Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > Articoli

Qualcomm annuncia Snapdragon 8cx, per i notebook Windows always on del 2019
Qualcomm annuncia Snapdragon 8cx, per i notebook Windows always on del 2019
Qualcomm annuncia il nuovo SoC specificamente sviluppato per l'utilizzo con i PC always on, always connected che debutteranno nel corso del 2019. Basato su tecnologia produttiva a 7 nanometri, si differenzia dal chip Snapdragon 855 per alcune caratteristiche architetturali: sarà presente nei futuri notebook con Windows on Snapdragon a partire dalla seconda metà del 2019
2018: i nativi digitali al lavoro, ecco cosa cambierà
2018: i nativi digitali al lavoro, ecco cosa cambierà
Sarebbe miope, per un colosso della tecnologia, non prendere in considerazione molti aspetti del cambiamento che riguarda la nostra società. Lenovo, in occasione del roadshow Intelligent Futures, ci offre uno spaccato di quello che è l'azienda oggi, ma soprattutto di quello che vorrà essere domani
Qualcomm Snapdragon 855 è il cuore degli smartphone Android del 2019
Qualcomm Snapdragon 855 è il cuore degli smartphone Android del 2019
Sarà il cuore di elaborazione degli smartphone Android top di gamma attesi nel corso del 2019: il nuovo SoC di Qualcomm offre significativi incrementi nelle prestazioni grazie alla tecnologia a 7 nanometri, con balzi in avanti nell'intelligenza artificiale e nelle prestazioni con applicazioni 3D. Tutto questo affiancando la connettività 5G. OnePlus 7 il primo top di gamma a utilizzarlo, da inizio 2019
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 06-12-2018, 14:48   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75180
Link all'Articolo: https://www.hwupgrade.it/articoli/si...era_index.html

Sarebbe miope, per un colosso della tecnologia, non prendere in considerazione molti aspetti del cambiamento che riguarda la nostra società. Lenovo, in occasione del roadshow Intelligent Futures, ci offre uno spaccato di quello che è l'azienda oggi, ma soprattutto di quello che vorrà essere domani

Click sul link per visualizzare l'articolo.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 14:57   #2
demon77
Senior Member
 
L'Avatar di demon77
 
Iscritto dal: Sep 2001
Città: Saronno (VA)
Messaggi: 13488
Una mia impressione sui nativi digitali..

C'è stata auna prima fase di ragazzini che in pratica sono nati con la tastiera in mano e che da quindicenni col PC erano più sgamati di un sistemista senior.
Poi sono arrivati gli smarphone, i tablet, i social.. causando una regressione ad età della pietra.

I quindicenni attuali sono dei mezzi dementi che sanno solo striscare dita sullo schermo. Totale ignoranza nell'uso del pc.. lavorativamente parlando sono spazzatura.

E' così o sbaglio?
__________________
DEMON77

La mia galleria su Deviant Art: http://aby77.deviantart.com/gallery/?catpath=/
demon77 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 15:04   #3
DjLode
Senior Member
 
L'Avatar di DjLode
 
Iscritto dal: Oct 2000
Città: Reggio Emilia
Messaggi: 14396
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
E' così o sbaglio?
Lavorativamente parlando, sono tutti informatici, ma nessuno ha esperienza. Chiunque con internet ai costi attuali, un pc ai costi attuali e uno smartphone è un informatico. E purtroppo tante aziende cercano questi individui. Li paghi poco, eseguono quanto chiedi (con tempi un pò così) e se vanno via ne prendi un altro.
Uno con esperienza è scomodo, perchè lo devi pagare di più e sopratutto può controbattere certe affermazioni. Cosa che la tipologia sopra non può fare.
Mi rendo conto che non tutte le aziende e non tutti i giovani siano così... ma se ne vedono parecchi. Non ci mettono niente di loro e poi si lamentano che non trovano lavori ben pagati.
Io penso che questa situazione sia partita dai tempi di internet gratis con i cd
__________________
Twinkle, twinkle, little star how I wonder what you are.
DjLode è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 16:11   #4
LukeIlBello
Senior Member
 
