View Single Post
Old 10-07-2010, 18:32   #8
Johnn
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2004
Messaggi: 1136
Quote:
Originariamente inviato da MiKeLezZ Guarda i messaggi
Stima del 2,55% annuo (quindi un po' meno) - così almeno dicono i professori.
Senza giri di parole, imho quella stima non ha alcun valore.

Quote:
Originariamente inviato da MiKeLezZ
Per fortuna, l'impegno per 20 anni dallo Stato è sicuro (o almeno sicuro a meno che non collassi, come fu per i titoli di stato argentini).
Più che altro, non so se hai letto le ultime news, il prezzo dell'energia sta (stranamente) scendendo da un po' di tempo a questa parte, percui il vantaggio si assottiglia (si consideri anche la costrizione a una scelta come il fotovoltaico, mentre la bolletta puoi chiuderla da un momento all'altro).
La mia idea è che sia effettivamente la solita "inculata all'italiana", dove da una parte si agevola lo Stato (che deve rientrare nei parametri di inquinamento stabiliti a Kyoto, pena sanzioni milionarie), dall'altra la piccola-media impresa del fotovoltaico (che per carità, è un bene, ma se non lo è per me, tanti saluti a tutti quanti).
Ottima cosa che l'incentivo è (ragionevolmente) sicuro.
Gli incentivi statali rendono conveniente una cosa che sarebbe attualmente fuori mercato. Non penso sia una cosa italiana, ma un meccanismo simile anche da altre parti. I tedeschi per esempio non penso abbiano pannelli con rese superiori o costi energetici sensibilmente superiori, ma un qualche meccanismo di incentivazione ha creato un mercato che nel complesso e sul lungo periodo si pensa possa essere positivo.

Quote:
Discreta, pensavi a un cesto di azioni? O altro?
Beh, se non ci si accontenta dei bot ci sono milioni di prodotti finanziari che danno di più ovviamente a fronte di un rischio maggiore. Quindi anche azioni, perché no. Io però non saprei cosa consigliarti in ambito finanziario.

Però potrebbe essere interessante spostare il punto di vista: visto che la cifra non permette di fare chissà quali grandi manovre, nè mi sembri uno che prima di uscire di casa legge il Sole 24 Ore (per questo, mio umilissimo consiglio è di non sottoscrivere prodotti che non capisci, che non padroneggi, che non sai calcolare quasi a colpo d'occhio quanto ti rende, di cui non conosci il reale rischio, NON ascoltando assolutamente quanto dice il promotore finanziario di turno che non aspetta altro che la firma), si può investire quella cifra ristrutturando una casa di proprietà al fine di aumentarne il valore e/o il rendimento energetico (infissi, riscaldamento, pannelli per il riscaldamento dell'acqua che da quanto leggo sono più pratici di quelli elettrici), oppure in un corso di formazione serio che ti possa ragionevolmente garantire maggiori guadagni nell'ambito lavorativo.
Johnn è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso