View Single Post
Old 16-10-2020, 09:10   #184
Pino90
Senior Member
 
L'Avatar di Pino90
 
Iscritto dal: Jan 2015
Messaggi: 1572
Quote:
Originariamente inviato da Ginopilot Guarda i messaggi
Faccio un discorso piu' generale. E' l'atteggiamento, il modo di porsi, che porta a questi risultati. Se da un lato e' corretto preoccuparsi di rispettare tutte le porcedure, e' anche vero che chi ha tra le sue priorita' quella di non essere tracciato per non finire in isolamento, inevitabilmente e' portato a fare qualche strappo, piccolo o grande che sia. Basta poco, sfugge un caso qua, uno la, poi questi contagiano altri e cominciano a spuntare casi da nulla, originatisi evidentemente da una crescita sotto traccia. Ed ecco che il tracciamento non riesce piu' a star dietro al contagio, perche' i casi sfuggiti sono troppi ed il virus cresce piu' velocemente della capacita' del ssn di individuarlo. Quando si arriva a questo punto non resta che chiudere tutto.
Noi in alcune regioni ci siamo gia' arrivati. Ma non al collasso degli ospedali. Questa e' una falsa consolazione, perche' quando il contagio e' fuori controllo, e' solo questione di tempo perche' la situazione esploda. Quindi si deve chiudere prima. Ed ormai ci siamo molto vicini.
Da qui la stupidita' del discorso sul tracciamento. E' interesse di tutti che vengano individuati soggetti potenzialmente contagiati e finiscano in quarantena. Anche di chi ci finisce. Perche' altrimenti la situazione diventa molto peggiore per tutti, anche per lui. Quelle due settimane a casa adesso si trasformeranno in mesi di isolamento con restrizioni di ogni tipo. Ne valeva la pena farsi i c@zzi propri? Ora le conseguenze non saranno solo per chi ha evitato il tracciamento, molto peggiori dei 15 giorni che forse si sarebbe fatto in casa, ma anche per gli altri. Grazie mille.
Discorso troppo complesso per gli italiani in genere. Sono d'accordo su tutto.
Pino90  offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 
1