L'Avatar di LukeIlBello
 
Iscritto dal: Jan 2010
Città: Roma
Messaggi: 3024
Quote:
Originariamente inviato da DjLode Guarda i messaggi
Lavorativamente parlando, sono tutti informatici, ma nessuno ha esperienza. Chiunque con internet ai costi attuali, un pc ai costi attuali e uno smartphone è un informatico. E purtroppo tante aziende cercano questi individui. Li paghi poco, eseguono quanto chiedi (con tempi un pò così) e se vanno via ne prendi un altro.
Uno con esperienza è scomodo, perchè lo devi pagare di più e sopratutto può controbattere certe affermazioni. Cosa che la tipologia sopra non può fare.
Mi rendo conto che non tutte le aziende e non tutti i giovani siano così... ma se ne vedono parecchi. Non ci mettono niente di loro e poi si lamentano che non trovano lavori ben pagati.
Io penso che questa situazione sia partita dai tempi di internet gratis con i cd
in effetti è così, nel migliore dei casi ti ritrovi dei programmatroti che sanno scrivere 4 righe in java e non sanno la differenza tra un puntatore ed un oggetto..
__________________
Intel Core i5 4570 @3,60GHz, 24 GB DDR3 Kingston HyperX @9,9,9,27 , Nvidia Gtx 1060, Enermax Chakra, Win10 PRO x64, Devuan ascii , FreeBSD 11 on Lumina DE
Banana PI: ARM® Cortex™-A7 Dual-Core, gpu Mali400MP2, 1GB DDR3 SDRAM on Linux Armbian
LukeIlBello è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 16:15   #5
floc
Senior Member
 
L'Avatar di floc
 
Iscritto dal: Sep 2004
Messaggi: 3368
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
Una mia impressione sui nativi digitali..

C'è stata auna prima fase di ragazzini che in pratica sono nati con la tastiera in mano e che da quindicenni col PC erano più sgamati di un sistemista senior.
Poi sono arrivati gli smarphone, i tablet, i social.. causando una regressione ad età della pietra.

I quindicenni attuali sono dei mezzi dementi che sanno solo striscare dita sullo schermo. Totale ignoranza nell'uso del pc.. lavorativamente parlando sono spazzatura.

E' così o sbaglio?
secondo me non sbagli. Il primo giro di "informatizzazione" ha colpito chi era interessato, si faceva domande, e magari poi si è anche formato adeguatamente. Poi è arrivata la massificazione e ora ci sono tante scimmiette che hanno dimestichezza con lo strumento, ma non hanno idea di cosa ci possa essere dietro.
__________________

SOVEREIGN: Intel Xeon 1245v3 | Asus Z97-A | 16GB Ram Crucial DR3 1600 Mhz | Palit GeForce 980Ti SuperJetStream | 3 x Dell U2414H
floc è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 16:37   #6
DjLode
Senior Member
 
L'Avatar di DjLode
 
Iscritto dal: Oct 2000
Città: Reggio Emilia
Messaggi: 14396
Quote:
Originariamente inviato da LukeIlBello Guarda i messaggi
in effetti è così, nel migliore dei casi ti ritrovi dei programmatroti che sanno scrivere 4 righe in java e non sanno la differenza tra un puntatore ed un oggetto..
In azienda da me stanno cercando una persona da affiancare all'ufficio tecnico. Si presenta un ragazzo, che l'anno prossimo si dovrà laureare, che alla mia domanda su quale linguaggio di programmazione lavorava di solito, anche per progetti personali o curiosità, ha risposto "nessuno, ho solo fatto gli esami all'università". Incalzato scopriamo che prima dell'università non è neanche un appassionato di informatica... e scegli di fare ingegneria? Non dico che uno laureato sia meglio/peggio degli altri... ma come puoi proporti come informatico se non hai mai fatto nulla al di fuori di quello che sei stato obbligato a fare a scuola? Mi risulta difficile da capire...
__________________
Twinkle, twinkle, little star how I wonder what you are.
DjLode è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 16:39   #7
gd350turbo
Utente sospeso
 
L'Avatar di gd350turbo
 
Iscritto dal: Feb 2003
Città: Mo<->Bo
Messaggi: 28381
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
Una mia impressione sui nativi digitali..

C'è stata auna prima fase di ragazzini che in pratica sono nati con la tastiera in mano e che da quindicenni col PC erano più sgamati di un sistemista senior.
Poi sono arrivati gli smarphone, i tablet, i social.. causando una regressione ad età della pietra.

I quindicenni attuali sono dei mezzi dementi che sanno solo striscare dita sullo schermo. Totale ignoranza nell'uso del pc.. lavorativamente parlando sono spazzatura.

E' così o sbaglio?
Assolutamente d'accordo...
Sanno usare i social a occhi chiusi
Scrivono con solo i pollici ad una velocità incredibile
Si fanno selfie così come respirano

ma tutto quello che c'è dietro è "materia oscura".
Secondo me, quando il mondo sarà in mano loro, ci sarà da ridere...
__________________
MAIN MSI M77 MPOWER CPU INTEL i7 3770K COOLER THERMALRIGHT MACHO HR-02 RAM 2x8GB GEIL EVO VELOCE 2.4GHZ VGA INTEL HD GRAPHICS 4000 MONITOR LG 29EB93-P LED IPS SSD SAMSUNG 850 EVO 500GB (WIN 10) BLURAY LG BH16NS40 POWER ANTEC 620 HCG CASE AEROCOOL RS-9 - basta leggere pari pari, quello che c'è scritto qui..
gd350turbo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 17:12   #8
mail9000it
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2006
Città: Modena
Messaggi: 446
Quote:
Originariamente inviato da floc Guarda i messaggi
secondo me non sbagli. Il primo giro di "informatizzazione" ha colpito chi era interessato, si faceva domande, e magari poi si è anche formato adeguatamente. Poi è arrivata la massificazione e ora ci sono tante scimmiette che hanno dimestichezza con lo strumento, ma non hanno idea di cosa ci possa essere dietro.
Quoto l'analisi.
Prima per usare il computer dovevi impegnarti per trovare le informazioni e capirle. Quindi non tutti si applicavano.
Oggi il computer (anche grazie alla sua evoluzione) lo usi anche senza capirlo.

