Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Ghost of Tsushima: Director's Cut, le meraviglie di Iki su PS5 - Recensione
Ghost of Tsushima: Director's Cut, le meraviglie di Iki su PS5 - Recensione
Dopo il clamoroso successo riscontrato su PS4, Ghost of Tsushima approda su PlayStation 5 con la Director's Cut, riedizione che introduce diverse migliorie - non solo tecniche - e un'espansione nuova di zecca. Un pacchetto che farà gola a molti utenti che non hanno ancora vestito i panni di Jin Sakai, ma anche a chi ha già sviscerato, e amato, l'avventura dello Spettro.
Xiaomi 11T Pro, la ricarica da 120W è pazzesca ma non basta. La recensione
Xiaomi 11T Pro, la ricarica da 120W è pazzesca ma non basta. La recensione
Ha diverse peculiarità, Xiaomi 11T Pro, ma fatica a fare breccia in chi lo usa. Potenza da vendere e ricarica fulminea sono due doti molto interessanti, ma la tendenza al surriscaldamento rappresenta un sensibile compromesso per chi vuole un'esperienza d'uso senza sacrifici. Il prezzo di acquisto, specie al day-one, è interessante, ma in seguito il listino diventa troppo elevato per quello che offre lo smartphone. Eppure la stessa Xiaomi offre già proposte più convenienti a un prezzo più accattivante. Ecco la nostra recensione
Anteprima! Canon EOS R3 dal vivo, la mirrorless che mette a fuoco con lo sguardo
Anteprima! Canon EOS R3 dal vivo, la mirrorless che mette a fuoco con lo sguardo
In super anteprima ecco a voi dal vivo la nuova Canon EOS R3, la mirrorless full frame sportiva che punta a rivoluzionare il modo degli autofocus. Canon ripropone la tecnologia che permette di spostare il punto di messa a fuoco con lo sguardo. L'abbiamo provata e funziona davvero! Non è ancora la top di gamma mirrorless, ma è già una super sportiva professionale
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 23-07-2021, 07:54   #101
fraussantin
Senior Member
 
L'Avatar di fraussantin
 
Iscritto dal: May 2009
Città: toscana
Messaggi: 43178
Quote:
Originariamente inviato da Svelgen Guarda i messaggi
Quando c'è scritto, significa che il prodotto è interamente progettato e costruito in Italia.
!
Al massimo significa che viene assemblato in Italia . I pezzi possono arrivare da ogni parte del mondo . Anche perché in Italia non abbiamo cotone , non abbiamo lana ( o cmq poca) non abbiamo petrolio , non abbiamo silicio ne fabbriche di processori.


Poi c'erano anche casi dove in Italia veniva solo effettuato l'ultimo controllo e il confezionamento e ci piazzano un bel made in Italia.
__________________
MY STEAM & MY PC
La Vita ti prenderà sempre a calci nelle palle , e quando penserai che le cose inizino ad andare meglio, in realtà starà solamente caricandosi per un calcio ancora più forte.
fraussantin è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:00   #102
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 13512
Quote:
Originariamente inviato da Therinai Guarda i messaggi
Comunque a proposito di recensioni fake (per la cronaca sarebbe l'oggetto di questa notizia e discussione ), a parte le recensioni fake vere e proprie (quindi società che si inventa le recensioni per vendere prodotti di infima qualità), trovo allarmante la quantità di recensioni in cui il voto è determinato da due fattori che non c'entrano niente con la qualità e le caratteristiche del prodotto:
1) tempi di spedizione: ovviamente fa parte del servizio amazon, ma nel momento che vado a recensire un prodotto che c'entra la spedizione amazon con le sue qualità e caratteristiche?
2) dimensioni del prodotto: come dicevo sono fissato col pentolame, e c'è una sorta di bug specifico per questa categoria, ovvero le dimensioni. Se andate a leggere le recensioni di un qualsiasi tegame disponibile anche in dimensioni ridotte (per esempio 10 o 14 cm), troverete recensioni estremamente negative (1 stella) di persone che si lamentano delle dimensioni troppo ridotte per poter cucinare qualcosa... ma io dico, quando selezioni un tegame o una padella c'è in evidenza un comodo selettore di dimensioni disponibili, spesso va da dimensioni molto piccole (tipo 14 cm) a oggettivamente grandi (28 o 30 cm), dimensioni che tra l'altro sono relegate a quanto mette a disposizione il produttore.... insomma dico: ma perché influenzare il rating di un prodotto se c'è gente svampita che non sa neanche che esitono le misure del pentolame? Visto che le recensioni vengono vagliate, e proprio in questa discussione più d'uno ha testimoniato che possono essere non pubblicate, perché amazon pubblica queste dimostrazioni di analfabetismo funzionale? Ben inteso che no nsarà la cosa più urgente del mondo, anzi mi fanno un po' sorridere che no nfa male, ma dopo la lotta alle recensioni completamente illegali ci metterei quella alle recensioni degli scappati di casa dei tegami e delle padelle. Ma si può comprare una pentola da 14 cm (disponibile anche nel "comodo" formato da 28cm, per esempio) per poi lamentarsi che è troppo piccola? Ma sta gente ha mai provato a comprare un paio di scarpe?
Su Amazon esistono tantissimi con problemi di analfabetismo funzionale (i migliori sono quelli che rispondono alle domande con: "Non ho il prodotto" - "L'ho regalato ad un amico".
Sul pentolame va detto che spesso le varie marche non sono propriamente molto regolari nelle dimensioni.
A me è capitato spesso di prendere modelli diversi dello stesso produttore e il coperchio non si adattava allo stesso modo.

