Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Componenti Hardware > Periferiche di memorizzazione e controller > FAQ, Info e Guide

Qualcomm Snapdragon 888: tanta potenza unita ad altrettanta efficienza
Qualcomm Snapdragon 888: tanta potenza unita ad altrettanta efficienza
Il SoC Qualcomm di nuova generazione verrà adottato dai principali smartphone top di gamma con sistema operativo Android attesi al debutto sul mercato nel corso del 2021. Balzo in avanti in termini di potenza di elaborazione in tutti gli ambiti, con però molta attenzione rivolta al risparmio energetico e all'efficienza nel funzionamento. I top di gamma 2021 avranno quindi autonomia superiore?
ASUS VivoBook S15 S533: CPU Intel Tiger Lake spinta al massimo
ASUS VivoBook S15 S533: CPU Intel Tiger Lake spinta al massimo
Adotta la tecnologia ASUS Intelligent Performance Technology il nuvo VivoBook S15 S533, grazie alla quale le potenzialità del processore Intel Core i7 basato su architettura Tiger Lake vengono sfruttate al massimo. Buona costruzione e dotazione hardware bilanciata, ma lo schermo non è all'altezza del resto
Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super
Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super
Vediamo come si comporta la nuova GeForce RTX 3060 Ti di Nvidia, nella versione Founders Edition. Molto simile alla RTX 3070, si presenta come un'ottima scheda per giocare con un frame rate elevato e dettagli alti a 1440p. La nuova scheda offre prestazioni simili alla RTX 2080 Super di precedente generazione, spesso è leggermente più veloce e ha un prezzo di listino quasi dimezzato.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Discussione Chiusa
 
Strumenti
Old 04-12-2004, 18:18   #2
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Quali sono le differenze tra i dischi P-ATA e S-ATA

Ai dischi classici ATA sono stati, tempo fa, affiancati i dischi SATA, acronimo che significa semplicemente Serial ATA
La differenza fondamentale tra le due serie di dischi è l'interfaccia di collegamento alla scheda madre:

- i dischi ATA classici (detti anche P-ATA o Parallel ATA) si collegano alla scheda madre tramite connettori a 40 pin e relativi cavi (piatti o tondi) a 40 o 80 fili.
Ogni canale supporta due indirizzi (Master/Slave) e quindi due periferiche, il cui indirizzo dovrà essere impostato tramite i ponticelli (jumper) presenti nella parte posteriore (generalmente tra il connettore a 40 pin e quello di alimentazione)
L'alimentazione viene fornita tramite un connettore a 4 pin (molex)

- i dischi Serial ATA si collegano alla scheda madre tramite appositi connettori SATA i cui contatti sono disposti su lamelle di plastica della dimensione di poco più di 1/2 centimetro, a forma di "L"
La stessa connessione è presente sul lato posteriore dei dischi; i cavi di collegamento, in questo caso sono più piccoli, delle dimensioni di 8 mm
I canali SATA gestiscono un unico indirizzo e quindi è possibile collegare un solo disco ad ogni connettore SATA; nel caso in cui il disco abbia comunque i jumper per l’impostazione dell’indirizzo, è consigliato impostarlo in Master
L’alimentazione viene fornita tramite apposito cavetto, con innesto diverso dai normali connettori molex; qualora l’alimentatore non sia provvisto di connettori di questo tipo si possono acquistare cavetti adattatori per l’alimentazione (qualche volta vengono anche forniti insieme alle schede madri)
Nota: alcuni dischi SATA sono provvisti di entrambi i connettori di alimentazione, in questo caso non bisogna collegarli entrambi, ma uno solamente a vostra scelta

Spesso i dischi SATA sono i gemelli dei corrispondenti modelli PATA, con la sola variante dell’interfaccia fisica
Resta comunque il fatto che il protocollo software di interfacciamento è sempre lo stesso, il protocollo ATA, e, anche se l’interfaccia SATA promette migliori prestazioni, al momento le differenze, ammesso che ci siano, sono praticamente irrilevanti
Infatti il protocollo ATA150 dei dischi SATA, rispetto a quello ATA100/133 dei dischi PATA, non apporta, di fatto, migliorie significative al transfer rate dei dischi, complice anche il fatto che spesso la piattaforma di utilizzo sulle schede madri (chipset) è la stessa

Il progetto SATA prevede per il futuro interfacce da 300 MB/s e successivamente da 600 MB/s, ma detto progetto pare soffra di ritardi notevoli ed allo stato attuale non esistono dispositivi con questa interfaccia, anche se annunciati recentemente

Ultima modifica di MM : 24-12-2004 alle 18:37.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:20   #3
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come aggiungo un nuovo disco al PC?