Quindi se cerchi una persona che sappia utilizzare lo strumento per fare inserimento dati li trovi a tonnellate. Se cerchi qualcuno per analizzare i dati e capirli trovi quei pochi (in %) che anche prima usavano il cervello.
mail9000it è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 17:31   #9
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 5752
Quote:
Originariamente inviato da demon77 Guarda i messaggi
Una mia impressione sui nativi digitali..

C'è stata auna prima fase di ragazzini che in pratica sono nati con la tastiera in mano e che da quindicenni col PC erano più sgamati di un sistemista senior.
Poi sono arrivati gli smarphone, i tablet, i social.. causando una regressione ad età della pietra.

I quindicenni attuali sono dei mezzi dementi che sanno solo striscare dita sullo schermo. Totale ignoranza nell'uso del pc.. lavorativamente parlando sono spazzatura.

E' così o sbaglio?
A mio parere è stata la prima fase ad essere stata un enorme fraintendimento, sempre che tu ti riferisca ai cosidetti "nativi digitali".
Tolti i titoloni pieni di buzzwords ci sono stati diversi studi sul tema da cui è emerso che trattasi di una totale scemenza, di fatto la familiarità con la tecnologia dei ragazzi si è dimostrato essere limitata a quei pochi strumenti che gli stessi hanno imparato ad usare e hanno usato con grande frequenza, senza capirne il funzionamento, le criticità e i limiti.

Comunque a proposito di buzzwords vedo che nemmeno questa brochur... ehm notizia non scherza.
Ci troviamo in una di quelle fasi periodiche di picco delle supercazzole, dove l'aria fritta si spreca e tutti si riempiono la bocca di concettoni fantasmagorici, tecnologie sopraffine e scenari alla Blade Runner.
Poi se scavi sotto questa crosta trovi bene o male le stesse tecnologie degli ultimi 20 anni, nell'IT l'ultima vera innovazione sono stati i web services, tolti quelli tutte le altre sono state mode passeggere nate per soddisfare scenari del tutto irrealistici o nella migliore delle ipotesi talmente rari da essere insignificanti.

Prendiamo per esempio la supercazzola dei microservizi, ora non c'è cliente o fornitura che non preveda container a destra e manca e orchestratori a prua e a poppa...
Tutti si crogiolano entusiasti in questo mondo delle fate senza infrastruttura, dove la scalabilità è infinita e a costo quasi zero.
Poi quando tornano sulla terra si rendono conto che in fin dei conti la scalabilità è l'ultimo dei problemi, che i costi sono tutt'altro che zero, che ci sono un'infinità di criticità irrisolte o ignorate, che i costi di manutenzione sono molto più alti e che, a differenza delle architetture tradizionali, basta un ritardo su un pagamento e PUFFFF... tutto sparisce.
Poi prendi questi microservizi e ci trovi dentro sempre gli stessi framework, sempre le stesse tecnologie, sempre gli stessi linguaggi, gli stessi blob caotici, che anzichè girare come processi del kernel girano dentro un container, con in più tutti i malus di cui sopra... ma gli sviluppatori e i venditori sono entusiasti
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it| BAARF - Enough is enough!
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 17:44   #10
Ryddyck
Senior Member
 
L'Avatar di Ryddyck
 
Iscritto dal: Apr 2015
Messaggi: 9959
Potreste aver ragione se una volta ci si doveva smanettare realmente sulle cose per farle funzionare ma le cose sono totalmente cambiate oggi (in meglio o in peggio decidete voi).
Facciamo l'esempio classico di quello che una volta era il webmaster, ha ancora senso (se non per progetti particolari) trovare web designer, web developer e compagnia? Ormai la creazione di un sito lo può fare letteralmentei chiunque passando dalle piattaforme più disparate basate sul wysiwyg senza aver nessun tipo di competenza a chi magari smanetta su wordpress/joomla/drupal... e se magari manca il tema o il plugin si comprano in giro per il web per pochi euro.
Se poi parliamo di programmazione pura, i programmatori sono la nuova manovalanza dell'IT, c'è stato un vero e proprio boom negli ultimi anni; il settore continua a cambiare e adesso si cercano figure differenti e la nuova ondata è fatta da data scientist, tutto il mondo legato al ml/dl/ai/bc, cybersecurity e robotica.
I nativi digitali per quanto non possano essere più curiosi (anche se relativamente, ci sono casi e casi) sviluppano altre competenze digitali soprattutto nell'ambito del marketing, anche qui c'è una forte richiesta nel campo del digital makerting e creazione di contenuti (cosa che sfugge a chi magari ha più di 50 anni sulle spalle e che non riesce a concepire) che c'entra relativamente poco con il settore IT. Ultimamente (diciamo da una decina di anni) si da più importanza alle soft skill che alle hard skill.

Poi se vogliamo iniziare a tirare fuori i paragoni del tipo Italia contro il resto del mondo, basta prendere l'esempio dell'Estonia... iniziano con la robotica praticamente dall'asilo

Ultima modifica di Ryddyck : 06-12-2018 alle 17:58.
Ryddyck è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 17:59   #11
astaroth2
Member
 
Iscritto dal: May 2009
Città: Trani (BA)
Messaggi: 300
I nativi digitali si allontanano sempre più dai linguaggi di basso livello. Non credo sia corretto chiamarli in tal modo 😁
astaroth2 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 18:12   #12
LukeIlBello
Senior Member
 
L'Avatar di LukeIlBello
 
Iscritto dal: Jan 2010
Città: Roma
Messaggi: 3024
Quote:
Originariamente inviato da DjLode Guarda i messaggi
In azienda da me stanno cercando una persona da affiancare all'ufficio tecnico. Si presenta un ragazzo, che l'anno prossimo si dovrà laureare, che alla mia domanda su quale linguaggio di programmazione lavorava di solito, anche per progetti personali o curiosità, ha risposto "nessuno, ho solo fatto gli esami all'università". Incalzato scopriamo che prima dell'università non è neanche un appassionato di informatica... e scegli di fare ingegneria? Non dico che uno laureato sia meglio/peggio degli altri... ma come puoi proporti come informatico se non hai mai fatto nulla al di fuori di quello che sei stato obbligato a fare a scuola? Mi risulta difficile da capire...
si vero i neo laureati oggi sono peggio dei diplomati in tecnico-industriale
__________________
Intel Core i5 4570 @3,60GHz, 24 GB DDR3 Kingston HyperX @9,9,9,27 , Nvidia Gtx 1060, Enermax Chakra, Win10 PRO x64, Devuan ascii , FreeBSD 11 on Lumina DE
Banana PI: ARM® Cortex™-A7 Dual-Core, gpu Mali400MP2, 1GB DDR3 SDRAM on Linux Armbian
LukeIlBello è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 19:02   #13
Takuya
Member
 
L'Avatar di Takuya
 
Iscritto dal: Dec 2008
Messaggi: 160
Quote:
Originariamente inviato da DjLode Guarda i messaggi
In azienda da me stanno cercando una persona da affiancare all'ufficio tecnico. Si presenta un ragazzo, che l'anno prossimo si dovrà laureare, che alla mia domanda su quale linguaggio di programmazione lavorava di solito, anche per progetti personali o curiosità, ha risposto "nessuno, ho solo fatto gli esami all'università". Incalzato scopriamo che prima dell'università non è neanche un appassionato di informatica... e scegli di fare ingegneria? Non dico che uno laureato sia meglio/peggio degli altri... ma come puoi proporti come informatico se non hai mai fatto nulla al di fuori di quello che sei stato obbligato a fare a scuola? Mi risulta difficile da capire...
Scusami ma come datore di lavoro pretendi di avere voce in capitolo anche sul tempo libero della gente?
Se la tua azienda ha bisogno di certe competenze e professionalità o cerca specificatamente quelle, pagando quanto dovuto, oppure se lo forma a sue spese.
Takuya è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 20:26   #14
cyber
Senior Member
 
L'Avatar di cyber
 
Iscritto dal: Dec 1999
Città: Roma Est
Messaggi: 2988
Quote:
Originariamente inviato da Takuya Guarda i messaggi
Scusami ma come datore di lavoro pretendi di avere voce in capitolo anche sul tempo libero della gente?
Se la tua azienda ha bisogno di certe competenze e professionalità o cerca specificatamente quelle, pagando quanto dovuto, oppure se lo forma a sue spese.
No ha ragione lui. Sono informatico per lavoro dal 98 e per passione dell'83. Quello che si vede oggi è da mani nei capelli.


