Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Networking e sicurezza > Internet e provider

Aorus 17G XB, l'approccio di Gigabyte al mondo dei notebook gaming
Aorus 17G XB, l'approccio di Gigabyte al mondo dei notebook gaming
Abbiamo avuto l'opportunità di provare l'Aorus 17G XB di Gigabyte, un prodotto che non arriverà in Italia ma che incarna l'approccio dell'azienda taiwanese al settore dei portatili da gioco. Si tratta di un notebook interessante, forte di una CPU Core i7-10875H, una GPU RTX 2070 Super Max-Q e 16 GB di RAM. Non esente da pecche, è comunque un prodotto indubbiamente in grado di soddisfare il gamer più esigente.
Ryzen 9 3900XT, Ryzen 7 3800XT e Ryzen 5 3600XT: aspettando Zen 3
Ryzen 9 3900XT, Ryzen 7 3800XT e Ryzen 5 3600XT: aspettando Zen 3
A un anno esatto dal debutto dei Ryzen 3000, AMD rinnova la gamma con i modelli Ryzen 9 3900XT, Ryzen 7 3800XT e Ryzen 5 3600XT. Si tratta di CPU basate sulle stesse fondamenta dei Ryzen 3000, con 100 o 200 MHz in più di clock di boost. In questo modo aumentano, leggermente, le prestazioni con i carichi single-thread. Si tratta di una novità che non sconvolge il mercato e che fa da preambolo all'arrivo dei Ryzen 4000 nell'ultima parte dell'anno.
Hasselblad X1D II 50C, medio formato agile ed elegante – la recensione
Hasselblad X1D II 50C, medio formato agile ed elegante – la recensione
Hasselblad ha creato, con la X1D II 50C, uno splendido oggetto di design che, guarda caso, produce anche immagini di grandissima qualità. È snella, e può facilmente uscire dallo studio, ma i contesti dinamici non le sono congeniali. 
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 08-02-2018, 15:14   #41
openboot
Member
 
Iscritto dal: Jan 2018
Messaggi: 150
Non diamoci subito sconfitti. Come tutti sappiamo, queste faccende anche quando sono ratificate e condivise da istutuzioni, politica e operatori, vengono poi castrate.

Ma anche cosi nulla ci impedisce di provarci.
Se avete la PEC potete partecipare in prima persona. E se leggete l'allegato A sulle modalità state attenti alle scadenze: se volete chiedere l'audizione dovete preparare un documento e mandarlo entro una settimana dalla scadenza della consultazione.

-edit-

Ultima modifica di openboot : 10-03-2018 alle 16:06.
openboot è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 08:11   #42
fra55
Senior Member
 
L'Avatar di fra55
 
Iscritto dal: Jan 2003
Messaggi: 2300
Quote:
Originariamente inviato da openboot Guarda i messaggi
Non diamoci subito sconfitti. Come tutti sappiamo, queste faccende anche quando sono ratificate e condivise da istutuzioni, politica e operatori, vengono poi castrate dal Consiglio di Stato (vedi le disdette pagate con la gabella denominata "Bersani").

Ma anche cosi nulla ci impedisce di provarci.
Se avete la PEC potete partecipare in prima persona. E se leggete l'allegato A sulle modalità state attenti alle scadenze: se volete chiedere l'audizione dovete preparare un documento e mandarlo entro una settimana dalla scadenza della consultazione.

Secondo me cercano esattamente di sfruttare la pesantezza e l'inerzia delle associazioni di consumatori: alla fine sul tavolo i più diligenti saranno di certo gli avvocati delle varie compagnie telefoniche.

Fosse per me andrei in AGCOM solo per ricordargli le parole pronunciate dall' AD di FIAT alla riunione del comitato di "salvezza" per Olivetti nel '56 (circa): "il ramo di ricerca elettronica e dei calcolatori elettronici dell'azienda è UN NEO DA ESTIRPARE".
E se non fossero convinti gli citerei il nome del magistrato che nel gennaio '76 ha fatto sequestrare tutti i TV colori fabbricati in Italia negli ultimi 6 mesi perchè si diceva che emettevano i raggi X. E tutta l'italia vide i mondiali di calcio in bianco e nero.
Come si fa a partecipare?
__________________
"E' una bella prigione,il mondo "
fra55 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 09:43   #43
Giulio83pale
Senior Member
 
L'Avatar di Giulio83pale
 
Iscritto dal: Sep 2002
Città: terrasini
Messaggi: 1648
Quote:
Originariamente inviato da fra55 Guarda i messaggi
Come si fa a partecipare?
https://www.agcom.it/-/consultazione...di-servizi-di-

dal 6 febbraio si parte con la consultazione

ecco il modulo per partecipare
https://www.agcom.it/documents/10179...6c?version=1.0
__________________
trattative concluse con andremosfet ,bingolo ,aqua84, saturnalia antotuning
partecipo al progetto SamKnows
Giulio83pale è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 13:17   #44
openboot
Member
 
Iscritto dal: Jan 2018
Messaggi: 150
Quote:
Originariamente inviato da Giulio83pale Guarda i messaggi
https://www.agcom.it/-/consultazione...di-servizi-di-

dal 6 febbraio si parte con la consultazione

ecco il modulo per partecipare
https://www.agcom.it/documents/10179...6c?version=1.0
Elenco link completo:

Allegato A - {link rimosso per regole europa}
Allegato B - {link rimosso per regole europa}

Delibera - {link rimosso per regole europa}

Per cultura pertinente con il forum consiglio di cominciare leggendo l'allegato B e cercare di rispondere alle 19 domande per conto proprio su un quadernetto, cercando appunti nei vecchi messaggi della sezione "Internet e Provider" e di quella "Networking in generale" ma senza postare nulla, altrimenti gli avvocati vi copiano. E' un lavoro da ingegnieri solo in parte, perchè non si deve cadere nell'inganno di eccedere in precisazioni tecniche. E poi - IMHO - non si deve abboccare alla trappola di sviluppare solo i problemi relativi alle ultime segnalazioni. Per es. il caso "fibra" FTTC o FTTH, il caso modem con o senza convertitore ottico, la faccenda dei 28 giorni e dei contratti bundle. Meglio cercare casi particolari che rappresentano una limitazione nei confronti degli utilizzatori finali o un costo incontrollato.
Spero di aver fatto cosa gradita con questa precisazione.

Ultima modifica di openboot : 06-07-2018 alle 08:44.
openboot è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 13:22   #45
Giulio83pale
Senior Member
 
L'Avatar di Giulio83pale
 
Iscritto dal: Sep 2002
Città: terrasini
Messaggi: 1648
Quote:
Originariamente inviato da openboot Guarda i messaggi

Per cultura pertinente con il forum consiglio di cominciare leggendo l'allegato B e cercare di rispondere alle 19 domande per conto proprio su un quadernetto, cercando appunti nei vecchi messaggi della sezione "Internet e Provider" ma senza postare nulla, altrimenti gli avvocati vi copiano. E' un lavoro ad ingegnieri solo in parte, perchè non si deve cadere nell'inganno di eccedere in precisazioni tecniche. E poi - IMHO - non si deve abboccare alla trappola di sviluppare solo i problemi relativi alle ultime segnalazioni. Per es. il caso "fibra" FTTC o FTTH, il caso modem con o senza convertitore ottico, la faccenda dei 28 giorni e dei contratti bundle. Meglio cercare casi particolari che rappresentano una limitazione nei confronti degli utilizzatori finali o un costo incontrollato.
Spero di aver fatto cosa gradita con questa precisazione. Non voglio assolutamente sostituirmi ai moderatori.
Condivido e sottoscrivo
__________________
trattative concluse con andremosfet ,bingolo ,aqua84, saturnalia antotuning
partecipo al progetto SamKnows
Giulio83pale è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 15:19   #46
maxik
Senior Member
 
L'Avatar di maxik
 
Iscritto dal: Feb 2009
Città: Bolzano
Messaggi: 1139
Quote:
Originariamente inviato da RobyBob Guarda i messaggi
In Italia si è obbligati ad utilizzare e spesso ad acquistare modem/router del provider, quasi sempre di qualità pessima e di costo elevato.
Tutto ciò malgrado il REGOLAMENTO UE 2015/2120 del Parlamento Europeo, Art. 3 parli molto chiaro....
[/url]
Purtroppo c'é un errore in questo regolamento UE che ha "permesso" gli ISP italiani di vendere il modem. Loro lo sfruttano...


La legge è chiara e dice:
Ognuno deve essere libero di adoperare un Router personale.
Attualmente questo è possibile senza problemi

MA DICE ANCHE

non vale se sulla linea xDSL sono attivi "servizi speciali" che richiedono l'uso di apparati provenienti dal ISP

I furbetti il VoIP lo classificano tale e così te lo mettono dove non batte il sole.

