Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Periferiche e accessori > Case, alimentatori e sistemi di raffreddamento

Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super
Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super
Vediamo come si comporta la nuova GeForce RTX 3060 Ti di Nvidia, nella versione Founders Edition. Molto simile alla RTX 3070, si presenta come un'ottima scheda per giocare con un frame rate elevato e dettagli alti a 1440p. La nuova scheda offre prestazioni simili alla RTX 2080 Super di precedente generazione, spesso è leggermente più veloce e ha un prezzo di listino quasi dimezzato.
Qonto, il conto business a misura di professionisti e PMI
Qonto, il conto business a misura di professionisti e PMI
Qonto è un servizio di banking economico e semplice da usare, nato per rispondere alle esigenze dei professionisti e delle piccole imprese. Supporta più utenti e più carte di pagamento e consente di effettuare bonifici immediati
Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello spazio di una MQT. La recensione
Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello spazio di una MQT. La recensione
Le Panasonic Lumix S hanno debuttato con due corpi macchina massicci e senza compromessi, tanto a livello tecnico quanto funzionale. Ora, con la Lumix S5, arriva il modello più compatto ed economico, ma con la stessa qualità fotografica della S1.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 08-08-2004, 17:16   #1
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
--- [GUIDA] Sistema a liquido!!! ---




Aggiornato il 29-09-2006

...Work In Progress...


Con la collaborazione speciale di MOLTI UTENTI che non sto qua ad elencare, perchè potrei sicuramente dimenticarne qualcuno, ma sopratutto ringrazio gli utenti che piano piano si sono aggregati a questo topic, e che con la loro preparazione rendono questo forum piu completo anche in questo campo.


Nota preliminare:
Ho notato che molte persone aprono topic nuovi e chiedono cose scontate e magari già ripetute più volte, e non fanno una replica a questa discussione, MALE.
Se postate qua c'è più probabilità di risposta e più velocità, non che aiutate le altre persone in un futuro, perchè magari incontrano i vostri stessi problemi.
Grazie


Nota preliminare 2:
Molti untenti alle prime armi si potrebbero scoraggiare nel vedere una guida così ampia, che si dilunga in spiegazioni alcune volte noiose ed inuili, ma se volete conoscere davvero tutto di questo molto vi consiglio di leggerla, poi non avrete piu molti dubbi; ovvio che le cose essenziali da conoscere non sono tutte queste dato che la guida iniziale ha subito un evoluzione anche per gli utenti non propio alle prime armi, ma se vorrete diventare "esperti" c'è molto da conosere, perciò non scoraggiatevi e leggete leggete leggete .

------------------------------------------------------------------------------------------------------

ATTENZIONE: se volete farvi avanti con le foto dei particolari del vostro impianti (i pezzi singoli ovviamente sono meglio), così posso metterli nelle varie sezioni della guida.....

speditemeli a

85kimeruccio@alice.it

i migliori verranno aggiunti nella guida...

------------------------------------------------------------------------------------------------------



INTRODUZIONE

Laddove c'e bisogno di dissipare grandi quantitá di calore, troviamo quasi sempre un sistema di raffreddamento a liquido, basti pensare alle automobili o alle moto, e ben presto crediamo che anche i PC avranno bisogno di sistemi del genere. Un processore infatti dissipa quantitá enormi di calore (anche oltre i 100W) attraverso una superficie di pochi millimetri quadrati, per rendersi conto di quanto sia problematico gestire una tale situazione, basti pensare che il rapporto tra potenza dissipata e superficie di dissipazione di un moderno processore é molto vicino a quello di un reattore nucleare.

Anche i dissipatori ad aria piú potenti, voluminosi ed avanzati hanno difficoltá a smaltire, la maggior parte delle volte, tali quantitá di calore, senza contare poi che ventole ad alta portata sono in genere (molto) rumorose. Da qualche tempo quindi non stupisce che sempre piú persone si siano rivolte a sistemi di raffreddamento a liquido, i quali, anche se ancora non troppo sviluppati, riescono a garantire prestazioni eccellenti, ben lontane da quelle di qualsiasi dissipatore ad aria (almeno la maggior parte delle volte).

L'acqua infatti ha il grande pregio di assorbire e condurre facilmente il calore, tra l'altro soluzioni collaudate per il raffreddamento dell'acqua sono state adottate anche in questo mercato, ed é stato un fiorire di radiatori, vaschette, tubi ed accessori di ogni tipo, sono
stati realizzati kit completi o case pre-assemblati con tanto di sistema di raffreddamento a liquido per tutti i componenti del nostro pc.
Per il pompaggio dell`acqua invece sono state prese in prestito tecniche e metodologie dal mondo degli amanti degli animali, infatti la stragrande maggioranza delle pompe utilizzate per il watercooling sono state prese in prestito dagli acquari.

Molti sicuramente ricordano che l'acqua e la corrente elettrica non vanno molto d`accordo, anzi, possono divenire un mix molto pericoloso, anche per le persone... Una perdita d'acqua all'interno di un PC potrebbe avere effetti catastrofici. Fortunatamente peró la conduttivitá elettrica dell`acqua deriva principalmente dai minerali che in essa sono disciolti, quindi utilizzando acqua distillata i rischi si riducono drasticamente. Ovviamente non é mai una bella cosa versare dell`acqua su dei circuiti in tensione, se peró si utilizza acqua distillata, con radiatori e tubi puliti, in un circuito isolato dall'esterno, e magari si mettono in circolo piccole di dosi di appositi additivi per evitare la formazione di alghe, si puó stare tranquilli.

La migliore strategia comunque é la prevenzione, e raccomandiamo di verificare la tenuta del sistema prima di montarlo, controllando che non ci sia alcuna perdita.
Anzi, sarebbe molto meglio montarlo PRIMA esternamente per qualche ora per testarlo a fondo.
Non sono solo gli overclocker a volere tali kit, molti utenti 'normali' infatti si rivolgono a questa tecnologia per eliminare le "rumorose" ventole, senza necessariamente dover overclockare il proprio PC (anche se la tentazione é forte quando si vede il proprio processore lavorare a temperature poco lontane dalla temperatura ambiente).

Inoltre anche in ambito "professionale", il raffreddamento a liquido sta avendo la meglio su altri sistemi tecnicamente piú avanzati (come le celle di Peltier o TEC), infatti l`acqua difficilmente ha una temperatura piú bassa della temperatura ambiente (mentre dispositivi come le celle di Peltier possono scendere anche di parecchi gradi sotto la temperatura ambiente), e ció garantisce che non si avranno mai problemi di condensa (che potrebbe a sua volta avere effetti catastrofici sui circuiti, come invece potrebbe accadere con le celle di Peltier (sono ancora piú performanti e silenziose dei sistemi a liquido, ma anche piú rischiose).
Inoltre le celle di Peltier devono a loro volta essere raffreddante in quanto consumano esse stesse molta corrente.
Ma alla fine l'utente finale deve scegliere in base alla propia passione, i propi soldi e in base alle propie aspettative del suo sistema.


PRO E CONTRO

I vantaggi di un impianto sono innumerevoli ma nn è tutto oro quello che luccica.
Per non annoiarvi du buon ora con lunghi testi da leggere schematizzo un po la cosa.

Pro:
-Temperature decisamente inferiori a differenza di quelle ad aria.
-Silenziosità dato ke le ventole essenziali sono poche.
-Manutenzione minima.
-Impatto visivo di non poco conto.

Contro:
-Prezzo non propio adatto a tutti.
-Facilità di montaggio non propio facilissima le prime volte.
-Poca praticità nel togliere/sostituire pezzi all'interno del pc.

Questo è in linea di massima un sistema a liquido molto schematizzato, anche se le varianti sono
moltissime perciò non prendiamo alla lettera ogni cosa.


I VARI KIT VENDUTI

Pian piano che la richiesta di impianti a liquido si fa piu forte sempre piu produttori tirano fuori kit piu o meno completi. Bisogna, secondo me, distinguere questi kit in base a due canoni.
C'è chi passa al liquido ma che non ne richiede le prestazioni piu estreme ma in cambio vuole una facilità di assemblaggio e la manutenzione ridotta al minimo. Ad esempio note case produttrici propongo kit completi e di facile installazione a discapito pero delle prestazioni.
L'esempio è il kit della ThermalTake Aquarius II. La guida illustrata e tutte le componenti necessarie incluse fanno di questo impianto uno dei piu semplici da realizzare, di contro pero ci sono le prestazioni che possono essere eguagliate da un buon sistema ad aria.
Altro punto a favore pero di questo kit è la manutenzione, ridotta al minimo. Viene fornita una ulteriore vaschetta cosi da facilitare il rabbocco dell'acqua (senza aprire neanche il case!).
C'è chi invece punta alle prestazioni estreme, e in genere si tratta di utenti esperti non certo alla loro prima volta con questo tipo di impianti.
Ci sono noti produttori italiani che si dan "battaglia" a colpi di innovazioni sempre piu performanti per i loro impianti. E' il caso di Lunasio, Ybris e Oclabs che se da un lato offrono prestazioni altissime dall'altro lasciano in mano all'utente l'assemblaggio dell' impianto.
Ovviamente non è tutto nero o bianco, nel senso che non possiamo dire: "Thermaltake ci da un impianto bello e pronto mentre Lunasio o Ybris o Oclabs no". Possiamo trovare difficoltà nel montare un kit "commerciale" come trovare facile l'assemblarne uno piu performante.
Insomma di kit e componenti in commercio se ne trovano tantissimi, ognuno con i suoi pregi e difetti. Cercare di raccoglierli tutti è un opera davvero complessa per cui non ci proviamo nemmeno.

Insomma la scelta è ampia e ognuno puo decidere in base alle proprie esigenze, capacità o costi.
Bisogna decidere innanzittutto cosa vogliamo da un kit, la facilità di montaggio, le prestazioni, o un compromesso tra i due certo è che alla fine le soddisfazioni non mancheranno, ma la scelta per un ottimo kit, rimane sempre sui 3 maggiori produttori italiani.

__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di 85kimeruccio : 13-11-2006 alle 01:58.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:16   #2
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
COMPONENTI:

WATERBLOCK CPU

Bene.. ora veniamo ai componenti principali del sistema.
Sicuramente una delle parti principali di tutto è il waterblock, ke raffredda il processore..
essendo una delle parti del pc ke scanda di più (in teoria attualmente siamo attorno ai 100w per un processore medio) perciò il sistema va ben calibrato, facendo arrivare una buona portata e acqua fresca al processore.
Nè esistono di acluni tipi: canaline, alette ecc ecc.. attualmente questi due sistemi sono all'incirca simili anche se piano piano si sta passando dalle canaline alle alette.

Come possiamo vedere il waterblock è abbastanza "grosso" con dei raccordi in entrata e in uscita, attualmente, si aggirano attorno ai 12mm di diametro, il che comporta una grande portata.
I waterblock sono all'incirca di 6cm per lato, e ovviamente le superfici a contatto del processore sono lappate a spekkio (cioè sono piane e senza imperfezioni.. cosa importantissima per il waterblock). Altra cosa importantissima, il waterblock è in rame, il ke comporta uno scambio termico molto elevato.

I wb sono attaccati al socket tramite una staffa.. o tramite staffe più evolute direttamente attorno ai buchi del soket, ke ovviamente sono un pò più sicure.
Il peso dei waterblock del processore gira attorno al mezzo chilo.. percio non ci sono problemi di peso in ogni caso.
Ultimamente si stanno vedendo waterblock col coperchio in plexiglass. Sono abbastanza evoluti e i problemi di perdite sono quasi a zero. (Vedetevi il tyhpoon che lo martellano con dentro l'azoto se non siete nel tutto convinti).
Ottimi prodotti..
Tra i più grandi produttori l'italia è in testa con i suoi waterblock, artigianali, ma molto sicuri.

Pctuner, Lunasio e Oclabs in primis..

In parole molto povere il funzionamento del waterblock è semplice.. l'acqua passa dentro di esso e il calore viene direttamente trasferito dal processore all'aqua tramite di esso, e si possono ottenere temperature basse con altissime prestazioni.




WATERBLOCK SCHEDA VIDEO

Riprendendo il discorso di prima, con l'evoluzione, anche le schede video o meglio nella maggior parte dei casi, il core della scheda video è stato raffreddato a liquido siccome le ultime schede video, specialmente in overclock, possono scaldare tanto.
Come possiamo vedere le differenze tra il waterblock per chipset sn molto poche.
Anche in questo caso schede video in overclock raggiungono raramente i 100w, perciò la dissipazione non è a livello dei waterblock del processore, appunto perchè non necessario.
Unica differenza, sono i raccordi che non sono più perpendicolari al waterblock, ma sono ruotatii di alcuni gradi per agevolare il montaggio dei tubi nel case.




WATERBLOCK CHIPSET

Con l'evoluzione del sistema di raffreddamento si è passato a dei waterblock più evoluti e il raffreddamento è passato dal processore al chipset e successivamente alla skeda video.

Il sistema è sempre lo stesso del processore: raccordi grossi, canaline o alette all'interno del waterblock e raccordi perpendicolari al waterblock, come in quelli del processore.
Sono waterblock un attimino meno prestanti, poichè il chipset non si scalda come il processore.
Siamo attorno ai 30w circa da raffreddare per il chipset.. (anche meno...) percio non serve una cosa potente (di serie nelle schede madri odierne, alcuni chipset sono raffreddanti anche passivamente.. ma negli overclock più spinti si raggiungono temperature abbastanza alte).




WATERBLOCK PER HDD

Con il raffreddamento a liquido possiamo refrigerare oltre al processore, chipset e gpu anche gli hard disk e alimentatori. Vediamo ora nello specifico.
Non trattandosi di componenti simili (quali possono essere processore e gpu) si deve adottare un "waterblock" particolare per raffreddare l'hard disk. Due parallelepipedi di rame circondano i lati
del disco come potete notare.

Per farla breve, il calore emanato dall'hd viene trasmesso ai due blocchi di rame dentro i quali scorre il liquido. Tutto il calore emesso viene assorbito dall'acqua che ne abbassa la temperatura passando per il radiatore. Una soluzione di questo tipo abbassa notevolmente la temperatura ancor piu che con i "tradizionali" sistemi ad aria, elimando il rumore prodotto dalle ventole di cui questi sistemi dispongono.
Un altro sistema di raffreddamento per hard disk, prodotto dalla Koolance, utilizza un diverso metodo, invece dei blocchi posti ai lati si ha un grosso water block da alloggiare sulla parte del disco dove c'è l'elettronica.
Un ulteriore sistema che prenderemo in esame è quello proposto da Aquadrive.
Il principio è più o meno lo stesso del kit Lunasio, ovvero il liquido passa nei waterblock posti ai lati dell'hard disk ma quest'ultimo viene posto all'interno di un box che lo racchiude completamente.


WATERBLOCK PER ALIMENTATORI

Per il raffreddamento degli alimentatori invece l'unico produttore è Lunasio che ha trovato il modo di costruire dei waterblock per alimentatori (Q-Tec 550V PFC). Il calore viene trasmesso dai dissipatori passivi dell'alimentatore ai waterblock che a loro volta lo trasmettono al liquido.
Questa soluzione molto interessante pero non puo garantire una totale refrigerazione in quanto l'alimentatore è pieno di componenti che scaldano, per cui l'utilizzo di una ventola è sempre consigliato anche se a bassi voltaggi.


WATERBLOCKB PER RAM (SCHEDA MADRE & SCHEDA VIDEO)

E’ possibile usare il liquid cooling anche per le ram, ma mentre nel caso delle ram di schede video e’ possibile trovare in commercio waterblock che oltre a raffreddare il core della gpu raffreddano anche la ram.
Per le ram di sistema (le comuni DDR), esistono tentativi artigianali.
Addirittura c'è chi ha messo a raffreddare anche i mosfet della scheda madre.
In realta’ l’effettiva utilita’ di simili sistemi e’ da provare, specie nel caso di sistemi non overckloccati o comunque non in maniera eccessiva, ovviamente andando a modificare pesantemente per esempio, i voltaggi, utilizzando il liquid cooling e’ possibile mantenere le temperature piu’ nella norma.
Questi sistemi sono vivamente consigliati in caso di altissimo voltaggi fuori la norma; per le altre situazioni un comunissimo dissipatore ad aria con un buon ricircolo può fare miracoli lo stesso.




POMPA

Ora veniamo ad un'altra parte principale del sistema, che senza questo accessorio non avrebbe senso di esistere.
La pompa.
Essa è una parte essenziale di tutto il sistema.. una delle parti vitali.
Esistono molte pompe in commercio, specialmente nel campo degli acquari.. speciali per la loro silenziosità e la loro potenza (insieme alle piccole dimensioni).
Una pompa in media è grande 8cm x 8cm.. ovviamente piu potenti sono piu saranno grosse..
il principio è semplice, da una parte raccolgono l'acqua e tramite un alberino che ruota, spara fuori l'acqua.

Le cose principali da tenere d'occhio nelle pompe durante l'acquisto sono la portata e la prevalenza.
La portata massima di una pompa è quella quantità di acqua che fa uscire in un determinato tempo.
in linea di massima le pompe si suddividono in 800, 1200, 1700 litri all'ora.. con una prevalenza attorno ai 1.50/2 metri..
La prevaleza è l'altezza massima che la pompa puo far raggiungere l'acqua.. percio più è.. meglio è..
In un sistema semplice una pompa da 800l/h può essere sufficiente.. in sistemi più evoluti è il caso di passare a pompe più potenti.
Tra tutte le pompe, due marche spiccano x la loro potenza elevata, prezzo basso e silenziosità contenuta: Hydor e Newjet. (Ci sono anche le Ehiem e le Ruwa che sono molto buone, da evitare invece le Sicce che costano poco ma valgono poco).
Per ottimizzare il sistema si possono attaccare direttamente alla pompa, sdoppiatori filettati da inserire nella parte del portatubo, in modo da sprecare il meno possibile la portata massima.

__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di 85kimeruccio : 23-05-2005 alle 00:21.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:17   #3
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
RADIATORE

Altro componente dalla massima importanza è il radiatore.
Punto vitale del sistema che senza di esso non ci potrebbe stare (o quasi). La principale funzione è quella di abbassare le temperature dell'aqua (ovviamente).
Nel tempo i radiatori hanno avuto un evoluzione passando dai normali radiatori con tubi e alette ai migliori e più performanti a celle piatte.
Nel radiatore passa l'acqua del sistema e tramite una o più ventole viene raffreddata. La ventola come molti credono non deve raffreddare direttamente il radiatore, ma deve fare passare l'aria
tra le alette. Credono che il metodo migliore sia quello di soffiarci sopra, ma la maggior parte delle volte si sbagliano. la ventola deve aspirare l'aria facendola passare dal radiatore e facendola uscire dal case nella maggior parte dei casi.
Per ottimizzare questo flusso d'aria si dovrebbe distanziare le ventole di 2-3-4cm e chiudere il flusso con un convogliatore, (di solito artigianale) in modo che le ventole aspirino propio tutta l'aria possibile, raccogliendola direttamente dal radiatore.
Ovvio che anche se la ventola soffiasse sul radiatore le prestaizoni rimarrebbero comunque allineate.
Ci sono molti tipi di radiatori a celle piatte. 1, 2 o 3 ventole di solito da 120mm che comunque sono facilmente integrabili nel case; se propio lo spazio è poco ci sono radiatori che montano ventole da 80mm ma non dobbiamo aspettarci prestazioni di un v3 da ben 3 ventole da 12mm.

I radiatori sono anch'essi in rame, magari colorati in svariate tinte con un bellissimo impatto visivo; oramai anche nei radiatori ci stiamo mettendo nell'ottica dei raccordi da 12mm per far si che il flusso sia il maggiore possibile.

Questi sopra sn prodotti gia pronti, ma da bravi modder possiamo andare dallo sfascia carrozze a prendere un radiatore di un Tir e mettercelo nel case dopo averlo modificato adeguatamente.




VENTOLE

Nel watercooling a meno che non si usino taniche da 40litri, dobbiamo usare un radiatore; di conseguenza delle ventole per raffreddare l'acqua che ci passa attraverso.
Diciamo che la questione non è molto lunga, piu che altro perchè il radiatore non ha bisogno di ventole silenziosissime o con tantissimi cfm..
Nella maggior parte dei sistemi si usano ventole da 120mm e magari poco spesse per venire in contro ai problemi di integrazione nel propio case.
Altra cosa importante è che queste ventole essendo "rumorose" vanno downvoltate tramite cavi rheobus o resistenze.
Ridurre a 5v o a 7v una ventola sopra i 30db non la rende veramente silenziosa, soprattutto se assorbe molta corrente.
Altro problema è la polvere sulle pale, che ne diminuisce l'efficacia (rumore e prestazioni).
Le 12x12 vanno utilizzate verso i 5v, le 9x9 pure, le 8x8 verso 7v.
Da non dimenticare la rimozione di griglie e il disaccoppiamento delle ventole per ridurre le eventuali vibrazioni, fruscii ecc ecc.
In genere preferite ventole con basso assorbimento di corrente.
Ventole con alto assorbimento di corrente, sia dotate di potenziometro, sia abbassate a 5v o a 7v, emetteranno comunque un ronzio.

Le ventole che noi consigliamo nei nostri sistemi sono le 8x8 abbastanza silenzione attorno ai 25db.. ovviamente messe a 7v per una buona silenziosità (quasi totale):

- Vantec Stealth
- Top Motor Low
- YS-Tech Silent
- Noiseblocker S2

Le ventole 12x12 che consigliamo per quasi tutti i sistemi, messe magari a 7v o 5v per una ottima
silenziosità ma ottime performance:

- YS-tech Silent
- Vantec Stealth
- NoiseBlocker Sx1
- NoiseBlocker Sx2Pro

Ovviamente consigliamo vivamente le ventole "ball bearing" cioè a cuscinetti a sfere, sono più durature, costanti come bilanciamento e rumore prodotto.
Non ci dilunghiamo in altre parole piu che altro perchè nel forum esistono altre guide che trattano in modo molto più approfondito questo tema (Cfm, grandezza, Rumore e downvolt).

Rimandiamo a questo interessante link:
http://forum.hwupgrade.it/showthread...hreadid=469580




ADDITIVI

Parliamo ora di una delle cose ke ultimamente fa parlare molti utenti.. gli additivi.
In teoria servono per far si che non si formino alghe e microorganismi che potrebbero compromettere lo stato e le prestazioni del nostro sistema.
nella maggior parte dei casi non si usa acqua di rubinetto.. per svariati motivi.. ma si usa acqua distillata e solo con questa in un sistema ben chiuso e senza molta luce, si eviterebbero problemi di ogni sorta.
Molti usano l'aggiunta del 2-3% di alcool (in particolare si aumentano le dosi se si va sottozero con l'acqua, ma questo è un altro discorso) esagerando con l'alcool si potrebbe danneggiare la pompa e compromettere l'efficienza del sistema portanto aumenti di temperatura.
molte case offrono prodotti tipo l'amuchina o antialghe particolari.. che io sconsiglio.
altre case invece propogono veri e propi additivi studiati propio per i nostri sistemi.
molto buoni, dicono, non li ho ancora provati. alcuni di questi prodotti dovrebbero aiutare la pompa e "fare manutenzione" ad essa.
Altri additivi possono essere coloranti (normali o uv) che ovviamente fanno colorare i tubi e offrono un sistema molto più coooooooool.
Io ne ho provati alcuni.. e hanno lasciato una patina colorata sui tubi, imho, li sconsiglio.
Acqua distillata più poco alcool sono la cosa migliore nel nostro caso. ovviamente i controlli ogni tanto e il cambio dell'acqua ogni 6-8 mesi, tolgono tutte le probabilità di trovare strani ospiti nel nostro sistema.




TUBI

Parte non meno importante di tutto il sistema sono i tubi. Solo tramite questi passa l'acqua il che lascia presupporre che l'importanza di un buon flusso faccia parte (e molto) anche di questo componente.
La portata appunto, nei tubi piccoli nn ci potrà essere una grossa portata perciò tutto il sistema ne risentirebbe usando tubi tipo 6mm, allora si consiglia di prendere tubi da 12mm (sempre se il sistema lo permette) e di usare quelli in modo di avere meno sprechi di portata, sforzare meno la pompa e avere più acqua in circolo.
Oltre a questo i tubi non devono seguire tragitti contorti o lunghe tratte, ma meno strada si fa, piu acqua gira.
Altra cosa importante è quella di cercare di non far strozzare i tubi (come detto altrove nella guida) cioè di non fargli fare una curva troppo stretta.
I tubi in commercio sono pochi, piu che altro sono quasi sempre gli stesse usati da tutti: i Crystal e quelli di Silicone.
Ora si stanno vedendo delle particolari soluzioni con tubi retinati al loro interno per evitare del tutto le strizzature, molto evoluti e costosi.
I primi credo siano i migliori, belli, lucenti, trasparenti, abbasatanza spessi da non farli strozzare.
I secondi invece sono di poco sotto ma comunque ottimi, un po + scuri, poco spessi, piu strozzabili dei crystal.
Imho consiglio i primi.
In questa foto di tubi, c'è un tubo crystal, uno retinato e uno con l'anima in metallo.
Quelli con l'anima in metallo sono i meglio perché fanno tutte le curve senza strozzare il tubo. Per esattezza ricordo che è un tubo composto da gomma/metallo/gomma e quindi il metallo non è in nessun modo a contatto con l'acqua. Non si sa mai, sempre meglio precisare!
L'ultima cosa da dire è che comunque i tubi in silicone spesso sono anche più cari dei crystall in quanto fatti di silicone purissimo, e che è più difficile ancora rispetto ai crystal trovarli con la sezione interna da 12mm.
Più che "strozzabili", i tubi in silicone permettono più flessibilità e raggi di curva più stretti rispetto ai crystall, che sono più rigidi, senza per questo soffrire dell' "effetto schiacciamento". Anche muovere le mani in un'integrazione molto affollata di tubi è più semplice se i tubi sono in silicone.




FASCETTE

Un'altra cosa importante nel sistema ma su cui nn c'è moltissimo da dire, sono le fascette stringicavo.
Con queste si fissano i tubi ai vari componenti del nostro sistema; Basta non stringere esageratamente, e il gioco è fatto!
Riguardo alle fascette in ferro, beh basta noin stringere molto se no il tubo puo danneggiarsi. Io comunque consiglio quelle in plastica.
Le fascette in plastica sono le "migliori", in giro se ne vedono anche di colorate o reattive; che sono molto cooool.


SDOPPIATORI

In un sistema complesso d potrebbe rendere necessario sdoppiare le portate mettendo in parallelo i vari rami del sistema (di cui parleremo più avanti dei vantaggi/svantaggi).
Per questo si fa uso a degli sdoppiatori (plastica o ottone che sia), meglio se a forma di Y in modo da perdere ancora meno portata. Per questi sdoppi non c'è una regola fissa poichè dipende dal nostro sistema e come vogliamo ottimizzarlo.
Ma solo una regola "vige", cioè quella di avere le due uscite sdoppiate ovviamente non piu grosse dell'entrata, perciò sdoppi a 12mm vanno benissimo. E' sempre meglio avere entrate non piccole, cioò tipo 8mm (suggerisco sdoppiatori che si avvitano direttamente sulla pompa, in modo da perdere il meno possibile).




RACCORDI PORTATUBO

Cosa molto importante in un sistema sono anche i raccordi, da questi dipendono, in molti casi, le uscite e i rientri della vaschetta; o magari le entrate/uscite nei radiatori.. ecc ecc
Qua si puo fare lo stesso discorso dei tubi. Raccordi grossi e dimensionati al sistema.
Per il materiale anche qua ci possiamo riallacciare a quelli degli sdoppiatori, acciaio inox, rame, ottone, insomma tutto forchè l'alluminio.




VASCHETTA

Veniamo ora alla vaschetta, parte abbastanza importante di tutto il sistema dove ha luogo la "custodia" delle pompe e dell'acqua che non è in circolo.
La costruzione della vasca la prenderemo piu avanti.
La vasca, come detto sopra, fa da serbatoio per mettere l'acqua in circolo e assorbe anche le vibrazioni prodotte dalle pompe. Si consigliano prodotti in plastica e di grandezza che piu si addice al nostro sistema.
Gli esperti consigliano anche di distanziare le pompe dai lati di almeno 1-2cm per lato in modo da non avere problemi di risonanza.
Altra cosa che puo essere usata per assorbire vibrazioni è l'utilizzo o sotto le pompe o sotto la vasca di neoprene o ancora meglio, sotto le pompe delle apposite ventose in modo da fissarle e assorbire ulteriormente le vibrazioni, e sotto la vasca del neoprene (per lo stesso motivo).
La vasca nono deve essere eccessivamente grossa se abbiamo un radiatore, poichè l'acqua restando ferma si potrebbe scaldare, facendo perdere prestazioni al nostro sistema, perciò il minimo indispensabile.
Se non abbiamo problemi di spazio e non vogliano usare un radiatore, possiamo anche usare delle vasche parecchio grosse (nell'ordine 30-40 litri minimo), in modo da far stabilizzare l'acqua con la temperatura esterna, e avendone così tanta si sconguira il fatto del riscaldamento. Questo si consiglia per le persone che hanno problemi di integrazione nel case ma che hanno moltissimo spazio da usare per la vasca.




TEORIA

SISTEMI SENZA VASCHETTA

E’ ancora oggi presente la convinzione che una maggiore quantita’ di acqua possa garantire maggiori prestazioni e quindi temperature piu’ basse, cio’ e’ ovviamente errato, a meno di non usare il radiatore e utilizzare una vasca con un’enorme quantita’ di liquido, dai 20 ai 50 litri, ma anche in questa eventualita’ specie tenendo acceso il pc 24ore su 24, e’ possibile raggiungere temperature elevate.
Nel caso in cui si usi il radiatore la quantita’di liquido nel circuito e’ ininfluente, determina solamente il tempo impiegato dal sistema nel raggiungere l’equilibrio termico, in altre parole, da un lato abbiamo una sorgente di calore che “trasferisce” nel sistema un certo numero di watt (Di calore), dall’altro abbiamo il radiatore che ne smaltisce una certa quantita’, il liquido diviene solo un tramite per veicolare questo calore. In principio a sistema spento, l’acqua e’ a temperatura ambiente, quindi avviando il pc, i watt della cpu scaricati nel sistema fanno aumentare la temperatura al liquido, che a sua volta riscaldando il radiatore cede parte di questi watt all’esterno, nel caso di sistemi semplici il radiatore non riesce a trasferire tutto il calore, o meglio anche l’acqua non riesce a trasferire tutto il calore dalla cpu al radiatore (per le proprieta’ proprie dell’acqua), questo determina un certo numero di watt che rimangono nel sistema, che fanno salire la temperatura della cpu (inefficienza dell’acqua) e dell’acqua (inefficienza del radiatore). E’ ovvio che dopo un certo tempo si raggiunge un punto di equilibrio, il tempo appunto dipende dalla quantita’ di liquido nel sistema, quindi possiamo usare quanta acqua vogliamo ma le prestazioni finali dipendono solo dal radiatore (ovviamente a parita’ del resto), a maggior ragione se si considerano piccole quantita’ di acqua, cioe’ fare una vaschetta da 2 litri o da 5 litri, non vi e’ molta differenza.
Da queste considerazioni appare chiaro come sia possibile realizzare sistemi privi di una vaschetta, cioe’ con le pompe non immerse, appunto dalle pompe dipende la possibilita’ o meno di farle lavorare non immerse, quindi usando delle pompe capaci di lavorare anche senza essere immerse, e’ possibile non usare la vaschetta, in questi casi e’ buona norma ventilare la pompa anche se cio’ comunque non e’ necessario.

Usando un simile sistema e’ bene eliminare l’aria dal circuito, infatti in questo caso eliminando la vaschetta, le bolle di aria presenti nel circuito rimangono in circolo e possono influire negativamente sui vari componenti del sistema (Rumore e temperatura in particolare), per questo motivo e’ bene cercare di riempire il circuito per bene eliminando tutta l’aria, oppure usare un Air Trap, cioe’ un contenitore simile ad una vaschetta, ma molto piu’ piccolo, questi contenitori generalmente hanno due raccordi uno d’entrata e uno d’uscita, basta posizionarli in un punto in alto rispetto al circuito, in questo modo le eventuali bolle di aria presenti nel circuito, finiranno dentro l’air trap.




SISTEMA A PIU POMPE

Bene, con l'evoluzione di un sistema, con piu waterblock e magari piu radiatori si puo ritenere migliore l'uso di piu pompe, ovviamente utilizzate per migliorare il flusso e la portata per appunto ottimizzare e potenziare tutto il sistema.
Non c'è moltissimo da dire.. perchè solo la fantasia e i soldi che abbiamo a disposizione, mettono un limite. esistono molti sistemi ke usano più di una pompa.
Sono sistemi complessi che vanno studiati bene in base alle propie esigenze anche se non è difficile da realizzare.
Calibrando bene la potenza e la portata si possono ottente risultati molto molto superiori.
In molti casi, piu pompe sono sinonimo di riscaldamento dell'acqua nella vasca, (anche se molto poco) e aumentano anche le vibrazioni prodotte e la grandezza della vasca, perciò diventa una cosa da studiare molto bene.

__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di 85kimeruccio : 23-05-2005 alle 00:24.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:17   #4
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
SISTEMA CON PIU RADIATORI

Come detto pocanzi, con l'evoluzione di un sistema, la potenza dei componenti da dissipare tramite l'acqua puo diventare molta. a questo punto un semplice radiatore piccolo puo essere restrittivo e allora si puo decidere di almpiare il sistema aggiungendo un radiatore o direttamente sostituendo codesto con un più grosso e prestante.
Aggiungere un radiatore, usarne due o tre magari piccoli, certe volte è inutile; poichè si occuperebbe spazio per "nulla". l'unica situazione che può essere presa in considerazione per l'uso di piu radiatori, è quella nel caso in cui ci sia veramente poco spazio per usare un raddiatore più grosso.
Nel caso si usino due o piu radiatori, vale il caso dei sistemi a piu pompe; cioe', calibrazione della potenza, dei flussi e delle portate, per rendere il sistema piu prestante.
Anche qua non c'è una regola fissa, ma tutto il sistema va studiato e modificato in base alle propie esigenze e sempre ai propi soldi.


COSTRUZIONE DELLA VASCA

In particolari casi le vasche prefabbricate o altri prodotti adattati nel nostro sistema possono non bastare, magari per problemi di spazio, allora il nostro spirito da modder verrà fuori..
La vasca possiamo costruirla, anche se non è un'impresa titanica, sarà lo stesso una cosa difficoltosa, poichè le altre vaske in commercio (appositamente studiate per noi) sono a tenuta stagna, e noi una volta costruita dovremmo CATEGORICAMENTE studiare un modo per rendere la vasca a tenuta stagna.
Le strade piu veloci e migliori sono quelle di studiare una vasca gia buona per questo scopo, magari con dei piccoli incastri per i lati o nella peggior parte dei casi la siliconatura degli spazi d'incastro.
è un lavoro molto lungo da fare poichè la vasca può essere sicura solo dopo svariati test (esterni dal case ovviamente, magari in una vasca da bagno con della carta per vedere meglio le perdite) di molte ore.
La costruzione di una vasca non ha regole fisse. solo la nostra anualità e la nostra fantasia possono essere dei limiti. i materiali da NON usare possono essere solo quelli che possono avere problemi e reazioni con il rame; percio l'alluminio in primis.
Vanno benissimo le vasche in plexiglass, ovviamente dimensionato alla pressione dell'aqua;
perciò almeno di 6mm, meglio 8-9mm.
Come possiamo vedere queste sono vaschette semplci da cui possiamo prendere spunto.
cercando nei vari siti (come questo forum) si possono trovare molte guide utili per la loro realizzazione.
Ci sono molte altre cose secondarie alla vasketta, ke sono icuramente molto utili nel caso volessimo raggiungere stadi di insonorizzazione molto elevati. possono esserci utili delle ventose sul fondo esterno per rendere più stabile la nostra vasca e per assorbire quelle piccole vibrazioni delle pompe, o magari puo essere utile l'uso di uno strato di neoprene magari sotto le pompe, direttamente all'interno della vasca per assorbire ulteriormente quelle vibrazioni delle nostre pompe.




INTEGRAZIONE DELL'IMPIANTO DEL PC

La cosa che la maggior parte di noi cerca in un impianto, è l'integrazione.
Un utente che possiede un big tower o magari vuole realizzare una waterstation esterna non ha di questi problemi poichè lo spazio a disposizione è molto, ma gli utenti che possiedono un htcp o magari un middle tower, dove lo spazio nn regna sovrano, avranno non pochi problemi.
Qua solo la nostra fantasia ci pone dei limiti, possiamo tagliare e modificare a nostro piacimento il nostro case per poter integrare nel migliore dei casi in nostro impianto.

Come possiamo vedere dalle foto molti utenti decidono di mettere il radiatore sul tetto per motivi prestazionali, ma molti altri non hanno spazio percio possono decidere di inserilo direttamente sotto i dischi fissi tra il frontale e la lamiera del case.
Il radiatore dovrebbe essere la cosa piu difficile da integrare date le sue dimensioni.
L'altra cosa che puo creare problemi nella nostra integrazione potrebbe essere la vasca.
moltissimi utenti (anzi quasi tutti) che integrano, la mettono sotto i dischi fissi, propio in quello spazio vuoto a destra della scheda madre. lì di spazio c'è n'è molto, percio non ci dovrebbero essere grossi problemi.
Nella vasca si mette la pompa, e via!!!
Molti ultimamente stanno passando all'esclusione della vasca studiando un sistema alternativo e nemmeno troppo complicato. percio lo spazio per integrarla diventa ancora meno, meglio!!!
Altra cosa, sono i tubi; li dipende dal nostro case, dalla nostra manualità e dalla nostra fantasia. Non è difficile, basta solo ragionare un attimo su quello che vogliamo fare e studiare
un percorso ben definito.
Concludo nel dire che, anche se con un sistema completo tutte le parti del nostro pc sono raffreddate, dobbiamo avere lo stesso un ricambio d'aria nel nostro case, poichè è possibile ke alcune parti particolari non si raffreddino abbastaza (mosfet o altri componenti minuscoli).




COLLEGAMENTO DEI COMPONENTI

Una volta che abbiamo pronti tutti i componenti dobbiamo collegarli tra loro tramite i tubi.
A seconda del tipo di sistema adottato e all'integrazione che dovremmo farne nel case dobbiamo prestare attenzione ad alcuni particolari. Si è visto che la lunghezza dei tubi non ha influenza
sulle prestazioni (in linea di massima) ma ciò che conta è evitare strozzature e curve troppo angolate (e magari sbalzi di altezza troppo elevati). Per strozzature si intende il tubo che in alcuni casi puo schiacciarsi (per motivi di varia natura) e quindi diminuire il flusso del liquido. Anche le curve con angolature molto strette possono diminuire la portata d'acqua e cosi compromettere un po le prestazioni. Quindi potremmo far fare ai nostri tubi percorsi magari piu lunghi piuttosto che curve angolate o articolate per raggiungere i componenti. E' buona norma anche utilizzare delle fascette Stringicavo (consigliate in plastica piuttosto che in ferro per evitare possibili danneggiamenti ai tubi) per assicurare meglio la tenuta del tubo sui raccordi dei vari componenti. Un ulteriore consiglio è quello di utilizzare delle molle attorno ai tubi per evitare appunto strozzature e deformazioni del tubo dovute a curve strette.
Il primo riempimento è quello più critico. Innanzi tutto riempiamo lentamente aiutandoci con un imbuto la vaschetta a pompa spenta (evitare di accendere la pompa senza liquido), poi accendiamola qualche secondo fino a che non entra tutta l’acqua nei tubi e nei vari accessori, poi spegniamo nuovamente e riempiamo ancora, riaccendiamo e, a pompa accesa, rabbocchiamo fino al livello desiderato. E’ bene non riempire fino all’orlo poiché l’acqua scaldandosi aumenta leggermente di volume e potrebbe forzare il coperchio o addirittura perdere, lasciamo quindi circa 15-25 mm dall’orlo della vaschetta.
Quando colleghiamo i tubi ai dispositivi preoccupiamoci di lasciare i raccordi in posizione laterale avendo cura di tenere il raccordo d’entrata in basso e quello di uscita in alto, questo ci permette di far uscire rapidamente e con facilità le bolle che restano nel WB e nel radiatore.
Se le bolle dovessero finire nella pompa sarà bene scuoterla sia da spenta che da accesa per farle fuoriuscire altrimenti potrebbe vibrare in modo anomalo facendo parecchio rumore.
E’ bene anche scuotere il radiatore poiché la presenza di bolle all’interno ne diminuisce le prestazioni.




LE PORTATE

Ecco le piattaforme del test:



Le pompe usate erano tre e di portate diverse: due hydor seltz (L25II e L35II) e una Sicce Idra.

I test sono stati fatti travasando l'acqua da un secchio all'altro, mettendo uno dei due secchi su una bilancia e misurando variazioni di peso pari a 4 litri:
in questo modo si sono allungati i tempi di test (quindi rendendo trascurabile l'errore di qualche centesimo di secondo nel premere il cronometro) ed si sono evitati i transitori (la fase in cui il liquido inizialmente accelera nei tubi) facendo partire la misurazione con la portata a regime.

In ogni test si sono usati tubi di mandata da 12mm, lungo 60cm dalla pompa all'impianto, e da 12mm, lungo 70cm dall'impianto al secchio di raccolta/misura.

Si è mantenenuta l'altezza del pelo libero dell'acqua dei due secchi mediamente alla stessa quota, in modo da prendere in considerazione solo la perdita di carico che si ha nell'impianto e non quella dovuta al salto tra ingresso ed uscita dell'impianto di prova (che è assente nei nostri impianti).

Ogni test è stato ripetuto per 5+2 volte, in modo da conservare i 5 risultati intermedi ed eliminare i due valori estremi.

Prima i test sulla portata libera (c'era 1,5mt di tubo da 12mm) delle 3 pompe e sulla portata in condizione di tubo 70cm + flauto:



Poi i test sono passati sui waterblock in possesso, per misurare la portata dei singoli:



Successivamente testato il tutto montando l'impianto in serie, aggiungendo un componente per volta:



Poi si sono condotti dei test sulle portate del flauto a vuoto, con le diverse pompe.
In questo test ed in quello successivo, date le elevate portate totali, credo che una delle strozzature principali sia introdotta dal tubo di alimentazione da 12, misura limitata dal fatto di voler utilizzare i raccordi rapidi.
Tuttavia si vede che, utilizzando varie pompe, (quindi variando la portata) le percentuali di portata dei vari rami variano di poco.
Infine attaccati a ciascun ramo il suo waterblock (come sono nella foto del parallelo).





Se sommate le portate dei singoli rami non ottenete la portata totale indicata: ciò perché per misurare i vari rami, si ha messo all'uscita dei wb degli spezzoni di tubo tutti uguali che scaricavano nel secchio di partenza o in quello di arrivo a seconda di cosa stessi misurando.
La portata totale invece è misurata all'uscita del flauto di ritorno, con il suo bel pezzo di tubo d'uscita da 12, lungo 70 cm.

La disposizione dei wb non è quella che logicamente si dovrebbe avere per ottimizzare le portate in modo che decrescano passando da CPU>VGA>NB, ma ho disposto i rami in modo che i tubi fossero in ordine e corti.
Tuttavia dai test si vede che la portata è maggiormente influenzata dalla strozzatura creata dalla tipologia dei wb che non dalla posizione che hanno i tubi di alimentazione sul flauto

Purtroppo non si sono potuti fare test con dei radiatori, nè con altre pompe o wb.

La seltz L35II che è stata usata era affetta (come molte, credo) del difetto di partire con un senso di rotazione "random". Quando parte contro-verso, la pompa è molto più rumorosa, quindi si riesce a capire cosa stia succedendo.
Ovviamente i numeri che sono stati presentato sono RELATIVI, e servono per capire cosa cambia, aggiungendo un componente in serie o disponendo in parallelo l'impianto, o ancora cosa succede cambiando pompa, per valutare se conviene la spesa o sacrificare il silenzio.

NON prendete questi valori come assoluti, NON fate confronti con i dati dichiarati dai costruttori, che certamente hanno metodologie diverse e strumenti di test diversi. Oltretutto sui Wb sono stati montati dei raccordi rapidi che strozzano qualcosina in più rispetto ai classici portagomma.

Le immagini parlano da sole..


SERIE E PARALLELO

Esistono due tipologie di circuiti per i sistemi a liquido, in serie, ed in parallelo.
Nel primo caso in pratica tutti i componenti del sistema sono disposti uno di seguito all’altro, per esempio avendo una vaschetta con la pompa, un wb per cpu, un wb per gpu e un radiatore, avremo questa disposizione: Dalla vaschetta parte un tubo (dall’uscita della pompa) che arriva al wb cpu, da qui’ si arriva al wb gpu, quindi nel radiatore infine si ritorna nella vaschetta, l’ordine dei componenti non e’ molto importante, o meglio si potrebbe pensare di mettere prima il radiatore in modo da mandare acqua fresca sui wb, in realta’ data la velocita’ dell’acqua le differenze sarebbero minime.
Nel caso di un sistema in parallelo, l’idea e’ quella di sdoppiare il circuito in due rami, questo per vari motivi, sicuramente per riuscire a sfruttare meglio le pompe visto che queste non sono certo state pensate per i sistemi a liquido, specie se si tratta di circuiti molto lunghi, per questo si potrebbero avere anche problemi di usura per la pompa, invece andando a creare in maniera opportuna due rami, e’ quasi come raddoppiare la portata del circuito, sforzando in questo modo di meno la pompa. L’importante e’ usare degli sdoppiatori di flusso opportuni, in pratica lo sdoppiatore deve avere un ingresso con una sezione almeno doppia rispetto alle sezioni dei due rami uscenti, in questo modo in ogni punto del circuito vi e’ la stessa sezione, per esempio dalla pompa attacco un tubo da 18mm di diametro interno, quindi arrivo nello sdoppiatore, che avra’ anche lui un diametro di 18mm interno, quindi con sezione pari a 3.141x9^2=254mm^2, ogni ramo potra’ avere una sezione pari a 254/2=127mm^2, cioe’ un diametro interno di 12.72mm, in questo senso anche se ho due rami sommando la loro sezione ottengo la sezione di uscita dalla pompa, e’ sbagliato prendere delle Y con i tre rami di sezione uguale, si avranno delle portate ridotte, proprio perche’ avro’ una strozzatura, nell’entrata allo sdoppiatore, in pratica e’ come strozzare un tubo fino a farlo diventare di meta’ sezione, e’ ovvio che non e’ una cosa buona.
Per lo stesso ragionamento e’ ovvio che nel momento in cui si deve ritornare in vasca bisogna utilizzare lo stesso tipo di Y oppure usare due rientri separati in vasca, uno per ogni ramo.
In commercio si trovano vari tipi di Y alle quali e’ possibile cambiare i raccordi, e’ anche possibile per chi ha un po’ di praticita’, farsi lo sdoppiatore saldando del tubo di rame, questa sarebbe la cosa migliore visto che si potrebbe scegliere la misura piu’ appropriata al nostro sistema.



In questo modo e’ possibile distribuire i componenti nei due rami, attenzione pero’ che l’acqua segue sempre la via con meno resistenza, cioe’ e’ facile avere i due rami sbilanciati, con portate diverse specie se i componenti hanno raccordi di sezione differenze, per esempio non e’ una buona idea mettere sullo stesso ramo un wb cpu con raccordi da 12mm interni e un radiatore con raccordi da 8mm interni, la portata sara’ sicuramente limitata dai raccordi piu’ piccoli, allo stesso modo se il wb ha raccordi da 10mm interni ed e’ solo su di un ramo, mentre il radiatore con raccordi da 14mm e’ sull’altro ramo, e’ facile avere basse portate sul ramo del wb cpu, l’acqua andra’ sul ramo con meno resistenza.
Usare un sistema in parallelo e’ sempre consigliabile, certo aumenta la complessita’ del sistema, specie se si vuole fare le cose per bene, aumentano il numero di tubi all’interno del pc, magari per sistemi composti da pochi elementi, solo un wb e un radiatore e’ possibile usare il tutto in serie, usando piu’ componenti diventa necessario sdoppiare il flusso, per avere un sistema ottimizzato ed efficiente.

Per altre informazioni più dettagliate vi rimandiamno alla sezioni sopra (In particolare raccordi e sdoppiatori).




LA DISPOSIZIONE DEI PEZZI - L'ERRORE PIU' COMUNE:
APPENDICE SULLA TEORIA DEL RAFFREDDAMENTO A LIQUIDO


Ogni componente del nostro circuito ha una portata massima differente. Ciò è molto importante per poter capire in quale ordine e come disporre ogni elemento.
Generalmente, dalla portata maggiore alla minore, possiamo individuare un elenco di questo tipo:

1)waterblock vga
2)waterblock chipset (o viceversa, spesso sono quasi uguali)
3)radiatore
4)waterblock cpu.

E' logico dedurre che per ottenere una portata globale di buon livello, cosa fondamentale se si utilizzano impianti made in italy, bisogna attenersi a quest'ordine per progettare la sequenza dei vari componenti del nostro circuito.
In un ipotetico sistema montato in serie, l'ordine dei pezzi dovrebbe quindi essere quello riportato.
Stesso discorso vale anche per impianti in parallelo, dove possiamo trovare su qualche ramo magari più di un componente, che va quindi ordinato nella giusta sequenza.
Da tenere in conto che più il radiatore è grande, minore è la sua portata. Non è quindi detto che un radiatore a 3 ventole abbia portata superiore ad un waterblock cpu. L'unico sistema affidabile, oltre all'attenersi ad eventuali dati tecnici riportati dai produttori, è quello di sperimentare empiricamente. O chiedere consiglio in questa guida.
Sostanzialmente, ciò che si vuole trasmettere è di non aver paura a mettere in fondo alla catena il waterblock cpu col timore che l'acqua che arriva sia troppo calda e non raffreddi abbastanza il processore. Bisogna infatti superare la convinzione che la cosa più importante sia la temperatura locale prima-dopo waterblock dell'acqua, e capire che l'obiettivo è raggiungere l'equilibrio termico* più favorevole.
Se un sistema richiede alte portate, dategli le alte portate, pazienza se l'acqua che arriva alla cpu è a 24.5°C invece di 24°C perchè proviene dal wb della vga.
Sì, perchè la differenza di temperatura tra il prima e dopo un waterblock si misura in decimi di grado, talmente è irrisoria. Questo semplicemente perchè nel circuito l'acqua gira molto velocemente, e non si ferma in un waterblock come fosse una vasca di decantazione ad assorbire tutto il calore possibile. E non fa in tempo a divenire così calda.

E ALLORA PERCHE' RAFFREDDARE L'ACQUA? QUAL E' IL VERO SCOPO DI UN RAFFREDDAMENTO A LIQUIDO?
L'acqua non è il co2 (ma và?!). In impianti di raffreddamento estremi dove si utilizza il gas (sotto forma di co2 o azoto liquido), circola sempre un refrigerante che, essendo freddissimo, assorbe tantissimo calore dalla fonte (ossia dai processori, tramite i waterblocks) in quegli istanti che attraversa lo scambiatore di calore stesso. Perciò l'obiettivo è far arrivare il refrigerante il più freddo possibile per assorbire la maggior quantità di calore possibile.
Con l' h2o questo succede solo nei primi minuti che l'impianto è acceso. In seguito le temperature di acqua e wb si stabilizzano, fino a raggiungere il fantomatico equilibrio*, dove i due corpi acquistano e cedono la stessa quantità di calore, mantenendo invariata la propria temperatura.
Giunti a questo punto si capisce come sia ininfluente la temperatura locale dell'acqua che arriva al wb, poichè la quantità di calore che assorbirà dipenderà interamente dalla temperatura totale del circuito. Ricordate infatti che l'acqua stessa, nelle diverse parti del circuito, è sempre un'unico corpo che, per le leggi fisiche, scambia calore al suo interno fino ad arrivare prima di tutto al proprio equilibrio.
La funzione generale del liquido non è tanto quella di abbassare la temperatura dei processori, quanto mantenere mediamente basso l'aumento di temperatura, e lenta la progressione della stessa all'aumentare delle frequenze. Quindi il processore ci mette di più a scaldarsi e il delta di temperatura è in ogni caso minore.
Questo perchè l'acqua assorbe (dal wb) e rilascia (grazie al radiatore) moltissimo calore molto lentamente. Ripensando al concetto di scambio termico sopracitato, si deduce che tale comportamento dell'acqua allunga i tempi necessari al raggiungimento del nuovo equilibrio richiesto con l'aumentare delle frequenze.
In un ipotetico grafico con le ascisse destinate al tempo e le ordinate alla temperatura, l'inserimento di un radiatore nel circuito favorisce lo spostarsi del punto di equilibrio verso destra e verso il basso.

Considerazione finale: l'obiettivo di un efficiente sistema di raffreddamento a liquido per un uso giornaliero non dovrebbe essere principalmente quello di raffreddare la cpu, ma quello di costruire un sistema che assorba nel minor tempo la maggior quantità di calore possibile e che lo ceda altrettanto velocemente e massicciamente, ottimizzando i flussi e la velocità di percorrenza dell'acqua a seconda delle caratteristiche tecniche dei componenti.

*Equilibrio termico: in questa sezione della guida si fa più volte riferimento all' "equilibrio termico". Tale espressione viene utilizzata per facilitare e semplificare la comprensione di un discorso articolato, in quanto alle parole "equilibrio termico" più o meno tutti sono in grado di attribuire un concetto comprensibile, individuabile come "momento in cui la temperatura dei due corpi si stabilizza grazie alle reciproche influenze". In realtà lo stabilizzarsi delle temperature che avviene nel nostro circuito non è tecnicamente il raggiungimento dell'equilibrio termico. A livello macroscopico si può fraintendere a quel modo il fenomeno, ma fisicamente non è così.
Infatti, all'equilibrio termico due corpi raggiungono un momento di inerzia nel quale non vi è scambio di energia ne per irraggiamento ne per conduzione ne per convezione. In un impianto, quando si "stabilizza" la situazione, vi è al contrario un continuo trasferimento di energia. L'equilibrio è quindi propriamente detto dinamico, e non termico, benchè apparentemente il fenomeno presenti le caratteristiche di entrambi gli equilibri.



XTREME COOLING
LE CELLE DI PELTIER
SottoTitolo: L'evoluzione del raffreddamento

Le celle di Peltier o TEC vengono usate per abbassare la temperatura al di sotto di quella ambiente, il funzionamento si basa su principi fisici molto complessi, ci limitiamo nel dire che vengono usati due tipi di materiali, il tipo N e il tipo P, questi sono collegati in maniera opportuna, nel momento in cui si fa’ passare la corrente la cella funziona da pompa di calore, cioè il calore di un lato (che si raffredda) viene fatto passare sull’altro lato che quindi si riscalda.

I vantaggi delle TEC risiedono nell’assenza di meccanismi o gas, quindi nella praticità d’utilizzo, gli svantaggi riguardano lo scarso rendimento, visto che le celle hanno bisogno di molta corrente, nella necessità di dover adeguatamente raffreddare il lato caldo della TEC, e nei problemi di formazione della condensa che si possono presentare.
La cella andrà scelta adeguatamente, uno dei valori di targa e’ il Qmax, cioe’ la massima potenza in watt che e’ possibile spostare da lato freddo a lato caldo, una peltier quindi da 226w, riesce appunto a spostare 226w, ovvio che se la mia cpu produce 120w non posso di certo usare una cella da 100w, altro dato e’ la dTmax, cioe’ la massima differenza in gradi tra lato caldo e lato freddo.
Tutti questi valori sono relativi alla tensione di targa della cella che di solito e’ pari a 15volt, quindi andando ad alimentare la cella a 12v bisognera’ rivedere i dati.
Una cella da 226w assorbe a 15V ben 24A, e’ quindi fondamentale la scelta di un ottimo alimentatore da 550w, oppure un secondo alimentatore da usare solo per la cella, anche se la scelta migliore e’ sicuramente quella di prendere un alimentatore dedicato, che garantisca la possibilita’ di variare il voltaggio.
E’ bene munirsi di radiatori molto efficienti ed altrettanto efficienti ventole, perche’ la temperatura del lato freddo dipende dalla temperatura del lato caldo, appunto la dTmax, e sul lato caldo si scaricano sia la potenza della cpu, per esempio 100w, ma anche la potenza della TEC che non e’ 226w, ma 15V x 24A, cioe’ 360w circa, quindi un totale di 460w da dissipare (a 15V), questo perche’ il rendimento non e’ massimo, per avere un Qmax pari a 226, la peltier ne spende 360w.
E’ necessario usare un coldplate, cioe’ un blocco di rame sul lato freddo della peltier, in questo modo il calore della cpu si diffonde nel coldplate.
Esso fa’ lavorare meglio la cella, mettere direttamente la cpu a contatto con la cella vuol dire far lavorare solo i punti di contatto, visto che le facce della cella sono fatte da materiale non termoconduttivo, E’ bene studiare un sistema di fissaggio adeguato, che blocchi waterblock, peltier e coldplate, infatti la cella funziona meglio se si applica una certa pressione. In commercio esistono wb con peltier gia’ integrate, o sistemi di integrazione, comunque e’ possibile usare le celle con ogni waterblock, ovviamente la cosa e’ piu’ difficoltosa.
Infine arrivati a questo punto, ci manca solo la coibentazione di tutte le parti che possono raggiungere la temperatura di rugiada, e quindi sulle quali si puo’ formare condensa:
tutto il gruppo waterblock, peltier, coldplate, sotto la cpu, dietro il socket nel retro della mobo ecc.

E con questa piccola "citazione" alle celle di peltier, chiudo la parentesi sui sistemi di Wc Extreme..
Ovvio che noi con il nostro semplice sistema, non avremo mai bisogno di una TEC.... a meno che.... vogliamo esagerare.

__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di 85kimeruccio : 09-11-2005 alle 00:22.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:18   #5
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
MANUTENZIONE & Co.

PASTE TERMOCODUTTIVA E LAPPATURA

Normalmente le superfici dei waterblock piu comuni, è gia lappata a dovere come si evince dalla foto sotto; tutta via se abbiamo dei waterblock magari vecchi o di seconda mano potremmo avere qualche imperfezione.
Tali imperfezioni impediscono il contatto omogeneo tra superficie superiore del core della cpu e superficie inferiore del waterblock. In teoria la superficie piu che essere perfetta dovrebbe essere lineare e piatta, perciò dobbiamo batare principalmente a quasto fattore.

Se la superficie non è nemmeno lineare, solo alcuni vertici della superficie inferiore del waterblock sono a contatto con il core, dando origine ad una grande percentuale di vuoti. Tale discontinuità, provoca una diminuzione del passaggio del calore, e di conseguenza aumenta le resistenza termica complessiva.
La pasta termoconduttiva, è utilizzata appunto per riempire le cavità d'aria, e aumenta la conducibilità termica del sistema diminuendo la possibilità di surriscaldamento del processore.

DA COSA E' COMPOSTA LA PASTA TERMOCONDUTTIVA?

Vi sono due tipi di pasta termoconduttiva, quella formata da COMPOSTI SILICONICI (olio o grasso siliconico inorganico) e quella costituita da COMPOSTI SINTETICI (non siliconici).
Le due possono essere amalgamate con metalli, ossidi metallici, e il composto che ne deriva è caratterizzato da una alta conducibilità termica.
In commercio esistono numerosi prodotti, ma quelli migliori sono progettati e sviluppati da un azienda americana, la ARTIC SILVER.
Due i candidati di successo, la pasta ARTIC SILVER e la pasta ARTIC ALUMINA. La prima contiene argento polverizzato in particelle ed è caratterizzata da una conducibilità termica di 9,0 W/m°K, la seconda è composta da alluminio polverizzato in un misto di oli polisintetici, e possiede una conducibilità termica di 4,0 W/m°K.
In particolare, la ALLUMINA possiede le caratteristiche di massima conducibilità solo dopo 36 ore dalla stesura, a causa delle dimensioni delle particelle di alluminio. Le due rappresentano il top delle paste termoconduttive, non sono cancerogene, non inquinano, non sono conduttive o infiammabili, quindi potrete usarle senza alcuna precauzione.

