View Single Post
Old 12-06-2012, 22:35   #14
maumau138
Senior Member
 
L'Avatar di maumau138
 
Iscritto dal: Nov 2007
Messaggi: 1915
Quote:
Originariamente inviato da Spectrum7glr Guarda i messaggi
informati un attimo prima di dire quello che credi che sia corretto...http://www.fosspatents.com/.
MS già pagava MMI per questi brevetti...MMI di fatto ha deciso di rinegoziare i termini ed ha proposto una cifra giudicata irragionevole da MS...la risposta di MMI è stata la richiesta di import ban che è tutto fuorchè "ragionevole e non discriminatorio" se permetti.

questo è un caso in cui il detentore di un brevetto che si è impegnato ESPLICITAMENTE (in cambio dell'inclusione di un suo brevetto in uno standard allora ancora da ratificare) a fissare un prezzo per royalties "ragionevole e non discriminatorio" (cd "RAND commitment") decide che "ragionevole e non discriminatorio" può essere anche il blocco dell'importazione...qui non c'è rifiuto a pagare...c'è rifiuto a vendere dopo aver acquisito una posizione di vantaggio (proprio brevetto incluso in uno standard diventato poi diffuso) sulla base di un impegno ("prezzo ragionevole e non discriminatorio"). LA definizione del prezzo può essere materia di contesa e di accordi, la richiesta di import ban non mi sembra un passo "ragionevole" quando legata ad un brevetto fondamentale per uno standard industriale (brevetto che è stato incluso a suo tempo sulla base di un impegno: al momento della definizione dello standard ci sono mille possibilità, scegliere un brevetto rispetto ad un altro porta vantaggi al detentore del brevetto ma se la scelta viene fatta sulla base di un impegno non ci si aspetta che il modo di onorare l'impegno sia chiedere il blocco dell'importazione ed il rifiuto di negoziare il prezzo dello stesso...non ci si aspetta e si prtende sulla base stessa della definizione del "RAND commitment").

Qui trovi un interessante speigazione del "RAND commitment" : http://www.mediainstitute.org/IPI/2012/020612.php
Parti dai presupposti giusti ed arrivi a conclusioni sbagliate.
La parte giusta è l'inclusione dei brevetti Motorola negli standard e gli accordi presi da Motorola stessa per l'inclusione dei brevetti negli standard.
Poi parti per lidi stranieri, ad esempio secondo il tuo ragionamento un qualunque detentore di brevetti RAND non può prendere nessuna precauzione (tra cui processi e ingiunzioni varie) contro una qualche azienda che le royalties non le vuole pagare.
Nel caso in questione Motorola (o meglio Google) chiede il blocco delle importazioni perché MS non vuole pagare le royalties sui brevetti detenuti da Motorola ed inclusi negli standard e rilasciati sotto termini RAND. (Ovviamente questa è la versione di Motorola)

Nel discorso più generale dimentichi alcune cose, quello che è ragionevole per qualcuno può non esserlo per qualcun altro. Ad esempio Google ritiene ragionevole il 2.5% del prezzo totale del bene (molti altri ritengono che siano pazzi).

Suggerisco questa lettura.
__________________
Tutto quello che scrivo è da intendersi IMHO
maumau138 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 
1