La procedura di installazione fisica del nuovo disco non comporta grossi problemi, purché si abbia un connettore libero ed i cavi necessari al collegamento

Occorre distinguere ovviamente tra il collegamento di dischi PATA e SATA

Per il collegamento di un nuovo disco PATA, la prima cosa da verificare è di avere spazio disponibile, non tanto lo spazio fisico, quanto lo spazio logico
Per capirsi meglio: il controller EIDE/ATA di ogni scheda madre supporta due canali, ognuno dei quali gestisce due indirizzi (Master/Slave) per un totale di 4 dispositivi collegabili (dischi e/o unità ottiche)
Ogni cavo EIDE ha 3 connettori: uno di questi viene collegato alla scheda madre, agli altri due si possono collegare le periferiche, quindi la prima cosa da fare è verificare che nei cavi EIDE vi siano connettori liberi
Se esiste un solo cavo EIDE, allora sicuramente si può procedere con l’installazione poiché ci sarà ancora un canale disponibile, basta procurarsi il cavo e collegarlo alla scheda madre
Una cosa importante è quella di verificare l'indirizzo del disco ed impostarlo (Master/Slave) in modo che non vada in conflitto con la periferica che eventualmente condividerà lo stesso canale (cavo); in caso di conflitto una delle due periferiche non verrà individuata o, qualche volta, è possibile che il sistema addirittura non si avvii
Una volta collegato il disco quindi, all'avvio del sistema, verificare che questo venga correttamente individuato dal bios, in caso contrario verificare di nuovo i collegamenti e gli indirizzi

Per il collegamento di un nuovo disco SATA, la verifica si limita a controllare di avere un canale SATA disponibile sulla scheda madre, poiché il collegamento di un disco ad un canale è univoco ed ogni canale supporta un solo disco
Il riconoscimento di questi dischi da parte del bios generalmente avviene successivamente alla scansione delle periferiche sui canali EIDE classici, quindi potrebbe anche essere evidenziato nella schermata successiva a quella classica di avvio

Una volta che il disco viene correttamente riconosciuto dal bios, non spaventatevi se non compare nelle risorse del sistema: è normale, finché il disco non viene partizionato
Per informazioni su come partizionare il nuovo disco, vedere QUI.

Ultima modifica di MM : 04-12-2004 alle 18:22.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:25   #4
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Nonostante tutto il disco non viene rilevato in avvio. Cosa fare?

Quando comunque il disco nuovo non viene rilevato occorre controllare di nuovo l’impostazione generale ed il collegamento dei cavi

Procedere, mentalmente ed operativamente come descritto di seguito:
- se la scheda madre è vecchia potrebbe non riconoscere il disco che è stato collegato e quindi l’unica cosa possibile è sperare che esistano aggiornamenti del bios che consentano detto riconoscimento
- se non ci sono aggiornamenti o comunque il disco non viene riconosciuto provare ad impostare il disco limitandone le capacità: riferirsi ai manuali del costruttore per impostare la limitazione del disco a 32 GB (di solito si tratta di inserire un jumper nell’ultima coppia di pin). Se il disco viene visto adesso significa che la scheda madre non può riconoscere dischi superiori a 32 GB
- se nonostante tutto non viene riconosciuto, l'unica possibilità è acquistare un controller aggiuntivo su scheda PCI per fare in modo che il disco venga riconosciuto

Escludendo a priori i problemi precedenti:
- controllare che tutti i cavi e connettori siano collegati correttamente e ben serrati senza alcun “gioco”
- all’avvio controllare, ponendo una mano sopra, che il disco si avvii regolarmente: si deve avvertire una leggera vibrazione dovuta al motore che mette in rotazione il disco
- per i dischi PATA, controllare che l’indirizzo impostato tramite jumper sia corretto e non vada in conflitto con l’eventuale altra periferica collegata allo stesso cavo
- per dischi PATA, controllare che sul bios il canale EIDE sia abilitato ed eventualmente impostato su “auto” per il riconoscimento automatico delle periferiche
- per i dischi PATA collegati tramite adattatore a canali SATA, controllare che l’indirizzo del disco sia impostato su Master
- per i dischi SATA controllare sul bios che il controller SATA sia attivato
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:26   #5
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Il mio disco nuovo viene riconosciuto, ma più piccolo. Come mai?

In questo caso ci sono da distinguere due situazioni:
- il disco viene riconosciuto con una capacità leggermente inferiore (ad esempio, un disco da 80 GB riconosciuto come 74,5 o disco da 160 GB riconosciuto come 150 GB circa)
- un disco da 160 GB o maggiore, viene riconosciuto come 130 GB circa

Nel primo caso non c’è alcun problema: si tratta infatti di unità di misura diversa usata per identificare lo spazio disponibile. Si consiglia di leggere QUI

Nel secondo caso il problema risiede nell'incapacità, da parte del bios della scheda madre e/o del sistema operativo, di riconoscere dischi di determinate dimensioni.
Il problema, fermo restando il consiglio di aggiornare il bios della scheda madre, qualora ci siano aggiornamenti disponibili, viene risolto installando un sistema operativo in grado di supportare dischi di quelle dimensioni, in particolare: Windows 2000 con SP4, oppure Windows XP con SP1 o superiore
Per ulteriori informazioni si rimanda all’articolo sul partizionamento, in particolare alle note finali, che potete leggere QUI.

Ultima modifica di MM : 01-05-2005 alle 12:26.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:29   #6
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Il disco nuovo viene riconosciuto, ma non compare nella gestione risorse del Sistema Operativo

Un disco nuovo o anche un disco in cui sia stata eseguita una formattazione a basso livello, non è gestibile dal Sistema Operativo in quanto lo spazio utilizzabile non è stato tracciato con l'operazione di partizionamento
Per informazioni sul partizionamento leggere QUI.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:32   #7
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come faccio a partizionare il disco?

Se si tratta di partizionamento di disco nuovo o disco aggiuntivo al sistema, leggere QUI

In caso di modifica delle partizioni esistenti, esistono software commerciali che consentono di modificare le dimensioni delle partizioni esistenti
Personalmente mi sento però di avvertire coloro che abbiano intenzione di usare detti software, che l’operazione è delicata e non priva di rischi
Se proprio volete provare, fatevi un salvataggio dei dati importanti, perché il rischio di perdere i propri dati per il mancato completamento dell’operazione o interruzione accidentale dell’operazione stessa, anche se remoto, esiste
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:34   #8
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Cos’è e a cosa serve la formattazione a basso livello?

La formattazione a basso livello è quell’operazione che definisce, sul supporto vergine di un disco, le fondamenta ed i limiti fisici del disco stesso, impostando contemporaneamente il totale dello spazio utilizzabile.
Sui dischi odierni è un’operazione riservata ai costruttori dei dischi; la formattazione a basso livello eseguibile con gli appositi software, da parte di qualsiasi utente, pur conservando tale nome, è in realtà un’operazione completamente diversa da quella originaria
Da non confondere con la formattazione ad alto livello (normalmente detta semplicemente formattazione) la quale imposta la FAT del disco e ne definisce il file system
Per maggiori dettagli, leggere QUI
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:36   #9
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come faccio a formattare il disco? (formattazione ad alto livello)

Per la formattazione (ad alto livello) di un disco, leggere QUI
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:38   #10
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Che differenze ci sono tra i dischi con 2 MB di cache e quelli con 8 MB?

Sinceramente sono sempre stato perplesso sull'effettivo incremento di prestazioni dei dischi con cache di 8MB, rispetto a quelli con una cache, ormai standard, di 2MB (dopo i precedenti di 512KB e 1MB)
E' vero che l'introduzione della cache sui dischi ha migliorato le prestazioni degli stessi, ma non è detto che l'aumento della cache porti ad un corrispondente aumento delle prestazioni
Il ragionamento (teorico) è questo:
- se ci fosse un effettivo aumento di prestazioni, tutti i produttori farebbero le corse per aumentare la cache, magari anche oltre gli 8MB
- l'aumento delle prestazioni deriva da fattori puramente statistici e probabilistici: la probabilità che il dato successivo a quello letto venga richiesto dal sistema subito dopo quello attuale o dopo pochissimo tempo (per esempio)
- la probabilità che questo avvenga è in termini percentuali e quindi rimane costante
- detto questo, l'aumentare della cache non porta vantaggi o almeno sono minimi

Evidentemente le impressioni o i ragionamenti teorici personali sono da considerare per quello che sono e non sono da considerare "verità assolute", ma a quanto pare la pensa in questo modo anche qualcun altro che viene considerato un riferimento in fatto di storage: mi riferisco a www.storagereview.com

In questo articolo
http://www.storagereview.com/guide20...cacheSize.html
si evidenzia come, in effetti, non ci sia una relazione diretta tra l'aumento della cache e l'aumento di prestazioni
Per chi avesse problemi di lingua, la traduzione concettuale e sintetica è:
Siccome la memoria adesso costa poco, ai produttori costa poco aggiungere memoria sulle schede dei dischi.
Il fatto di aumentare la cache è un'operazione commerciale, poiché dà la sensazione agli acquirenti che una cache doppia o quadruplicata possa raddoppiare o moltiplicare le prestazioni.
In realtà bisogna confrontarsi con la memoria di base del sistema e la cache che il sistema stesso gestisce, che è molto più grande di quella direttamente impostata sul disco.
La differenza finale esiste, ma è minima, ed a seconda delle condizioni di lavoro, potrebbe essere praticamente non tangibile


Nota: ovviamente i benchmark che solitamente simulano situazioni limite, con sfruttamento di tutte le features del disco, evidenziano spesso una differenza tangibile, ma, ripeto, all'atto pratico e quindi in base al tipo di lavoro e di operazioni svolte, questa differenza potrebbe essere inesistente

Ultima modifica di MM : 24-12-2004 alle 18:47.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:39   #11
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come installo il sistema operativo su un disco SATA?

Per l’installazione del sistema operativo su un disco SATA, valgono le stesse considerazioni espresse per l’installazione del sistema operativo su dischi configurati in RAID
Il problema nasce dal fatto che generalmente il controller SATA viene considerato come un controller aggiuntivo (anche se integrato nella scheda madre) e quindi non gestibile direttamente, ma solo caricando, in fase di installazione, i driver per il riconoscimento del controller stesso
Purtroppo, in fase di installazione, detti driver vengono cercati solo ed esclusivamente su supporto floppy e quindi è necessario avere un floppy
Generalmente il floppy contenente i driver viene fornito con la scheda madre, ma qualora non ci fosse, è necessario crearlo copiando dal CD della scheda madre al floppy, i driver del controller SATA (vedere il manuale della scheda madre per le istruzioni)
NOTA: usare i driver forniti dal costruttore della scheda madre (da CD o dal sito internet) e non eventuali altri driver forniti con il disco

Operativamente parlando, in fase di avvio dell’installazione, dopo aver avviato il sistema con il CD del sistema operativo, alla prima schermata celeste che si presenta, sulla barra in basso compare la scritta “Premere F6 per installare…etc…”
In questo momento occorre premere F6 per far sapere al sistema che si intende installare driver aggiuntivi, non compresi nel sistema operativo
Attendere poi che venga richiesto il floppy (dopo qualche minuto) con i driver e scegliere (se esiste una scelta) i driver da installare in base al modello del controller
Una volta individuato il controller, l’installazione procede normalmente senza altre differenze con l’installazione standard
Si consiglia ovviamente di rimuovere il floppy dopo l’utilizzo e comunque prima del riavvio del sistema per evitare errori nella seconda fase dell’installazione

Ultima modifica di MM : 04-12-2004 alle 18:41.
MM è offline  
Old 04-12-2004, 18:42   #12
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Una periferica lenta, tipo CD ROM, sullo stesso canale di un disco, rallenta il disco?

No, questo problema, con le schede madri attuali, non esiste più
Prove specifiche da me effettuate e test effettuati nella sezione storage di HWUpgrade, dicono che la velocità del disco non cambia se ci si collega insieme un CD ROM
I tempi di trasferimento di una certa quantità di dati con CD ROM collegato alternativamente allo stesso cavo o sul canale secondario, sono stati gli stessi: le differenze rilevate, dell'ordine dei 5 secondi e non sistematiche, sono senz'altro imputabili alla misurazione ed a condizioni specifiche del momento
Quello che invece ha influito molto sui tempi è stata la quantità di memoria disponibile, indipendentemente dalla frequenza di questa: maggiore memoria = minori tempi

Evidentemente la memoria, facendo da serbatoio per il trasferimento, ottimizza lo scambio dati, visto che il canale EIDE può trasmettere in un solo senso alla volta
MM è offline  
Old 07-02-2005, 11:16   #13
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Il disco è rumoroso, posso diminuire il rumore?