Se utilizzate la ARTIC SILVER o la ARTIC ALLUMINA, la temperatura della vostra cpu diminuirà di 3-5 gradi centigradi. Sicuramente un buon risultato. Sicuramente utilizzare una buona pasta termoconduttiva è importante, aumenta la longevità della cpu, e favorisce un buon flusso termico del calore, ma non compensa l'errore di un waterblock poco efficiente.
Quindi, l'acquisto di un tale prodotto è giustificato solo nei casi in cui si affronta un overclock, alla ricerca della massima dissipazione termica e non nei casi in cui il sistema di raffreddamento è insufficiente.

Lappatura waterblock

Due superfici per potersi scambiare calore in modo efficace devono essere a stretto contatto.
Purtroppo oggi solo pochi waterblock nuovi, come detto sopra, presentano una base perfettamente piatta e priva di rugosita' cosi che tra il waterblock e il core del processore rimarranno delle sacche d' aria che fungeranno da isolante termico . Per riempire le sacche con qualcosa di piu conduttivo dell aria si stendera allora la “pasta termica” all'argento.
Gia questo migliorerebbe parecchio lo scambio termico, come detto poco sopra.
La soluzione ottimale sarebbe quella di appianare il piu possibile la base del waterblock tramite lappatura.
Sicuramente nel web e sicuramente su questo forum ci sono motlissime guide ke rimandano alla lappatura.
Perciò nn sto qua a dilungarmi in spiegazioni "inutili".
Ricordo solo che una buona lapatura può essere abbastanza ultile al fine di abbassare ulteriormente le temperature della nostra cpu.



Lappatura Core (Cpu)

Premessa: è una pratica molto rischiosa, solo voi siete responsabili di voi stessi.

La tecnica della lappatura consiste nell'asportare del materiale ferroso (zinco), levigando una parte dello strato superiore della CPU. La diminuzione dello spessore permette una migliore conducibilità termica e quindi un miglior raffreddamento della CPU stessa.
Lo strato di zinco che ricopre il Core del processore viene raschiato poichè determina una "barriera" fisica al passaggio del calore verso il dissipatore.
I Rischi di tale operazione sono praticamente "bassi" se eseguite con cura tutte le seguenti operazioni:

-Trovate una superficie piana, se la CPU presentasse delle irregolarità dopo la lappatura la conducibilità termica sarebbe drasticamente ridotta.

-Dotarsi di almeno 4 tipi di carta vetrata: La 200 per l'operazione di sgrassatura, la 400 e la 800 per le lavorazioni intermedie e infine la 1200 per la levigatura finale.

-Si copra l'area della CPU non interessata dal procedimento con un panno o comunque con un qualsiasi materiale, lasciando scoperta l'area da levigare (la Core della CPU). Si ricordi di riportare in un foglio i dati impressi nella superficie di zinco del microprocessore.

-Si inserisca la CPU in una borsa antistatica (quella che conteneva la scheda madre nella scatola), poi si pratichi un foro in cui far passare la superficie da levigare.

-Fissate la carta vetrata al tavolo o specchio, perfettamente liscio, con nastro adesivo. Passate più volte il processore avanti e indietro finchè la superficie non appaia di colore rame (rosso scuro), eseguite movimenti circolari e mantenete un pressione uguale sul processore.
Cambiate la carta vetrata a seconda delle lavorazioni: la 200 per la lavorazione di sgrossatura, le 400 e 800 sono intermedie (per la semilevigatura) e la 1200 per l'operazione finitura.
Potete anche scegliere di dotarvi di un pezzo di legno perfettamente liscio, a cui applicare la carta vetrata. In una mano terrete il processore, e nell'altra il blocco di legno. Strofinando i due e cambiando la carta dovreste ottenere lo stesso risultato.

-Il materiale asportato dovrebbe essere nell'ordine di 0,1-0,2 mm. Se si superano tali spessori si provocherebbero danni irreversibili al processore. Tale operazione comporta una diminuzione della temperatura della CPU di 3-4 gradi centigradi.

-Si tolga il processore dall'involucro antistatico e si installi nuovamente sull''alloggiamento della scheda madre.


MONTAGGIO

PROCESSORE

La guida che vi presento deve essere presa come una raccolta di consigli utili per il montaggio del vostri kit a liquido; è una cosa generica ma credo ke si possa adattare a tutti.

Per prima cosa smontate dal case la scheda madre, (nel caso abbiate una staffa ke va agganciata ai 4 fori sulla scheda madre: infilate i 4 bulloni dal retro, avendo cura di utilizzare le rondelle isolanti in dotazione;rimettete in posizione la scheda madre e, utilizzando i 4 dadini in teflon forniti con la staffa, serrate i 4 bulloncini appena inseriti. Per il serraggio non usate altro che le dita).
Inserite il processore e stendete un velo di pasta termoconduttrice (Artic Silver 3, Ceramique, ecc).
A questo punto togliete la pellicola protettiva dal vostro Waterblock e se occorre pulite la superficie con un panno morbidissimo, pulito e inumidito con un po’ di alcool, per togliere i residui della colla della pellicola. Noterete la perfetta lappatura a specchio, eseguita a mano,
come su tutte le altre superfici. OCCHIO A NN RIGARLA!
Appoggiate il waterblock sulla cpu (inserite la parte superiore della staffa S4 se usate quella staffa, avvitate i 4 dadini ciechi con le sole dita sino a fine corsa e cominciate ad avvitare a mano il bullone centrale di registro: solo quest'ultimo avrà il contatto con il waterblock, con il punto di contatto localizzato nell’incavo ricavato sulla superficie superiore del waterblock stesso).

N.B. se non usate la staffa in questione ma l'aggancio avverrà tramite il socket, il waterblock verrà montato quasi come un comunissimo dissipatore.
Vi consiglio, di inserire prima i tubi e di serrarli sul Waterblock, per poi procedere al montaggio definitivo.
Inserite i tubi e fascettateli prima di fissare il wb con la staffa.

CHIPSET

L’operazione è valida solo se la scheda madre è dotata dei 2 fori laterali, in questo caso le operazioni da compiere sono le seguenti:
Capovolgere la scheda madre e inserire i 2 bulloncini dotati di rondella isolante, Stendere sul chipset un velo di pasta termoconduttiva, A questo punto togliete la pellicola protettiva dal vostro Waterblock Chipset e se occorre pulite la superficie con un panno morbidissimo, pulito e inudimito con un po’ di alcool per
togliere i residui della colla della pellicola.
Noterete la perfetta lappatura a specchio, eseguita a mano, come su tutte le altre superfici.
OCCHIO A NON RIGARE NULLA!!
Appoggiate il waterblock Chipset sul chipset (ovviamente ), inserite la staffetta in lexan e avvitate rondella e bulloncino. Avvitate a mano sino al punto in cui vedete flettere leggermente la staffetta: è il segnale che vi indica che non ha senso andare oltre, siete arrivati al punto di serraggio corretto.
Anche in questo caso consiglio di montare e fascettare i tubi prima di serrare il tutto.

SCHEDA VIDEO

Anche in questo caso è d’obbligo avere i fori intorno alla GPU.
Inserire i 2 bulloncini dalla parte opposta di dove andrà montato il wb, facendo attenzione a utilizzare correttamente le rondelle isolanti in dotazione.
Stendete un velo di pasta termoconduttiva, meglio se Ceramique.
A questo punto togliete la pellicola protettiva dal vostro Waterblock Gpu e, se occorre, pulite la superficie con un panno morbidissimo, pulito e inumidito con un po’ di alcool per togliere i residui della colla della pellicola.
Noterete la perfetta lappatura a specchio, eseguita a mano, come su tutte le altre superfici.
OCCHIO A NON RIGARE NULLA!
Appoggiate il watreblock Gpu sulla gpu, inserite la staffetta in lexan e avvitate rondella e bulloncino. Avvitate a mano sino al punto in cui vedrete flettere leggermente la staffetta:
è il segnale che vi indica che non ha senso andare oltre, siete arrivati al punto di serraggio corretto.
Questa è la massima flessione consentita, vi sconsigliamo vivamente di non andare oltre.
Anche in questo caso consigliamo di montare e fascettare i tubi prima di serrare il tutto.



IL RIEMPIMENTO

Il primo riempimento è quello più critico.
Innanzi tutto riempiamo lentamente aiutandoci con un imbuto la vaschetta a pompa spenta (evitare di accendere la pompa senza liquido ), poi accendiamola qualche secondo fino a che non entra tutta l’acqua nei tubi e nei vari accessori, poi spegniamo nuovamente e riempiamo ancora, riaccendiamo e, a pompa accesa, rabbocchiamo fino al livello desiderato.
E’ bene non riempire fino all’orlo poiché l’acqua scaldandosi aumenta leggermente di volume e potrebbe forzare il coperchio o addirittura perdere, lasciamo quindi circa 15-25 mm dall’orlo della vaschetta.
Quando colleghiamo i tubi ai dispositivi preoccupiamoci di lasciare i raccordi in posizione laterale avendo cura di tenere il raccordo d’entrata in basso e quello di uscita in alto, questo ci permette di far uscire rapidamente e con facilità le bolle che restano nel WaterBlock e nel radiatore.
Se le bolle dovessero finire nella pompa sarà bene scuoterla sia da spenta che da accesa per farle fuoriuscire altrimenti potrebbe vibrare in modo anomalo facendo parecchio rumore.
E’ bene anche scuotere il radiatore poiché la presenza di bolle all’interno ne diminuisce le prestazioni.
Altra precisazione: i raccordi della vaschetta devono andare sotto il pelo dell'acqua per ovviare al problema del riempimento del sistema di aria una volta spento.


CHE LIQUIDO USARE?

Dopo avere letto molte discussioni in gire per il web mi sembra giusto spendere anche giusto due righe per questo piccolo dettaglio.
Innanzitutto EVITATE cavolate tipo paraflu, oli, speciali distillati, additivi, ecc ecc. sono cose inutili che non servono a nulla, e rischiano solo di fare danni ovviamente, inutili.
Il consiglio ricade su quello che molti, anzi, quasi tutti utilizzano; cioè l'acqua distillata (leggete bene, non solo demineralizzata) e magari anche di ottima qualità.
Solo con l'acqua distillata ed un circuito ben chiuso, eviterebbe la nascita di alghe e microorganisimi;
Se vogliamo aumentare il "potere" dell'acqua possiamo (anzi, molti lo usano spesso) aggiungere un 3% di alcool, non di piu, poichè rovinerebbero le pompe o almeno se si va oltre è abbastanza inutile.

Ecco, questa è l'accoppiata migliore.

DEFINIZIONI:
L'acqua distillata è acqua che è stata fatta bollire in un apparecchio denominato "still" e quindi ricondensata in un'unità di raffreddamento (condensatore) per restituirle lo stato liquido. La distillazione è usata per purificare l'acqua. Gli agenti inquinanti dissolti come i sali sono lasciati nel contenitore d'ebollizione mentre il vapore acqueo fuoriesce. Inoltre bisogna fare attenzione a non ricontaminare l'acqua dopo averla distillata.

L'acqua bidistillata permette di avere una acqua di migliore purezza ad un costo industrialmente accettabile. Bisogna considerare che i costi e la resa di un processo di distillazione sono subordinati principalmente alla qualita' del campione di partenza. Questo e' il motivo per cui non si sottopone mai un campione di acqua di mare a distillazione, per ottenere acqua dolce, ma si preferisce prima ridurre il suo contenuto in sali del 70 - 80 % usando resine a scambio ionico o osmosi inversa. E' comunque un'acqua qualitativamente migliore.

L'acqua Deionizzataè un processo che utilizza alcune resine per lo scambio ionico, appositamente elaborate per la rimozione di sali ionizzati dall'acqua. Puo' rimuovere teoricamente il 100% dei sali. La deionizzazione non rimuove tipicamente i prodotti organici, il virus o i batteri, tranne con l'intrappolamento "accidentale" nella resina e o attraverso resine speciali ad alta base anionica che rimuovono i batteri gram-negativi.

L'acqua demineralizzata è l'acqua da cui sono stati rimossi i minerali o i sali. È usata in applicazioni in cui e' richiesta acqua a basso contenuto salino o a bassa conducibilità.
L'acqua demineralizzata è abbastanza aggressiva per i metalli, anche per l'acciaio inossidabile. Così in molti casi materiali plastici sono usate per trasportare l'acqua demineralizzata.


LA MANUTENZIONE

La manutenzione dell'impianto è una tappa fondamentale del watercooling.
Nonostante le usuali precazuioni (uso di acqua distillata/ additivi/ alchool di cui parleremo in seguito) l'acqua in un periodo che varia da 2 a 6 mesi tende a sporcarsi e questo pregiudicherà l'ottima salute dei componenti del raffreddamento al liquido nonchè l'estetica.
A mio giudizio per mantenere sempre splendente il nostro impianto è sufficiente ogni 2 mesi (ma se il sistema è ben chiuso con poca aria e posa luce anche fino a 8 mesi) sostituire l'acqua, svuotando completamente l'impianto.
Prima di procedere con il rabbocco, far girare per una mezz'oretta il tutto in una soluzione di acqua piu viakal in modo da eliminare eventuali incrostazioni e impurità, quindi risciacquare abbondantemente e rabboccare con acqua distillata.
Altra operazione da effettuare una tantum è quella di pulire la sporcizia dalle pale della ventola del rad e magari soffiare con un compressore tra le alette per eliminare la sporcizia trasportata dalla ventola (non potete immaginarvi quanta polvere può girare in un case ), che può essere causa di un deteriorioramento delle prestazioni in quanto passerà meno aria a raffreddare l'acqua.
Attenzione particolare meritano invece le nostre pompe. L'uso di sostanze aggiuntive nell'acqua in quantità superiori al consentito portano ad una precoce deteriorazione dell'albero della pompa, che viene letteralmente mangiato, in special modo dall'alchool (si consigli infatti massiamo 3%); in particolare i prodotti della Sicce (Idra e Nova) hanno necessità di essere controllate periodicamente in quanto soffrono di un problema all'albero: la girante tende ad
ovalizzarsi e a fare rumore, le pale si discostano un pochino, il tutto a discapito del rumore e dell'efficenza.
Per prevenire il rumore sarà necessario ingrassare ogni tanto l'albero con del grasso resistente all'acqua, facendo ben attenzione a non esagerare in quanto potrebbe impedire alla pompa di partire dato la forza d'attrito che esercita. Se proprio l'alberino della vostra pompa sta per esalare l'ultimo respiro, consiglio vivamente di spendere qualche € e ricomprarlo nuovo, o di passare direttamente a marche ben più affidabili.


PULIZIA DEL WATERBLOCK

Dopo molti mesi di utilizzo, un waterblock, anche usando l'acqua distillata, é possibile che al suo interno presenti impurità, calcare, alghe e schifezze varie attaccate ai bordi o incastrate tra le alette.
Un'altro processo sgradevole alla vista, é quello della lenta ossidazione del rame. Infatti dopo qualche mese di utilizzo, si notano sulla superficie esterna delle zone più scure, di colore verderame.
Per risolvere a questo inconveniente occorre smontare il waterblock dal soket e dai tubi, ed eseguire un lavoro di pulizia totale.

Una volta tolto il waterblcok, possiamo notare che la parte a contatto con la CPU, è macchiata in diverse zone, soprattutto quelle a contatto con i gommini della cpu, e di pasta termoconduttiva in zona core.
Per effettuare la pulizia e la successiva lucidatura esterna del waterblock si può utilizzare il seguente materiale:
- Carta vetrata (per rifinire i lati del waterblock)
- Viakal (per eliminare calcare e altre sporcizie interna)
- Pasta abrasiva fine (per eliminare i graffi)
- Sidol (per lucidare a specchio, anche se non essenziale)


Pulizia interna.
Passiamo ora alla pulizia nterna del waterblock. Personalmente ho usato il viakal che elimina il calcare e altre impurità; ma qualsiasi prodotto simile può essere usato allo stesso modo.
Versate il viakal in uno dei 2 raccordi del waterblock, ovviamente svuotato, fino a che il livello del liquido non arriva a riempire tutti e due i raccordi.
Il viakal comincia a fare effetto subito, vedendo apparire della schiuma bianca dentro ai raccordi. Questo significa che il liquido sta "pulendo". Quando termina questa reazione, in media cinque minuti, ma anche meno a volte, svuotare il waterblock. Se volete una cura maniacale poete rieseguire la stessa operazione.
Finita questa operazione bisogna risciacquare abbondantemente il waterblock con acqua corrente. Per fare questo si può usare tranquillamente un pezzo di tubo e l'acqua presa da rubinetto. Questa operazione é ESSENZIALE per eliminare completamente ogni traccia di viakal dal waterblock, per cui mi raccomando di eseguirla con molta cura.
Posso comunque aggiungere che, per la massima pulizia bastano una decina di minuti.
Dato che alcuni wb sono costituiti da una parte di plexy, questo non deve creare nessun problema, poichè il viakal non reagisce con la plastica, opacizzandola.


Pulizia esterna.
Ora che abbiamo pulito accuratamente l'interno del nostro waterblock possiamo passare a lucidare la parte esterna.
Passiamo ora alla pulizia della parte più importante, la superficie a contatto con la CPU.

N.B. Le basi dei waterblock vengono lappate e lucidate con un procedimento particolare, quindi utilizzate la carta vetrata solo sui bordi e sul coperchio e mai sulla base perché verrebbe rovinata la lappatura originale.

Per eliminare gli eventuali graffi presenti sulla base del waterblock e per dare una prima lucidatura alla base del waterblock si puo utilizzare la pasta abrasiva. Bisogna metterne un pezzettino (una goccia nel caso di un prodotto simile liquido) su uno straccio asciutto e sfregare energicamente il waterblock finché la superficie non risulta liscia al tatto. Nel caso finisca la pasta sullo straccio, utilizzarne un'altro pezzettino. Alla fine di questa procedura, la superficie del waterblock dovrebbe risultare lucidata.
Se volete lucidare tutto il waterblock eseguite questa procedura su ogni lato dello stesso.
Per la lucidatura finale esterna, si utilizza il sidol, questo prodotto è ottimo, oltre a lucidare perfettamente, lo protegge dalla formazione di ossido e impedisce la formazione di macchie sul waterblock stesso per un bel po' di tempo.
La procedura di lucidatura con il sidol è circa la stessa eseguita con la pasta abrasiva. L'unica differenza è che il sidol è un prodotto liquido e che la lucidatura a specchio va effettuata finché la superficie non riflette completamente e non a seconda della rugosità della superficie.
Aggiungo una piccola chicca: immergete un vostro dito nel viakal e poi passatelo sui lati ossidati del wb, e poi risciaquatelo. E magia

Per una piu precisa descrizione con foto e dettagli vi indirizzo verso questa piccola guida realizzata da tony che ringrazio.
http://forum.pctuner.net/forum/showthread.php?t=55944


ACCENSIONE POMPA AUTOMATIZZATA

Un relé ‘e un dispositivo elettromagnetico composto da una bobina d’eccitazione, e un dispositivo meccanico che agisce su dei contatti in modo da aprirli o chiuderli secondo il caso.
Volendo accendere le pompe assieme al pc, si utilizza la corrente dell’alimentatore per eccitare la bobina del relé che quindi farà scattare i contatti alimentando le pompe del sistema a liquido.

Quello che ci serve è un relé con bobina da 12v (corrente continua) e contatti da 5Ampere 230v, uno zoccolo porta relé (uno adatto ovviamente al tipo di relé che si prende), un diodo 1N4148 che funge da protezione per le sovratensioni che si presentano alla bobina.
Come si vede dallo schema, ai contatti d’eccitazione della 12volt bisogna collegare il filo giallo e uno nero presi da un molex dell’alimentatore, in parallelo a questi contatti si vede il diodo, che va’ saldato con polarità inversa, in pratica il negativo (catodo) del diodo andrà collegato al positivo (dove abbiamo collegato il giallo del molex), il catodo del diodo si riconosce dalla banda di colore diverso presente sul diodo stesso.
Sugli altri contatti andrà inserita la 230v proveniente da una presa, e l’uscita che andrà sulle pompe, è possibile trovare relé con solo 3 piedini per la 220v, in questo caso invece di sezionare entrambi i cavi della 220v ne sezioniamo solo uno, cioè colleghiamo un cavo della 220v sulla pompa, mentre l’altro cavo lo facciamo passare per il relé.
Per ragioni di sicurezza è bene usare uno zoccolo, in cui inserire il relé e quindi collegare i cavi direttamente nello zoccolo.

Inoltre si consiglia vivamente di procurarsi anche una scatola per materiale elettrico di dimensioni apposite e di inserire il tutto al suo interno, evitando di mettere lo scatolotto all’interno del pc, vi ricordo che l’uso della 230v non è uno scherzo e si possono passare guai molto seri se non si prendono adeguate protezioni e precauzioni, è bene per esempio inserire un fusibile che apra il circuito in caso di problemi.
Il sottoscritto (Zerotre) che ha fatto questa parte della guida, precisa di non usare il sistema spiegato, ma di tenere collegate le pompe alla ciabatta con cui alimenta tutto il pc, sistema molto più semplice e soprattutto meno pericoloso, e ne SCONSIGLIA VIVAMENTE la realizzazione per chi non ha dimestichezza con le tensioni in gioco, con l’elettronica, con l’elettrotecnica, e quindi non si assume (come per il resto della guida) nessuna responsabilità in merito.




MOSFET

Anche in un pc raffreddato con un impianto a liquido non bisogna scordarsi di curare la ventilazione interna. Infatti il liquido raffredda solo alcune parti del computer.
Il resto deve essere sempre e comunque raffreddato ad aria. Molte componenti piccolo del pc in particolare mosfet e componentistica molto piccola, ma anche shoutbridge, dovrebbero essere raffreddate a dovere per una stabiltà compeleta del propio computer.
La zona dei mosfet, in particolare, deve essere raffreddata con una ventola, vista la mancanza della ventola della cpu che investiva anche tali componenti, prima.
I mosfet raggiungono anche i 45°c senza troppi problemi, il che implica a volte un instabilità del sistema, sopratutto in overclock. Al 99% dei casi una ventola donwvoltata basta e vanza, l'ideale sarebbe una bella 8x8 (o ancora meglio una 9x9) a 5v, imho inudibile ma con un piccolo flusso di aria utile al nostro scopo.
Altra cosa da raffreddare sono quelle piccole parte del nostro pc che ovviamente i nostri waterblock non raffreddano, per questo motivo la solita ventola in entrata e ventola in uscita (di questa si puo fare a meno dato che nel 70% dei sistemi a liquido ci sono almeno una ventola che butta fuori aria, quella del radiatore) sono molto ultili per avere un piccolo ricambio di aria all'interno del case. Tutto il pc ne gioverà.




FISICA

Una soluzione alternativa e più efficace è dunque l’utilizzo del raffreddamento a liquido.
Un sistema a liquido fa uso di scambiatori di calore (waterblock) per trasferire il calore prodotto direttamente nell’acqua, raffreddata poi tramite un radiatore esattamente come avviene nelle normali automobili. L’acqua permette un migliore raffreddamento rispetto all’aria. Basta infatti vedere alcuni valori teorici:

Aria coefficente di conducibilità termica 0,026
Acqua coefficente di conducibilità termica 0,62

Come emerge analizzando tali dati, l'acqua riesce a dissipare il calore in maniera nettamente migliore e molto più velocemente rispetto all'aria. Si parla addirittura di un valore 23 volte superiore (0,62/0,026).
Oltre alla maggiore efficienza l’uso di un sistema di raffreddamento a liquido riduce sensibilmente il rumore prodotto. L’unico rumore è quello derivante dalla pompa e dalla ventola che va necessariamente montata sul radiatore. Nata inizialmente come soluzione per gli overclockers più intrepidi, la strada del watercooling sta prendendo sempre più piede anche nei sistemi Home PC.


LINK VARI UTILI

-Sito interessante sul liquido (Francese), ma dalle foto si possono capire molte cose:
http://www2.hardware.fr/articles/475/page1.html

-Accensione pompa by rele:
http://www.insanewb.com/recensioni/n...a/pagina01.htm

-Portate:
http://www.insanewb.com/RECENSIONI/N...e/pagina01.htm

-Turbolenze:
http://www.oclabs.com/particles.php?...1033&docpage=1

-Guida integrazione:
http://www.insanewb.com/guide/Integr...V3/GuidaV3.htm

-Bolle d'aria:
http://www.oclabs.com/particles.php?docid=103

-Sonde per le temperature:
http://www.pctuner.net/php/Articoli/...D=272&lang=ita

-Sdoppiatore di flussi:
http://www.pctuner.net/php/Articoli/...D=258&lang=ita

-Convogliatore:
http://www.pctuner.net/php/Articoli/...D=254&lang=ita

-Convogliatore 2:
http://www.moddingitalia.net/php/Art...colo.php?ID=89

-Curare il kit:
http://forum.hwupgrade.it/showthread...hreadid=685237

-Comparativa sulle pompe:
http://www.insanewb.com/guide/Pompe/PompeAcqua.htm

-Serie o parallelo?
http://forum.hwupgrade.it/showthread...ght=raccordi+y

-Comparazione sistemi "gia pronti":
http://www.tomshw.it/howto.php?guide=20040630

-Celle di Peltier:
http://www.megaoverclock.it/CELLE.html

-Realizzazione sostegno per ventola per raffreddamento mosfet:
http://www.moddingitalia.net/php/Art...colo.php?ID=65

-Per qualsiasi altra cosa:
www.google.it


SISTEMI DEGLI UTENTI

KIT OCLABS BY [ITA] BULLS [ITA]

Impianto OCLabs che comprende WaterBlock CPU + Black Ice Pro + Hydor L20 su case enermax midi Tower. Radiatore montato sul tetto del case.
Il case è abbastanza piccolo (come tutti i middle) e contiene oltre al kit Oclabs anche una scheda madre Intel, Ali SuperFlower da 420W PFC con due ventole, Pentium 4 3.06ghz, 2x512 A-DATA DDR 400, GeForce FX 5950 Ultra, 5 Hard disk.
Per l'aerazione del case ci sono, una ventola 80x80 puntata sui mofset dowvoltata a 7v (che oramai è quasi obbligatoria), una ventola al centro della finestra laterale del case in estrazione anche questa downvoltata a 7v, una antec smarcool 120x120 in aspirazione dall'esterno, sul tetto ho il radiatore poi ho la ventola che aspira aria dall'esterno e la butta all'interno del case facendola passare per il radiatore (in questo caso il radiatore fa il suo lavoro lo
stesso, poiche la ventola nn butta aria direttamente sul case ma come abbiamo capito dalla guida l'utente l'ha messa al contrario forse per problemi di spazio) e un piccolo convogliatore di 2,5cm di altezza fatto in cartone e rivestito in scotch di tela.

Prestazioni NO-OC:

temperatura ambiente 28 C°
temperatura all'interno del case 33°
temperatura dell'acqua 28 C°
temperatura CPU no overclock idle 35-36C°
temperatura CPU no overclock full 46-47C°

Prestazioni in overclock:

CPU P43.06 @3.3 GHz
temperatura ambiente 28 C°
temperatura all'interno del case 35°
temperatura dell'acqua 30 C°
temperatura CPU overclock idle 40-41C°
temperatura CPU overclock full 51-52C°


KIT LUNASIO BY NAIRNO

Impianto composto da: waterblock Lunasio (vecchia generazione, prima dell'OC3000), Black Ice Pro, pompa New Jet 800l/h.
Assemblato in un case AeroCool, un midtower. Il radiatore è posto dietro la ventola frontale da 120mm, collegato il rientro in una vaschetta costruita ad hoc con una scatola di derivazione gewiss con raccordi da 10mm interni.
Il case ha la ventola frontale in immissione (davanti al rad) un'altra 120mm in estrazione sul posteriore, una in immissione da 80mm e le 2 da 80mm dell'alimentatore (perdoon 500W).
L'hardware è composto da scheda madre Asus A7N8X-X con Athlon xp 2600+@3000+, un banco da 512mb V-Data (pc3200 ddr 400mhz), scheda video ATI9200 128mb, scheda tv e soundblaster live 1024, hd maxtor 120gb.

Temperature con piccolo OC
Idle:
Temperatura ambiente 29.7°
Temperatura cpu 38°
Temperatura mobo 30°

Full load:
Temperatura ambiente 29-7°
Temperatura cpu 41°
Temperatura mobo 30°


KIT OCLABS BY NIGHTSTALKER_86

Sistema composto da kit base Oclabs, Black Ice Extreme 2 , due ventole Enermax P-003F UC-12FAB-B.
La temperatura ambiente è di 28°-29° e da notare che ho una scheda madre della Gigabyte GA-7NNXP (che a Vcore default mi segna 1.725), quindi scalda molto di più (10°) rispetto alla Abit AN7 uguru che possiedo su un'altro pc.
Con il Volcano 11+ non sono riuscito a scendere sotto i 60° con ventola a palla e Vcore default in IDLE.
Il montaggio è stato molto semplice, ho dovuto solo fare qualche lavoro per integrare sul tetto il radiatore che è un pò ingombrante. Tutti i componenti sono ottimi, rifiniti splendidamente: wb cromato, la vaschetta è piccola e di facile montaggio, la pompa non si sente nemmeno, in regalo della pasta siliconica, fascette...
Insomma, tutto pronto per il montaggio!

NO OVERCLOCK!

Teperatura Ambiente: 28°
Idle: 43° Vcore default (1.725V).
Full Load: 50°



ThE EnD


Ringrazio tutto quelli che mi hanno dato una mano e spero che questa guida possa essere utile a molti.
Ho preso spunto da alcuni siti per le migliorie e spero non me ne vogliate (anche se il 90% del lavoro è nostro).
Spero che la guida venga sopratutto integrata successivamente da altri, con altre parti non trattate.
Per questo chiunque se la senta di correggere o buttare giu 4 righe, ne saremmo tutti lieti.



Grazie a tutti e Buona Moddata!!

P.s. (Nè Hwupgrade, nè gli autori, si assumeranno alcuna responsabilità sulle cose scritte in questo topic).

Tutto ciò mi (ci) è costato molta fatica, quindi per rispetto al lavoro, vi pregherei di non pubblicare questa guida su altri siti o forum ma di linkarla o al massimo di chedere il permesso a me, perchè se la sgamo vi accoppo .





FAQ By Aleraimondi

Al fine di rendere più facile il chiarimento dei dubbi nati in coloro che si avvicinano al mondo del Watercooling, e sopperire ad aluni cambiamenti che questo tipo di raffreddamento ha subito, nonchè di non tediare gli utenti più smaliziati con le solite domande, ho deciso di integrare l'ottima guida dell'amico 85Kimeruccio con queste semplici, brevi e spero esaustive FAQ.]Ringrazio inoltre, per aver partecipato con i loro preziosi consigli e la loro enorme conoscenza del campo, gli utenti Gioz e Kamel_71 aka Gennaro.
Desidero anche ringraziare il nostro mod di sezione Stesio54, e non da ultimo l'autore della guida per la disponibilità, il sovracitato 85Kimeruccio.


Pompe e vasche

-Che cos’è la prevalenza di una pompa?

La prevalenza è la capacità di spingere una colonna d’acqua in verticale. Tre metri di prevalenza significa che la pompa è in grado di mantenere in equilibrio una colonna d’acqua del diametro dell'uscita dell’uscita della pompa, in verticale per tre metri. In parole povere più la pompa ha prevalenza meno risente della perdita di carico dovuta al circuito. Ad esempio una pompa con 1000 lt e due metri di prevalenza, farà rilevare, dopo il wb e per mera ipotesi, 350lt/h mentre una pompa con 1000lt/h ma un solo metro di prevalenza ne farà registrare ad esempio 200.

-Come misuro la portata dell’impianto?

hai bisogno di due contenitori, uno con capienza nota (direi almeno 5lt) che chiameremo A e l’altro un po’ più grosso che chiameremo B. Riempi B e immergici la pompa (naturalmente deve essere sommergibile, quindi non una pompa mag drive), attacca tutti i componenti con cui vuoi creare il circuito da misurare e metti il tubo che esce dall’ultimo componente nel contenitore A. accendi la pompa e cronometra quanto tempo ci vuole per riempire A fino alla capienza stabilita. Poi, munisciti di calcolatrice e fai: (secondi impiegati * 3600)/capienza contenitore A. Questa è grossomodo la portata dell’impianto. Con questo metodo potete misurare la portata solo con pompe da acquario, per gestire più rami separati e quindi bilanciarli, ma con le pompe mag drive, quindi non sommergibili, dovete fare in modo di usare una vaschetta in luogo a B a cui attaccherete la pompa.

-Come riempio il circuito con una pompa mag drive?

Basta che al momento dell’accensione della pompa, essa abbia gia al suo intendo dell’acqua. Lavorando a trascinamento magnetico è necessario non farle lavorare a secco. Ti basta inclinare un po’ la vaschetta e fare defluire un pò d’acqua nella pompa, poi puoi accendere.

-Che pompe si usano?

Fino a poco tempo fa si usavano principalmente in Italia pompe derivate dagli acquari. Esse sono pompe a 220v con buone portate e bassa prevalenza. Sono studiate per lavorare senza carichi eccessivi e nei nostri impianti sono sottoposte a sollecitazioni notevoli che possono causare fastidi quali rumore e rottura di alcune parti. Ultimamente in Italia, ma gia da un po’ all’estero,negli impianti di watercooling si usano pompe dette mag drive. Queste pompe lavorano a trascinamento magnetico, sono per uso esclusivamente emerso, funzionano a 12v ma soprattutto hanno caratteristiche diverse dalle pompe d’acquario. In luogo a una portata al più delle volte bassa, sopperiscono con una prevalenza decisamente superiore alle sorelle da acquario, rendendosi particolarmente adatte ad impianti high restriction. Per godere dei benefici dovuti alla elevata prevalenza, è consigliato usare sempre l’impianto configurato in serie, anche con tre o più wb. E’ importante tener presente che le pompe mag drive non vanno fatte funzionare a secco. Inolte hanno stime di vita decisamente più alte, attorno alle 50.000 ore di lavoro. Tali pregi si pagano, con un prezzo almeno doppio rispetto alle pompe da acquario.

-La mia pompa fa rumore, che succede?

Se la pompa fa rumore possono esserci alcune cause:
1-ci sono bolle nell’impianto. Accendi e spegni più volte la pompa e squoti i componenti per facilitare la fuoriuscita delle bolle.
2-c’è qualche oggetto estraneo nella camera della girante, che potrebbe essere derivato da degli scarti di lavorazione. Devi necessariamente smontare e rimuovere il corpo estraneo.
3-l’alberino è ovale, e capita sovente per lo sforzo a cui sono sottoposte le pompe o perchè manca il doppio supporto all’alberino (caso delle SICCE). Puoi provare ad ingrassare l’alberino con del grasso nautico oppure non ti resta che sostituirlo.
4-Una o più pale delle girante si sono rotte, devi necessariamente sostituirla.

-Conta la quantità d’acqua che ho nell’impianto?

Diciamo che la risposta è… NI. Se la quantità è molto limitata (diciamo inferiore diciamo a 30 litri giusto per avere un riferimento), non ci saranno differenze sulle temperature rilevate. Cambierà solo il tempo in cui si raggiunge una situazione statica: con pochi decilitri, pochi minuti, con qualche litro qualche minuto in più. Ma alla fine avrete la stessa temperatura.

-La vasca va riempita tutta?

No, devi lasciare almeno 2 cm dal tappo.

-Cosa sono le T line o T rovesciate?

Le T line sono un modo economico e per certi versi redditizio di riempire l’impianto. Si inserisce un raccordo a T appena prima del raccordo di ingresso della pompa con il braccio perpendicolare verso l’alto. A questo braccio viene attaccato un tubo di lunghezza variabile, che servirà per riempire l’impianto e spurgare dalle bolle, e una volta finite queste operazioni viene tappato.
I vantaggi dell’ingombro e del costo ridotto sono accomunati a degli svantaggi per quanto riguarda le fasi di riempimento e spurgo dell’impianto. Difatti, per togliere tutte le bolle dall’impianto possono servire anche alcuni giorni.

-Ho una pompa a 220v, come posso fare per
accenderla col pc?


La soluzione più semplice e veloce è attaccare la pompa e l’alimentazione del pc alla stessa presa multipla o ciabatta, di modo da non poter accendere il pc senza accendere anche la pompa. Di contro, seppur sia buona norma spegnere sempre e comunque la ciabatta, è possibile dimenticarsi la pompa accesa.
La soluzione più elegante è usare un piccolo relè che collega la 220v e la 12v in modo da creare l’accensione simultanea.



Additivi

-Che ci metto nell’impianto?

Se non hai necessità di avere liquidi colorati, al migliore soluzione è la pura acqua distillata o demineralizzata. Difatti, in presenza di impianti a tenuta stagna, e che ricevono poca luce solare, tipico degli impianti integrati, non avrai formazioni di alghe.
E’ sconsigliato l’uso di acqua del rubinetto per la formazione di calcare. La distillata e la demineralizzata che si trovano comunemente non sono mai comunque pure al 100%.
Per avere colorazioni uv-reactive puoi usare degli additivi specifici, ma sappi che molti sporcano alla lunga tubi e vaschette.

-Il liquido per radiatori va bene?

Ogni liquido che vuoi inserire nell’impianto è bene che lo testi in un bicchiere per qualche tempo, per vedere i possibili depositi/reazioni.
E’ noto che nella gran parte dei liquidi per auto sia contenuto il glicole monoetilenico, e da prove fatte da numerosi utenti, pare non dia problemi. Lo stesso componente di base di molti liquidi o additivi venduti come specifici per watercooling

-E le alghe?

Se usi una vasca aperta e con molti litri d’acqua è necessario che tu usi un antialghe specifico. Se hai un impianto chiuso, con poca acqua e che prende poca luce solare, puoi usare anche la sola acqua distillata.



Primo riempimento e manutenzione

-Ogni quanto devo fare manutenzione? Cosa prevede?

Direi che ogni sei mesi è buona norma cambiare l’acqua e pulire il radiatore dalla polvere, usando un compressore o una bombola di aria compressa.
Ogni anno sarebbe opportuno smontare tutto, pulire i componenti, cambiare i tubi e mettere della nuova pasta termoconduttiva.

-Come pulisco i componenti?

Per le parti in rame puoi usare detergenti e prodotti per metalli,mentre se è presente del calcare o tracce di residui può essere utile del viakal puro lasciato agire per 5 minuti. Dopo la pulizia è buona norma risciacquare abbondantemente con acqua. Per le parti in plexyglass evita di usare agenti chimici pericolosi o solventi. Se sono MOLTO sporchi, puoi usare il viakal diluito con acqua.
Per il radiatore la cosa migliore è riempirlo di aceto e lasciarlo agire per una notte, altrimenti il solito viakal diluito va bene.
Ricordati di sciacquare tutto abbondantemente.

-Come levo le bolle dall’impianto?

Una volta effettuato il primo riempimento, è necessario togliere tutte le bolle dall’impianto. Per fare ciò, con la vaschetta aperta, accendi e spegni più volte la pompa, scuoti il radiatore e inclina il case per facilitare l’uscita delle bolle dai componenti (le bolle vanno in alto). Questo operazione nel caso usassi una T line o T rovesciata potrebbe richiedere un pò di tempo, sarebbe meglio lasciare il tubo di caricamento aperto per una notte.
Una volta spurgato l’impianto dalle bolle ricorda che la vasca non deve essere riempita fino all’orlo, ma almeno 2 cm sotto il tappo. Ricorda inoltre che tutti i raccordi devono stare sotto al pelo dell’acqua.

-Che precauzioni di montaggio devo tenere presente?

Ricorda, soprattutto se sei alle prime armi, di testare tutti i componenti fuori dal case per qualche ora. Una volta verificata l’integrità dei componenti, puoi dopo aver smontato tutto, prepararti alla sistemazione vera e propria. Ricorda di montare nel case solo i componenti strettamente necessari, ovvero motherboard, cpu e nel caso usassi anche un wb gpu, anche la scheda video. Fascetta sempre i tubi, non fidarti della sensazione di sicurezza che danno i tubi una volta calzati sui raccordi. E’una buona idea, avvolgere attorno ai punti critici (raccordi e giunzioni) della carta di giornale, in modo da rilevare univocamente le eventuali perdite semplicemente scrutando il pezzo di carta.
Se dopo qualche ora non ci sono perdite, puoi finire di montare il pc e goderti lo spettacolo.

-Quale pasta termoconduttiva?

In molti considerano l’ARCTIC Silver 5 la migliore. In
pratica, le differenze sono quasi sempre appianate dalla precisione dell’impronta del core sul wb.

-Come sono sicuro dell’impronta del processore sotto al wb sia corretta?

E’bene, soprattutto se sei alle prime armi, fare un montaggio di prova, smontare, controllare l’impronta lasciata, pulire wb e processore per bene e rimettere la pasta nuova.
Ricordo che la pasta serve solo a riempire le lievissime imperfezioni dovute alla lavorazione meccanica dei componenti, non a creare uno strato tra cpu e waterblock. Quindi, ne va giusto un velo.
Se l’impronta risulta irregolare anche dopo diversi montaggi, purtroppo uno dei due componenti a contatto è irregolare. Nelle cpu amd dotate di heatspreader questa eventualità non è rara.

-Che vuol dire lappare? Come si fa?

Lappare una superficie significa renderla completamente planare. I wb escono dalla fabbrica senza che abbiano bisogno di essere lappati.
Per lappare un wb bisogna dotarsi di più grane di carta abrasiva, pasta abrasiva e sidol…. E poi olio di gomito!
Appoggiando il wb su una superficie perfettamente piana (uno specchio, o del marmo) su cui è stata fissato un foglio di carta vetrata si procede, senza esercitare pressioni, a fare degli 8 con il wb. Prima con fogli a grana grossa e poi
Via via sempre più fine, per poi rifinire con la pasta abrasiva e il sidol.


Waterblock e staffe

-Come uso le staffe?

Le staffe per i wb cpu sono principalmente di due tipi. Quelle che sfruttano i dentini del socket e quelle che sfruttano i fori delle mobo. Per i primi non serve smontare la mobo, per gli altri si.

-Se cambio cpu devo cambiare il wb?

No, a meno di stravolgimenti nelle dimensioni delle cpu, basta prendere una nuova staffa adatta al nuovo socket

-Che cos’è un diffusore?

Il diffusore non è nient’altro che un implementazione per distribuire ed accelerare il flusso. Il diffusore, sia esso inserito nel coperchio del wb o una parte a se stante, è alla base dei wb che sfruttano le alette come tecnologia costruttiva. Aumentando velocità dell’acqua si riduce il tempo necessario alle alette poste sulla base per trasportare velocemente il calore dalla cpu all’acqua, rendendo più efficiente il wb.
Tipicamente a questi wb si deve una grande perdita di carico e nella stragrande maggioranza dei casi necessitano di pompe con una buona prevalenza per funzionare al meglio.

-Che cos’è un wb a canalina?

E' uno scambiatore la cui base è fresata ricavando uno o più condotti. In questi condotti, scorre l’acqua e le pareti delle canaline cedono il calore all’acqua stessa. La canalina può avere diverse forme, M, U etc… e in molti casi wb costruiti con questa concezione non limitano molto il flusso, cosi da poter lavorare egregiamente anche con pompe non troppo potenti.

-Per attaccare il wb alla cpu devo smontare la mobo?

Dipende dalla staffa del tuo wb. Alcune sfruttano i dentini dei socket, altri i fori della motherboard.

-Il coperchio del wb influisce sulle prestazioni?

La risposta è: dipende dalla struttura del wb. Solitamente nei wb a diffusore, il coperchio non entra a far parte dello scambio termico e difatti molti di questi wb hanno il top in plexyglass, derlin etc.
Nei wb a canalina o nei monoblocchi il coperchio può aumentare la superficie di scambio.



Radiatori e ventole

-Come vanno posizionate le ventole sul radiatore?

Le ventole devono sempre essere posizionate in modo che aspirino aria attraverso il radiatore. Ovvero, una volta montate dovete avere a vista la parte della ventola in cui potete leggere le specifiche. Cosa molto importatane è lasciare almeno 4/5 cm libero sotto al rad per permettere all’aria di passare..

-Che cos’è un convogliatore?

Non è nient’altro che un elemento che si installa tra le ventole e il radiatore, in modo da disaccoppiarli. Permette di coprire le “zone d’ombra” non investite dal flusso d’aria, come ad esempio la parte di alette sotto il motore della ventola. Il convogliatore, realizzabile comodamente anche con del cartoncino, aumenta l’efficienza del radiatore. Una misura adeguata va dai 3 ai 5 cm di spessore, anche considerando l’ingombo.E' un sistema che obbliga il percorso dell'aria forzandolo attraverso il radiatore per aumentarne l'efficienza.

-Devo usare per forza un radiatore?

Se non usi una grande quantità d’acqua che permette lo scambio termico, si, lo devi usare. Altrimenti la temperatura salirà inesorabilmente. Se stai sotto i 50 litri il radiatore è d’obbligo.

-Basterà per il radiatore per i miei componenti?

In linea di massima un radiatore biventola a doppia fila di celle piatte riesce a gestire ogni tipo di impianto normale.
Per la sola cpu (ed in molti casi anche per cpu e gpu) è sufficiente un monoventola. I triventola e superiori sono consigliati nel caso di impianti a celle di peltier o in caso di esigenze particolari in termini di silenziosità. Difatti una maggior superficie dissipante permette di abbassare il numero dei giri delle ventole o il numero delle ventole stesse con opportuni convogliatori.
Se avete un super sistema multi wb, in forte overclock, e con un alto numero di watt da dissipare, un buon radiatore può contare di più di un buon wb.

