View Single Post
Old 05-11-2017, 12:55   #6594
evil weasel
Senior Member
 
L'Avatar di evil weasel
 
Iscritto dal: Oct 2009
Messaggi: 746
Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Dato il quote, continuo a seguire il filo del discorso e i suggerimenti che stavo dando ad Enfar, giusto per avere un riferimento al discorso che avevo iniziato ed il perchè suggerissi con forza le tabelle di The Stilt.

Punto di vista fondamentale: parlavamo di Samsung B-Die, che a loro volta sono distinte in Ram HQ (le 3200 cas 16 per intenderci) e le UHQ (le 3200 cas 14 o 3600 cas 16 ad esempio). In particolar modo facevamo riferimento alle UHQ, che nella peggiore delle ipotesi funzionano perfettamente con il profilo XMP Out of stock (3200).

Questo vuol dire che, fermo restando che i Timings di The Stilt sono ottimi ma non perfetti, non ne vale assolutamente la pena perdere ore o giorni a provare diversi subtimings per ottenere la stabilità con i 3333mhz fast o safe o i 3200mhz fast (o i 3466 ).
Questo perchè rilassare qualche subtimings qua e la, ti porterebbe praticamente ad avere le prestazioni un pelino superiori se non UGUALI a quelle del profilo XMP (o dei parametri 3200mhz SAFE per le ram con XMP superiore a 3200).

Questo perchè con RAM UHQ, non ho letto mai letto di qualcuno che fallisce con il profilo XMP 3200 o il profilo 3200mhz Safe (escludendo problemi di CPU e MB).
Ne abbiamo giusto uno in questa stessa pagina cui non vanno i profili di the stillt.
Rimane comunque un approccio svantaggiato, fare overclock copiando paro paro i settaggi di altri non è mai una buona idea.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
L'unica cosa per cui vale la pena smanettare è il voltaggio (e le impostazioni DIGI+ per le MB di alto livello, es C6H), da 1.35v a 1.40v.
Nel mio caso ho ottenuto la stabilità totale con i 3333mhz FAST a 1.355v (si solo + 0.005v).

Se invece parliamo di altre RAM (E-DIE, Hinyx, ram dual rank ecc), il discorso e il punto di vista cambiano totalmente.
In quel caso o ti accontenti dei 2133/2466mhz se ti va bene, o smanetti veramente le giornate (tra subtimings, volts, CLDO_VDDP ecc...) per raggiungere i 3000 circa, sempre se sei fortunato.

Quindi, ripeto, parliamo di mondi totalmente diversi e con cui, per fortuna, non ho mai avuto a che fare.

Quello che riporti tu è importante soprattutto per chi non ha le B-Die, perchè veramente avrà gatte da pelare.
Quello che ho scritto io, ovvero "impegnate del tempo per cercare di capire come funzionano i subtimings e che impatto hanno sulle prestazioni" ha senso per tutti quelli che hanno problemi a far funzionare profili XMP o i profili di the stillt.
O ci sbatti la testa e cerchi di trovare una soluzione oppure le tieni alle frequenze del profilo JEDEC.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Anzi vorrei aggiungere qualche precisazione:

Il TRC piace molto a Ryzen, portarlo quindi al limite, se si vuole ottenere veramente il massimo, è di fondamentale importanza. Personalmente riesco a tenerlo a 40. E non è assolutamente la stessa cosa di tenerlo a 75.
Qui una lunga analisi proprio sul TRC.
https://overclock3d.net/reviews/cpu_..._trc_timings/1
Io ho scritto di partire alti e poi testare la stabilità e le prestazioni, non di lasciarlo a 75 o che non ha nessun impatto sulle prestazioni.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi

Per il TRFC,
proprio a causa della ì diversità dei bios delle varie MB da te riportata, non va lasciato in automatico per quanto riguarda i parametri TRFC2 e TRFC4.
In particolare il calcolo sulla X370-Pro è totalmente errato e non è stato ancora fixato.
Il TRFC2 si calcola dividendo per 1,346 il TRFC.
Il TRFC4 invece dividendo per 1,625 il TRFC2.
Che poi, a dirla tutta, il TRFC2 o 4 non vengono usati se la refresh mode non è a 2x o 4x.
Questo è, spero, un caso isolato di cui io non ero a conoscenza e relativo ad una sola motherboard con BIOS rivedibile.
Se la scheda madre funziona a dovere quello che ho scritto è la soluzione migliore.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
La GearDownMode, non è sempre una via di mezzo, perchè se si pompano troppo i MHZ può essere molto più vicina ad un 2T che 1T (nonostante da utility si legge 1T). Questo perchè induce dinamicamente il cambio da 1T a 2t in base alla stabilità delle ram. A soldoni quindi, ignora il CR per come viene impostato da bios. Potrebbe andare sempre ad 1T come sempre a 2T o una via di mezzo. Meglio quindi disabilitare e scegliere il giusto CR (2T sopra i 3600 categoricamente).
Non funziona proprio così, non agisce sul Command Rate ma solo su alcuni segnali (CMD/ADD)
Secondo me non conviene mai usare Command Rate 2T, se devi scendere a certi compromessi molto probabilmente ad una frequenza inferiore con timings più tirati avrai prestazioni migliori.
La regola è comunque sempre la stessa: provare e riprovare.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Infine riguardo il ProcODT, che come dicevi ha effetto solo sul post, ha poco senso provare meno di 60 ohm su 3200mhz (a quel punto funziona quasi sicuramente anche in AUTO). Meglio provare sempre 60 o 68 ohm.
Quasi sempre 60 va bene.
Concordo, ma ci si mette poco a provare, quindi perchè non farlo?

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Infine ci sarebbe anche da parlare del BankGroupSwap da mettere in Disabled per ottenere il massimo (non in termini di bench), ma meglio evitare che poi si passa al CLDO_VDDP e mi vengono in mente le serate buttate a testare.
Dipende dalle RAM, se Single Rank ha senso disabilitare il BankGroupSwap, con le Dual Rank secondo me no.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Riguardo i test di stabilità, lascia stare PRIME95 per Ryzen. Sia per le CPU che per le ram. O anche AIDA64 o IBT.
Sei o più ore di prime95 dalla mia esperienza rimangono il miglior stresstest.
E questa non è solo una mia opinione ma anche quella di chew.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Per le ram esiste una sola ed unica strada. MemTest al 1000% con tot finestre pari al numero di core, sui quali va distribuito il 90% circa di Memoria totale (bisogna sempre lasciare 1 giga al sistema operativo).
Io sono su Linux, non c'è memtest quindi non mi esprimo.
Il tanto decantato Stressapptest però secondo me non è adeguato a testare la stabilità dell'accoppiata Memory Controller/RAM.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
Rapido esempio per 16 Gb di ram e Ryzen 7: eseguire 16 finestre di memtest con 850mega ognuna fino a che ogni lavoro non viene eseguito fino al 1000% (ovviamente contemporaneamente).
A quel punto, se il test viene superato senza errori, le ram sono sicuramente RS.

Per la cpu si va o di RealBench o di OCCT per chi vuole essere totalmente Bullet Proof.

Vi lascio con un bel bench dei 3333mhz FAST (notare in particolare i 66ms di latenza ) + memtest 1000%




P.s. Interessanti le info sui subtimings, farò qualche test
Non sono qui per fare a gara, anche perchè non ho RAM da gara.
Non metto neanche un dubbio che la tua piattaforma abbia ottime prestazioni.
Il mio post precedente vuole cercare di essere un aiuto per quelli che hanno difficoltà a far funzionare le RAM a frequenze elevate, niente di più, niente di meno.

Quote:
Originariamente inviato da Gianca90 Guarda i messaggi
P.s.2 Se con subtimings fai risultati migliori di subtimings più tirati, può significare solo una cosa... fai errori con i timings più tirati e non te ne sei accorto.
Altrimenti possiamo iniziare una battagli a chi ce l'ha più lungo a forza di benchmark
Io suggerivo di testare le prestazioni, non la stabilità, ad ogni cambio di singolo subtiming.
Mettersi a fare ore di memtest o qualsiasi altro stess test ad ogni parametro modificato non è possibile, confrontare le prestazioni però lo è ed è il modo più semplice per scartare impostazioni sicuramente errate.
Alcuni subtimings hanno una forte dipendenza da altri, è assolutamente possibile che una impostazione, pur risultando stabile, sia più lenta di una più rilassata ma più coerente con il resto dei parametri.
evil weasel è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso