View Single Post
Old 13-09-2014, 09:04   #12
hrossi
Senior Member
 
L'Avatar di hrossi
 
Iscritto dal: Feb 2010
Messaggi: 2280
Hai ragione, leggendo devo aver saltato "precedentemente".
Rimane comunque il fatto inconfutabile che allora, nel 2007, ha deciso di non adeguarsi ad una legge. Un po' come se il governo italiano varasse una legge ed un'azienda si rifiutasse arbitrariamente di adeguarvisi. Ecco, forse non dovevo dire Italia. Mi rimane inoltre la perplessità di capire il perchè allora non denunciò la normativa, non denunciò le pressioni e le minacce ma lo faccia solo oggi quando quella legge, in america, è stata ampiamente superata e peggiorata con provvedimenti quali il patriot act ed altre normative simili. Brava Yahoo, ma fino ad un certo punto, sarebbe stata più brava se avesse strillato allora, oggi forse l'america sarebbe un po' meno fascista.

Edito e aggiungo:
Ma anche se confrontiamo con Google allora a maggior ragione non si capisce il silenzio di Yahoo. Se tu nel 2007 avessi saputo che Yahoo pur minacciata si rifiutava di fornire i tuoi dati al governo americano, dove saresti andato a creare la tua casella di posta elettronica? Tu, ma tutti noi e probabilmente la maggioranza degli americani. Oggi quindi non avremmo un Big Google ma forse un Big Yahoo, o forse una situazione di sostanziale concorrenza reale. Perchè allora stare zitti per tutti questi anni e regalare il proprio business agli altri? E non è una questione di diffusione di documenti finora segreti, si poteva comunque denunciare la cosa, sarebbero stati gli avvocati ed i tribunali, successivamente, a costringere il governo a desecretare i documenti oggetto del dibattito.

Hermes

Ultima modifica di hrossi : 13-09-2014 alle 09:26.
hrossi è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 
1