-----------------------------------------------------------------

Tornando ai vari link di sopra cosa dicono? Ho cominciato a leggere ma a dire il vero è scritto talmente difficile e "legale" che ci capisco ben poco - forse anche del fatto che sono di madrelingua tedesca...


Edit e leggermente OT:
Allegato B, fine pagina 38 fino a pagina 41
MOV!!! magari è la volta buona che si muove qualcosa?
__________________
VDSL Fastweb [VULA] 31/7. Distanza ARL ~1,2 km

Ultima modifica di maxik : 09-02-2018 alle 15:31.
maxik è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 16:30   #47
RobyBob
Bannato
 
Iscritto dal: Jun 2014
Messaggi: 268
Quote:
Originariamente inviato da maxik Guarda i messaggi
Purtroppo c'é un errore in questo regolamento UE che ha "permesso" gli ISP italiani di vendere il modem. Loro lo sfruttano...


La legge è chiara e dice:
Ognuno deve essere libero di adoperare un Router personale.
Attualmente questo è possibile senza problemi

MA DICE ANCHE

non vale se sulla linea xDSL sono attivi "servizi speciali" che richiedono l'uso di apparati provenienti dal ISP

I furbetti il VoIP lo classificano tale e così te lo mettono dove non batte il sole.

-----------------------------------------------------------------

Tornando ai vari link di sopra cosa dicono? Ho cominciato a leggere ma a dire il vero è scritto talmente difficile e "legale" che ci capisco ben poco - forse anche del fatto che sono di madrelingua tedesca...


Edit e leggermente OT:
Allegato B, fine pagina 38 fino a pagina 41
MOV!!! magari è la volta buona che si muove qualcosa?
Condivido il rischio....
forse a noi (users) converrebbe inviare ad AGCOM almeno questa considerazione..... ovvero il VoIP è gestibile con qualunque tipo di router nel cui firmware è prevista la gestione VoIP quindi non è giustificabile che gli ISP BLOCCHINO l'account. Gli ISP devono fornire user-id e password del VoIP e permettere ai clienti di cambiare la password a piacere

Se l'ISP non accetta allora deve essere obbligato a vendere internet senza fonia.... così ognuno sarà libero di portarsi la propria linea VoIP da altro provider (ad esempio Messagenet)...

Ultima modifica di RobyBob : 09-02-2018 alle 16:36.
RobyBob è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 18:40   #48
azi_muth
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2008
Messaggi: 7192
Quote:
Originariamente inviato da maxik Guarda i messaggi
Purtroppo c'é un errore in questo regolamento UE che ha "permesso" gli ISP italiani di vendere il modem. Loro lo sfruttano...


La legge è chiara e dice:
Ognuno deve essere libero di adoperare un Router personale.
Attualmente questo è possibile senza problemi

MA DICE ANCHE

non vale se sulla linea xDSL sono attivi "servizi speciali" che richiedono l'uso di apparati provenienti dal ISP

I furbetti il VoIP lo classificano tale e così te lo mettono dove non batte il sole.
Si ma secondo le linee di attuazione del Berec chi ha il potere di decidere se il voip sia o no un servizio speciale è dell' AGCOM non degli operatori
azi_muth è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 19:23   #49
openboot
Member
 
Iscritto dal: Jan 2018
Messaggi: 150
Quote:
Originariamente inviato da maxik Guarda i messaggi
Purtroppo c'é un errore in questo regolamento UE che ha "permesso" gli ISP italiani di vendere il modem. Loro lo sfruttano...


La legge è chiara e dice:
Ognuno deve essere libero di adoperare un Router personale.
Attualmente questo è possibile senza problemi

MA DICE ANCHE

non vale se sulla linea xDSL sono attivi "servizi speciali" che richiedono l'uso di apparati provenienti dal ISP

I furbetti il VoIP lo classificano tale e così te lo mettono dove non batte il sole.

-----------------------------------------------------------------

Tornando ai vari link di sopra cosa dicono? Ho cominciato a leggere ma a dire il vero è scritto talmente difficile e "legale" che ci capisco ben poco - forse anche del fatto che sono di madrelingua tedesca...


Edit e leggermente OT:
Allegato B, fine pagina 38 fino a pagina 41
MOV!!! magari è la volta buona che si muove qualcosa?
Cerco di rispondere in modo preciso ma hai detto molte cose: inizio dall'ultimo paragrafo.
A me l'allegato B stampa 14 pagine. Ce l'ho stampato qui davanti a me. Come hai fatto ad arrivare a pag. 38?

Per il discorso del linguaggio legale:
uno dei motivi della difficoltà sta nel fatto che la struttura e molte parti sono copiate/interpretate partendo da questo documento in inglese:
{link rimosso per regole europa}
che viene citato nell'Allegato B a pag.7 paragrafo 25.

Si tratta di "Guidelines on Implementation - BEREC" , BoR 16(94), di 43 pagine, che è appunto il regolamento europeo di riferimento che contiene quegli "errori" che tu citi all'inizio. In realtà credo abbia già avuto delle correzioni con ulteriori successivi documenti.
Infatti a pag. 5 paragrafo 20 si cita l'integrazione alla legge sulle apparecchiature radio e le apparecchiature terminali di telecomunicazioni in vigore dall'agosto 2016 in Germania. Questa integrazione non riguarda però il caso specifico del Voip, ma un'altra cosa.

Confrontando il documento in inglese e l'allegato B sembra proprio che siano entrambi scritti apposta per cucire una "coperta corta": si danno precisazioni per un singolo caso ma non per tutto.

Adesso io, con misurata incoscienza, provo ad addentrarmi nel merito per risponderti riguardo alla questione in topic di questo thread e cioè se abbiamo o no il diritto di decidere noi di tutti gli apparecchi dentro le mura di casa nostra.

Penso di aver trovato un punto dove si genera una ambiguità nell'allegato B, parte 2 "La normativa tecnica e commerciale a presidio della tutela degli utenti nel mercato delle apparecchiature terminali", pag. 7 paragrafo 25, nota a piè pagina numero 3: "Cfr. paragrafo 25 degli Orientamenti. ecc.".
Andando a cercare questo riferimento sul documento BEREC mi risulta che porti nel punto sbagliato della questione [in un post succesivo spiegherò perche mi sembrava il punto sbagliato]. Il punto giusto dove guardare dovrebbe essere a pag.8 paragrafo 25: "Moreover, NRAs should consider whether there is an objective Technological necessity for the obligatory equipment to be considered as part of the ISP network. If there is not, and if the choice of terminal equipment is limited, the practice would be in conflict with the regulation." E poi cita un esempio che riguarda il blocco del thethering.

Venendo a noi "finali", se andate a leggere le domande D4-D7 scoprirete che non ci viene neppure chiesto se sia necessario un modulo per presentare istanza per dirimere la questione "Technological necessity" nè per dimostrare l'esistenza di recenti e sufficienti dispositivi tecnologici sostitutivi a quelli degli ISP.
Si offre solo maggiore trasparenza.

Chiudo precisando che mi ero studiato il documento in inglese questa estate prima di andare a discutere una controversia contro un ISP che mi ha imposto un modem/router "sordo muto e cieco", intoccabile con la GUI e telnet bloccati, per molti anni. La faccenda verteva su questioni di ritardi e fatture ma per l'occasione avevo stampato i fogli delle pagine 7,8 e 9 e tenuti da parte.

- edit : preciso che non ce l'ho con la Fastweb ma con un tecnico superesperto che un giorno e venuto in casa mia e mi ha insultato e pesantemente minacciato di farmi squalificare non solo nel lavoro ma perfino nel mio privato. E allora ho deciso di rinunciare alla linea sulla quale avevo investito molto e per molti anni. Credo tuttora che chi e riuscito ad attivare una nuova linea di tipo PON abbia fatto la scelta migliore, ma io non sono disposto a farmi insultare ancora ne a esser costretto a rinunciare al mio diritto .

Ultima modifica di openboot : 09-07-2018 alle 10:07. Motivo: correzione typo
openboot è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 19:29   #50
azi_muth
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2008
Messaggi: 7192
Quote:
Originariamente inviato da openboot Guarda i messaggi
Il punto giusto dove guardare dovrebbe essere a pag.8 paragrafo 25: "Moreover, NRAs should consider whether there is an objective TECHNOLOGICAL NECESSITY for the obligatory equipment to be considered as part of the ISP network. If there is not, and if the choice of terminal equipment is limited, the practice would be in conflict with the regulation." E poi cita un esempio che riguarda il blocco del thethering.

Il punto nodale è proprio quello. Sono mesi che anche i giornalisti menano il can per l'aia con discorsi sulle multe, lo scarso potere sanziontorio etc.

