Discussione: TELEVISORI OLED
View Single Post
Old 05-09-2014, 14:11   #755
Adric
Senior Member
 
L'Avatar di Adric
 
Iscritto dal: Oct 2001
Città: Lazio Età: 52 ex mod
Messaggi: 9202
Il grosso problema è che l'andamento dei costi di trasmissione televisiva e della disponibilità delle frequenze tv va in senso esattamente contrario al progresso hardware del 4K ed 8K.

Già a fine 2012 per legge in tutta Europa c'è stato il passaggio alla telefonia cellulare LTE (o 4G, e già si parla di 5G) della parte alta della banda UHF (61-69, ossia gli 800 MHz).
Se, come appare probabile, la conferenza internazionale dell'ITU l'anno prossimo (2015) sancirà il passaggio alla telefonia cellulare anche dei 700 Mhz (51-60 UHF) la drastica riduzione delle frequenze tv porterà sia alla chiusura di molte emittenti che al forte aumento dei costi di trasmissione già per il digitale terrestre a bassa risoluzione. Trasmissioni a 4K avrebbero costi astronomici, con necessità di forti investimenti ammortizzabili in non meno di 5 anni o più.
La situazione di saturazione c'è anche sulle frequenze satellitari, specie su HotBird e Astra.
L'unica banda potenziabile è quella via cavo (DVB-C), che in Italia da sempre non è praticamente utilizzata (anche perchè occupata da altri servizi, servirebbe un nuovo piano nazionale delle frequenze.....).

L'altro nodo legato sia al 4K che all'Oled è il DVB-T2.
Che sarà obbligatorio per i televisori in vendita dal 2017, ma non per le emittenti, la cui adozione, se da un lato ne garantirebbe la sopravvivenza perchè consente di far passare il doppio dei segnali sulla stessa frequenza e un' area di copertura dei ripetitori di 2 volte e mezzo maggiore rispetto a quella del DVB-T (160 Km contro 67), dall'altro costituisce un ulteriore aggravio di costo.
Quando verrà spento il DVB-T non lo sa ancora nessuno, in assenza di un obbligo di legge.
Si ipotizza tra il 2022 ed il 2026, non può esserci un altro switch-off a distanza troppo ravvicinata dal precedente. Dunque ci sarà una lunga convivenza forzata per diversi anni tra DVB-T2 e DVB-T, e faremo in tempo a cambiare un altro televisore per la metà del decennio prossimo.
Peraltro non ci sarà mai un DVB-T3 perchè col T2 siamo già ai limiti massimi di trasmissione (non ricordo se in base al teorema di Shannon o di Nyquist )
Ma è certo che i costi di trasmissione non si abbasseranno prima di diversi anni, a meno che la lobby europea degli operatori di telefonia mobile non esca sconfitta o comunque ridimensionata dai broadcasters tv pubblici e privati (improbabile).

Ultima modifica di Adric : 05-06-2015 alle 17:50.
Adric è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso