Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Software > Linux, Unix, OS alternativi > Discussioni Ufficiali e Documentazione

Comparativa tra WiFi System: alla ricerca della connessione perfetta
Comparativa tra WiFi System: alla ricerca della connessione perfetta
I kit WiFi System sono una via pratica per risolvere i problemi di ridotta copertura del segnale WiFi all'interno del proprio ambiente domestico. Pensati per assicurare installazione semplice e rapida anche all'utente meno esperto, portano i vantaggi delle reti Mimo all'interno della casa o del piccolo ufficio per garantire elevate velocità di trasmissione dei dati.
PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop
PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop
Interfaccia semplificata, maggiore velocità e più strumenti per PaintShop Pro, l'anti-Photoshop di Corel. Che punta tutto su prezzo concorrenziale e licenza perpetua.
Recensione Wolfenstein II: ambizione a livelli estremi
Recensione Wolfenstein II: ambizione a livelli estremi
Per come lo si prenda, Wolfenstein II: The New Colossus è un gioco estremo, sia per i temi trattati, sia per le modalità narrative, sia per il modello di shooter che offre. Anche rispetto a New Order, Machine Games si decisamente ‘spinta oltre’, confezionando un titolo davvero ambizioso e ‘forte’
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 20-04-2012, 21:13   #21
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Quote:
Originariamente inviato da Gimli[2BV!2B] Guarda i messaggi
Il mio possibile contributo sull'argomento installazioni esotiche è pressoché nullo. Al più ricordo, anni fa, di aver fatto un CD Debian live con Squid per evadere dal laboratorio di informatica prendendo possesso di un ip di un laboratorio internet solitamente chiuso...
Per aggiramenti rapidi in genere io uso simple proxy al volo (per quanto ho uno squid3 installato sul mio portatile) che non fa la cache ed e' rapido da configurare, mi capita ogni tanto di tirare su un tunnel verso un mio host pubblico quando devo far navigare un laboratorio con una connessione particolarmente castrata.

Quote:
Carini gli appunti su Debian live.
Thanks, non so quanto siano comprensibili per un esterno maci si potrebbe lavorare.
In genere mentre faccio qualcosa prendo appunti in formato restructuredtext (python-docutils) e mantengo i miei appunti con sphinx ( python-sphinx ). Oppure html2text in questo caso.

Dovrei avere una cartella con degli esempi e qualche altro esempio per mettere delle 'utility chiosco' in avvio automatico tramite inittab, se a qualcuno interessa. Una volta ero uso a mantenere un versione di sid - live - netboot da usare come base di ripristino per gli occasionali chroot di recupero delle macchine sid.

In questo perido pero' sto passando all'abolizione dei dischi rigidi: boot da rete e root su nfs. Gli hard disk costano un botto, di tanto in tanto schiantano, non si deve piu' intervenire sul singolo host per fare modifiche ma ci si puo' proettare direttamente con un chroot sui loro filesystem direttamente sul server.

Lo preferisco all'approccio debian-live per un minor utilizzo della RAM . Dovrei trovare un modo per riuscire a mandarli in suspend to RAM - suspend to disk di rete: in pratica li si potrebbe poter migrare tra ad es la propria workstation -> portatile -> workstation a casa.

Sembrera' una cagata ma e' comodo anche per il portatile: non si usa l'hd cosi' e' silenzioso, consuma meno, sta su con il wifi una votla avviato. Ovviamente solo in casa / indoor.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-04-2012, 21:56   #22
Gimli[2BV!2B]
Senior Member
 
L'Avatar di Gimli[2BV!2B]
 
Iscritto dal: Feb 2006
Città: Parma
Messaggi: 3018
Le mappe sono nel pacchetto console-data
Codice:
gimli@kwankey:~$ apt-file search /usr/share/keymaps
[...]
console-data: /usr/share/keymaps/i386/qwerty/us.kmap.gz
gimli@kwankey:~$ su -
Password: 
root@kwankey:~# loadkeys us
Caricamento di /usr/share/keymaps/i386/qwerty/us.kmap.gz
[...]
gpm non lo conoscevo, dalla descrizione mi sembra avere un discreto potenziale di utilità.

Per cambiare layout della tastiera sotto il server X uso solitamente il selettore offerto da Kde. Lo trovo molto comodo.

La configurazione che hai descritto sembra molto comoda per laboratori ed internet point. Un pezzo in meno, destinato a rompersi, da comprare. Una bella immagine preconfezionata per tutti e via andare (è necessario che ogni client abbia una sua root nel server o possono condividerne una sola?). Un po' di spazio su server se gli utenti sono registrati in qualche modo, altrimenti al riavvio si azzera tutto e sia il server che il client si scordano di quel che è successo.
Con reti gigabit dovrebbe girare abbastanza bene (forse avrei qualche timore in caso di avvio contemporaneo di tutte le macchine).
C'è il classico rischio che il server decida di prendere una pausa, ma ipotizzerei che ci si potrebbe coprire le spalle usando due server un po' meno potenti su cui spartire dinamicamente i client. Se uno fallisce il secondo prende temporaneamente le redini per non interrompere il servizio finché non si sistema l'altro. Immagino ci sia qualche modo per farlo...

