View Single Post
Old 03-09-2003, 22:51   #7
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
CONSIDERAZIONI FINALI

Qual è il disco migliore?
Quante volte ho letto questa domanda.... e chissà quante altre dovrò ancora leggerla....

La domanda non ha risposta: come al solito il "prodotto migliore" non esiste; esiste il prodotto che magari si adatta meglio alle proprie esigenze....

Ci sono da fare alcune considerazioni:
- un disco con tempi di accesso bassi è più indicato quale disco di sistema o contenente comunque programmi: decine e decine di file da cercare e caricare in memoria all'avvio del sistema o di un programma
- un disco con transfer rate elevato è più adatto ad un utilizzo di storage per file di grandi dimensioni, ove sia necessario diminuire i tempi di caricamento in memoria dei dati
- un disco di grandi dimensioni è generalmente più veloce, grazie alla maggiore densità dei piatti, ma è statisticamente più fragile a parità di caratteristiche costruttive
- le differenze evidenziate dai benchmark non sempre (quasi mai) si riflettono in differenze tangibili nel lavoro quotidiano


I benchmark per loro natura, simulano situazioni limite che tendono a sfruttare a fondo tutte le caratteristiche specifiche di un disco e ne determinano di conseguenza le prestazioni
Queste situazioni , all'atto pratico, non si verificano quasi mai nel lavoro quotidiano, quindi già questi valori vanno ridimensionati
Inoltre, poiché spesso si nota che in certe situazioni un disco si comporta egregiamente, mentre in altre (sullo stesso sistema) ha prestazioni inferiori ad altri, in un contesto vario come l'esecuzione dei nostri programmi quotidiani, i risultati tangibili potrebbero non essere così entusiasmanti (o disastrosi) come si era letto in una certa recensione
Questo non significa che "sono tutti uguali", ma semplicemente che un numero non può esprimere a pieno il valore reale di un disco e che, al te,mpo stesso, un disco risultato mediocre, potrebbe assolvere benissimo al proprio compito senza portare a desiderare di cambiarlo
Insomma, potrebbe anche succedere che cambiamo disco e non notiamo la differenza

Ricordo ancora una volta che nella sezione storage , compaiono sempre recensioni e confronti in fatto di ultime novità di dischi (esattamente QUI )
Segnalo inoltre Il più prestigioso sito sui dischi per altre recensioni o approfondimenti


Meglio i dischi con 8MB di cache?
Sinceramente sono sempre stato perplesso sull'effettivo incremento di prestazioni dei dischi con cache di 8MB, rispetto a quelli con una cache, ormai standard, di 2MB (dopo i precedenti di 512KB e 1MB)
E' vero che l'introduzione della cache sui dischi ha migliorato le prestazioni degli stessi, ma non è detto che l'aumento della cache porti ad un corrispondente aumento delle prestazioni
Il ragionamento (teorico) è questo:
- se ci fosse un effettivo aumento di prestazioni, tutti i produttori farebbero le corse per aumentare la cache, magari anche oltre gli 8MB
- l'aumento delle prestazioni deriva da fattori puramente statistici e probabilistici: la probabilità che il dato successivo a quello letto venga richiesto dal sistema subito dopo quello attuale o dopo pochissimo tempo (per esempio)
- la probabilità che questo avvenga è in termini percentuali e quindi rimane costante
- detto questo, l'aumentare della cache non porta vantaggi o almeno sono minimi

Evidentemente le impressioni o i ragionamenti teorici personali sono da considerare per quello che sono e non sono da considerare "verità assolute", ma a quanto pare la pensa in questo modo anche qualcun altro che viene considerato un riferimento in fatto di storage: mi riferisco a www.storagereview.com

In questo articolo
http://www.storagereview.com/guide20...cacheSize.html
si evidenzia come, in effetti, non ci sia una relazione diretta tra l'aumento della cache e l'aumento di prestazioni
Per chi avesse problemi di lingua, la traduzione concettuale e sintetica è:
Siccome la memoria adesso costa poco, ai produttori costa poco aggiungere memoria sulle schede dei dischi.
Il fatto di aumentare la cache è un'operazione commerciale, poiché dà la sensazione agli acquirenti che una cache doppia o quadruplicata possa raddoppiare o moltiplicare le prestazioni.
In realtà bisogna confrontarsi con la memoria di base del sistema e la cache che il sistema stesso gestisce, che è molto più grande di quella direttamente impostata sul disco.
La differenza finale è minima, praticamente non tangibile



...ma allora quale disco scegliere?
In primo luogo per avere un'indicazione, le recensioni ed i benchmark (da considerare solo indicativi ), possono essere un punto di partenza per cominciare a valutare
Le proprie esigenze sono anche un altro fattore molto importante e comunque, molto spesso, non si arriva ad una definizione di "migliore"

Onestamente e spassionatamente: quello che costa meno, di più facile reperibilità, dal negoziante che vi dà più fiducia (fattore importante) ed anche..... quello che vi piace di più (perché la soddisfazione personale è un fattore da non trascurare, quando si spendono soldi)
Credetemi: vale più la pena di usarli i dischi che di perderci tanto tempo ad "osservarli"

Ultima modifica di MM : 06-12-2003 alle 10:24.
MM è offline