In fatto di rumore del disco bisogna distinguere qual è il tipo di rumore al quale ci si riferisce: la rotazione del disco, il "grattare" durante la lettura/scrittura, rumore all'avvio/spegnimento, rumore estemporaneo durante l'utilizzo

Rotazione del disco: il rumore della rotazione del disco, generalmente simile ad un sibilo, è generalmente indice che qualche cosa nei cuscinetti (o comunque nel sistema di rotazione dei piatti) non è perfetto.
Ciò non significa che il disco si romperà, ma è chiaro che se il rumore aumenta, questo significa che c'è un degrado della situazione, con possibile blocco del disco stesso
Comunque i fatto che un disco presenti questo "problema" ed un altro della stessa serie non lo presenti significa ben poco: attualmente l'esperienza insegna che dischi dello stesso produttore possono avere comportamenti diversi, fino quasi al punto di poter dire che ogni disco è "unico" e fa storia a sé
Il rumore della rotazione non si può eliminare e non è possibile intervenire in alcun modo

Rumore durante l'utilizzo: il rumore, simile ad un grattare, che si sente durante l'utilizzo è il rumore dello spostamento di testine ed attuatore quando vengono indirizzati verso le varie aree del disco per operazioni di lettura/scrittura.
In linea di massima dischi con tempi di accesso più basso sono più rumorosi e da questo punto di vista i dischi più riumorosi in assoluto sono i dischi SCSI, che hanno appunto tempi di accesso bassissimi
Nei dischi EIDE questo rumore può essere limitato usando le apposite utility fornite dai costruttori dei dischi
Senza entrare nei dettagli tecnici (che conosco anche poco), la questione può essere spiegata in poche parole: queste utility di fatto, rallentano lo spostamento delle testine, diminuendo il rumore suddetto (N.B.: non rallentano la rotazione del disco, come qualcuno può credere, ma solo le testine)
E' intuitivo che il disco peggiora le proprie prestazioni, ma questo degrado riguarda solo le operazioni di accesso ai dati, mentre il transfer rate sequenziale del disco rimane invariato
In altre parole ci vorrà più tempo per "rintracciare" il dato sul disco, ma una volta individuato, il trasferimento in memoria avverrà alla stessa velocità di prima
Il degrado delle prestazioni, in molti casi può rivelarsi impercettibile, specie in situazioni di non nutilizzo intenso del disco

Rumore in avvio/spegnimento: il classico "clack" in avvio del sistema o in fase di spegnimento, è un rumore normale
Si tratta del blocco/sblocco delle testine che in caso di mancanza di tensione vengono immediatamente parcheggiate in area di salvataggio, per evitare che le stesse tocchino sul disco quando questo è ancora in rotazione (evento che creerebbe un guasto irreparabile)
Allo stesso modo in avvio le testine vengono portate in "posizione di lavoro"
Non è detto che si senta sempre questo rumore e non su tutti i dischi, ma se lo si sente, è normale

Rumore durante l'utilizzo: escludendo ovviamente il rumore prodotto dalle testine (di cui si parlava sopa), se durante l'utilizzo si sentono rumori (tipo il classico "clack") le cause potrebbero essere più di una

Potrebbe trattarsi della ricalibrazione termica, vale a dire quell'operazione di riallineamento (fisico) degli indirizzi, dovuto alla dilatazione termica dei materiali e conseguente "spostamento" della posizione dei dati sul disco

Potrebbe trattarsi di problemi al disco stesso ed in questo caso sarebbe opportuno testare il disco con l'apposita utility, per verificarne l'integrità e la capacità di funzionare correttamente (anche se in questo caso non sempre le utility suddette riescono ad individuare eventuali problemi meccanici)

In ultimo potrebbe essere un problema di alimentazione del disco
Il problema potrebbe riguardare un'alimentazione o tensione non costante, un connettore di alimentazione non correttamente inserito o magari ossidato, un altro dispositivo collegato allo stesso filo del disco che provoca assorbimenti anomali
Riguardo a quest'ultima possibilità, si sconsiglia di collegare sullo stesso filo di alimentazione del disco (quello dall'alimentatore al disco, per capirci) dipositivi che possono generare sbalzi di tensione
In particolare sono sconsigliati: masterizzatori, ventole e soprattutto le lucette tipo neon che possono dare veramente problemi
Tenete conto che i dischi sono particolarmente sensibili alle tensioni troppo basse o, peggio, a tensioni altalenanti
MM è offline  
Old 07-02-2005, 11:25   #14
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Il sistema non si avvia più, perché?

Capita, purtroppo, che all'avvio del sistema si abbiano messaggi del tipo: "NTLDR mancante", "Disco non di avvio...", "Sistema operativo non presente...", etc...
Questi messaggi ovviamente non sono molto graditi, perché la spiegazione è che si è perso il file system o anche l'intera partizione del disco
I motivi possono essere molteplici e non sempre individuabili, da un problema fisico o logico del disco ad un problema di alimentazione durante l'uso, l'avvio o lo spegnimento del disco
Anche se più raro, potrebbe anche trattarsi di un problema di cavo di collegamento del disco alla scheda madre (EIDE o SATA che sia)
In questi casi, se non si tratta di un disco guasto, generalmente i dati sono recuperabili o magari è possibile recuperare direttamente la partizione, con gli appositi software
Sconsigliato agire per tentativi, pena il peggioramento della situazione: insomma, prima cercare di recuperare i dati, poi eventualmente possiamo anche fare esperimenti
MM è offline  
Old 07-02-2005, 11:28   #15
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come posso testare la salute del disco?

Per verificare l'integrità dei dischi, in primo luogo si consiglia di utilizzare le apposite utility fornite dai costruttori
Dette utility testano la salute fisica del disco riportando eventuali errori o anomalie riscontrate

Esistono anche numerose utility generiche, fornite da terze parti, che generalmente testano lo stato dei dischi, fornendo indormazioni quali la temperatura, lo SMART, etc.
Per dette utility, vedere QUI

Qualora fossero segnalati errori è sempre possibile tentare con la formattazione a basso livello, per tentare di ripristinare la funzionalità del disco (erori di tipo logico vengono generalmente corretti con questa operazione)
In caso di ulteriori errori segnalati dalla procedura di formattazione a basso livello, l'unica cosa da fare è chiedere la sostituzione del disco, se ancora in garanzia, rivolgendosi in primo luogo al rivenditore ed eventualmente direttamente al produttore
Per la verifica della garanzia del produttore e relativa richiesta di sostituzione, vedere QUI

Ultima modifica di MM : 08-02-2005 alle 15:41.
MM è offline  
Old 07-02-2005, 11:34   #16
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Ho perso...., ho cancellato....., che fare?

Capita a tutti di perdere i dati del disco, un disco su cui la partizione risulta vuota o addirittura mancante, o anche di cancellare per errore intere partizioni o di formattarle...

L'importante in questi casi è non perdere il capo e prodursi in tentativi che rasentano lo scaramantico
La cancellazione di un dato, un file system o una partizione, come pure la formattazione di una partizione, non provocano la cancellazione fisica dei dati sul disco, ma solo dei loro indirizzi
Per questo motivo i dati perduti sono generalmente recuperabili al 100%
Per il recupero riferirsi a QUESTA GUIDA

Ultima modifica di MM : 30-03-2005 alle 18:51.
MM è offline  
Old 07-02-2005, 11:39   #17
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Come installo il sistema operativo su un disco SATA?

Per l’installazione del sistema operativo su un disco SATA, valgono le stesse considerazioni espresse per l’installazione del sistema operativo su dischi configurati in RAID
Il problema nasce dal fatto che generalmente il controller SATA viene considerato come un controller aggiuntivo (anche se integrato nella scheda madre) e quindi non gestibile direttamente, ma solo caricando, in fase di installazione, i driver per il riconoscimento del controller stesso
Purtroppo, in fase di installazione, detti driver vengono cercati solo ed esclusivamente su supporto floppy e quindi è necessario avere un floppy
Generalmente il floppy contenente i driver viene fornito con la scheda madre, ma qualora non ci fosse, è necessario crearlo copiando dal CD della scheda madre al floppy, i driver del controller SATA (vedere il manuale della scheda madre per le istruzioni)
NOTA: usare i driver forniti dal costruttore della scheda madre (da CD o dal sito internet) e non eventuali altri driver forniti con il disco

Operativamente parlando, in fase di avvio dell’installazione, dopo aver avviato il sistema con il CD del sistema operativo, alla prima schermata celeste che si presenta, sulla barra in basso compare la scritta “Premere F6 per installare…etc…”
In questo momento occorre premere F6 per far sapere al sistema che si intende installare driver aggiuntivi, non compresi nel sistema operativo
Attendere poi che venga richiesto il floppy (dopo qualche minuto) con i driver e scegliere (se esiste una scelta) i driver da installare in base al modello del controller
Una volta individuato il controller, l’installazione procede normalmente senza altre differenze con l’installazione standard
Si consiglia ovviamente di rimuovere il floppy dopo l’utilizzo e comunque prima del riavvio del sistema per evitare errori nella seconda fase dell’installazione

Per maggiori spiegazioni, dettagli e richieste, riferirsi a questa discussione
http://forum.hwupgrade.it/showthread...hreadid=643028

Comunque per tutti i problemi relativi al sistema operativo e non direttamente imputabili ai dischi, si consiglia sempre di leggere i tutorial in testa alla sezione Windows e Directx

Ultima modifica di MM : 07-02-2005 alle 11:56.
MM è offline  
Old 08-02-2005, 15:54   #18
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Cos'è lo SMART?

S.M.A.R.T. = Self-Monitoring Analysis and Reporting Technology
Ha lo scopo, tramite l'analisi degli "eventi" del disco, di prevedere eventuali futuri guasti

Il sistema tiene sotto controllo vari parameri del disco, quali velocità di avvio del disco, prestazioni, settori difettosi alternati, calibrazione testine, errori di lettura/scrittura...etc. traendo da questi eventuali informazioni che possono indicare un futuro guasto del disco
Ovviamente detta tecnologia si basa su valutazioni dei parametri e valutazioni sull'andamento degli stessi, monitorando sorattutto il peggioramento di quelli "vitali", quindi opera una valutazione statistica dei possibili guasti futuri del disco
In ogni caso un guasto meccanico improvviso non potrà essere previsto e non potranno essere tenuti sotto controllo fattori del tutto casuali che potrebbero intervenire nel guasto stesso

Insomma, si cerca di prevedere ciò che può essere previsto e quindi si tratta di un aiuto statistico/diagnostico, che non garantisce sempre il preavviso in caso di guasto, ma se non altro avverte quando la salute del disco peggiora e aumentano i rischi di guasto
MM è offline  
 Discussione Chiusa


Qualcomm Snapdragon 888: tanta potenza unita ad altrettanta efficienza Qualcomm Snapdragon 888: tanta potenza unita ad ...
ASUS VivoBook S15 S533: CPU Intel Tiger Lake spinta al massimo ASUS VivoBook S15 S533: CPU Intel Tiger Lake spi...
Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una RTX 2080 Super Recensione GeForce RTX 3060 Ti, veloce come una ...
Qonto, il conto business a misura di professionisti e PMI Qonto, il conto business a misura di professioni...
Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello spazio di una MQT. La recensione Panasonic Lumix S5, mirrorless Full Frame nello ...
Windows 10 20H2, Microsoft corregge il g...
Canon Cinema EOS C200 Mark II arriverà a...
La promozione di Amazon per risparmiare ...
Thomas Mueller, padre dei motori Merlin ...
Salesforce acquisisce Slack: 27,7 miliar...
LG Wing 5G: due display usati come nessu...
Ryzen Controller, un software per sblocc...
Nuova DS4: design audace e tecnologia av...
Il Gundam da 18 metri a Yokohama è quasi...
Asus ZenBook Flip S (UX371) arriva in It...
Libra addio, benvenuta Diem: cambia nome...
WhatsApp: ecco nuovi sfondi personalizza...
PS5 in arrivo su Euronics domani 3 dicem...
Crolla il mercato dell'auto a novembre, ...
Synology DS920+: il NAS con la cache via...
IsoBuster
Thunderbird Portable
PassMark BurnInTest Standard
Radeon Software Adrenalin 2020 20.11.3
IObit Uninstaller
SmartFTP
Chromium
Internet Download Manager
GPU-Z
Opera Portable
Opera 72
FurMark
3DMark
GPU Caps Viewer
Zoom Player Free
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è Off
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 03:06.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www1v