La magata suspend to disk in rete potrebbe essere sfiziosa, però, se l'ho capita bene, può funzionare? Anche ipotizzando di ibernare, salvare e ripristinare su un sistema gemello del primo, temo possano esserci variabili (per esempio il MAC address salvato nell'immagine della memoria) che rischierebbero di creare scompiglio ed errori...
__________________
~Breve riferimento ai comandi GNU/Linux (ormai non molto breve...)
Gimli[2BV!2B] è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-04-2012, 22:13   #23
nicfio
Senior Member
 
L'Avatar di nicfio
 
Iscritto dal: Aug 2002
Città: Roma
Messaggi: 1464
@eaman: grazie! Ci darò un'occhiata con calma e a mente fresca


x i Mod: Il thread, grazie a Eaman, Gimle e ad altri maghi di Linux, si stà poco a poco trasformando in una vera e propria enciclopedia su Linux: non sarebbe male metterla in sticky o evidenziarla in qualche modo...
nicfio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-04-2012, 23:28   #24
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Quote:
Originariamente inviato da Gimli[2BV!2B] Guarda i messaggi
apt-file search /usr/share/keymaps
Oh grazie, ma te pensa quanto mi sono dannato per 2.5MB... A volte quando vai a cercare di ottimizzare lo spazio sulle locales o i tools di base e' devastante: una volta mi son beccato un host con la tastiera russa e appunto non riuscivo neanche a caricarmi una maleddetta keymap che sara' pesata pochi KB...


Quote:
gpm non lo conoscevo, dalla descrizione mi sembra avere un discreto potenziale di utilità.
E' il mouse da terminale: se ti serve il copia incolla o per quelle utility che prevedono i 'click'.

Quote:
La configurazione che hai descritto sembra molto comoda per laboratori ed internet point. Un pezzo in meno, destinato a rompersi, da comprare.
Quello e' il punto, a parte il costo dell'oggetto, nei lab in genere sei fermo perche' ti si rompe l'hd o l'alimentatore. E con le cpu / motherboard attuali piu' o meno passive + i monitor piatti che consumano poco i picchi di corrente e rumori' sulla corrente sono molto diminuiti.

Quote:
Una bella immagine preconfezionata per tutti e via andare (è necessario che ogni client abbia una sua root nel server o possono condividerne una sola?).
Puoi fare entrambe le cose. Semplificando:
A. Immagine unica per tutti con home (variabili e persistenti) sul file server.
B. Immagini dedicate per ogni macchina (scelte via MAC ADRESS)
C. Immagine base e differenze delle singole macchine usando qualcosa tipo AUFS.

Se e' un lab per corsi da sistemisti direi da B in giu', se non si possono usare macchine virtuali. Che poi basterebbe tenere queste su un server, o usare User Mode Linux o Vserver (che e' ancora dentro debian ), ma oggi va di moda la virtualizzazione full...



Quote:
Un po' di spazio su server se gli utenti sono registrati in qualche modo, altrimenti al riavvio si azzera tutto e sia il server che il client si scordano di quel che è successo.
LDAP per la gestione degli utenti, 20KB per un client web per aggiungere un utente e cambiare la password per gli operatori, le /home su servers nfs che vengono caricate su qualunque macchina.

Quote:
Con reti gigabit dovrebbe girare abbastanza bene
Con un server 'vecchio' e tutto super economico tieni sui 70MB/s di accesso 'sequenziale', che va bene per caricare una macchina virtuale. Per file piccoli e accessi frequenti si sente la latenza, ma se e' hardware molto vecchio delle volte sono piu' usabili cosi' che con gli hd locali. E se fai una cosa nuova ci metti 2/4GB di RAM e puoi considerare cose feroci come tenerti delle grosse cache in RAM.
Quote:
(forse avrei qualche timore in caso di avvio contemporaneo di tutte le macchine).
Lo senti di piu' se usi tipo una debian-live che ti carica tutto in RAM. Se hai la root su NFS in fin dei conti carichi 100/300MB per fare il boot di un host, e puoi sempre mettere in parallelo piu' switch: adesso trovi dei 8 / 16 porte gigabit a 25 /50 euro...

Ma hey: se ti capita spesso di fare il boot all togheter considera un boot in multicast !

Quote:
C'è il classico rischio che il server decida di prendere una pausa, ma ipotizzerei che ci si potrebbe coprire le spalle usando due server un po' meno potenti su cui spartire dinamicamente i client. Se uno fallisce il secondo prende temporaneamente le redini per non interrompere il servizio finché non si sistema l'altro. Immagino ci sia qualche modo per farlo...
Be' il server si suppone che stia su' e non faccia pause, per quanto quello descritto sia il contro prezzo di un paradigma accentrato.

Alta disponibilita' per LDAP / storaggio dati non e' un problema, ma la soluzione piu' fattibile per molte realta' secondo me e' avere un server di back-up speculare da usare come 'supporto di backup' e da rendere autoritativo (meccanicamente: tipo attacca il cavo rosso e stacca il cavo verde) per non piantare tutto in caso di failure hardware mentre aspetti il sistemista.


Quote:
La magata suspend to disk in rete potrebbe essere sfiziosa, però, se l'ho capita bene, può funzionare?
Be' tecnicamente dovrebbe essere simile alla migrazione di una virtual machine: c'e' il filesystem (che se' e' remoto non e' neanche da migrare) e la RAM da copiare / sincronizzare (io penso a un suspend to RAM).

Effettivamente rileggendo il tuo commento si potrebbe pensare anche a un ripristino da suspend to disk con il disk che e' remoto.

Io pensavo anche a 'spostare' la sessione di lavoro corrente da una macchina a un'altra (vado a casa e mi sposto il desktop sul portatile), certo che c'e' tutto il kernel / OS / applicativi da sbolognare. Bisognerebbe farlo girare su una macchina virtuale se no ti tocca avere l'hardware identico (e senza firmware buffi ;-) )

L'ideale (e scommeto che in un paio di anni qualcuno lo fara') sarebbe un hypervisor (ala virtual machine) che fa diretto il boot da rete. Al momento magari sarebbe fattibile un OS che fa il boot da rete e' poi carica un hypervisor e il supporto di storaggio di questo da rete.

Oppure usare un paradigma come xpra ( http://xpra.org/ ), thin client persistente.

Quote:
Anche ipotizzando di ibernare, salvare e ripristinare su un sistema gemello del primo, temo possano esserci variabili (per esempio il MAC address salvato nell'immagine della memoria) che rischierebbero di creare scompiglio ed errori...
He gia' ci vuole il suspend to pxe ;-)
Tenere un ID della sessione da associare a una MAC. Del resto quando fai partire il nuovo host bisognera' pur dirgli cosa deve traslarsi sopra.

Comunque c'e' fortunatamente un layer di astrazione tra MAC e indirizzo IP: magari un dhcp server un po' sgaggio puo metterci una pezza veloce.

...poi resta il problema della compatibilita' di tutto il resto dell'hardware, ma si supererebbe con un hypervisor.

Chiedo scusa sono stato un po' lungo.

Ultima modifica di eaman : 20-04-2012 alle 23:39.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 00:09   #25
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Sistemazione del layout della tastiera (senza installare console-data)

Il comando loadkeys puo' appartenere a:
-pacchetto console-tools (/bin/loadkeys)
-pacchetto kbd (/usr/bin/loadkeys) [c'e' questo di default su debian appena installato]
Per entrambi i pacchetti la descrizione suggerisce di installare 'console-data' (io non l'ho fatto, e' sufficiente console-setup).
Siccome in avvio vedo che si esegue 'console-setup' ho dato un'occhiata alla relativa pagina man:
Quote:
man 5 console-setup:
The file console-setup specifies the encoding and the font to be used by setupcon(1) in order to setup the console. It can be used also to specify the keyboard layout but it is not recommended to do so, use keyboard(5) instead.

man 5 keyboard:
The keyboard file describes the properties of the keyboard. It is read by setupcon(1) in order to configure the keyboard on the console. In Debian systems the default keyboard layout is described in /etc/default/keyboard and it is shared between X and the console. The specification of the keyboard layout in the keyboard file is based on the XKB options XkbModel, XkbLayout, XkbVariant and XkbOptions. Unfortunately, there is little documentation how to use them. Description of all possible values for these options can be found in the file xorg.lst.

The file keyboard consists of variable settings in POSIX format:
VARIABLE=VALUE
Only one assignment is allowed per line. Comments (starting with '#') are also allowed.

OPTIONS
The following variables can be set.

XKBMODEL
Specifies the XKB keyboard model name. Default: pc105 for most platforms.

XKBLAYOUT
Specifies the XKB keyboard layout name. This is usually the country or language type of the keyboard.
Default: us for most platforms


KMAP Usually this variable will be unset but if you don't want to use a XKB layout on the console, you can specify an alternative keymap here. Specify a file that is suitable as input for loadkeys(1) on Linux or for kbdcontrol(1) on FreeBSD.

NOTES
In Debian systems, changes in /etc/default/keyboard do not become immediately visible to X. You should either reboot the system, or use udevadm trigger --subsystem-match=input --action=change

EXAMPLES
The following configuration will give you the standard US QWERTY layout (us). The key <Menu> will act as a compose key (compose:menu) and <CapsLock> will act as third control key (ctrl:nocaps).

XKBLAYOUT=us
XKBVARIANT=
XKBOPTIONS=compose:menu,ctrl:nocaps

In the following configuration the right <Alt> key (grp:toggle) will toggle between US QWERTY layout (us) and Greek (gr) layout. The option grp_led:scroll is ignored on the console but in X in means to use the ScrollLock keyboard led as indicator for the current layout (US or Greek).

XKBLAYOUT=us,gr
XKBVARIANT=
XKBOPTIONS=grp:toggle,grp_led:scroll

In the following configuration the <Control>+<Shift> key combination will toggle (grp:ctrl_shift_toggle) between French keyboard (fr) without dead keys (nodeadkeys) and British (gb) “Dvorak” (dvorak) keyboard. The right <Win> key will be a compose-key (compose:rwin) and the right <Alt> key will function as AltGr (lv3:lalt_switch).

XKBLAYOUT=fr,gb
XKBVARIANT=nodeadkeys,dvorak
XKBOPTIONS=grp:ctrl_shift_toggle,compose:rwin,lv3:ralt_switch
Le note di rilascio di Squeeze dicono anche:
Quote:
2.1.5. Unified keyboard settings

In this new release, the settings for the keyboard have been unified so that both the console and the Xorg server use the same settings. The keyboard settings are now defined in the /etc/default/keyboard configuration file which overrides the keyboard defined in Xorg's configuration file.

The console-setup package now handles the keyboard for both environments as well as the font configuration for the console. You can reconfigure the keyboard layout and related settings by executing dpkg-reconfigure keyboard-configuration or by manually editing the /etc/default/keyboard configuration file.
Dopo aver letto la documentazione sopra riportata ho modificato il mio file /etc/default/keyboard in questo modo:
Quote:
XKBMODEL="pc105"
XKBLAYOUT="us,it"
XKBOPTIONS="grp:ctrl_shift_toggle"
XKBVARIANT=""
BACKSPACE="guess"
E per rendere effettive le modifiche in console si digita: /etc/init.d console-setup restart
A questo punto posso cambiare layout us-it premendo ctrl-shift e essendo indicato per primo l'inglese ha la precedenza sull'italiano.

Per quanto riguarda X, nonostante il riavvio non si e' abilitato lo switch della tastiera, ma ho risolto modificando il file di autostart di lxde:
Codice:
debian@localhost:~/.config/lxsession/LXDE$ cat autostart 
synclient TapButton1=1
synclient TapButton2=2
synclient TapButton3=3
setxkbmap -layout "us,it" -option "grp:ctrl_shift_toggle"
In questo modo (equivalente grosso modo ai comandi 'setxkbmap it' e 'setxkbmap us' dati da terminale) e' possibile passare da tastiera americana a tastiera italiana in qualsiasi applicazione grafica (firefox, openoffice, terminale, ecc.) premendo ctrl-shift; inoltre, grazie a questa direttiva, anche la bandierina vicno all'orologio passa da un layout all'altro con la combinazione di tasti indicata o con un semplice click del mouse.
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi

Ultima modifica di vampirodolce1 : 21-04-2012 alle 00:12.
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 00:15   #26
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Un po' di sicurezza:
Codice:
chmod 400 /etc/network/interfaces
chattr +i /etc/network/interfaces
chmod 400 /etc/wpa_supplicant/configurazione
chattr +i /etc/wpa_supplicant/configurazione
chattr +i /etc/resolv.conf
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi

Ultima modifica di vampirodolce1 : 21-04-2012 alle 00:27.
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 00:22   #27
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Dizionario italiano e sillabazione per libreoffice

-scaricare l'estensione da qui: http://extensions.libreoffice.org/ex...ension-package
-eventualmente rinominare in .zip il file
-importare l'estensione in libreoffice: tools - extension manager -add
-per visualizzare gli errori mentre si scrive: tools - options - check spelling as you type
-per abilitare l'italiano nel documento che si sta scrivendo: tools - options - language settings - languages - default languages for documents [la lingua col dizionario installato sara' spuntata.

Per scrivere in italiano (cioe' con le lettere accentate) e' comunque necessario predisporre quanto detto due post fa sull'abilitazione della lingua in X.
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 15:39   #28
Gimli[2BV!2B]
Senior Member
 
L'Avatar di Gimli[2BV!2B]
 
Iscritto dal: Feb 2006
Città: Parma
Messaggi: 3018
@vampirodolce, mettere immutabile a resolv.conf potrebbe scontrarsi con resolvconf, se installato. Credo sia installato di default, per lo meno nell'installazione desktop.
Ridurre diritti d'accesso agli altri file può dare vantaggi e pochi svantaggi.

Interessante la gestione unificata della keyboard che hai scovato (potrebbe essere che nella pacchettizzazione di LXDE si siano dimenticati di gestire quest'impostazione).
Ora la provo.

@eaman PXE in multicast, dovevo immaginarmelo!
È veramente un universo questo delle installazioni "non canoniche". Ecco, ora basta aggiungere un pizzico di macchine virtuali al boot di rete e mi perdo definitivamente
È questo che adoro del software: spesso è solo la mancanza di fantasia e curiosità che ci limita. Poi nel mondo open hai sempre modo di approfondire il problema praticamente all'infinito, mentre con software binari chiusi occorre spesso far salti mortali per avere indizi, oppure pagare qualcuno...
Vabbè in fondo è questo il fulcro della questione: chi si appassiona all'open source gli dedica del tempo e si interessa al funzionamento arrivando in vari casi anche a contribuire, mentre chi apprezza il software chiuso desidera solitamente avere software il più possibile chiavi in mano con la possibilità di pagare qualcuno per risolvere i problemi (oppure si butta tutto e si usa un altro che sembra meglio...).

Però, effettivamente, una macchina virtuale che salva il suo stato in rete e ti permette di ricominciare sempre esattamente da dov'eri rimasto da qualsiasi postazione...
No, forse non può dare grandi vantaggi rispetto ad una sessione di desktop remoto; però sarebbe eseguita sull'hardware locale, quindi eventualmente grafica 3D (virtualizzazione ed hardware permettendo) senza troppi problemi; l'immagine della macchina da inizializzare si potrebbe mettere in una chiavetta USB...

Interessante xpra, non conoscevo questa possibilità (se non il vecchio X via rete, che però termina alla disconnessione) ed è simile, come concetto, a ciò di cui ho vagheggiato prima. Ora son curioso di provarlo.
__________________
~Breve riferimento ai comandi GNU/Linux (ormai non molto breve...)
Gimli[2BV!2B] è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 17:11   #29
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Quote:
Originariamente inviato da Gimli[2BV!2B] Guarda i messaggi
@vampirodolce, mettere immutabile a resolv.conf potrebbe scontrarsi con resolvconf, se installato. Credo sia installato di default, per lo meno nell'installazione desktop.
Ridurre diritti d'accesso agli altri file può dare vantaggi e pochi svantaggi.
Grazie del consiglio. Ho forzato l'attributo dell'immutabilita' a resolv.conf perche' in questo modo, se come e' capitato mi collego a una rete in dhcp (dhclient eth1) non vengono sovrascritti i miei DNS (uso quelli di opendns), cosa che mi ha dato sempre fastidio. Non ho il pacchetto resolvconf nella mia installazione.
Quote:
Originariamente inviato da Gimli[2BV!2B] Guarda i messaggi
Interessante la gestione unificata della keyboard che hai scovato (potrebbe essere che nella pacchettizzazione di LXDE si siano dimenticati di gestire quest'impostazione).
Ora la provo.
OK fammi sapere.

Due piccole note prima di rimettermi al lavoro. Il click del touchpad mi dava ancora problemi, per sistemare definitivamente (spero) la questione ho aggiunto le righe:
Quote:
synclient TapButton1=1
synclient TapButton2=2
synclient TapButton3=3
anche in /etc/xdg/openbox/autostart. Quindi le 3 direttive sopra indicate sono presenti in entrambi i files di configurazione:
-~/.config/lxsession/LXDE/autostart #file di configurazione dell'utente
-/etc/xdg/openbox/autostart #file di configurazione globale di openbox

Ho poi modificato la combinazione di tasti per il cambio di lingua, dato che quella vecchia interferiva con una combinazione usata per aprire un'altra console in X. Sia in ambiente grafico:
Quote:
debian@localhost:~$ cat .config/lxsession/LXDE/autostart
synclient TapButton1=1
synclient TapButton2=2
synclient TapButton3=3
setxkbmap -layout "us,it" -option "grp:alt_shift_toggle"
che in console:
Quote:
debian@localhost:~$ cat /etc/default/keyboard
# KEYBOARD CONFIGURATION FILE
# Consult the keyboard(5) manual page.
XKBMODEL="pc105"
XKBLAYOUT="us,it"
XKBOPTIONS="grp:alt_shift_toggle"
XKBVARIANT=""
BACKSPACE="guess"
Adesso sto vedendo se riesco, tramite modifica al file xml di configurazione di openbox, a fare in modo che quando passo col mouse sopra una finestra 'rollata' verso l'alto, questa si 'unrolla' automaticamente, cosa devo dire comodissima soprattutto quando la finestra in oggetto e' in primo piano.

Fantastico poi rispetto a Windows il focus del mouse, che permette di rendere attiva una finestra semplicemente spostando il cursore al suo interno, senza bisogno di fare click... ma questo in Linux c'e' da sempre.
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 19:01   #30
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
@vampirodolce1
:
Molte grazie per l'esaustiva trattazione del problema delle keymaps per il vecchio loadkeys, lavorando con le tastiere US quando metto mano su un host non mio e' uno di quei comandi che scrivo senza neanche pensarci e cosi' ci rimanevo un po' male quando ha cominciato a maltrattarmi.
@Gimli[2BV!2B]
Quello del sistemista e' un lavoro ampio e creativo: puoi spaziare con tutte le tecnologie (io sono root e installo quello che mi pare!) per risolvere vari problemi con soluzioni drasticamente diverse (latenze, consumo di risorse, sicurezza) per ogni ordine di grandezza.
E quando ciocchi qualcosa se ne accorgono tutti ;-)

Ogni tanto ti arriva un 'programmatore' che afferma di compatirti perche' lui fa un lavoro creativo (ore di debugging di codice altrui, o una vita a normalizzare databases, tutto circoscritto e limitato da confini posti da altri) magari sempre e solo con lo stesso linguaggio.

Vabbe' sono stato un po' estremo e superficiale, ma volevo ricordare ai 'principianti' che il sistemista non e' necessariamente uno che sta a fare cinema guardando dei log mentre aspetta che arrivino quelli di vmware o oracle a sistemare le cose. E' un terreno ricco di sfide.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 19:15   #31
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Quote:
Originariamente inviato da vampirodolce1 Guarda i messaggi
Adesso sto vedendo se riesco, tramite modifica al file xml di configurazione di openbox, a fare in modo che quando passo col mouse sopra una finestra 'rollata' verso l'alto, questa si 'unrolla' automaticamente, cosa devo dire comodissima soprattutto quando la finestra in oggetto e' in primo piano.
Ricordo che una volta lo facevo anche io con kde, ma ora preferisco tenere tutto aperto e magari passare al volo da un desktop virtuale all'altro (oltre ad usare due monitor). Oppure la funzione 'cambia lay out del desktop' che trovi in desktop manager come awesome ([CTRL][SPACE] se non ricordo male) che riproporziona al volo le finestre che stai usando.

Quote:
Fantastico poi rispetto a Windows il focus del mouse, che permette di rendere attiva una finestra semplicemente spostando il cursore al suo interno, senza bisogno di fare click... ma questo in Linux c'e' da sempre.
Una cosa che trovo molto comoda (con KDE, ktwin) e lo scrolling della rotella del mouse che resta relativo al 'mouse-over' e non segue il focus della finestra.
- clicchi sulla shell / editor su cui vuoi lavorare e ti serve l'input
- sposti il mouse sul bowser / PDF reader ma non clicchi
- puoi usare 'la rotella del mouse' (che puoi essere anche sulla tastiera o in un touchpad) per fare lo scrolling di quello che stai leggendo senza alternare le finestre.

Io ho una tastiera 'multimediale' (con una rotella di scorrimento e un disco tipo ipod) e con la rotella riesco a fare lo scrolling dell'HOWTO che sto leggendo senza togliere le mani dalla tastiera e mantenedo il focus su vi.

Un giorno che ho tempo vorrei studiare il modo per assegnare una track-ball perennemente allo scrolling del browser (o PDF reader), tenendo il mouse per le solite cose.

Ultima modifica di eaman : 21-04-2012 alle 20:00.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 19:38   #32
pabloski
Senior Member
 
Iscritto dal: Jan 2008
Messaggi: 6543
Cavolo

Mi accodo alla richiesta di settare il thread come sticky.

E concordo con eaman sui vantaggi di pxe. Magari a casa c'avessi una rete lan come si deve e soprattutto gigabit. Leverei dischi interni, esterni e cacchiate varie.

Perchè mi avete ricordato tutto questo? Adesso soffro

p.s. Stavo leggendo un pò di roba su debian live e ho letto "To install a custom package, simply copy it to the config/packages.chroot/ directory. Packages that are inside this directory will be automatically installed into the live system during build".

Se ho capito bene, l'immagine del fileystem necessita di essere ricostruita ogni volta che bisogna fare delle modifiche al filesystem stesso? Cioè non è tipo slax/porteus, dove si possono aggiungere dinamicamente moduli senza dover ricostruire l'immagine squash del root filesystem.

Sarebbe interessante creare una cosa del genere, anche se ci si scontrerebbe col package manager.

Ultima modifica di pabloski : 21-04-2012 alle 19:46.
pabloski è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 20:13   #33
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
@pabloski
Tieni conto che uno switch giabit TP-power 5 porte costera' 10 / 15e, tutte le schede madri da anni sono gigabit (...), portatili pure, i cavi ti costeranno 2/3 euro l'uno (e in casa mia io i cavi li COMPRO GIA' FATTI! Quelli con i connettori presso fusi che funzionano sempre, non me li sto a crimpare se son corti).

Se volete provare PXE per le installazioni usate dnsmasq, che e' all inclusive, tftp incluso. Magari partite con gli installer via pxe (o i sistemi di ripristino, poi potrste fare una debian-live che fa il boot via PXE), cosi' non state a bruciare dei CD o scasinare con le chiavette usb.
Basta abilitare tftp in dnsmaq.conf e scompattare in /var/lib/tftpboot/ un archivio tipo: http://mirror.switch.ch/ftp/mirror/d...netboot.tar.gz

Se vi interessa invece un sistema disk-less (root su nfs) posso postarvi degli appunti.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 21:37   #34
pabloski
Senior Member
 
Iscritto dal: Jan 2008
Messaggi: 6543
Quote:
Originariamente inviato da eaman Guarda i messaggi
@pabloski
Tieni conto che uno switch giabit TP-power 5 porte costera' 10 / 15e, tutte le schede madri da anni sono gigabit (...), portatili pure, i cavi ti costeranno 2/3 euro l'uno (e in casa mia io i cavi li COMPRO GIA' FATTI! Quelli con i connettori presso fusi che funzionano sempre, non me li sto a crimpare se son corti).
Purtroppo è un problema logistico. Vari computer sparsi per la casa e necessità di far passare parecchi metri di cavo nei muri.

Comprai pure uno switch gigabit 2 anni fa ( per fare test durante lo sviluppo di un client/server pxe ). E' un bel dlink dgs-1008d 8 porte

Ma rompere i muri comporterebbe uscirne con la testa rotta
pabloski è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 21-04-2012, 21:56   #35
Gimli[2BV!2B]
Senior Member
 
L'Avatar di Gimli[2BV!2B]
 
Iscritto dal: Feb 2006
Città: Parma
Messaggi: 3018
@vampirodolce, funziona bene, in Kde la combinazione funziona.
Ho solo cambiato il toggle perché Ctrl Shift interferisce con la combinazione per aprire un nuovo tab in Konsole:
Codice:
# KEYBOARD CONFIGURATION FILE

# Consult the keyboard(5) manual page.

XKBMODEL="pc105"
XKBLAYOUT="it,us"
XKBVARIANT=""
XKBOPTIONS="grp:alt_shift_toggle"

BACKSPACE="guess"
@eaman ho installato e provato xpra: mi piace ed ora son curioso di provarlo su client eterogenei; credo possa andar bene il client WinSwitch.
__________________
~Breve riferimento ai comandi GNU/Linux (ormai non molto breve...)
Gimli[2BV!2B] è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 22-04-2012, 01:01   #36
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Quote:
Originariamente inviato da eaman Guarda i messaggi
@vampirodolce1:
Molte grazie per l'esaustiva trattazione del problema delle keymaps per il vecchio loadkeys, lavorando con le tastiere US quando metto mano su un host non mio e' uno di quei comandi che scrivo senza neanche pensarci e cosi' ci rimanevo un po' male quando ha cominciato a maltrattarmi.
Figurati.
Quote:
Originariamente inviato da Gimli[2BV!2B] Guarda i messaggi
@vampirodolce, funziona bene, in Kde la combinazione funziona.
Ho solo cambiato il toggle perché Ctrl Shift interferisce con la combinazione per aprire un nuovo tab in Konsole
Ottima notizia.

A chi interessa avere una console sempre a portata di mano su desktop segnalo yeahconsole, programma simile a tilda. Si installa col solito apt-get install yeahconsole. La configurazione si puo' inserire nel file di configurazione personale dell'utente o in quello globale:

vi /etc/X11/Xresources/x11-common
oppure
vi ~/.Xresources [che se non esiste va creato]

io ho fatto qualche esperimento con le varie opzioni:
Quote:
yeahconsole*toggleKey: None+F1
yeahconsole*aniDelay: 0
#yeahconsole*faceName: ProFontWindows:style=Regular
#yeahconsole*faceName: "Bitstream Vera Sans Mono":size=10:style=Regular:antialias=false:hinting=false
yeahconsole*faceName: Monospace
yeahconsole*faceSize: 10
yeahconsole*screenWidth: 784
yeahconsole*consoleHeight: 10
yeahconsole*xOffset: 120
yeahconsole*stepSize: 0
yeahconsole*scrollBar: false
yeahconsole*handleWidth: 0
yeahconsole*restart: 1

yeahconsole*background:#000000
yeahconsole*foreground:#FFFFFF
yeahconsole*cursorColor:#FFFFFF

#yeahconsole*loginShell: true
yeahconsole*saveLines: 50000
#yeahconsole*jumpScroll: true
#yeahconsole*scrollTtyOutput: false
#yeahconsole*scrollKey: true
Poiche' la console deve essere pronta all'avvio della sessione grafica, in ~/.config/lxsession/LXDE/autostart aggiungere il comando:
Quote:
yeahconsole
Nell'esempio, ogni volta che si preme F1 apparira' una console e ripremento F1 la console sprarira' verso l'alto.
La wiki di openbox fa riferimento anche ad un file ~/.config/openbox/autostart (equivalente grosso modo a ~/.config/lxsession/LXDE/autostart e agli script in ~/.kde/Autostart) non ho provato pero' se l'avvio riesce anche in questi casi.
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi

Ultima modifica di vampirodolce1 : 22-04-2012 alle 01:10.
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 22-04-2012, 01:08   #37
vampirodolce1
Senior Member
 
L'Avatar di vampirodolce1
 
Iscritto dal: Jul 2006
Messaggi: 1151
Dimenticavo, per copiare il testo in yeahconsole e' sufficiente selezionarlo come si fa con putty; per incollarlo, basta fare click col pulsante destro del mouse, che si puo' emulare eventulamente premendo insieme i tasti destro e sinistro.
__________________
Enermax Staray CS-046 ECA3170-BL, Cooler Master RS-700-AMBA-D3, ASUS P6X58D-E, Core i7 950, Kingston 6GB DDR3 1600 HyperX, Gainward GTX 460 1GB GS, LG BH10LS30, 1TB WD1002FAEX, 2TB WD20EARS, 3TB WD30EZRX, 4TB WD40EFRX, 2x2TB WDBAAU0020HBK, Samsung SCX-3200, Netgear DGN2200
[Debian 7.0 Wheezy] Installazione, consigli e trucchi
vampirodolce1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 22-04-2012, 06:21   #38
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Quote:
Originariamente inviato da pabloski Guarda i messaggi
Ma rompere i muri comporterebbe uscirne con la testa rotta
Be' sbattere la testa contro i muri e' inutile, se non si puo' fare non si puo fare...
Magari pero' potresti:
1. Ibrida: cabli in CAT 7 solo server, workstation, portatile, access point wirless. Tieni le MTU standard (no jumbo frame) ed e' meglio di niente.
2. Forza bruta[1]: togli gli RJ45 dai vecchi cavi, saldi gli estremi del vecchio cavo col nuovo, lo tiri di forza dall'altra parte. E' fondamentale che se non funziona non dici in giro che te lo avevo consigliato io.