CJ
__________________
1. Intel NUC 6i5SYH / 32GB / SSD 850 EVO M.2 250GB / 1TB 2.5 HDD
2. Ryzen 7 1700 / Gigabyte GA-AB350M-Gaming 3 / DDr 8GB Ballistix Sport x 2 / SSD 850 EVO M.2 250GB / 1TB 2.5 HDD / GTX 1060 6GB / Dell U2415 (x2)
3. Ryzen 7 1700 / Gigabyte GA-AB350M-Gaming 3 / DDr 8GB Ballistix Sport x 2 / Sandisk 240GB 2.5 / 1TB 3.5 HDD / GTX 1050Ti 4GB / Samsung BW20

Ultima modifica di cyber : 06-12-2018 alle 20:32.
cyber è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 20:36   #15
Mursey
Senior Member
 
L'Avatar di Mursey
 
Iscritto dal: Aug 2017
Messaggi: 439
Adesso vogliono programmare tutti e la qualità è quella che è.

Li chiamano nativi digitali ma non sanno nulla di tecnologia.
Mursey è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 06-12-2018, 21:29   #16
mmiat
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2003
Città: Padova
Messaggi: 1098
Quote:
con tutto il parco driver installabile senza un'azione richiesta dall'utente
a me sti approcci alla "faccio tutto io, tu non ti preoccupare, non ci pensare proprio" lasciano sempre molti dubbi....
mmiat è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-12-2018, 01:08   #17
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 5752
Quote:
Originariamente inviato da Ryddyck Guarda i messaggi
Potreste aver ragione se una volta ci si doveva smanettare realmente sulle cose per farle funzionare ma le cose sono totalmente cambiate oggi (in meglio o in peggio decidete voi).
Facciamo l'esempio classico di quello che una volta era il webmaster, ha ancora senso (se non per progetti particolari) trovare web designer, web developer e compagnia? Ormai la creazione di un sito lo può fare letteralmentei chiunque passando dalle piattaforme più disparate basate sul wysiwyg senza aver nessun tipo di competenza a chi magari smanetta su wordpress/joomla/drupal... e se magari manca il tema o il plugin si comprano in giro per il web per pochi euro.
Perdonami ma è da poco dopo la nascita del web dinamico, quando nacquero i primi cms che sento ripetere queste stesse parole.
Ci sarà sempre il nipote/cugino/amico smanettone di turno che si spaccia per specialista o "programmatore" perchè pubblica una istanza di Wordpress e ci piazza un po' di plugin a casaccio, questo tu lo consideri sviluppatore web o specialista web?
Io lo chiamo semplicamente smanettone, e 9 volte su 10 i nodi vengono comunque al pettine, siti down, defacing, server piegati dal mining di criptomonete o usati per spammare.
Anche i servizi centralizzati di grandi provider hanno sempre fallito, l'idea di mettere una persona non competente al timone di uno strumento che non conosce è fallimentare a prescindere, tant'è che non hanno mai preso piede, anche questi esistono da secoli (tecnologicamente parlando).

Considera poi che i progetti che si schiantano in questo modo sono i classici siterelli da piccolo sviluppatore libero professionista, o da piccola agenzia (che cmq spesso rifiuta perchè poco remunerativo), progetti poco significativi, sia per il volume di lavoro che per gli importi che cubano.
Il grosso del mercato è altro, pensi che possa bastare un semplice sito che renderizza qualche contenuto?
Quella è la punta dell'iceberg, il web oggi è per lo più integrazione tra servizi di vario genere, e questo vale tanto per servizi di autenticazione e federazione quanto per servizi prettamente applicativi.
Non esiste progetto ormai dove non ci siano componenti di georeferenziazione, sso multidominio, federazione, integrazione con servizi di terze parti, tutte cose per le quali non serve a nulla saper installare qualche plugin o seguire un wizard.

Quote:
Se poi parliamo di programmazione pura, i programmatori sono la nuova manovalanza dell'IT, c'è stato un vero e proprio boom negli ultimi anni; il settore continua a cambiare e adesso si cercano figure differenti e la nuova ondata è fatta da data scientist, tutto il mondo legato al ml/dl/ai/bc, cybersecurity e robotica.
I nativi digitali per quanto non possano essere più curiosi (anche se relativamente, ci sono casi e casi) sviluppano altre competenze digitali soprattutto nell'ambito del marketing, anche qui c'è una forte richiesta nel campo del digital makerting e creazione di contenuti (cosa che sfugge a chi magari ha più di 50 anni sulle spalle e che non riesce a concepire) che c'entra relativamente poco con il settore IT. Ultimamente (diciamo da una decina di anni) si da più importanza alle soft skill che alle hard skill.
Manovalanza dell'IT?
Anche questo è un dei tanti stereotipi che girano da vent'anni a questa parte, come dicevo le logiche applicative non sono cambiate, basta scavare un po' e le cose che si trovano sotto la superficie sono sempre quelle, ma le implementazioni sono profondamente cambiate, il modo di lavorare anche.
E non serve scomodare buzzwords tipo data scientists, architetti, robotica, machine learning, IA o devops, le figure chiave sono sempre quelle, grafico-web designer, analista-sviluppatore, sistemista-dba, ma le modalità di interazione sono profondamente cambiate, il lavoro di squadra è maggiore, gli ambiti si fondono e si deve interagire molto di più rispetto al passato.

Digital marketing? Semplici commerciali.
Creazione di contenuti? Data entry.
Social media manager? Operatore e data entry.
Giusto il seo si è un po' distinto, ma in molti casi questo ruolo viene svolto da web designer e sviluppatori, se non altro come estensione.

Su una cosa ti do ragione però, esiste ancora una eccessiva subalternità del personale tecnico rispetto a quello commerciale, ahimè un lascito delle grandi aziende della prima decade di questo secolo (ormai ridotte all'ombra di se stesse).
Ancora troppi venditori di fumo che prendono decisioni senza avere la minima competenza tecnica e senza aver nemmeno compreso come funziona quello che stanno vendendo.
Su questo c'è ancora un grosso lavoro da fare che deve necessariamente partire da chi riveste ruoli tecnici; da molti clienti prima arrivava il PM/commerciale di turno imponendo soluzioni strampalate senza capo ne coda o senza nemmeno aver chiaro quale fosse l'obbiettivo di un progetto, ora nel mio gruppo di lavoro stiamo faticosamente adottando un metodo diverso, raccogliamo le richieste dal cliente e poi siamo noi tecnici a dettare le soluzioni e i requisiti per realizzarle, PM/commerciale si deve limitare trovere le risorse che servono e metterci nelle condizioni di realizzarle.
Se non si trovano il progetto non può proseguire, e credimi che se c'è interesse (e c'è, come c'è sempre margine economico) le risorse arrivano, ma pensare di scaricare sul team tecnico i costi e le conseguenze di valutazioni sbagliate fatte da incompetenti è una follia che non deve esistere.
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it| BAARF - Enough is enough!
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."

Ultima modifica di Tasslehoff : 07-12-2018 alle 01:15.
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-12-2018, 08:14   #18
DjLode
Senior Member
 
L'Avatar di DjLode
 
Iscritto dal: Oct 2000
Città: Reggio Emilia
Messaggi: 14396
Quote:
Originariamente inviato da Takuya Guarda i messaggi
Scusami ma come datore di lavoro pretendi di avere voce in capitolo anche sul tempo libero della gente?
Se la tua azienda ha bisogno di certe competenze e professionalità o cerca specificatamente quelle, pagando quanto dovuto, oppure se lo forma a sue spese.
Tu affideresti un lavoro ad un elettricista che non ha mai fatto l’elettricista?
Rileggi a modo quello che ho scritto, e rileggi di cosa si sta parlando. Non voglio avere voce in capitolo sul tempo libero di nessuno, ma un informatico non appassionato di informatica non si può sentire. Non è questione di formazione, non pretendo che sappia tutto di tutto, ma in fase di colloquio per un posto di informatico/programmatore come posso consigliare al mio datore di lavoro una risorsa che non sa programmare? Una risorsa che mi dice di non essere appassionato in quello che studia? Una risorsa che ha interrotto uno stage “perché non mi piaceva”? Tu gli daresti fiducia a pelle?
Non capisco perché vogliate fare polemica sempre su tutto quando il discorso era pacato e ben diverso da quanto lo spacci tu...
__________________
Twinkle, twinkle, little star how I wonder what you are.
DjLode è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-12-2018, 09:12   #19
Ryddyck
Senior Member
 
L'Avatar di Ryddyck
 
Iscritto dal: Apr 2015
Messaggi: 9959
Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Perdonami ma è da poco dopo la nascita del web dinamico, quando nacquero i primi cms che sento ripetere queste stesse parole.
Sono visioni diametralmente opposte, soprattutto fortemente dipendenti dall'ambito lavorativo. Mi spiego meglio, se guardi l'Italia hai una determinata visione delle cose, se guardi gli Usa ne hai una totalmente diversa.
Quote:
Ci sarà sempre il nipote/cugino/amico smanettone di turno che si spaccia per specialista o "programmatore" perchè pubblica una istanza di Wordpress e ci piazza un po' di plugin a casaccio, questo tu lo consideri sviluppatore web o specialista web?
Assolutamente no.
Quote:
Io lo chiamo semplicamente smanettone, e 9 volte su 10 i nodi vengono comunque al pettine, siti down, defacing, server piegati dal mining di criptomonete o usati per spammare.
Alcuni di questi problemi sarebbero da imputare all'hosting piuttosto che allo smanettone di turno.
Quote:
Anche i servizi centralizzati di grandi provider hanno sempre fallito, l'idea di mettere una persona non competente al timone di uno strumento che non conosce è fallimentare a prescindere, tant'è che non hanno mai preso piede, anche questi esistono da secoli (tecnologicamente parlando).
Sarebbe da specificare quali.
Quote:
Considera poi che i progetti che si schiantano in questo modo sono i classici siterelli da piccolo sviluppatore libero professionista, o da piccola agenzia (che cmq spesso rifiuta perchè poco remunerativo), progetti poco significativi, sia per il volume di lavoro che per gli importi che cubano.
Beh se dobbiamo guardare ai dati ci sarebbero diverse cose da considerare:
https://w3techs.com/technologies/ove...management/all (notare wordpress che mangia tutti e la crescita di Wix e Squarespace).
Prima dell'esplosione di wordpress quanta gente c'era che stava lì a metter su siti in php, html puro e via dicendo? Quanti di questi oggi continuano a fare questo lavoro? Io direi pochi, ma molto pochi. È chiaro poi che le grandi società si fanno tutto in casa, ma sono esempi unici; il mercato è totalmente differente.
Quote:
Il grosso del mercato è altro, pensi che possa bastare un semplice sito che renderizza qualche contenuto?
Assolutamente no.
Quote:
Quella è la punta dell'iceberg, il web oggi è per lo più integrazione tra servizi di vario genere, e questo vale tanto per servizi di autenticazione e federazione quanto per servizi prettamente applicativi.
Non esiste progetto ormai dove non ci siano componenti di georeferenziazione, sso multidominio, federazione, integrazione con servizi di terze parti, tutte cose per le quali non serve a nulla saper installare qualche plugin o seguire un wizard.
Ripeto, dipende. Se dai uno sguardo in giro ci trovi sempre la stessa cosa che potrebbe significare o che il progetto vale o che sono tutti nabbi e si copiano a vicenda. Ci sarà un motivo se quelli che una volta erano web designer ora vendono su themeforest ed altre piattaforme dando più personalizzazione e permettono di sottoscrivere un servizio di assistenza per X mesi/anni, stessa cosa per chi crea plugin.
Quote:
Manovalanza dell'IT?
Anche questo è un dei tanti stereotipi che girano da vent'anni a questa parte, come dicevo le logiche applicative non sono cambiate, basta scavare un po' e le cose che si trovano sotto la superficie sono sempre quelle, ma le implementazioni sono profondamente cambiate, il modo di lavorare anche.
Se mi cambi l'implementazione ed il modo di lavorare significa che il lavoro è cambiato. Anche tu che stai in questo mondo da tempo non fai più quello che facevi prima o lo fai solamente in parte.
Quote:
E non serve scomodare buzzwords tipo data scientists, architetti, robotica, machine learning, IA o devops, le figure chiave sono sempre quelle, grafico-web designer, analista-sviluppatore, sistemista-dba, ma le modalità di interazione sono profondamente cambiate, il lavoro di squadra è maggiore, gli ambiti si fondono e si deve interagire molto di più rispetto al passato.
Non sono buzzwords, le figure sono totalmente differenti e chi magari svolge questo lavoro e ti legge molto probabilmente ti sta prendendo ad insulti
Quote:
Digital marketing? Semplici commerciali.
Creazione di contenuti? Data entry.
Social media manager? Operatore e data entry.
Con tutto il rispetto, ma hai veramente idea di cosa siano queste professioni? A volte mi chiedo se non si è particolarmente condizionati dall'età e dal rifiuto del "nuovo che avanza" solamente perché non si conosce la professione.
Digital marketing c'entra poco con il "semplice commerciale" ed il social media manager si occupa di strategia di marketing. Il creatore di contenuti non c'entra niente con il data entry (che altro non è chi inserisce dati, figura che sta scomparendo per il principale motivo che è lo stesso utente che inserisce i dati; poi in futuro sarà direttamente l'algoritmo di turno che farà tutto).
Quote:
Giusto il seo si è un po' distinto, ma in molti casi questo ruolo viene svolto da web designer e sviluppatori, se non altro come estensione.
Il seo ormai rientra nel digital marketing e affidarlo al web designer o allo sviluppatore è relativamente errato (se il web designer o lo sviluppatore ha un minimo di formazione allora se ne potrebbe parlare).
Quote:
Su una cosa ti do ragione però, esiste ancora una eccessiva subalternità del personale tecnico rispetto a quello commerciale, ahimè un lascito delle grandi aziende della prima decade di questo secolo (ormai ridotte all'ombra di se stesse).
Ancora troppi venditori di fumo che prendono decisioni senza avere la minima competenza tecnica e senza aver nemmeno compreso come funziona quello che stanno vendendo.
Su questo c'è ancora un grosso lavoro da fare che deve necessariamente partire da chi riveste ruoli tecnici; da molti clienti prima arrivava il PM/commerciale di turno imponendo soluzioni strampalate senza capo ne coda o senza nemmeno aver chiaro quale fosse l'obbiettivo di un progetto, ora nel mio gruppo di lavoro stiamo faticosamente adottando un metodo diverso, raccogliamo le richieste dal cliente e poi siamo noi tecnici a dettare le soluzioni e i requisiti per realizzarle, PM/commerciale si deve limitare trovere le risorse che servono e metterci nelle condizioni di realizzarle.
Se non si trovano il progetto non può proseguire, e credimi che se c'è interesse (e c'è, come c'è sempre margine economico) le risorse arrivano, ma pensare di scaricare sul team tecnico i costi e le conseguenze di valutazioni sbagliate fatte da incompetenti è una follia che non deve esistere.
Ma sinceramente io vedo, soprattutto in Italia, una sorta di comportamento poco proattivo... come se chi svolge un determinato lavoro si mettesse una casacca con scritto "tecnico" o "commerciale" e si chiude in se stesso evitando la formazione continua nel suo ed in altri ambiti, evitando sostanzialmente i problemi di cui la stessa società dove lavori sta accusando. Cioè c'è una sorta di atteggiamento di "io sono tecnico e del commerciale non me ne frega niente" quando si dovrebbe collaborare per portare a casa un determinato risultato (per non dire lo stipendio).

