zero, quello giustamente te lo fai pagare e bene.

Quote:
Non aggiorni l'OS di un server ogni 6 mesi rifacendo la macchina proprio perché non vuoi dover ritestare gli applicativi su uno stack software (OS+libs) differente. Usando Centos stream, uno yum update in pratica ti installa le nightly builds di RH, sei veramente così entusiasta di fare la cavia in ambienti di produzione?

Poi quando tutto sarà containerizzato e l'host sarà solo un "lancia container", allora questo discorso sarà superato. Purtroppo non è ancora così.
Capiamoci, non ho detto che ne sono entusiasta, però non ci vedo nemmeno questa tragedia epocale.
Anche a me è capitato di avere qualche problema per un update (l'ultima volta credo sia successo un paio di anni fa per un update di php, rollback immediato, dopo poche ore c'era già una fix, fantascienza anche per il prodotto commerciale più avanzato e strapagato) però oggettivamente dalla mia esperienza sono casi veramente rari.

Sullo scenario che descrivi riguardo ai container io onestamente non sono così ottimista, non lo vedo così rosa e fiori, anzitutto perchè aggiornare un container non è a costo zero (in termini di effort) o quantomeno è largamente superiore rispetto all'uso di un package manager schedulato.
In secondo luogo dalla mia esperienza anche la riproducibilità di un servizio che gira dentro un container non è sempre garantita, a me ne sono capitati parecchi di scenari in cui due ambienti, con gli stessi container, stessa versione di docker (o altro servizio simile), stessi parametri (o file yaml nel caso di docker-compose), si comportano in modo diverso e tocca tutte le volte ritoccare qualcosa.
Sul rollback nella gran parte dei casi cambia poco o nulla rispetto ad uno scenario tradizionale, per il semplice fatto che tolte le applicazioni totalmente stateless (che nel mondo reale sono più una teoria che realtà, perchè 9 volte su 10 qualche repository ce l'hai sempre, che sia un db o un volume persistente) in molti casi aggiornare un sw (aggiornando il container sulla base di una immagine con una nuove versione del prodotto) significa toccare qualcosa anche sul repository dove stanno i dati, sia che si tratti di qualche ddl per aggiornare la struttura del db o qualche modifica alla struttura dei file.

Quote:
Repo sconosciuti e controversi === peracottaro. Se hai bisogno di lib molto diverse per i tuoi servizi o ospiti servizi eterogenei sullo stesso server, vai di virtualizzazione/containerizzazione oppure di compilazione statica delle lib.
Ok però oggettivamente trovami qualcuno che avendo a disposizione un repository yum o apt si mette a ricompilare da sorgenti.
La ricompilazione la facevo ai tempi di RedHat 7 (la prima, non RHEL), a meno di avere esigenze talmente specifiche da non essere soddisfatte dai binari disponibili sui repo trovo veramente difficile che qualcuno si metta a ricompilare.
E questo per mille motivi, anzitutto per una questione di costi, ripetere il tutto ad ogni aggiornamento poi diventa ingestibile, e francamente rispetto a un sw che si aggiorna manualmente ogni morte di papa preferisco un repo conosciuto, anche se non certificato o che abbia un controllo di qualità di livello RedHat.

Per fare un esempio che credo molti abbiano sperimentato, in ambito RHEL e derivate praticamente EPEL è un repository necessario, è impensabile lavorare senza e francamente da quando è disponibile non ho trovato una singola macchina RHEL o CentOS che non l'avesse usato, non solo, spesso si trovano specifiche indicazioni di installarlo anche in prodotti enterprise per soddisfare dipendenze.
Vogliamo parlare della qualità dei binari distribuiti tramite Epel? Alcuni sono talmente obsoleti da essere imbarazzanti, sulla stabilità di altri ci sarebbe molto da discutere.

O prendiamo php, volente o nolente praticamente chiunque usa Remi repo, io trovo che il lavoro che c'è dietro sia ammirevole, e di una qualità in termini di supporto che veramente bagna il naso a multinazionali multimiliardarie, però non si può certo dire che sia all'altezza di standard di livello RHEL o Ubuntu LTS in termini di solidità, in fin dei conti è un tizio (che tra l'altro mi pare lavori in RedHat) che nel tempo libero fa tutto questo.

Quote:
Ti dico cosa ho visto spesso in giro: server con versione di ubuntu non LTS, server con fedora non aggiornati e non aggiornabili pena applicativi che si spaccano. In quel caso, non avendo OS stabile e supporto per anni, sei fottuto e ti tocca rifare la macchina e metter mano agli applicativi.
Non lo metto in dubbio, però capiamoci, sono casi un po' diversi.
Un conto se parliamo di un sistema operativo installato ora, su una distribuzione attuale, con aggiornamenti attivi e costanti, servizi che ci girano sopra le cui dipendenze sono costantemente aggiornate, etc etc...
Altra cosa se parliamo di macchine mai aggiornate per anni, dove chiaramente lanciare un apt upgrade o yum update sarebbe cosa davvero azzardata.

Ben inteso, ne ho viste tante anch'io in quello stato, però non è un problema dell'os instabile, ma di un percorso di upgrade che non è stato seguito.
Ma lo stesso l'ho visto su Windows, mai aggiornati per anni e dove il cluster active/passive scoppia.

Quote:
Centos Streams va avanti con rolling release e gli aggiornamenti sono le nightly builds di RH.

1. Puoi trovarti in situazioni dove gli aggiornamenti ti spaccano gli applicativi installati e ti tocca capire cosa ha spaccato cosa e perché e fare rollback degli update.
2. Tu sei veramente tranquillo sapendo che sul server ci finiscono delle nightly builds? Ok che sono NB di RH, ma cavolo, son sempre NB.

Insomma, come non userei mai una Ubuntu non LTS o una Fedora, non installerei mai CentOS Stream su un server.
Come ti dicevo io da anni ho deciso di applicare la politica "updates no matter what" e francamente di problemi ne avrò avuti un paio in anni e anni e presso tanti clienti e tanti scenari diversi; e non parlo solo di updates ufficiali di Rhel o della vecchia CentOS, ma anche di package installati con Epel, remi, rpmforge e altri.

Chiaramente non saprò mai quali problemi però ho evitato aggiornando sempre e comunque tutte le notti, soprattutto dal pdv della sicurezza.
Di certo c'è però che se si verifica un disguido per un package appena aggiornato è ovviamente spiacevole, ma se si verifica un problema per obsolescenza dei package o perchè non si aggiorna (e di solito lo vieni a scoprire a cose fatte perchè c'è una buona probabilità che si tratti di un problema di sicurezza) la situazione è decisamente più grave; i miei clienti tendono a essere moooolto più accondiscendenti nel primo caso, e giustamente molto meno nel secondo.

Riassumendo, rispetto al tua esperienza e concordo con te che lo scenario ideale sarebbe usare distribuzioni a prova di bomba (RHEL, Ubuntu LTS o Debian stable) però dal pdv tecnico non ci vedo tutto questo "casus belli", eticamente invece è un altro discorso e sono d'accordo al 100% con la polemica nata dopo le recenti decisioni di RedHat
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."

Ultima modifica di Tasslehoff : 19-05-2021 alle 00:25.
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Bitrix24: CRM, project management, ufficio virtuale e molto altro in un unico spazio Bitrix24: CRM, project management, ufficio virtu...
Fujinon XF 27mm F2.8 R WR, il pancake Fuji acquista ghiera e tropicalizzazione Fujinon XF 27mm F2.8 R WR, il pancake Fuji acqui...
AMD FidelityFX Super Resolution (FSR): cos'è, come funziona e prova sul campo AMD FidelityFX Super Resolution (FSR): cos'&egra...
Lenovo ThinkPad X12 Detachable: il 2-in-1 di grande qualità Lenovo ThinkPad X12 Detachable: il 2-in-1 di gra...
Revolut per il trading di criptovalute: una piattaforma sicura e affidabile Revolut per il trading di criptovalute: una piat...
Windows 11 è realtà e si r...
Come saranno i droni marziani dopo NASA ...
Dell, falle in SupportAssist mettono a r...
NASA InSight continua ad avere problemi ...
Space Jam: New Legends in arrivo su Game...
Ferrari 296 GTB è realtà e...
Kolari Vision ha la soluzione per il sur...
Fujifilm X-S10 in arrivo il firmware 2.0...
28 pollici, 4K e 144 Hz: arriva U28G2XU,...
IIDEA: i migliori videogiochi italiani n...
Nel 2022 l'iPhone 5G più economic...
Sky ha 4 nuovi canali! Ecco serie, inves...
Apple MacBook Air con chip M1 e 512GB di...
Battlefield 2042: i bot riempiranno i po...
HUAWEI Summer Black Friday: 7 giorni di ...
Firefox 89
Sandboxie
SiSoftware Sandra Lite
IsoBuster
GeForce Experience
NTLite
Dropbox
Driver NVIDIA GeForce 471.11 WHQL
Radeon Software Adrenalin 21.5.2 WHQL
Radeon Software Adrenalin 21.6.1 Optio
K-Lite Codec Pack Update
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Standard
K-Lite Codec Pack Basic
Chromium
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 17:24.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v
1