Ma la verità è una e lo sto scrivendo da mesi. AGCOM da dicembre 2016 NON HA ANCORA DECISO sulla "TECHNOLOGICAL NECESSITY" del modem operatore, quando altri lo hanno già fatto per tempo.

Quote:
Originariamente inviato da openboot Guarda i messaggi
Venendo a noi "finali", se andate a leggere le domande D4-D7 scoprirete che non ci viene neppure chiesto se sia necessario un modulo per presentare istanza per dirimere la questione "TECHNOLOGICAL NECESSITY" nè per dimostrare l'esistenza di recenti e sufficienti dispositivi tecnologici sostitutivi a quelli degli ISP.
Si offre solo maggiore trasparenza.
Ma perchè non è un compito degli utenti...è dei "tecnici" dell'autorità...
azi_muth è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-02-2018, 19:52   #51
openboot
Member
 
Iscritto dal: Jan 2018
Messaggi: 150
Quote:
Originariamente inviato da RobyBob Guarda i messaggi
Condivido il rischio....
forse a noi (users) converrebbe inviare ad AGCOM almeno questa considerazione..... ovvero il VoIP è gestibile con qualunque tipo di router nel cui firmware è prevista la gestione VoIP quindi non è giustificabile che gli ISP BLOCCHINO l'account. Gli ISP devono fornire user-id e password del VoIP e permettere ai clienti di cambiare la password a piacere
Stando a quello che ho seguito in questo forum negli ultimi due anni quello che scrivi non fa una piega. Ma forse necessita di due aggiunte:
1) la trattativa commerciale e la definizione delle offerte di vendita non devono MAI PIU rivolgersi ai clienti identificandoli con il numero telefonico, nè del fisso nè del cellulare.
Si deve trovare una forma di comunicazione alternativa alla forma di telecomunicazioni in trattativa di acquisto. I clienti tutti non devono essere identificati per numero di telefono e tutti gli "apparati terminali" diretti e indiretti devono essere identificabili senza usare un numero di telefono.
2) la linea telefonica fornita deve sempre essere secondaria alla piattaforma tecnologica implementata a casa del cliente o in via di implementazione. Più precisamente se tu vuoi darmi un telefono devi prima chiedermi o procurarti una "fotografia" dettagliata di come è nella realtà l'"interfaccia" e di come sono interconnessi, in forma descrittiva e rispettando la privacy, i miei "apparati terminali" (LAN, WIFI, DLNA, FAX, allarmi, IP-CAM, switch layer 3 o 4 gestiti o no, telefoni IP Voip, centralini PBX) . Soltanto dopo aver preso atto di questo mi devi offrire una linea telefonica, dicendomi sempre in anticipo se questa viene "migrata" dall'analogico al VoIP con modi e tempi concretamente gestibili, tracciabili e verificabili.

In generale io passerei da un "consenso informato" a un "progetto condiviso".

-edit-

Ultima modifica di openboot : 12-02-2018 alle 15:44. Motivo: edit
openboot è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 10-02-2018, 06:47   #52
maxik
Senior Member
 
L'Avatar di maxik
 
Iscritto dal: Feb 2009
Città: Bolzano
Messaggi: 1139
grazie per la spiegazione


"TECHNOLOGICAL NECESSITY" non esiste in nessun punto

1. perchè ci sono modem/router con la possibilità di attacarci anche il telefono a chi interessa, gli altri non attaccano il telefono o ne usano uno senza presa telefonica.

2. ISP: ma senza accesso al modem (essendo nostro apparato e ci basta 1 click per accedere risolvere problemi) non possiamo dare assistenza. e neanche qua ci stiamo. quelli che si configurano un apparato sono anche in grado di risolversi i problemi da soli (se veramente sono dal router in poi o per configurazione sbagliata). tutti gli altri prendono comunque un apparato del ISP


a parere mie queste sono solo vie di scampo per tirarci fuori i soldi dalla tasca. non mi soprenderei se agcom o altri "garanti" sotto banco ricevono mazzette per tirare avanti come qui
in germania questo funziona già - è così difficile chiedere la fuori dei consigli o come gestiscono loro?
__________________
VDSL Fastweb [VULA] 31/7. Distanza ARL ~1,2 km
maxik è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 10-02-2018, 15:48   #53
RobyBob
Bannato
 
Iscritto dal: Jun 2014
Messaggi: 268
Quote:
Originariamente inviato da openboot Guarda i messaggi
----cut---
Venendo a noi "finali", se andate a leggere le domande D4-D7 scoprirete che non ci viene neppure chiesto se sia necessario un modulo per presentare istanza per dirimere la questione "TECHNOLOGICAL NECESSITY" nè per dimostrare l'esistenza di recenti e sufficienti dispositivi tecnologici sostitutivi a quelli degli ISP.
Si offre solo maggiore trasparenza.

Chiudo precisando che mi ero studiato il documento in inglese questa estate prima di andare al CO.RE.COM. contro Fastweb che mi ha imposto un modem/router "sordo muto e cieco" con la GUI e telnet bloccati per oltre cinque anni.
Avevo ancora i fogli delle pagine 7,8 e 9 da parte.
Perchè non cerchiamo di dare una risposta alle domande di AGCOM qui nel forum.... ?
Obiettivo: VoIP libero, Porte IP/UDP tutte libere, thethering libero, ip pubblico (dinamico ma anche statico per i privati) e non nattato, firmware dei router (quelli forniti dagli ISP) senza limitazioni, libertà di scegliere internet con o senza VoIP, ecc.

Chi fa la prima bozza ?

Una volta condivisa ognuno sarà libero di inoltrarla autonomamente ad AGCOM con PEC

openboot: come è andata a finire la tua battaglia contro Fastweb ?... ne devo iniziare una nuova anch'io (simile)

Ultima modifica di RobyBob : 10-02-2018 alle 15:54.
RobyBob è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 10-02-2018, 17:09   #54
RobyBob
Bannato
 
Iscritto dal: Jun 2014
Messaggi: 268
ALCUNE RISPOSTE ALLE DOMANDE AGCOM -
PRIMA BOZZA REDATTA "AL VOLO" -
DA INTEGRARE E CORREGGERE


https://www.hwupgrade.it/forum/showp...6&postcount=88

Ultima modifica di RobyBob : 27-02-2018 alle 08:51.
RobyBob è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 07:47   #55
maxik
Senior Member
 
L'Avatar di maxik
 
Iscritto dal: Feb 2009
Città: Bolzano
Messaggi: 1139
__________________
VDSL Fastweb [VULA] 31/7. Distanza ARL ~1,2 km
maxik è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 08:32   #56
azi_muth
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2008
Messaggi: 7192
Quote:
Originariamente inviato da maxik Guarda i messaggi
grazie per la spiegazione


"TECHNOLOGICAL NECESSITY" non esiste in nessun punto

1. perchè ci sono modem/router con la possibilità di attacarci anche il telefono a chi interessa, gli altri non attaccano il telefono o ne usano uno senza presa telefonica.

2. ISP: ma senza accesso al modem (essendo nostro apparato e ci basta 1 click per accedere risolvere problemi) non possiamo dare assistenza. e neanche qua ci stiamo. quelli che si configurano un apparato sono anche in grado di risolversi i problemi da soli (se veramente sono dal router in poi o per configurazione sbagliata). tutti gli altri prendono comunque un apparato del ISP


a parere mie queste sono solo vie di scampo per tirarci fuori i soldi dalla tasca. non mi soprenderei se agcom o altri "garanti" sotto banco ricevono mazzette per tirare avanti come qui
in germania questo funziona già - è così difficile chiedere la fuori dei consigli o come gestiscono loro?
La "technological necessity" compare nelle linee guida di attuazione del Berec (pg.9 punto 27).

La norma impone la libertà di scelta dell'utente certo ma la definizione di apparecchiatura terminale è piuttosto generica: la norma che la definisce è la direttiva 2008/63/CE articoli 1 comma 1: «apparecchiature terminali» sono : a) le apparecchiature allacciate direttamente o indirettamente all’interfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso può essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; un allacciamento è indiretto se l’apparecchiatura è interposta fra il terminale e l’interfaccia della rete pubblica;

Non è così scontato che il modem sia un terminale di rete potrebbe essere un'apparato dell'operatore a cui collegare un router per esempio...
Qual'è il discrimine la "necessità tecnica" anche perchè potrebbe esserci in futuro una tecnologia che richiede per forza un apparato di rete es. L'ont che viene montato per la FTTH è un terminale dell'utente o un'apparato di rete?
azi_muth è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 11:36   #57
Rita84
Bannato
 
Iscritto dal: Feb 2018
Messaggi: 839
Buongiorno,
è da un po' che seguo questo interessante thread, ma secondo me si stanno utilizzando "termini" (paroloni) incomprensibili per rendere tutto "fumoso" ma anche per fare un favore agli ISP così ci possono far passare il proprio modem come "indispensabile" per il funzionamento della rete.

Io quindi proporrei di semplificare. Correggetemi se sbaglio.

Cosa serve per connettersi alla rete?
- Un modem, che sia ADSL, VDSL, o FTTH. In commercio di adatti ce ne sono di tutte le marche ed i prezzi.

Perché TIM ed altri operatori ci "obbligano" al loro modem?
- Perché oltre alla connessione dati ci forniscono anche telefonia tramite lo stesso apparato e quindi lo fanno passare per "indispensabile".

E' veramente indispensabile che la telefonia venga fornita con lo stesso modem/apparato?
- No, si potrebbe utilizzare anche un adattatore ATA da collegare ad una porta ethernet del modem, basta che quest'ultimo gli fornisca un indirizzo tramite DHCP e connettività dati.

Secondo me la chiave di tutto sta nell'ultima risposta. Se proprio non vogliono fornirci le credenziali della telefonia gli basta che ci forniscano una scatoletta grossa come un pacchetto di sigarette tipo quelle della Grandstream da collegare ad una porta ethernet del nostro modem personale, ovviamente già preconfigurata.

Quindi tutta la farsa del "TECHNOLOGICAL NECESSITY" secondo me andrebbe a cadere completamente, sempre che gli operatori non usino dei protocolli proprietari per quanto riguarda la connettività, sviluppati direttamente da loro che non fanno parte degli standard in commercio. Varrebbe la stessa cosa per l'adattatore della telefonia, ma in questo caso facciamo finta che per motivi di sicurezza le credenziali non vogliano diffonderle.

In sostanza se volessero "imporci" qualcosa potrebbero farlo solo con l'adattatore della telefonia, non certamente col modem.




Quote:
Originariamente inviato da RobyBob Guarda i messaggi
D11
In quale modo i consumatori potrebbero effettuare la scelta ed essere sicuri che il prodotto acquistato sia compatibile dal punto di vista delle prestazioni con il punto terminale di rete e sia facilmente istallabile?


Gli ISP devono dichiarare pubblicamente ed esplicitamente quali marche e modelli di modem/router in commercio (EU) sono compatibili con la propria rete.
Assolutamente no!
In questo caso gli ISP potrebbero farsi pagare la mazzetta per garantire alcuni marchi a discapito di altri altrettanto compatibili. Io proporrei giusto il contrario, che gli ISP forniscano pubblicamente l'elenco delle caratteristiche necessarie per funzionare sulla loro rete e i produttori dichiarino se rispettano queste caratteristiche dichiarate.


Comunque sia, pur essendo favorevole al "modem libero", vi faccio notare che accadrà giusto come è accaduto fino ad oggi con il modem libero con l'ADSL. Se qualcosa non va sapete già chi sarà il primo ed unico imputato!
Chiunque avrà problemi di linea dovrà procurarsi 2 modem, uno proprio ed uno dell'operatore per sostituirlo e comprovare al fornitore che i problemi sono della sua linea e non dell'apparato del cliente stesso.

Quindi pur essendo favorevole sarà il solito gioco al massacro. Oltre al modem libero sarebbe utile anche che imponessero l'onere della prova da parte del fornitore, non può cavarsela semplicemente chiedendo di chi è l'apparato e poi fare spallucce.

Ultima modifica di Rita84 : 11-02-2018 alle 11:41.
Rita84 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 13:06   #58
azi_muth
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2008
Messaggi: 7192
Quote:
Originariamente inviato da Rita84 Guarda i messaggi
Buongiorno,
è da un po' che seguo questo interessante thread, ma secondo me si stanno utilizzando "termini" (paroloni) incomprensibili per rendere tutto "fumoso" ma anche per fare un favore agli ISP così ci possono far passare il proprio modem come "indispensabile" per il funzionamento della rete.
Francamente non vedo dove sia il fumo: la questione è tutta nel considerare se il modem è un'apparato di rete dell'operatore o un terminale dell'utente.
E' una questione che non è affatto scontata...
Il Berec dice che ci deve essere una assoluta necessità tecnica per considerarlo un apparato dell'operatore e tale valutazione sta all'autorità del paese membro.

Quote:
Originariamente inviato da Rita84 Guarda i messaggi
Comunque sia, pur essendo favorevole al "modem libero", vi faccio notare che accadrà giusto come è accaduto fino ad oggi con il modem libero con l'ADSL. Se qualcosa non va sapete già chi sarà il primo ed unico imputato!
Direi che è normale. Il contrario sarebbe vessatorio per l'operatore e si tradurrebbe in costo aggiuntivo per l'utente: non che puo' formare l'assistenza su tutti i modem in commercio...


Probabilmente la cosa più corretta sarebbe un modem puro fornito ( aggratis) dall'operatore a cui connettere un router di scelta dell'utente se vuole. La fornitura del servizio voce fornita obbligatoriamente con standard aperti e credenziali disponibili all'utente.

Ultima modifica di azi_muth : 11-02-2018 alle 15:07.
azi_muth è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 13:58   #59
zdnko
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2013
Messaggi: 2178
Quote:
Originariamente inviato da Rita84 Guarda i messaggi
Io proporrei giusto il contrario, che gli ISP forniscano pubblicamente l'elenco delle caratteristiche necessarie per funzionare sulla loro rete e i produttori dichiarino se rispettano queste caratteristiche dichiarate.
I requisiti tecnici richiesti da tim sono qui (Allegato 1 a pag 116), ovviamente essendo indicazioni per gli olo in ws non parla dei voip.
Quote:
Originariamente inviato da Rita84 Guarda i messaggi
Chiunque avrà problemi di linea dovrà procurarsi 2 modem, uno proprio ed uno dell'operatore per sostituirlo e comprovare al fornitore che i problemi sono della sua linea e non dell'apparato del cliente stesso.
E' quello che avevo ipotizzato già mesi fa.
zdnko è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-02-2018, 14:23   #60
King_Of_Kings_21
Senior Member
 
Iscritto dal: Nov 2009
Messaggi: 2717
Quello che va fatto secondo me è dare all'utente 3 opzioni di acquisto quando firma il contratto:

1. Modem-router come quelli attuali.
2. Modem puro a cui mettere in cascata il suo router.
3. Niente.

Se l'utente prende il modem-router o il modem puro l'assistenza ha il suo dispositivo per controllare i problemi di linea. Nel caso l'utente decida di fare da sé l'assistenza non può aiutarlo se non dopo aver montato modem o modem-router dell'azienda acquistati dal loro shop online, su Ebay o qualsiasi altro shop.

Ovviamente le credenziali PPPoE e VoIP andrebbero comunicate all'utente con il contratto.
King_Of_Kings_21 è online   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Aorus 17G XB, l'approccio di Gigabyte al mondo dei notebook gaming Aorus 17G XB, l'approccio di Gigabyte al mondo d...
Ryzen 9 3900XT, Ryzen 7 3800XT e Ryzen 5 3600XT: aspettando Zen 3 Ryzen 9 3900XT, Ryzen 7 3800XT e Ryzen 5 3600XT:...
Hasselblad X1D II 50C, medio formato agile ed elegante – la recensione Hasselblad X1D II 50C, medio formato agile ed el...
HUAWEI P40 Pro+: costa tanto ma fa foto incredibili. La recensione HUAWEI P40 Pro+: costa tanto ma fa foto incredib...
Samsung Galaxy Book S: l'always connected PC ha ARM e connettività LTE Samsung Galaxy Book S: l'always connected PC ha ...
NVIDIA vale più di Intel, almeno ...
Microsoft Teams: la modalità Toge...
Fujitsu, la nuova normalità dopo ...
Il virtual desktop secondo NVIDIA
Apple supporterà Thunderbolt con ...
Pentium e Celeron 'Gemini Lake', Intel h...
Le offerte Amazon di oggi: sconti su iPh...
Gigabyte, nuovi BIOS per piattaforme AMD...
4box annuncia la presa shuko con caricat...
Windows 10 May 2020 Update ancora blocca...
Garmin sfrutta il sole per espandere le ...
100GB di Internet e tutto illimitato a s...
Mafia: Definitive Edition non più previs...
Alexa, Siri e Google Assistant attivati ...
Intel annuncia Thunderbolt 4: oltre lo s...
Opera Portable
Opera 69
Process Lasso
Dropbox
NOD32
SmartFTP
Skype
BurnAware Free
ICQ
3DMark
GeForce Experience
Chromium
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
K-Lite Codec Pack Update
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 12:39.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v