Quote:
Originariamente inviato da DjLode Guarda i messaggi
Tu affideresti un lavoro ad un elettricista che non ha mai fatto l’elettricista?
Rileggi a modo quello che ho scritto, e rileggi di cosa si sta parlando. Non voglio avere voce in capitolo sul tempo libero di nessuno, ma un informatico non appassionato di informatica non si può sentire. Non è questione di formazione, non pretendo che sappia tutto di tutto, ma in fase di colloquio per un posto di informatico/programmatore come posso consigliare al mio datore di lavoro una risorsa che non sa programmare? Una risorsa che mi dice di non essere appassionato in quello che studia? Una risorsa che ha interrotto uno stage “perché non mi piaceva”? Tu gli daresti fiducia a pelle?
Non capisco perché vogliate fare polemica sempre su tutto quando il discorso era pacato e ben diverso da quanto lo spacci tu...
Secondo me ha cannato l'HR.

Ultima modifica di Ryddyck : 07-12-2018 alle 09:39.
Ryddyck è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-12-2018, 10:05   #20
LukeIlBello
Senior Member
 
L'Avatar di LukeIlBello
 
Iscritto dal: Jan 2010
Città: Roma
Messaggi: 3024
Quote:
Originariamente inviato da cyber Guarda i messaggi
No ha ragione lui. Sono informatico per lavoro dal 98 e per passione dell'83. Quello che si vede oggi è da mani nei capelli.


CJ
pure io ho cominciato nel 98..20 anni precisi precisi
__________________
Intel Core i5 4570 @3,60GHz, 24 GB DDR3 Kingston HyperX @9,9,9,27 , Nvidia Gtx 1060, Enermax Chakra, Win10 PRO x64, Devuan ascii , FreeBSD 11 on Lumina DE
Banana PI: ARM® Cortex™-A7 Dual-Core, gpu Mali400MP2, 1GB DDR3 SDRAM on Linux Armbian
LukeIlBello è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Qualcomm annuncia Snapdragon 8cx, per i notebook Windows always on del 2019 Qualcomm annuncia Snapdragon 8cx, per i notebook...
2018: i nativi digitali al lavoro, ecco cosa cambierà 2018: i nativi digitali al lavoro, ecco cosa cam...
Qualcomm Snapdragon 855 è il cuore degli smartphone Android del 2019 Qualcomm Snapdragon 855 è il cuore degli ...
Guida all'acquisto e offerte: confronto fra i migliori smartphone di fascia alta Guida all'acquisto e offerte: confronto fra i mi...
Per Qualcomm il futuro è tutto a 5G, già da inizio 2019 Per Qualcomm il futuro è tutto a 5G, gi&a...
Wind il 9 dicembre regala una giornata d...
Nokia Mobile: nel suo futuro più ...
GlocalMe SIMbox 4SIM a soli 59,79 euro v...
Acer Nitro N50-600 in prova: un computer...
Quake Champions: tutte le novità ...
Adesso si può avere la tastiera in Aureb...
Ecco come abbattere un drone con un elic...
Smartphone Xiaomi: una fotocamera da 48 ...
Google, stagista sbadato provoca danni p...
Counter-Strike GO free-to-play e modalit...
Wind, incredibile promo: solo 4,99 euro ...
Teardown di Nikon Z6: scopriamo cosa c'è...
Stampa 3D a poco più di 150 euro?...
Xiaomi annuncia la disponibilità ...
Windows 10 October 2018 Update, rilascia...
Dropbox
NTLite
Filezilla
Mozilla Thunderbird 60
BurnAware Premium
BurnAware Free
EZ CD Audio Converter
Chromium
Driver NVIDIA GeForce 417.22 WHQL
AIDA64 Extreme Edition
CCleaner Portable
Radeon Software Adrenaline Edition 18.
CCleaner Standard
HWMonitor
Opera Portable
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 08:19.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v
1