@Gimli[2BV!2B]
XPRA e' un progetto molto promettente, puo' essere una alternativa alle sessioni remote VNC senza tutte le balle di licenze / pacchetti delle robe NoMachine NX

E una soluzione interessante per quelli che vogliono fare 'cloud computing' con interfaccia grafica: tenere la workstation nella nuvola. Per chi non ha il privilegio di poter usare la shell con tmux [2] (o screen) + ssh .

1. "When in doubt, use brute force." Kenneth Thompson
2. http://blog.hawkhost.com/2010/06/28/...l-multiplexer/

Ultima modifica di eaman : 22-04-2012 alle 07:01.
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 22-04-2012, 06:42   #39
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Segnalo l'utility ifrename per dare un nome consistente e significativo alle interfaccie di rete. Molto utile sulle macchine che fanno da gateway / server, o che hanno schede di rete USB.

I nomi delle schede di rete (eth*, wlan*, modulo-idiota-*) vengono assegnati dinamicamente da udev in fase di avvio. Un evento che modifichi il modo (aggiornamento kernel, moduli) o l'ordine di rilevamento, una nuova periferica con un modulo strano (usb, wifi, HSDPA) puo' rinominare una precedente eth0 in eth1, o invertirle, o inventarsi un nome buffo.
Tutte cose che possono complicare l'utilizzo di precedenti tabelle di routing e regole di firewall.

Ifrename e' una utility che rende piu' semplice assegnare un nome (tipo lan a eth0, adsl a eth1, wlan al wirless) _permanete_ a una scheda di rete. Se cambia l'hardware si puo' riassegnare il vecchio identificativo alla nuovo device.

Codice:
gateway:~# ifconfig | grep Ether
adsl      Link encap:Ethernet  HWaddr 00:1c:c0:5e:2d:2a  
lan       Link encap:Ethernet  HWaddr f4:ec:38:80:9f:95
L'uso e' abbastanza semplice: un unico file di configurazione /etc/iftab in cui si associa un mac-adress a un indentificativo:
Codice:
# This file assigns persistent names to network interfaces.
# See iftab(5) for syntax.

lan mac 22:22:38:22:22:95 arp 1
adsl mac 22:22:c0:22:22:2a arp 1
wlan mac 33:22:c0:22:22:2a arp 1
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 22-04-2012, 07:27   #40
eaman
Senior Member
 
L'Avatar di eaman
 
Iscritto dal: Feb 2002
Messaggi: 2407
Quote:
Originariamente inviato da pabloski Guarda i messaggi
p.s. Stavo leggendo un pò di roba su debian live e ho letto "To install a custom package, simply copy it to the config/packages.chroot/ directory. Packages that are inside this directory will be automatically installed into the live system during build".

Se ho capito bene, l'immagine del fileystem necessita di essere ricostruita ogni volta che bisogna fare delle modifiche al filesystem stesso?
Yes.
Per installare dei pacchetti nella live puoi anche farci un chroot sopra e fare un apt-get install (puo' essere piu' rapido e c'e' debconf).
eaman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Comparativa tra WiFi System: alla ricerca della connessione perfetta Comparativa tra WiFi System: alla ricerca della ...
PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua altern...
Recensione Wolfenstein II: ambizione a livelli estremi Recensione Wolfenstein II: ambizione a livelli e...
AMD riscrive i propri driver con Radeon Software Adrenalin Edition AMD riscrive i propri driver con Radeon Software...
Epson EcoTank 7700, la carica di inchiostro dura 3 anni Epson EcoTank 7700, la carica di inchiostro dura...
Company of Heroes 2 gratis su Humble Bun...
Vernee X, in arrivo lo smartphone full-s...
NASA e Google: scoperto un nuovo Sistema...
Vivo avrà il primo smartphone con...
3 droni in offerta su TomTop
Cherry, tastiera Strait 3.0 per Mac: l'e...
Samsung Galaxy S8 e S8+: Android 8.0 Ore...
Injustice 2: demo disponibile su PlaySta...
Ulefone Power 3: scopri le potenzialit&a...
Crytek cita in giudizio Cloud Imperium a...
Happy Hacking Keyboard Professional 2 ar...
Qualcomm, ZTE e Wind Tre annunciano la s...
Sapphire NITRO+ Radeon RX Vega 64 e Vega...
Lo studio di Tomb Raider festeggia il 25...
AIM è morto: se ne va un pezzo de...
Dropbox
ICQ
Chromium
Avira Internet Security Suite
PCMark 8
Avira Free Antivirus
Opera 49
VLC Media Player
Backup4all
CCleaner Standard
IsoBuster
3DMark
IObit Uninstaller
Advanced SystemCare
K-Lite Codec Pack Update
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 05:08.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v