View Single Post
Old 28-03-2005, 19:12  
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37436
RAID hardware e RAID software

Il sistema RAID è generalmente legato all’uso di un controller specifico, integrato o su scheda aggiuntiva PCI.
Alcuni sistemi operativi, a partire da Windows NT, permettono di definire una configurazione RAID via software, utilizzando specifiche routine insite nel sistema operativo stesso.
I risultati sono paragonabili alle configurazioni hardware, anche se le prestazioni sono generalmente inferiori, certe volte anche in modo significativo.
Il motivo è evidente: tutte le operazioni che normalmente vengono demandate al controller e da questo gestite direttamente, nel caso del RAID software tutto il “lavoro” sarà a carico del sistema, del software e del processore, quindi questo si ripercuoterà sulle prestazioni generali del sistema
Riportando liberamente quanto letto su www.storagereview.com: un RAID software, in definitiva, non è una bellezza, ma per la sicurezza dei dati, meglio un RAID 1 via software che non avere niente.

In sintesi:

VANTAGGI
- costo: avendo un sistema operativo che consente il RAID software i costi aggiuntivi sono nulli (anche se, probabilmente, si dovrà verificare la necessità di aggiunta dischi)
- semplicità: non c’è bisogno di configurare alcun controller, ne’ di installare driver

SVANTAGGI
- prestazioni: saranno generalmente inferiori, a volte anche sensibilmente
- limitazione boot: poiché il sistema operativo, per gestire l’array, avrà bisogno di caricare le relative routine, il boot dall’array RAID non è possibile, ma sarà necessaria una partizione di boot indipendente dal RAID
- limitazione configurazioni: generalmente sono disponibili solo le configurazioni RAID dei livelli “0”, “1” o eventualmente anche “5”; non sono comunque disponibili livelli RAID “annidati”
- limitazione sistema operativo: l’array creato sarà riconosciuto solo dal sistema operativo che l’ha creato e non sarà disponibile ad altri (vedi sistemi multi boot); crash del sistema operativo potrebbero danneggiare l’integrità dell’array
- altre limitazioni: non sono generalmente disponibili possibilità di “hot spare” cioè sostituzione di dischi con il sistema in funzione; alcuni prodotti software (specie quelli per partizionamento) potrebbero non riconoscere il RAID o addirittura entrare in conflitto con detta configurazione;


...ma il VERO RAID HARDWARE è un’altra cosa
Purtroppo ci sono alcune valutazioni da fare sui PC casalinghi che raffredderanno un po’ gli ardori di quanti erano già pronti a farsi un bel RAID, sfruttando i controller sempre più spesso presenti sulle schede madri.
La questione è abbastanza semplice: un controller RAID vero, quello che permette di fare un RAID HARDWARE vero, è un controller che ha un processore proprio ed una propria RAM.
In questo modo la gestione del RAID, dello striping, del calcolo di parità e insomma di tutte le operazioni relative alla gestione dei dischi in RAID sono demandate al controller.
Il guaio di questi controller è che sono piuttosto costosi e generalmente riservati ad utilizzo su server professionali.
Nei controller normalmente integrati nella scheda madre e sui controller, quelli economici, che si acquistano per fare il RAID, non c’è il processore dedicato ne’ la RAM dedicata, ragion per cui il RAID che andiamo a configurare non è un vero RAID hardware
E’, all’atto pratico, una via di mezzo tra il RAID software ed il vero RAID hardware e, di conseguenza, in parte penalizzato dalla necessaria condivisione delle risorse del sistema: il controller gestisce ed indirizza i dischi, ma tutte le operazioni di calcolo sono demandate al sistema.
Se in certe configurazione RAID la differenza è minima (nel RAID 0 si tratta solo di dividere i file in pezzi), in altre può essere significativa, per esempio in quelle che prevedono il controllo di parità, operazione demandata al processore del sistema (il calcolo della parità in un RAID 5 è a carico del processore ed è per questo che forse questa è la configurazione più penalizzata).
In pratica le configurazioni hardware che installiamo sui nostri PC casalinghi sono ibridi e non si ottengono tutti i vantaggi che normalmente si possono avere da un RAID.

Ultima modifica di MM : 17-03-2009 alle 08:28.
MM è offline