-Meglio un radiatore grosso o più rad piccoli?

In linea di massima, meglio un rad grosso, più efficiente e facilmente gestibile. Per esigenze particolari di spazio però, usare più radiatori piccoli è la soluzione obbligata.

-Qual è la posizione ideale del radiatore?

Per quanto riguarda lo spurgo delle bolle la posizione ideale di un radiatore è con i raccordi laterali, il raccordi in basso come entrata e quello in alto come uscita, per facilitare il naturale movimento delle bolle verso l’alto. Questa posizione in pratica, a causa dell’utilizzo di radiatori molto lunghi, è spesso improponibile. Difatti, con i radiatori biventola, triventola o superiori, la posizione più naturale è quella orizzontale. E possibile infine anche metter il radiatore in verticale, preferibilmente con i raccordi verso l’alto.

-Più le ventole sono potenti più prestazioni ho?

In linea di massima, e fino ad un limite ragionevole di portata delle ventole, si. C’è da dire che radiatori poco spessi lavorano bene con ventole a basse portate, mentre per i radiatori a doppia fila di celle piatte sono consigliate ventole con qualche cfm in più.
Da tenere presente che i dati di targa dei radiatori sono spesso misurati con ventola a 100cfm.



Tubi e raccordi


-Come uso curve, gomiti e spirali avvolgitubo?

Tieni presente che qualunque cosa aggiungi all’impianto contribuisce a limitare il flusso. Meglio evitare troppi gomiti. Usarne qualcuno non fa male, soprattutto nel caso di pompe ad alta prevalenza, e spesso può facilitare la disposizione dell’impianto. Tieni presente che il diametro dei gomiti deve esser quanto più rapportato possibile a quello del tubo, ma usare ad esempio raccordi da 10 interni su tubi da 12 non è un problema.
Le spirali avvolgitubo permettono curve strette senza che si strozzino i tubi. Sono molle o spiraline di plastica e si mettono all’esterno del tubo. Esistono tubi con maglia in metallo interna, ma risultano molto rigidi.

-Raccordi pneumatici o tradizionali?

I raccordi tradizionali sono i tipici portagomma su cui si va a calzare il tubo. I raccordi pneumatici, consistono in un sistema dotato di una ghigliottina che blocca il tubo una volta inserito. Per usarli con i nostri normali tubi di gomma è necessario usare dei particolari portatubo oppure spezzoni di tubo RISLAN, ovvero un tubicino di plastica su cui viene fatto calzare il tubo per una parte, mentre l’altra parte viene inserita nel raccordo pneumatico. Il vantaggio dei raccordi pneumatici è che la fase di smontaggio del tubo è pressoché immediata: basta premere il pulsante di cui sono dotati i raccordi e il tubo si stacca.

-Che differenza c’è tra tubi in silicone e i tubi crystal?

Ecco le caratteristiche di uno e dell’altro:
CRYSTAL: pregi:trasparenti, resistenti, basso costo, alta reperibilità.Difetti: sono porosi e tendono a diventare opachi con il tempo, soffrono le temperature e soprattutto di inverno tendono ad irrigidirsi, danno una maggior tensione meccanica ai componenti
SILICONE: pregi: molto morbidi, praticamente eterni, non necessitano di essere scaldati per salire su raccordi di grosse dimensioni, resistenti agli agenti chimici, minor tensione meccanica sui componenti.
Difetti: opachi di natura, per fare curve strette è necessario usare spiraline o molle che non permettano le strozzature, costo elevato, sono soggetti a rotture più facilmente derivanti da parti acuminate del case.
TYGON: hanno i pregi di entrambe i tubi e quindi risultano la soluzione migliore, ma non sono facilmente reperibili in Italia

-Che diametro hanno i tubi?

I tubi, ormai quasi universalmente utilizzati sono da 12mm interni (o ½ nelle misure in pollici).
Questo non significa che tutti i raccordi dell’impianto debbano avere diametro interno 12mm, e difatti quasi sempre non è cosi. Si usano tubi di grosse dimensioni solo per avere la minima perdita di carico dovuta ai tubi (cosa per altro trascurabile in molti casi).

-Posso usare tubi di diametro diverso?

Si, certo, ma è meglio non scendere sotto i 10 o al massimo 8 mm interni, per evitare di sforzare pompe e creare ulteriori restrizioni all’impianto, soprattutto in caso si usino pompe da acquario.

-Che cos’è il passo di un raccordo?che passo hanno i raccordi che usiamo?

Il passo di un raccordo è la misura della filettatura del raccordo stesso. In idraulica si usano le misure dei filetti in pollici. Le misure adottate nei nostri impianto sono spesso ¼, 3/8,1/2,3/4.
Nei wb italiani e non,per la gran parte, i raccordi sono a passo ¼.

-Meglio le fascette in metallo o quelle in plastica?

Fanno entrambe la loro funzione ma bisogna avere l’accortezza, qualora si usino quelle in metallo di non stringerle troppo in presenza di raccordi in plastica, pena la rottura dei raccordi stessi. Non serve stringere eccessivamente, le pompe che usiamo non producono una pressione elevatissima.

-Che cos’è uno sdoppiatore? E un flauto?

Uno sdoppiatore, come dice la parola stessa è un raccordo che divide il flusso di un ramo in 2 rami distinti. Esistono sdoppaitori a T, a Y etc, e si usano per creare sistemi in parallelo.
I flauti sono degli sdoppiatori compositi che permettono di dividere m rami in n rami dove n diverso da m. Spesso per creare dei flauti si usano accoppiate di più sdoppiatori semplici.
E’buona norma quando si usa un sdoppiatore, che l’entrata dello stesso sia maggiorata rispetto alle uscite.


Domande generali

-Che vuol dire serie e parallelo?

Sono le due grandi distinzioni nella disposizione dell’impianto. Un impianto in serie è un loop in cui ogni componente viene dopo l’altra, come in una catena. In un impianto in parallelo invece dopo la pompa il flusso viene diviso in più rami distinti. E’ necessario che una volta divisi i flussi, si abbiano anche rientri divisi nella vaschetta.
La scelta di uno o dell’altro è data soprattutto dalle caratteristiche dell’impianto. In linea di massima, le pompe da acquario con alte portate possono dare migliori prestazioni con il parallelo, le pompe mag drive ad alta prevalenza ottengono il massimo con impianti in serie.

-La successione dei componenti influenza le prestazioni?

In un impianto in serie decisamente NO. Mettere il rad prima del wb o dopo non cambia nulla a livello di temperature finali. Semplicemente collega i componenti come più ti è comodo per la sistemazione di tubi. Preoccupati di altre cose, come l’adeguata ventilazione del radiatore.

-Che cosa posso raffreddare a liquido? È veramente tutto necessario?

Solitamente i componenti che si raffreddano a liquido sono cpu, scheda video e chipset. Si va da impianti semplici ad un wb fino ad impianti con multiwb anche per configurazioni sli.
Esistono però soluzioni per il raffreddamento a liquido di hard disk, alimentatori, mosfet, ram, southbridge etc, ma non è necessario utilizzare questo tipo di wb, è una aggiunta più utile al modding che al sistema.

-Ma un impianto a liquido è silenzioso?

Diciamo che un impianto a liquido completo è un ottimo compromesso tra silenziosità e prestazioni. Vi sono però anche in esso elementi che fanno rumore ovvero la pompa e le ventole sul radiatore. Se il silenzio è l’unica prerogativa, esistono decine di soluzioni ad aria molto silenziose, non soggette a manutenzione e più pratiche di un impianto a liquido.
E’ però possibile con degli accorgimenti e delle scelte oculate, rendere molto silenzioso (dove molto silenzioso è diverso da muto per qualche epsilon >0) il proprio impianto: ventole silenziose sul radiatore o ventole a 5v o 7v, pompe silenziose e soprattutto ammortizzate da uno strato di spugna, neoprene, millebolle etc…

-Ma alla fin fine, qual è il wb migliore?

dipende tutto dalle esigenze che si hanno e da come si configura l'impianto.
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di stesio54 : 29-09-2006 alle 16:02.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:34   #6
zerotre
Senior Member
 
L'Avatar di zerotre
 
Iscritto dal: Jun 2001
Città: Firenze (Calabria nel cuore)
Messaggi: 6561


Complimenti!

a parte qualche refuso di stampa penso sia ok!

Adesso ogni newbie avra' da dove cominciare.

Ciao.
Zerotre.
__________________
http://eu.battle.net/d3/it/profile/S...6/hero/5117949 - steam Origin: Scappotto
zerotre è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:36   #7
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
se mi mandi in pvt gli errori correggo..

sono umano e da scrivere e copiare sul foro c'era molto
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:47   #8
Bad_Viper
Senior Member
 
L'Avatar di Bad_Viper
 
Iscritto dal: Nov 2002
Città: Modena
Messaggi: 420
Ottima guida complimenti

Secondo me potresti inserire anche i kit della Cooltech, che sono anche loro italiani, che sono validi e belli secondo me.
__________________
PC1: E6700 (2660@3400) - Asus Commando - Zalman 9700 - 2Gb Corsair - 8800Gts 640Mb - Adaptec 19160 + Seagate 36Gb.
Pc2:Dual Xeon 2400@3200 - Asus Pc-dl - 9600pro
Bad_Viper è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:52   #9
bioseum
Member
 
L'Avatar di bioseum
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 185
Ottimo lavoro!

Complimenti davvero.
bioseum è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 17:54   #10
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
Quote:
Originariamente inviato da Bad_Viper
Ottima guida complimenti

Secondo me potresti inserire anche i kit della Cooltech, che sono anche loro italiani, che sono validi e belli secondo me.

ho correto e aggiunto qlc (thnx zerotre) e aggiunto il tuo link

nn sapevo dove postare oramai il watercooling tutti lo postano sia in overclock sia in modding..

nn so..

in attesa della sezione dedicata... vedranno i moderatori cosa fare
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it

Ultima modifica di 85kimeruccio : 08-08-2004 alle 18:00.
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 18:04   #11
Bad_Viper
Senior Member
 
L'Avatar di Bad_Viper
 
Iscritto dal: Nov 2002
Città: Modena
Messaggi: 420
il link alla Colltech che hai meso è sbagliato , quello giusto è questo http://www.cooltech.it
__________________
PC1: E6700 (2660@3400) - Asus Commando - Zalman 9700 - 2Gb Corsair - 8800Gts 640Mb - Adaptec 19160 + Seagate 36Gb.
Pc2:Dual Xeon 2400@3200 - Asus Pc-dl - 9600pro
Bad_Viper è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 18:06   #12
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
ops

ora ho corretto..

ora la guida mi sembra tutta apposto..
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 18:22   #13
nairno
Senior Member
 
L'Avatar di nairno
 
Iscritto dal: Apr 2004
Città: Roma
Messaggi: 2779
ghghgh ottimo lavoro kimeruccio, nulla da dire
__________________
Asus H87i PLUS - Intel i5 4570 - 2x4Gb Corsair Vengeance LP - Sapphire Radeon R9 270X - Samsung SSD 840 PRO 128gb - Maxtor 1Tb (+ WD 2Tb ext.) - Nox Pulsar Series red 750W - BitFenix Prodigy - BenQ GW2765HT - Razer Naga left hand ed. - CM STORM Quick Fire Pro
nairno è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:07   #14
olegunnar
Senior Member
 
L'Avatar di olegunnar
 
Iscritto dal: Jul 2004
Città: Verona
Messaggi: 462
Qui devo intervenire per forz...

Ottima guida TNX

Secondo me manca anche la Nextcool

Ps: proprio nessuno ha mai provato il GT3?
olegunnar è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:08   #15
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
aggiornato e scusatemi se nn li conosco tutti..
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:12   #16
airon
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Città: milano
Messaggi: 2141
Ottima guida, letta tutta d'un fiato Siete stati davvero bravi
airon è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:14   #17
LordHam
Senior Member
 
L'Avatar di LordHam
 
Iscritto dal: Sep 2003
Città: Napoli
Messaggi: 1412
Cazzarola! Ottimo lavoro! Complimenti!
LordHam è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:14   #18
olegunnar
Senior Member
 
L'Avatar di olegunnar
 
Iscritto dal: Jul 2004
Città: Verona
Messaggi: 462
Quote:
Originariamente inviato da 85kimeruccio
aggiornato e scusatemi se nn li conosco tutti..

Ok, che velocità


Per il GT3?? Nessuno??
olegunnar è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:27   #19
Praetorian
Senior Member
 
L'Avatar di Praetorian
 
Iscritto dal: Apr 2004
Città: Catania
Messaggi: 3080
davvero una gran guida...la trovo utilissima!

mettiamola in rilievo
__________________
Corsair Carbide Air 540 / Corsair TX650 v2 / ASRock Z68 Extreme4 Gen3 / i7 3770k @ 4.5Ghz + Corsair Hydro H100i
Corsair Vengeance 4x4GB / Gigabyte GV-N78TOC-3GD GTX 780 Ti @ 1.1Ghz / Samsung 850 Pro 1TB / 1TB + 3TB WD RED
Asus VS278Q 27" 1ms + AOC 22" FHD / SoundBlaster Zx + Logitech Z550 / Razer Lancehead TE + Blackwidow Ultimate Stealth
Praetorian è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-08-2004, 19:36   #20
85kimeruccio
Senior Member
 
L'Avatar di 85kimeruccio
 
Iscritto dal: Aug 2003
Città: Milano - Amsterdam - Los Angeles
Messaggi: 14452
grazie a tutti...

meno male ke è uscito un bel lavoretto e vi è piaciuto
__________________
Canon 5dmk2 and some stuff | www.IsmaeleBulla.com | www.TheArea.it
85kimeruccio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una ...
Qonto, il conto business a misura di professionisti e PMI Qonto, il conto business a misura di professioni...
Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello spazio di una MQT. La recensione Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello ...
Watch Dogs Legion: Ray Tracing e prestazioni con 15 schede video Watch Dogs Legion: Ray Tracing e prestazioni con...
Tophost, la soluzione ideale (e conveniente) per Wordpress Tophost, la soluzione ideale (e conveniente) per...
Display AMOLED e 7,9 mm di spessore. Ecc...
Vodafone supera il 90% di copertura 5G a...
iPhone verso il periscopio: zoom fino a ...
TEAMGROUP: 16 GB di memoria DDR5 a 4800 ...
Windows on ARM più veloce sui Mac...
Microsoft Ambizione Italia: il digitale ...
Seat Tarraco: ci sarà anche una versione...
Qualcomm annuncia Snapdragon 888 al prop...
La missione cinese Chang'e-5 ha toccato ...
Throne Core, Chakram Core e ROG Strix Co...
Rocket Lab, dopo Return to Sender, pensa...
Le soluzioni di MobileIron per la sicure...
Collassato il radiotelescopio di Arecibo...
Microsoft Flight Simulator: ecco quando ...
Linux su Mac con processori M1: il Patre...
Thunderbird Portable
PassMark BurnInTest Standard
Radeon Software Adrenalin 2020 20.11.3
IObit Uninstaller
SmartFTP
Chromium
Internet Download Manager
GPU-Z
Opera Portable
Opera 72
FurMark
3DMark
GPU Caps Viewer
Zoom Player Free
CrystalDiskMark
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 04:28.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v