Quote:
Originariamente inviato da Svelgen Guarda i messaggi
No no...un momento!
Mady in Italy ha una nomenclatura ben chiara e precisa e non ossono esserci fraintendimenti.
Quando c'è scritto, significa che il prodotto è interamente progettato e costruito in Italia.
Se compro una calzatura da trekking della S.C.A.R.P.A, so con certezza che è prodotta a Treviso. Poi ok, anche loro hanno stabilimenti in Romania ma se c'è scritto Made in Italy, quella calzatura è uscita dallo stabilimento di Treviso e non da quello in Romania. E sono anche disposto a pagarla di più, perché posso permettermelo e perché chi lavora per produrla vive nel mio paese, prende uno stipendio, ha un mutuo e famiglie da mantenere.
E la stessa cosa vale per molti altri prodotti plastici in commercio tra cui i giocattoli. In Italia c'è un'azienda che produce giocattoli in plastica dal 1967.
Mi spiace informarti che non è proprio così.
Il Made in Italy può usare prodotti semi-lavorati altrove e completati in Italia.
Mi spiego meglio.

Fino al 2003:

Apporre la bandiera italiana, la dicitura Italy o made in Italy su un prodotto è possibile per riferirsi alla parte imprenditoriale del produttore, mentre quella produttiva (manifatturiera, coloro che materialmente lavorano il prodotto) vera e propria può trovarsi ovunque. Basta quindi che il prodotto sia «pensato o disegnato» quando non totalmente gestito da un imprenditore italiano, per potersi tranquillamente fregiare di tale marchio, anche se questo manufatto è costruito in un qualsiasi altro luogo.


Dal 2009:

Decreto legge 135, 25 settembre 2009 - Parlamento Italiano) solo i prodotti totalmente fatti in Italia (cioè progettati, fabbricati e confezionati in Italia) possono fregiarsi dei marchi 100% Made in Italy, 100% Italia, tutto italiano, in qualsiasi linguaggio essi espressi, con o senza la bandiera italiana.

Per dirla brevemente.

Se trovi la dicitura 100% Made in Italy per legge è tutto fatto in Italia (dalla progettazione al confezionamento).

Se trovi la dicitura Made in Italy non ha bisogno di questo requisito.
Potresti avere un 90% di attività produttiva delegata all'estero e solo le rifiniture fatte in Italia.
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:00   #103
AlexSwitch
Senior Member
 
L'Avatar di AlexSwitch
 
Iscritto dal: Aug 2008
Città: Firenze
Messaggi: 8401
Quote:
Originariamente inviato da gd350turbo Guarda i messaggi
Assolutamente d'accordo, ma evita frasi del tipo:
prima faccio mangiare i miei connazionali !
Beh, oddio, far mangiare i connazionali con la produzione italiota di smartphone la vedo dura...
__________________
iMac 21,5" ( late 2013 ); iPod Touch 1st Gen. 8 Gb; iPhone Xs; iPad Air 2020 WiFi 64 Gb, Apple Watch 2...flickr
AlexSwitch è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:01   #104
Svelgen
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2020
Messaggi: 2392
Quote:
Originariamente inviato da fraussantin Guarda i messaggi
Al massimo significa che viene assemblato in Italia . I pezzi possono arrivare da ogni parte del mondo . Anche perché in Italia non abbiamo cotone , non abbiamo lana ( o cmq poca) non abbiamo petrolio , non abbiamo silicio ne fabbriche di processori.
Come ho detto in un precedente messaggio a chi mi faceva notare che una ipotetica bicicletta elettrica Italiana, non è interamente Italiana, non abbiamo neppure il Rame per i motori elettrici se è per questo visto che la Cina è il principale produttore. Ma progettato e costruito in Italia, è ben diverso da "progettato e costruito interamente in Cina".
Il punto da capire è questo.

Quote:
Poi c'erano anche casi dove in Italia veniva solo effettuato l'ultimo controllo e il confezionamento e ci piazzano un bel made in Italia.
Per fortuna, come sull'olio EVO e sulla pasta, ci sono enti che controllano sempre di più la filiera.
Ora non basta più mettere l'etichetta "prodotto Italiano"....



Quote:
Originariamente inviato da AlexSwitch Guarda i messaggi
Beh, oddio, far mangiare i connazionali con la produzione italiota di smartphone la vedo dura...
Lascialo perdere.
Ho ben scritto che prima faccio mangiare i miei connazionali e dopo, se avanza qualcosa, gli altri.
È tutto nero su bianco, e senza modifiche..
Non c'è proprio spazio per interpretazioni ad cazzum...
__________________
Le Dolomiti: The Grand Tour. 150KM, 4354MT D+ Gardena, Pordoi, Sella, Giau, Falzarego

Ultima modifica di Svelgen : 23-07-2021 alle 08:24. Motivo: sistemato quote
Svelgen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:11   #105
gd350turbo
Senior Member
 
L'Avatar di gd350turbo
 
Iscritto dal: Feb 2003
Città: Mo<->Bo
Messaggi: 35568
Quote:
Originariamente inviato da fraussantin Guarda i messaggi
Al massimo significa che viene assemblato in Italia . I pezzi possono arrivare da ogni parte del mondo . Anche perché in Italia non abbiamo cotone , non abbiamo lana ( o cmq poca) non abbiamo petrolio , non abbiamo silicio ne fabbriche di processori.


Poi c'erano anche casi dove in Italia veniva solo effettuato l'ultimo controllo e il confezionamento e ci piazzano un bel made in Italia.
A Carpi (MO), cittadina parecchio dedicata alla produzione di abbigliamento, questa è diventata prassi comune !
gd350turbo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:11   #106
Svelgen
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2020
Messaggi: 2392
Quote:
Originariamente inviato da canislupus Guarda i messaggi


Mi spiace informarti che non è proprio così.
Il Made in Italy può usare prodotti semi-lavorati altrove e completati in Italia.
Mi spiego meglio.

Fino al 2003:

Apporre la bandiera italiana, la dicitura Italy o made in Italy su un prodotto è possibile per riferirsi alla parte imprenditoriale del produttore, mentre quella produttiva (manifatturiera, coloro che materialmente lavorano il prodotto) vera e propria può trovarsi ovunque. Basta quindi che il prodotto sia «pensato o disegnato» quando non totalmente gestito da un imprenditore italiano, per potersi tranquillamente fregiare di tale marchio, anche se questo manufatto è costruito in un qualsiasi altro luogo.


Dal 2009:

Decreto legge 135, 25 settembre 2009 - Parlamento Italiano) solo i prodotti totalmente fatti in Italia (cioè progettati, fabbricati e confezionati in Italia) possono fregiarsi dei marchi 100% Made in Italy, 100% Italia, tutto italiano, in qualsiasi linguaggio essi espressi, con o senza la bandiera italiana.

Per dirla brevemente.

Se trovi la dicitura 100% Made in Italy per legge è tutto fatto in Italia (dalla progettazione al confezionamento).

Se trovi la dicitura Made in Italy non ha bisogno di questo requisito.
Potresti avere un 90% di attività produttiva delegata all'estero e solo le rifiniture fatte in Italia.
Questi cavilli mi erano sfuggiti.
Hai fatto bene a postarli.
Diciamo che sono le solite leggi fatte a cazzum per confondere la gente.
Io metterei sono Made in Italy quando progettato e costruito interamente in Italia e basta.
Idem sugli alimenti. Prendi la Mozzarella, trovi la bandiera Italiana ma poi vai a leggere e il latte contenuto ha provenienza da altri paesi UE.
Caxxo...se è un prodotto Italiano mi aspetto che il latte e la lavorazione sia stata fatta in Italia e basta. È inutile che poi in piccolo mi scrivi che il latte arriva dalla Germania (che pure ci sono ottimi pascoli sia chiaro).
__________________
Le Dolomiti: The Grand Tour. 150KM, 4354MT D+ Gardena, Pordoi, Sella, Giau, Falzarego
Svelgen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:11   #107
gd350turbo
Senior Member
 
L'Avatar di gd350turbo
 
Iscritto dal: Feb 2003
Città: Mo<->Bo
Messaggi: 35568
Quote:
Originariamente inviato da AlexSwitch Guarda i messaggi
Beh, oddio, far mangiare i connazionali con la produzione italiota di smartphone la vedo dura...
Ci ha provato facchinetti con stonex one, ti ricordi ?
Un successo interplanetario !
gd350turbo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:20   #108
Piedone1113
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2015
Messaggi: 3662
Quote:
Originariamente inviato da canislupus Guarda i messaggi
Quindi mi stai dicendo la scatola del cambio (ovviamente prodotta per più marchi... questo lo sapevo persino io che sono ignorante come una zappa) prodotta in X milioni di esemplari da montare SUBITO in un'auto commercializzata per la vendita ha il medesimo costo di una fatta per il magazzino?
Il costo industriale sarà lo stesso ovviamente, ma il rischio di lasciarla in magazzino per anni (e lo stoccaggio costa) o di non averne a sufficienza e quindi doverle produrre quasi su richiesta, pensi che non esista?
Questi fattori vengono SEMPRE inseriti nella parte di ricambio quando si stabilisce il prezzo.
Poi ovvio c'è anche il costo di spedizione, ma quello lo puoi facilmente recuperare laddove organizzi bene la logistica.



Forse non te ne sei accorto, ma la qualità di un auto si rifà anche alla capacita di riparazione:
Prima per esempio si preferivano le Fiat per la reperibilità dei ricambi e il loro relativo basso prezzo d'acquisto.
L'assistenza post vendita ( che include anche gli interventi post garanzia) sono in parte assorbiti dalla vendita del prodotto.
Se il giunto ant sx X è montato su 50 modelli differenti credi che venga prodotto solo per i modelli in produzione?
Lo sai vero che è più facile reperire un motore completo ( ed incelofanato con etichette applicate sull'esterno) invece del solo monoblocco?
Lo sai vero che una frizione fiat ha un prezzo di vendita del 30% maggiore della Valeo ( ed è lo stesso gruppo frizione, prodotto dalla stessa catena e che superano i medesimi test qualità)?
I ricambi di consumo ( e sarebbe assurdo che una lampadina costasse quanto un intero faro) hanno una produzione mensile precalcolato e destinata in parte alla produzione ed in parte alla ricambistica ed i costi di gestione sono pressicchè simili sia per l'uno che per l'altro ( o credi che lo stabilimento X si faccia tutto in casa e che i pezzi da assemblare non arrivino dai 4 angoli del mondi?)
Quello che incide sul ricambio è la necessità di riparazione che implica un maggior ricarico perchè tu ( io e nessun'altra persone) è disposta a pagare un giunto 130€ invece che 40€ pur di non rottamare un'auto che costa 15K €.
Piedone1113 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:32   #109
fraussantin
Senior Member
 
L'Avatar di fraussantin
 
Iscritto dal: May 2009
Città: toscana
Messaggi: 43178
Quote:
Originariamente inviato da Piedone1113 Guarda i messaggi
Forse non te ne sei accorto, ma la qualità di un auto si rifà anche alla capacita di riparazione:
Prima per esempio si preferivano le Fiat per la reperibilità dei ricambi e il loro relativo basso prezzo d'acquisto.
L'assistenza post vendita ( che include anche gli interventi post garanzia) sono in parte assorbiti dalla vendita del prodotto.
Se il giunto ant sx X è montato su 50 modelli differenti credi che venga prodotto solo per i modelli in produzione?
Lo sai vero che è più facile reperire un motore completo ( ed incelofanato con etichette applicate sull'esterno) invece del solo monoblocco?
Lo sai vero che una frizione fiat ha un prezzo di vendita del 30% maggiore della Valeo ( ed è lo stesso gruppo frizione, prodotto dalla stessa catena e che superano i medesimi test qualità)?
I ricambi di consumo ( e sarebbe assurdo che una lampadina costasse quanto un intero faro) hanno una produzione mensile precalcolato e destinata in parte alla produzione ed in parte alla ricambistica ed i costi di gestione sono pressicchè simili sia per l'uno che per l'altro ( o credi che lo stabilimento X si faccia tutto in casa e che i pezzi da assemblare non arrivino dai 4 angoli del mondi?)
Quello che incide sul ricambio è la necessità di riparazione che implica un maggior ricarico perchè tu ( io e nessun'altra persone) è disposta a pagare un giunto 130€ invece che 40€ pur di non rottamare un'auto che costa 15K €.
La facilità di riparazione non esiste più con prezzi da 60 euro l'ora di lavoro e ricambi prezzi 20-volte il loro valore.

Adesso quello che conta è il tasso di rottura .

Personalmente mi sono sempre trovato bene con Renault .. ma l'ultima che ho comprato è del 2011 , potrebbe essere cambiato anche lì.
( Per inciso quell'auto ad oggi a 100k km e oltre il tagliando non ho cambiato niente se non gomme , pastiglie, cinghia e spazzole tergicristallo.

Fiat ne abbiamo avute anzi mio padre ci è fissato e ha preso una panda di recente proprio per la facilità di riparazione ... E perché è fissato con fiat . La vecchia punto era fissa in officina si è rotto di tutto , il colpo finale è arrivato a soli 130k con una fascia andata e candela inzuppata in olio . Provato di tutto , anche con dei distanziali , nulla per ripararla ci hanno chiesto 2-3mila euro

Mi spiace perché è un marchio italiano , ma tutte le fiat che ho avuto sono state così. Idem anche per PSA .

Ovviamente non faccio media sono esperienze personali.



PS l'unica consolazione è che ormai fiat non è più italiana e la posso sfanculare di gusto
__________________
MY STEAM & MY PC
La Vita ti prenderà sempre a calci nelle palle , e quando penserai che le cose inizino ad andare meglio, in realtà starà solamente caricandosi per un calcio ancora più forte.
fraussantin è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:36   #110
DjLode
Senior Member
 
L'Avatar di DjLode
 
Iscritto dal: Oct 2000
Città: Reggio Emilia
Messaggi: 15827
Quote:
Originariamente inviato da fraussantin Guarda i messaggi
Poi c'erano anche casi dove in Italia veniva solo effettuato l'ultimo controllo e il confezionamento e ci piazzano un bel made in Italia.
Guarda negli ultimi anni nemmeno quello. Arrivavano già confezionati e con etichetta, in Italia venivano solo contati e rispediti. In alcuni casi nemmeno passavano per l'Italia ma, ad esempio, dal sud america andavano via nave direttamente nell'Asia del sud.
E ho esempi nel vestiario e in altro tipo di merceologia.
__________________
Twinkle, twinkle, little star how I wonder what you are.
DjLode è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:43   #111
Svelgen
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2020
Messaggi: 2392
Quote:
Originariamente inviato da fraussantin Guarda i messaggi
Fiat ne abbiamo avute anzi mio padre ci è fissato e ha preso una panda di recente proprio per la facilità di riparazione ... E perché è fissato con fiat . La vecchia punto era fissa in officina si è rotto di tutto , il colpo finale è arrivato a soli 130k con una fascia andata e candela inzuppata in olio . Provato di tutto , anche con dei distanziali , nulla per ripararla ci hanno chiesto 2-3mila euro
Guarda...per esperienza ti dico che mi è capitata la stessa cosa a me con una Opel. Solo che i KM erano molti di più: 180.000.
Non ci sono santi che ti salvano in quei casi. È sufficiente che un po di morchia che si deposita tra le sedi delle fasce, e queste non fanno più tenuta e tanti saluti.
Te ne accorgi per l'appunto dal consumo di olio a kg, e dal fatto che una delle candele, resta sempre bagnata.
La fasce non li fa la renault, arrivano da terzi e spesso sono montati anche su altri gruppi di altre case.
Il preventivo che ti hanno chiesto è ovviamente commisurato alle ore che occorrono per smontare tutto e far pulire e revisionare anche la testa e i guidavalvole. più l'acquisto di fasce e guarnizioni varie che hanno costi non indifferenti.
Io all'epoca sulla mia, (che era anche un 16v con catena di distribuzione...) mi divertiii a smontare tutto, pistoni compresi, portare la testa in una rettifica per la revisione completa.
Tra tutto, spesi 1.000€, compreso l'acquisto di una chiave dinamometrica per stringere i dadi della testata. La guida per inserire i pistoni nei cilindri me la prestarono. Se hai voglia e passione nel motori, spendi un quarto e ti diverti anche. Altrimenti, ti tocca scucire soldi perché chiaramente le attrezzature costano, la manodopera anche e gli operai prendono uno stipendio anche loro.
E ti assicuro che per smontare tutto, anche se sei bravo, ti vanno via come ridere 6 ore di lavoro.
Poi devi rimontare...
__________________
Le Dolomiti: The Grand Tour. 150KM, 4354MT D+ Gardena, Pordoi, Sella, Giau, Falzarego

Ultima modifica di Svelgen : 23-07-2021 alle 08:47.
Svelgen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:44   #112
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 13512
Quote:
Originariamente inviato da Piedone1113 Guarda i messaggi
Forse non te ne sei accorto, ma la qualità di un auto si rifà anche alla capacita di riparazione:
Prima per esempio si preferivano le Fiat per la reperibilità dei ricambi e il loro relativo basso prezzo d'acquisto.
L'assistenza post vendita ( che include anche gli interventi post garanzia) sono in parte assorbiti dalla vendita del prodotto.
Se il giunto ant sx X è montato su 50 modelli differenti credi che venga prodotto solo per i modelli in produzione?
Lo sai vero che è più facile reperire un motore completo ( ed incelofanato con etichette applicate sull'esterno) invece del solo monoblocco?
Lo sai vero che una frizione fiat ha un prezzo di vendita del 30% maggiore della Valeo ( ed è lo stesso gruppo frizione, prodotto dalla stessa catena e che superano i medesimi test qualità)?
I ricambi di consumo ( e sarebbe assurdo che una lampadina costasse quanto un intero faro) hanno una produzione mensile precalcolato e destinata in parte alla produzione ed in parte alla ricambistica ed i costi di gestione sono pressicchè simili sia per l'uno che per l'altro ( o credi che lo stabilimento X si faccia tutto in casa e che i pezzi da assemblare non arrivino dai 4 angoli del mondi?)
Quello che incide sul ricambio è la necessità di riparazione che implica un maggior ricarico perchè tu ( io e nessun'altra persone) è disposta a pagare un giunto 130€ invece che 40€ pur di non rottamare un'auto che costa 15K €.
Probabilmente sarà come dici tu...
Ho premesso apposta che sono ignorante come una zappa in materia e non ho molto voglia di diventare esperto in un settore da cui dovrei quasi partire dalle basi...
Grazie per le info ad ogni modo.
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 08:53   #113
CrapaDiLegno
Senior Member
 
Iscritto dal: Jan 2011
Messaggi: 2719
Grazie ragazzi,
oltre agli inutili post di gente che fa inutili proclami (ovviamente solo per gli altri) mi sono fatto una cultura sul pentolame
CrapaDiLegno è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 09:33   #114
ferste
Senior Member
 
L'Avatar di ferste
 
Iscritto dal: Dec 2000
Città: prov. di Alessandria
Messaggi: 2515
Quote:
Originariamente inviato da Svelgen Guarda i messaggi
No no...un momento!
Mady in Italy ha una nomenclatura ben chiara e precisa e non ossono esserci fraintendimenti.
Quando c'è scritto, significa che il prodotto è interamente progettato e costruito in Italia.
Se compro una calzatura da trekking della S.C.A.R.P.A, so con certezza che è prodotta a Treviso. Poi ok, anche loro hanno stabilimenti in Romania ma se c'è scritto Made in Italy, quella calzatura è uscita dallo stabilimento di Treviso e non da quello in Romania. E sono anche disposto a pagarla di più, perché posso permettermelo e perché chi lavora per produrla vive nel mio paese, prende uno stipendio, ha un mutuo e famiglie da mantenere.
E la stessa cosa vale per molti altri prodotti plastici in commercio tra cui i giocattoli. In Italia c'è un'azienda che produce giocattoli in plastica dal 1967.
In base alla normativa non è così, il prodotto deve aver subito “l’ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed
effettuata in un’impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione”.
Quindi la tua SCARPA è prodotta a Treviso con semilavorati provenienti dalla Romania, ma se viene finita in Italia può avere il marchio made in Italy.
Il valore aggiunto del marchio SCARPA è che sei sicuro (o quasi) che i semilavorati siano prodotti con specifiche elevate e determinate condizioni minime di qualità.
Su molti prodotti basta che ci sia una modifica del taric e già è considerata lavorazione sostanziale.


ps: ho visto dopo che avete risposto già in mille...non avevo aggiornato la pagina, sorry
__________________
"Se l'Italia nella sua storia recente ha vinto guerre solo contro l'Austria un motivo ci sarà pure" cit. S.F.
Addio Pierpo, motociclista.

Ultima modifica di ferste : 23-07-2021 alle 09:35.
ferste è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 09:40   #115
Piedone1113
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2015
Messaggi: 3662
Quote:
Originariamente inviato da fraussantin Guarda i messaggi
La facilità di riparazione non esiste più con prezzi da 60 euro l'ora di lavoro e ricambi prezzi 20-volte il loro valore.

Adesso quello che conta è il tasso di rottura .

Personalmente mi sono sempre trovato bene con Renault .. ma l'ultima che ho comprato è del 2011 , potrebbe essere cambiato anche lì.
( Per inciso quell'auto ad oggi a 100k km e oltre il tagliando non ho cambiato niente se non gomme , pastiglie, cinghia e spazzole tergicristallo.

Fiat ne abbiamo avute anzi mio padre ci è fissato e ha preso una panda di recente proprio per la facilità di riparazione ... E perché è fissato con fiat . La vecchia punto era fissa in officina si è rotto di tutto , il colpo finale è arrivato a soli 130k con una fascia andata e candela inzuppata in olio . Provato di tutto , anche con dei distanziali , nulla per ripararla ci hanno chiesto 2-3mila euro

Mi spiace perché è un marchio italiano , ma tutte le fiat che ho avuto sono state così. Idem anche per PSA .

Ovviamente non faccio media sono esperienze personali.



PS l'unica consolazione è che ormai fiat non è più italiana e la posso sfanculare di gusto
Avute diverse fiat ( ma anche ws, renault, pegeut), le fascie ( ma tantissimi altri componenti del motore) si rovinano generalmente nelle accensioni dei brevi tragitti:
l'olio defluisce dalle pareti del cilindro e le fascie per qualche secondo lavorano a secco.
Quindi non solo i km fanno usura, ma anche le accenzioni ( che comunque stressano) e micidiali sono le sgasate da accensione.
Per sostituire le fascie un meccanico sa che bisogna rettificare ( o incamiciare ) i cilindri, cambiare tutti i pistoni e tutte le fascie ( e dato che ci sei rifai anche i meccanismi di distribuzione, pompa acqua, controllo dinamo, e nel caso le sedi valvole).
Per fortuna la mano d'opera generalmente viene conteggiata a tabella, e si sa in anticipio quando si spende.
Piedone1113 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 10:02   #116
Svelgen
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2020
Messaggi: 2392
Quote:
Originariamente inviato da Piedone1113 Guarda i messaggi
Avute diverse fiat ( ma anche ws, renault, pegeut), le fascie ( ma tantissimi altri componenti del motore) si rovinano generalmente nelle accensioni dei brevi tragitti:
l'olio defluisce dalle pareti del cilindro e le fascie per qualche secondo lavorano a secco.
Quindi non solo i km fanno usura, ma anche le accenzioni ( che comunque stressano) e micidiali sono le sgasate da accensione.
Per sostituire le fascie un meccanico sa che bisogna rettificare ( o incamiciare ) i cilindri, cambiare tutti i pistoni e tutte le fascie ( e dato che ci sei rifai anche i meccanismi di distribuzione, pompa acqua, controllo dinamo, e nel caso le sedi valvole).
Per fortuna la mano d'opera generalmente viene conteggiata a tabella, e si sa in anticipio quando si spende.
Umh...per quei pezzi non è detto.
Se sono in tolleranza non devi incamiciare e cambiare nulla. Anche perché, i costi poi lievitano e non è più conveniente la riparazione su macchine di una certa età e un certo kmetraggio.
In genere si cambiano le fasce e si controlla la testa, valvole e guida-valvole.
Ma sui consumi olio anomali e improvvisi, le fasce sono sempre le principali indiziate.
Io sostituii solo quelle, anche perché la catena della distribuzione non lavora a secco quindi le varie pulegge, così come la catena, difficilmente saranno usurate. Anche dopo 200.000km. Perlomeno...nel mio caso era tutto in ottime condizioni.
__________________
Le Dolomiti: The Grand Tour. 150KM, 4354MT D+ Gardena, Pordoi, Sella, Giau, Falzarego
Svelgen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 10:40   #117
Piedone1113
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2015
Messaggi: 3662
Quote:
Originariamente inviato da Svelgen Guarda i messaggi
Umh...per quei pezzi non è detto.
Se sono in tolleranza non devi incamiciare e cambiare nulla. Anche perché, i costi poi lievitano e non è più conveniente la riparazione su macchine di una certa età e un certo kmetraggio.
In genere si cambiano le fasce e si controlla la testa, valvole e guida-valvole.
Ma sui consumi olio anomali e improvvisi, le fasce sono sempre le principali indiziate.
Io sostituii solo quelle, anche perché la catena della distribuzione non lavora a secco quindi le varie pulegge, così come la catena, difficilmente saranno usurate. Anche dopo 200.000km. Perlomeno...nel mio caso era tutto in ottime condizioni.
Nel 99,99% dei casi fascie elastiche danneggiate corrisponde a sede cilindro rigate, deformate o altro ( lavorano sempre in accoppiata).
Se c'è olio sulla candela normalmente è la fascia raschiaolio ( e non le fascie elastiche).
Se smonti il motore non cambi il tendicatena ( o la cinghia di distribuzione ecc) o la pompa acqua?
Anche se ancora in perfetto ordine hanno pur sempre 120/180k km sulle spalle ( a meno che tu non le abbia cambiate da poco).
Come quando si rifaceva la frizione ( quella vecchia monomassa), che fai cambi il disco e non il plotot ed il reggispinta?
Come da preventivo ( oltre 2k €) gli avrebbero fatto quello che ho detto, ma se la compressione dei cilindri è ok e l'olio trafila sopra basterebbe cambiare il raschiaolio, ma se la compressione è bassa devi fare quello che ho scritto, a meno tu non voglia arrangiare per qualche tempo usando l'auto per piccoli spostamenti e sapendo che è raffazzonata.
Piedone1113 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 10:41   #118
Therinai
Senior Member
 
L'Avatar di Therinai
 
Iscritto dal: Jun 2004
Città: Corte del Re Cremisi
Messaggi: 15584
Quote:
Originariamente inviato da canislupus Guarda i messaggi
Su Amazon esistono tantissimi con problemi di analfabetismo funzionale (i migliori sono quelli che rispondono alle domande con: "Non ho il prodotto" - "L'ho regalato ad un amico".
Sul pentolame va detto che spesso le varie marche non sono propriamente molto regolari nelle dimensioni.
A me è capitato spesso di prendere modelli diversi dello stesso produttore e il coperchio non si adattava allo stesso modo.
Per i coperchi io piuttosto che prendere quelli dei produttori, almeno per il pentolame standard, preferisco prendere quelli di alluflon, si trovano a prezzi relativamente bassi, sono di discreta qualità e calzano su qualsiasi tegame e padella. Ovviamente made in china, ma almeno in questo caso è scritto chiaramente. Come dicevo ieri l'unica certezza è il made in cina, in tutti gli altri casi non si capisce la roba da dove arriva, e purtroppo spesso la provenienza non è proprio indicata da nessuna parte.
Oggi mi sono arrivati due cuscini, per curiosità ho cercato la dicitura di provenienza sulla confezione e sul prodotto... niente di niente.
Manco l'etichetta riguardo i materiali che compongono il prodotto, poi se per sfortuna uno è allergico a qualcosa cavoli suoi

Quote:
Originariamente inviato da CrapaDiLegno Guarda i messaggi
Grazie ragazzi,
oltre agli inutili post di gente che fa inutili proclami (ovviamente solo per gli altri) mi sono fatto una cultura sul pentolame
Guarda potrei aprire un "pentolameupgrade"
__________________
MB Asus Prime B550M-A wifi CPU Ryzen 3600 RAM Corsair Vengeance 2X8gb 3600 Mhz Heatsink Corsair H80i GT SK Video Zotac 3060ti OC Video LG 27GN88A + Valve Index HDD Seagate 1tb; Silicon Power NVMe 1TB Gen3 P34A80 PSU EVGA Supernova G3 650W CONNESSIONE FTTH 1000 Mbps
THREAD DARK SOULS 2 - Thread: Sekiro S.D.T. | Scambio 3060ti con scheda superiore
Therinai è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 10:52   #119
Piedone1113
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2015
Messaggi: 3662
Quote:
Originariamente inviato da Therinai Guarda i messaggi
Per i coperchi io piuttosto che prendere quelli dei produttori, almeno per il pentolame standard, preferisco prendere quelli di alluflon, si trovano a prezzi relativamente bassi, sono di discreta qualità e calzano su qualsiasi tegame e padella. Ovviamente made in china, ma almeno in questo caso è scritto chiaramente. Come dicevo ieri l'unica certezza è il made in cina, in tutti gli altri casi non si capisce la roba da dove arriva, e purtroppo spesso la provenienza non è proprio indicata da nessuna parte.
Oggi mi sono arrivati due cuscini, per curiosità ho cercato la dicitura di provenienza sulla confezione e sul prodotto... niente di niente.
Manco l'etichetta riguardo i materiali che compongono il prodotto, poi se per sfortuna uno è allergico a qualcosa cavoli suoi


Una volta per beccare i falsi veri le fabbrichette di abbigliamento campane etichettavano le imitazioni come:
MADE in NAPLES

Arrivando a farne addirittura un brand da mercato popolare.
Lo si rivede oggi con il:
MADE in China
bello esposto a sostituire "l'enigmatico"
made in PRC
Piedone1113 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 23-07-2021, 10:57   #120
fraussantin
Senior Member
 
L'Avatar di fraussantin
 
Iscritto dal: May 2009
Città: toscana
Messaggi: 43178
Quote:
Originariamente inviato da Piedone1113 Guarda i messaggi
Avute diverse fiat ( ma anche ws, renault, pegeut), le fascie ( ma tantissimi altri componenti del motore) si rovinano generalmente nelle accensioni dei brevi tragitti:
l'olio defluisce dalle pareti del cilindro e le fascie per qualche secondo lavorano a secco.
Quindi non solo i km fanno usura, ma anche le accenzioni ( che comunque stressano) e micidiali sono le sgasate da accensione.
Per sostituire le fascie un meccanico sa che bisogna rettificare ( o incamiciare ) i cilindri, cambiare tutti i pistoni e tutte le fascie ( e dato che ci sei rifai anche i meccanismi di distribuzione, pompa acqua, controllo dinamo, e nel caso le sedi valvole).
Per fortuna la mano d'opera generalmente viene conteggiata a tabella, e si sa in anticipio quando si spende.
Si ovviamente mio padre pensionato da 10 anni l'uso che ha fatto con quell'auto è stato quello casa , bar , coop , orticello , casa ... Qualche girata la domenica , ma di rado .

Che poi è lo stesso uso che faccio io della Renault di mia moglie . ( Lavoro vicino casa)

La mia vecchia Clio invece ( 2003) l'ho spremuta per lunghi tragitti .

Mai un guasto fino a 180000km dove si è rovinata la sede di una valvola , e non ti sto a dire che mi è convenuto buttarla.

Purtroppo oggi non conviene riparare a quelle cifre auto così vecchie.



PS a proposito di pentolame occhio con i coperchi in vetro cinese .. su cucinare male ogni giorno esce gente col tappo scoppiato
__________________
MY STEAM & MY PC
La Vita ti prenderà sempre a calci nelle palle , e quando penserai che le cose inizino ad andare meglio, in realtà starà solamente caricandosi per un calcio ancora più forte.

Ultima modifica di fraussantin : 23-07-2021 alle 11:19.
fraussantin è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Ghost of Tsushima: Director's Cut, le meraviglie di Iki su PS5 - Recensione Ghost of Tsushima: Director's Cut, le meraviglie...
Xiaomi 11T Pro, la ricarica da 120W è pazzesca ma non basta. La recensione Xiaomi 11T Pro, la ricarica da 120W è paz...
Anteprima! Canon EOS R3 dal vivo, la mirrorless che mette a fuoco con lo sguardo Anteprima! Canon EOS R3 dal vivo, la mirrorless ...
Nuova Opel Grandland, primo contatto e test drive: l'ibrido plug-in di Stellantis non delude Nuova Opel Grandland, primo contatto e test driv...
OPPO Reno6 Pro 5G: elegante, leggero e pronto per i video-maker. La recensione OPPO Reno6 Pro 5G: elegante, leggero e pronto pe...
HONOR annuncia partnership strategica co...
Myntelligence cambia nome in MINT e apre...
Bud Spencer & Terence Hill: parte la...
Cooler Master MasterBox NR200P presto di...
Avocent ADX, la nuova piattaforma per la...
Il mercato di crypto in Africa è ...
AG324UX e AG274FZ, i nuovi monitor AGON ...
GoPro HERO10 Black: video in 5,3K/60p e ...
Incidenti di sicurezza in cloud: due su ...
Corsair Sabre RGB Pro: ecco la versione ...
Shenzhou-12: gli astronauti cinesi hanno...
Ender-3 Max, prezzo super per una delle ...
OPPO Reno6 Pro 5G: ecco tutti i segreti ...
Call of Duty: Vanguard, al via il second...
SpaceX e la vista della cupola trasparen...
Dropbox
Windows 10 Manager
Chromium
Advanced SystemCare Ultimate
NTLite
CCleaner Portable
CCleaner Standard
Trillian
PassMark BurnInTest Windows Edition
Opera Portable
K-Lite Codec Pack Update
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
K-Lite Codec Pack Standard
K-Lite Codec Pack Basic
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 01:37.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v
1