Discussione: FAQ - DISCHI
View Single Post
Old 07-02-2005, 10:16  
MM
Senior Member
 
L'Avatar di MM
 
Iscritto dal: Nov 1999
Città: Pistoia
Messaggi: 37437
Il disco è rumoroso, posso diminuire il rumore?

In fatto di rumore del disco bisogna distinguere qual è il tipo di rumore al quale ci si riferisce: la rotazione del disco, il "grattare" durante la lettura/scrittura, rumore all'avvio/spegnimento, rumore estemporaneo durante l'utilizzo

Rotazione del disco: il rumore della rotazione del disco, generalmente simile ad un sibilo, è generalmente indice che qualche cosa nei cuscinetti (o comunque nel sistema di rotazione dei piatti) non è perfetto.
Ciò non significa che il disco si romperà, ma è chiaro che se il rumore aumenta, questo significa che c'è un degrado della situazione, con possibile blocco del disco stesso
Comunque i fatto che un disco presenti questo "problema" ed un altro della stessa serie non lo presenti significa ben poco: attualmente l'esperienza insegna che dischi dello stesso produttore possono avere comportamenti diversi, fino quasi al punto di poter dire che ogni disco è "unico" e fa storia a sé
Il rumore della rotazione non si può eliminare e non è possibile intervenire in alcun modo

Rumore durante l'utilizzo: il rumore, simile ad un grattare, che si sente durante l'utilizzo è il rumore dello spostamento di testine ed attuatore quando vengono indirizzati verso le varie aree del disco per operazioni di lettura/scrittura.
In linea di massima dischi con tempi di accesso più basso sono più rumorosi e da questo punto di vista i dischi più riumorosi in assoluto sono i dischi SCSI, che hanno appunto tempi di accesso bassissimi
Nei dischi EIDE questo rumore può essere limitato usando le apposite utility fornite dai costruttori dei dischi
Senza entrare nei dettagli tecnici (che conosco anche poco), la questione può essere spiegata in poche parole: queste utility di fatto, rallentano lo spostamento delle testine, diminuendo il rumore suddetto (N.B.: non rallentano la rotazione del disco, come qualcuno può credere, ma solo le testine)
E' intuitivo che il disco peggiora le proprie prestazioni, ma questo degrado riguarda solo le operazioni di accesso ai dati, mentre il transfer rate sequenziale del disco rimane invariato
In altre parole ci vorrà più tempo per "rintracciare" il dato sul disco, ma una volta individuato, il trasferimento in memoria avverrà alla stessa velocità di prima
Il degrado delle prestazioni, in molti casi può rivelarsi impercettibile, specie in situazioni di non nutilizzo intenso del disco

Rumore in avvio/spegnimento: il classico "clack" in avvio del sistema o in fase di spegnimento, è un rumore normale
Si tratta del blocco/sblocco delle testine che in caso di mancanza di tensione vengono immediatamente parcheggiate in area di salvataggio, per evitare che le stesse tocchino sul disco quando questo è ancora in rotazione (evento che creerebbe un guasto irreparabile)
Allo stesso modo in avvio le testine vengono portate in "posizione di lavoro"
Non è detto che si senta sempre questo rumore e non su tutti i dischi, ma se lo si sente, è normale

Rumore durante l'utilizzo: escludendo ovviamente il rumore prodotto dalle testine (di cui si parlava sopa), se durante l'utilizzo si sentono rumori (tipo il classico "clack") le cause potrebbero essere più di una

Potrebbe trattarsi della ricalibrazione termica, vale a dire quell'operazione di riallineamento (fisico) degli indirizzi, dovuto alla dilatazione termica dei materiali e conseguente "spostamento" della posizione dei dati sul disco

Potrebbe trattarsi di problemi al disco stesso ed in questo caso sarebbe opportuno testare il disco con l'apposita utility, per verificarne l'integrità e la capacità di funzionare correttamente (anche se in questo caso non sempre le utility suddette riescono ad individuare eventuali problemi meccanici)

In ultimo potrebbe essere un problema di alimentazione del disco
Il problema potrebbe riguardare un'alimentazione o tensione non costante, un connettore di alimentazione non correttamente inserito o magari ossidato, un altro dispositivo collegato allo stesso filo del disco che provoca assorbimenti anomali
Riguardo a quest'ultima possibilità, si sconsiglia di collegare sullo stesso filo di alimentazione del disco (quello dall'alimentatore al disco, per capirci) dipositivi che possono generare sbalzi di tensione
In particolare sono sconsigliati: masterizzatori, ventole e soprattutto le lucette tipo neon che possono dare veramente problemi
Tenete conto che i dischi sono particolarmente sensibili alle tensioni troppo basse o, peggio, a tensioni altalenanti
MM è offline