View Single Post
Old 09-06-2019, 08:41   #53
cronos1990
Senior Member
 
L'Avatar di cronos1990
 
Iscritto dal: Jul 2008
Città: Falconara Marittima
Messaggi: 13769
Quote:
Originariamente inviato da Legolas84 Guarda i messaggi
Io resto convinto che fare un Baldur’s Gate 3 troppo diverso dai precedenti come gameplay produrrà solo effetti negativi sia su Wizard che su Larian. E poi se lo vogliono sfruttare per vendere D&D mica possono farti un gioco come DA... per forza di cose deve essere simile ai precedenti.
La produrrà solo su quelli che hanno vissuto i tempi di BG1 e 2.

Chiamare Baldur's Gate 3 il gioco sicuramente spinge all'acquisto i giocatori di vecchia data, i giocatori che ne conoscono il nome "mitizzato", quelli che amano l'ambientazione di Forgotten Realms e probabilmente anche chi ha letto i libri di FR stessa. Chiaramente risulteranno interessati anche giocatori che con questo mondo non hanno nulla a che fare, ma esulano da questo discorso.

Il punto è che tra tutte queste categorie influenzate solamente dal titolo, solo quelli che hanno giocato 20 anni fa a BG1&2 potranno rimanere delusi da un gioco che possa essere stravolto, o pesantemente modificato, rispetto ai titoli succitati.
Tutti gli altri molto difficilmente si baseranno su questo pregiudizio (perchè di quello si tratta), ma valuteranno in maniera molto più "neutra" il titolo. Inoltre non dimentichiamo che il potenziale bacino d'utenza di adesso è enormemente maggiore rispetto a 20 anni fa:"anche deludessi tutti i fan del vecchio titolo, comunque i numeri che puo produrre BG3 sono potenzialmente più alti... molto più alti.

[ EDIT ]
Mi riferisco esplicitamente a chi BG1&2 lo ha giocato 20 anni fa, non ad esempio quelli che l'hanno giocato per la prima volta 2-3 anni fa con l'uscita delle EE. All'epoca la scelta e i gusti erano molto più limitate e indirizzate, e quel tipo di giochi in un modo o nell'altro sono entrati nelle nostre menti in maniera perniciosa; tant'è che sulla loro scia tutti quel tipo di giochi ha avuto un successo che si è mitizzato (Icewind's dale, Torment) e giochi come PoE e PoE2 hanno giocato proprio su quell'aspetto.
Ma chi ha giocato per la prima volta BG in tempi recenti, lo vede come un videogioco tra tanti, che si fa sicuramente meno problemi se un BG3 avrà un gameplay diverso.

Io sono personalmente critico sul grande dei numeri dei videogiocatori per la visione che hanno del mondo videoludico, ma rispetto ai giocatori che hanno oggi 40 anni hanno il pregio di avere una mente più aperta sotto alcuni punti di vista, meno legata a preconcetti. "Noi vecchi" siamo troppo legati, il più delle volte, ai bei tempi andati, e risultiamo negativi in queste situazioni. Certo, anche io mi aspetto che BG3 ricalchi il tipo di gioco di BG1&2 (al di là della specifica versione di regolamento di D&D usata), ma se così non sarà può comunque uscirne un ottimo gioco.

Detto questo, dubito che il gioco si discosterà molto dai vecchi canoni (ambientazione, regolamento, visuale, gestione del party, dialoghi multipli e una marea di scritte): se volevano fare qualcosa di diverso, avrebbero contattato un altro studio.
__________________

Ultima modifica di cronos1990 : 09-06-2019 alle 08:51.
cronos1990 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso