View Single Post
Old 08-01-2021, 15:53   #66153
Ludus
Senior Member
 
L'Avatar di Ludus
 
Iscritto dal: Dec 2004
Città: Roma
Messaggi: 7421
Ieri sera mi sono dedicato molto nel comprendere meglio il comportamento del mio 5900x e del PBO2 (curve optimizer).

Vi riporto di seguito quanto da me compreso, che ovviamente si applica alla mia specifica configurazione di CPU + MB, ma che in linea generale dovrebbe essere per buona parte sempre valido.

Configurazione
5900X raffreddato con un Corsair H100i XT Pro Rgb (AIO 240mm)
Gigabyte B500I (ITX) ultimo bios ufficiale, AGESA 1.1.1.0 Patch D
2x 16GB Crucial Ballistix (chip Micron e-die) dual rank @ 3600 CL16

Partiamo dal presupposto che molta differenza la fa anche la scheda madre, in quanto diverse schede madri più "oc oriented" (vedi Asus Hero, Crosshair, etc..), abilitano di default il PBO quando lo si imposta su AUTO e di default comunque abilitano tolleranze di PPT, EDC e TDC molto più elevate di quanto avviene con altre schede madri, così da far boostare in libertà la cpu, superando i limiti previsti di default e garantendo così maggiori performance a discapito di consumi e temperature.

La mia scheda madre è ITX, quindi con tutti i limiti del caso, incluso il sistema di raffreddamento che è chiuso dentro un case ITX, per quanto ben progettato dal punto di vista dei flussi di aria. Paradossalmente ho notato che abilitando il PBO, seppur vengano alzati i limiti di PPT, EDC e TDC del processore, lo stesso abbassa il proprio boost sul singolo core, ma migliorano le frequenze multicore in quanto sono concessi limiti di consumo superiori. L'unica spiegazione che mi sono dato a questo strano fenomeno sul single core, è dovuto alla mia specifica scheda madre, che lasciando abilitato il PBO ma con i parametri su AUTO, tende a impostare probabilmente un curve optimizer non ottimale.

Di seguito vi riporto i boost in single core che ho rilevato variando le varie opzioni disponibili:



Tenete sempre presente che il boost single core è quasi non influenzato dai valori di PPT, EDC e TDC impostati, in quanto il consumo è decisamente inferiore utilizzando solo 1 core ai limiti previsti.

Altra cosa che ho notato è che impostando un offset negativo, oltre ad un abbassamento generale dei voltaggi in single e multicore, non si ha un impatto sulle capacità di boost in single core, ma si guadagna in frequenza in multicore, in particolare quando si raggiungono i limiti di consumo/potenza. Questo tuttavia non vale "all'infinito", infatti ho notato che la mia specifica CPU ha un beneficio ottimale fino ad un offset di -0.125mv, oltre tale voltaggio solo il primo CCX continua a salire di frequenza multicore, mentre il secondo CCX (quello più sfigato a giudicare dalle frequenze in boost che raggiunge), inizia a scendere di frequenza massima.

Altre cose che ho notato sono:
  • il cpu scalar non mi ha dato effettivi benefici al suo variare, mantenendo i medesimi boost in single core (devo riprovare in relazione ai boost in multicore su cui devo fare altri approfondimenti);
  • superare i 150mhz di boost override nelle opzioni avanzate del PBO non produce effetti al boost massimo ottenibile;
  • più si aumenta il valore negativo di offset nel curve optimizer, più i singoli core boosteranno più in alto (vedi tabella precedente), il CCX migliore è stato in grado di salire di più, rimanendo stabile, del secondo CCX;
  • la cpu ha dei tagli in frequenza sulla base della temperatura, comportandosi in maniera non difforme ad una moderna GPU;

Alla fine della fiera il mio daily, salvo aggiornamenti agesa e del nuovo custom loop che integrerò, sarà il seguente:
  • PBO + curve optimizer ottimizzato (20 i due migliori core, 15 il restante CCX 1, 15 i due migliori core del CCX 2, 10 i restanti core del CCX 2);
  • CPU Scalar 5x
  • Max boost override 150mhz
  • Offset -0.125mv
  • PPT 160w
  • EDC 250a
  • TDC 115a

Con queste impostazioni ottengo:
  • boost single core intorno anche oltre i 5ghz con carichi leggeri a 1.35v(e.g. 3dmark raggiunge i 4990mhz);
  • boost multicore sotto carichi alti (e.g. cinebench r20) di circa 4,4ghz a 1,18v;
  • boost multicore sotto carichi altissimi avx2 (prime95, occt) di circa 4,2ghz a 1,08v;
  • temperature sotto cb20 intorno i 75 gradi sul CCX più caldo (il primo) e poco sotto i 70 su quello meno caldo, si sale a 81 gradi di picco sotto stress test small ffts avx2;
__________________
CPU AMD Ryzen 9 5900x | MB Gigabyte B550i Aorus | RAM Crucial Ballistix 2x16GB 3600 CL16 | GPU AMD Radeon RX 6800XT (6900XT in arrivo) | SSD Sabrent Rocket Gen.4 1TB + A-Data SX8200 Pro 2TB | MONITOR LG 27GN850 + Philiphs Hue Play Bar | CASE Streacom DA2 V2 Black | PSU Corsair SF750 Platinum | COOLING Liquido custom loop

Ultima modifica di Ludus : 08-01-2021 alle 16:05.
Ludus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso