Discussione: Medicina o fisica..
View Single Post
Old 04-07-2010, 19:36   #25
Composition86
Senior Member
 
L'Avatar di Composition86
 
Iscritto dal: Jul 2005
Messaggi: 393
Dico la mia: studiare fisica comporta un sacrificio quasi totale della propria vita, che diventa praticamente completo se si è pendolari, in parole povere è difficile riuscire a portare avanti qualche altra attività seria. Questo discorso vale solo se volete finire in corso.

Non basta essere interessati alla fisica, non è neanche sufficiente "essere bravi in matematica" ed avere buoni voti alla scuola superiore.
I programmi sono comunque corposi e difficili, vanno studiati e capiti al 100%, non al 99%, ogni passaggio deve essere chiaro.
Non ho mai studiato un libro da più di 300/400 pagine (per gli esami più grossi), ma di contro raramente mi è capitato di usare una sola fonte: se un concetto lo richiede devo procurarmi altri libri o fare ricerche sul web.
Quindi lo studio mnemonico è relativamente poco, ma bisogna sviluppare una buona capacità di improvvisazione ed intuizione, sia per risolvere bene e velocemente i problemi sia per fare dei discorsi validi.
All'esame orale infatti bisogna essere molto precisi, non solo perchè chi vi ascolta sa ovviamente bene quello che ha spiegato, ma anche perchè il vostro interlocutore sarà quasi sempre una persona estremamente puntigliosa che di solito è una delle migliori o la migliore dell'università a cui siete iscritti, a volte può perfino capitare qualcuno importante.
Altra difficoltà sta nel fatto che bisogna sapere bene anche i concetti degli esami passati, quindi la mole di lavoro aumenta se si va a rivedere il lavoro già fatto.
Bisogna anche tenere conto che la metà o più degli esami sono scritti e orali, orali che durano minimo 30 minuti per i programmi più piccoli (da 2-3 crediti) e che non sono MAI facoltativi come ho sentito in altre facoltà.
Aggiungiamo il fatto che ci sono molti laboratori e spesso capita lezione tutta la mattina e laboratorio il pomeriggio, ma questo succede anche ad ingegneria.
Infine bisogna dire che non ci sono solo esami di fisica e matematica, ma anche di informatica, elettronica o più ingegneristici: ogni singola materia è una storia a se' stante e va studiata in modo differente dalle altre, motivo per cui ci vuole anche qui una certa elasticità.

Insomma saranno 3 anni di fuoco, indipendentemente dalle vostre capacità, scegliete fisica se siete veramente disposti a studiare tanto ed ogni giorno, studiate per interesse e non perchè "dovete fare l'esame".
Un consiglio finale: io mi informerei anche sui prof che ci sono prima di scegliere, per evitare vecchiacci sull'orlo della pensione, senza più alcun entusiasmo di spiegare, magari ormai perfino inadatti ad insegnare e che vi faranno perdere mesi per i loro capricci.

Infine un'opinione altamente personale, giusta o sbagliata, che mi sono fatto chiedendo a vari amici fisici: negli atenei con pochi iscritti tendono a bocciare più facilmente. Gradirei smentite o conferme.
Composition86 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso